Mese: marzo 2011

31 marzo 2011 0

Clandestino nel bagagliaio del pullman, lo trovano i ragazzi del Classico di Cassino di ritorno da una gita

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sono tornati da una gita in Grecia e hanno trovato un bagaglio in più: un clandestino di 20 anni. Il giovane di origini pachistane era stipato con le valigie nel bagagliaio del pullman di una scolaresca tornata oggi pomeriggio a Cassino. Si tratta degli alunni del liceo Classico Carducci di Cassino che tornati dal viaggio, al momento di recuperare i bagagli , si sono accorti che all’interno c’era un giovane probabilmente salito già in Grecia. Ore ed ore di viaggio, chiuso nel bagagliaio, per poter arrivare in Italia. Una volta scoperto sono state avvisate le forze dell’ordine che lo hanno preso in consegna. Ermanno Amedei

31 marzo 2011 0

Detenuti in Romania, la coppia tra il patteggiamento e il rischio di 25 anni di carcere

Di redazione

La coppia di coniugi di Cervaro, assistita da legali rumeni e da italiani, con tutta probabilità tenteranno una sorta di patteggiamento della pena, norma da poco adottata dal sistema giudiziario rumeno. Se riuscissero ad ottenere una condanna non superiore ai 4 anni, potrebbero sperare in una sospensione della pena, altrimenti rischiano di passare molti anni nelle carceri rumene e, questo, certamente non è una bella prospettiva, ancor meno se si considera che, già allo stato di fermo di polizia, in caserme delle forze dell’ordine, hanno fatto ricorso al consolato italiano per denunciare un regime di scarsa igiene.

Una situazione complessa che vede Garnero Sandra Candelaria 45 anni e il marito Giovanni Sparagna 57 anni, e che aspiravano a diventare genitori, pagare a carissimo prezzo, la scorciatoia intrapresa per aggirare tutta la burocrazia degli affidi o delle adozioni legali. L’uomo, dipendente della società autostrade, oltre alla prospettiva del carcere, rischia di perdere anche il lavoro; insomma, una vita stravolta probabilmente da un consiglio sbagliato.

31 marzo 2011 0

Videocon, Iannarilli: “Dopo l’apertura di Intesa San Paolo attendiamo un tavolo delle parti”

Di redazione

Il mio più profondo e sentito ringraziamento al Ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani. Il riscontro immediatamente positivo per sbloccare le trattative che riguardano la vicenda Vdc Anagni, con l’intervento tempestivo presso i vertici di Intesa San Paolo che solo poche ore prima era stato promesso a me e al Presidente di Unindustria-Confindustria Frosinone, Marcello Pigliacelli, ci da la dimensione di come Romani abbia analizzato e condiviso la bontà delle nostre motivazioni facendosi portavoce di esse presso Intesa Sanpaolo.. Inoltre il Ministro, che ci ha ascoltato con la massima attenzione, ha compreso quanto importante sia per il territorio che rappresentiamo una soluzione positiva della vertenza, tenendo bene a mente le necessità improcrastinabili dei 1200 lavoratori dell’ex Videocon e delle loro famiglie nonché di un importante indotto. Motivazioni che ha subito rappresentato al dott. Corrado Passera ottenendone una convincente apertura. Naturalmente ora si attende l’ufficialità degli accordi tra l’Istituto di credito e gli indiani della Videocon i quali hanno manifestato con concretezza la volontà di estinguere il debito di gestione. Attendiamo per la prossima settimana la convocazione di un tavolo, al quale parteciperanno: il Ministero dello Sviluppo Economico, Intesa Sanpaolo, Videocon, Unindustria e il sottoscritto per ottenere un esito positivo della trattativa per la quale è stato espresso, verbalmente, un atteggiamento positivo. Il tutto, e questa è stata la nostra prima preoccupazione, gestito in modo che per la Vdc esistesse la possibilità di una riconversione. Attendiamo ora con fiducia gli eventi nella speranza di poter parlare, presto e finalmente, di un futuro per l’importante insediamento industriale di Anagni. Di tutto questo non posso che ringraziare anche il Presidente Pigliacelli che ha insistito anche presso di me per fare chiarezza in una situazione che, a suo modo di vedere, presentava atti discordanti ed equivoci manifesti”.

