Yara uccisa da sei colpellate, si lavora sulle utenze telefoniche

27 febbraio 2011 0 Di redazione

Sei coltellate inferte alla gola, al polso e ben quattro alla schiena fino a forarle i reni avrebbero causato la morte di Yara Gambirasio. Un efferato omicidio che, secondo gli investigatori, sarebbe stato compiuto lo stesso giorno della scomparsa. Un delitto che ha scosso non solo chi la conosceva e i cittadini di Brembate, ma i tanti che hanno seguito la vicenda con il fiato sospeso. Ci si interroga ancora sul fatto se il corpo della ragazza è stato lasciato lì già a novembre o se è stato trasportato successivamente. Non si sa se la ragazzina sia stata violenta e se ad ucciderla è stata una o più persone. Al momento gli investigatori stanno lavorando sulle celle telefoniche per confrontare le utenze agganciate a Brembate la sera della scomparsa e quelle agganciate poco dopo dalla cella di Chignolo d’Isola, dove è stato trovato il corpo. Quel che è certo è che a Brembate temono per l’orco ancora in libertà.