31 marzo 2011 0

Due spacciatori nella “rete” dei carabinieri

Di redazione

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Vasto, nel pomeriggio di ieri, hanno arrestato per acquisto, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti Antonio Santini, 32enne operaio di Vasto e Nicolino D’Innocenzo, 49enne anc’egli di Vasto. I due, già noti alle forze dell’ordine per reati contro la persona ed il patrimonio, sono stati arrestati in esecuzione di ordine di custodia cautelare emessa dal tribunale di Vasto a seguito di richiesta della locale Procura della Repubblica a conclusione di un’articolata indagine svolta dai carabinieri del Nucleo Operativo su un’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, prevalentemente eroina e cocaina, in città. I due soggetti, seguiti ed osservati per alcuni mesi, dopo essersi riforniti della droga, la vendevano in piccole dosi a tossicodipendenti di Vasto e dei paesi limitrofi. Concluse le attività burocratiche negli uffici della Caserma di Piazza C.A. Dalla Chiesa, Santini è stato associato presso il Carcere di Torre Sinello, mentre D’Innocenzo è stato accompagnato presso la sua abitazione dove è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari. Nei prossimi giorni i due arrestati saranno ascoltati dal magistrato competente al quale chiariranno le loro rispettive posizioni.

31 marzo 2011 0

Trovato morto, prende piede l’ipotesi incidente

Di redazione

L’ipotesi del colpo alla testa rimediato in seguito ad una caduta è l’ipotesi che sembra essere ritenuta maggiormente credibile per la morte del 62enne Mario Saroli di San Vittore del Lazio. L’uomo, che viveva da solo in via Canala, è stato ritrovato riverso in terra dai parenti che lo chiamavano inutilmente già da qualche ora. Dopo aver rotto il vetro ad una finestra, alcuni di loro si sono introdotti all’interno rinvenedo la salma all’interno della cucina. Si ipotizza che l’uomo abbia accusato un malore mentre si alzava da tavola per

preparare il caffè; pare inoltre, per sorreggersi, si sia appoggiato allo scolapiatti finendo per tirarselo dietro e, nel cadere, avrebbe battuto la base della testa contro uno spigolo. Una ricostruzione, però, che deve superare la prova dell’autopsia disposta dalla Procura.

Il corpo dell’uomo è stato trasportato nell’obitorio di Cassino . I carabinieri della compagnia di Cassino, comandati dal capitano Adolfo Grimaldi, e quelli della stazione di Cervaro coordinati dal maresciallo Giuseppe De Biase continuano a svolgere le indagini. Ermanno Amedei

31 marzo 2011 0

A 92 anni ucciso a coltellate dall’ex della badante

Di redazione

Sarebbe stato ucciso a coltellate dall’ex fidanzato della badante straniera. Vittima del fatto di sangue è Paolo Abbruzzese, un medico in pensione di 92 anni residente a Chieti. Il suo aggressore lo avrebbe colpito all’interno della sua abitazione con un coltello sotto gli occhi della badante e di un altro testimone. Poi l’assassino è fuggito a piedi mentre l’anziano è stato inutilmente soccorso. Sul posto gli uomini del comando provinciale dei carabinieri hanno immediata dato inizio alle ricerche.

31 marzo 2011 0

Trovato morto con testa rotta, indagano i carabinieri

Di redazione

Il corpo esanime di un uomo di 62 anni è stato trovato, poco dopo le 13 di oggi, nella sua casa nel centro storico di San Vittore del Lazio (Fr). Una profonda ferita alla testa fa sorgere il sospetto che possa trattarsi di una morte non accidentale anche se non si esclude possa essere la conseguenza di una caduta. In queto momento, siu disposizione della procura, il medico legale sta effettuando una ispezione cadaverica. L’uomo pare vivesse in Francia ma solo saltuariamente tornava a San Vittore. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri al comando del capitano Adolfo Grimaldi. Er. Amedei

31 marzo 2011 0

Promozione: Aquino compie il sorpasso e Ausonia mantiene il primato

Di redazionecassino1

 

Battaglia senza esclusione di colpi fra Acquafondata e Caira per ottanta minuti nel girone ‘A’ del torneo di  Promozione. Lo scontro tuttavia non è andato oltre il pareggio, 2 a 2, fra due formazioni che hanno lottato fino all’ultimo per segnare la rete che assicurasse ad una della due compagini i tre punti in classifica. Ne ha guadagnato lo spettacolo, ma anche Acquafondata che con il punto ottenuto è riuscita a superare in classifica la formazione di Caira, ora ferma a quota 58, distante due lunghezze dalla capolista, Aquino. Proprio Aquino ha superato agevolmente in trasferta Bazarmania, 0a 3, mantenendo il primato in classifica. Anche l’altra formazione aquinate riesce ad avere la meglio su Portella per 3 a 2. Avversario ostico il Portella che non molla fino all’ultimo minuto. Resta saldamente, ma troppo distante dalle prime, il Vairano nonostante la vittoria contro Beghelli Point per 3 a 0. Prosegue la serie positiva anche per S. Apollinare che supera in trasferta Valvori e raggiunge quota 31 in classifica generale, a parità con Rocca D’Evandro, che supera per 3 a 1, Parrocchia S. Lucia. Facile e con un punteggio, 4 a 0, che  on lascia spazio a dubbi il successo ottenuto da Pietramelara su S. Andrea. Nel girone ‘B’, torna alla vittoria Cassino Doc, con un risultato tennistico, 7 a 0, inflitto a Niemoslive. Non sono tuttavia sufficienti a contrastare il primato di Insieme Ausonia vittorioso in trasferta, sul terreno di Freedom Coffè &D. per 0 a 3. Delune un po’ Città di Pontecorvo che non va oltre il pareggio, 1 a 1, contro Arce. Pareggi anche fra Friends for Football e Atletico Cassino, a reti inviolate; per Piedimonte, 2 a 2, contro Terelle. Successo per La Leggenda di Nai, 3 a 0, contro Am Lenola, più agevole il confronto fra l’altra formazione pontina, Nuova Lenola, contro Rinascita Monticelli, quest’ultima superata di misura in casa per 0 a 1.

31 marzo 2011 0

Terza tappa di “Essere Italiani” del Consiglio regionale del Lazio al Cinema Village

Di redazione

Prosegue il tour ‘Essere italiani’ organizzato dalla presidenza del Consiglio regionale del Lazio per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Il prossimo 1 aprile sarà la volta di Frosinone dove, presso il ‘Fornaci Cinema Village’ di via Gaeta, alle ore 10.30, il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, saluterà gli alunni del Primo Circolo Didattico. I ragazzi parteciperanno attivamente all’iniziativa, leggendo gli elaborati che sono stati chiamati a comporre sui temi e i personaggi più significativi del Risorgimento italiano e animando lo spettacolo interattivo curato dall’Associazione ‘Il palco e la cornice’.

31 marzo 2011 1

Detenuti in Romania, la coppia di Cervaro si appella al Consolato Italiano

Di redazione

Un’assurda storia tra Italia e Romania; storia di una coppia di coniugi senza “grilli”, come si sul dire, se non uno, quello di diventare genitori. Un desiderio per esaudire il quale non hanno evidentemente pensato alle conseguenze e ai 25 anni di carcere ciascuno che rischiavano con il loro gesto. Dal 9 marzo, Garnero Sandra Candelaria 45 anni e il marito Giovanni Sparagna 57 anni, entrambi di Cervaro, sono in stato di fermo in Romania per aver tentato, con uno stratagemma concordato con la madre naturale di un bambino nato proprio il 9 marzo, di adottare il piccolo aggirando ogni forma burocratica. Colpe, o presunte tali, che in quel Paese si pagano con pene carcerarie pesantissime. Al momento sono ancora in uno stato di fermo; quello che in Italia dura al massimo 48 ore, in Romania, arriva a durare anche 20 giorni con possibilità per la procura di chiedere, per altre due volte, ulteriori altri 20 giorni di proroga per un massimo quindi di 60 giorni. Al momento i due sono reclusi non in un carcere, ma in camere di sicurezza di un comando di polizia e, il quattro aprile, con i due assistiti da un legale rumeno accreditato presso la Farnesina, consigliati comunque da avvocati italiani di loro fiducia, si discuterà della richiesta avanzata dalla procura di ulteriori 20 giorni di proroga dello stato di fermo. Gli ambienti detentivi sarebbero ben al di sotto della decenza e, per questo, i due si sarebbero rivolti al consolato italiano in Romania per denunciare il regime di scarsa igiene a cui sono costretti. Er. Amedei