Giorno: 7 marzo 2011

7 marzo 2011 0

Incendio al Codeaux, indagini serrate dei carabinieri

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Continuano le indagini degli investigatori dei carabinieri della compagnia di Cassino sull’incendio che si è sviluppato nella tarda mattinata di oggi nel negozio Codeaux, in via Leopardi a Cassino. Al momento nessuna ipotesi è esclusa, dal corto circuito al dolo, ogni possibilità è presa in esame. Ad avvalorare la pista dell’intervento esterno restano i segni di effrazione sulla serranda; a sconfessarla, la porta intatta e nessuna traccia sul pavimento che indichi l’uso di liquido infiammabile per innescare il rogo (qualora fosse stato gettato in terra). Vi sarebbe, inoltre, una traccia di fiammata su un muro, vicino ad una presa che avvalora, invece, l’ipotesi del cortocircuito. Il negozio, però, era chiuso da sabato. Er. Amedei

7 marzo 2011 0

Stalking alla commerciante, 44enne in manette

Di redazione

Stalking e resistenza a pubblico ufficiale; questi i reati contestati a L.T. 44 anni di Roccasecca arrestato dai carabinieri di Arce la scorsa notte. I militari, sono interventi su richiesta di una 43enne titolare di un esercizio pubblico di Roccasecca e hanno accertato che l’uomo dal mese di novembre 2010, con più azioni reiterate, molestava ripetutamente la donna. Lo stesso inoltre al fine di sottrarsi all’identificazione, mentre era all’interno dell’esercizio commerciale in stato di manifestata ira, si è avventato contro i militari. Le incessanti molestie caratterizzate anche da quotidiani pedinamenti in tutti gli spostamenti effettuati, finanche sul luogo di lavoro, hanno provocato nella donna un perdurante stato di ansia tale da indurla a modificare le proprie abitudini di vita. L’arrestato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

7 marzo 2011 0

Ladri di rame sorpresi con la refurtiva, avevano razziato la stazione di Campomarino

Di redazione

Avevano rubato cavi di rame alla stazione ferroviaria di Campomarino ma non sono fuggiti alla rete dei controlli dei carabinieri di Termoli (CB). I Carabinieri della Compagnia di Termoli negli ultimi giorni hanno raccolto ulteriori risultati dal serrato controllo del territorio attuato al comando del Capitano Francesco Maceroni. Questa mattinata i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno intercettato sulla SS16/E2 direzione sud una Golf con a bordo tre persone che, alla vista dei militari, han no tentato di allontanarsi a forte velocità. I tre sono stati quindi bloccati e l’autovettura perquisita. All’interno del mezzo sono stati trovati circa 3,5 quintali di cavi elettrici in rame ed arnesi atti allo scasso; gli accertamenti ha permesso di appurare che il rame era stato asportato all’interno dello scalo ferroviario di Campomarino. Due dei tre uomini, tutti di nazionalità rumena e residenti a Lesina (Fg), M.V.B., 41enne e S.T.N., 26enne, sono stati tratti in arrestato per furto aggravato in concorso mentre il terzo, B.T. minorenne, è stato denunciato in stato di libertà per lo stesso reato; tutti e tre sono stati proposti, inoltre, per il foglio di via obbligatorio. In un altro episodio, avvenuto a Termoli nel corso di un servizio di controllo del territorio, sono stati notati cinque individui, tutti di nazionalità rumena e residenti a Torremaggiore (FG), i quali si aggiravano con fare sospetto per il centro abitato: si tratta di T.B.C., 26enne, P.L., 32enne, M.S.I., 25enne, C.O., 31enne e C.C.D., 26enne, i quali, non sapendo fornire valide giustificazioni circa la loro permanenza in loco, sono stati tutti proposti per il foglio di via obbligatorio.

7 marzo 2011 0

Latitante da 10 mesi sorpreso a spasso con amici, arrestato 36enne di Tollo

Di redazione

Doveva scontare dieci mesi per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni e gli erano stati concessi gli arresti domiciliari da scontare a Tollo (Ch); ma non aveva alcuna intenzione di pagare il suo debito con la giustizia quindi si era allontanato da mesi dandosi alla latitanza. Ma dopo alcuni mesi che girovagava nel chietino è stato rintracciato da una pattuglia di Carabinieri di Lama dei Peligni che, insospettiti da due giovani che si aggiravano di sera tardi, hanno proceduto al loro controllo dal quale è emerso che De Clerico Di Pillo Domenico, 36enne di Tollo, era ricercato per l’espiazione della pena inflittagli dalla Corte di Appello di L’Aquila. Lo stesso è stato riaccompagnato ai domiciliari sperando che non si allontani più, anche per evitare che si aggiungano altri reati oltre quelli per i quali è stato condannato. Sempre i carabinieri, questa volta quelli del Nucleo Operativo di Lanciano, hanno effettuato cinque perquisizioni domiciliari nei confronti di altrettante persone del comprensorio frentano sospettate di spaccio di stupefacenti. L’attività si è conclusa con la denuncia in stato di libertà di due giovani ed il sequestro di una decina di grammi di haschisc.

7 marzo 2011 0

Fiamme tra le bomboniere, incendio doloso al “Cadeaux”

Di redazione

Fiamme all’interno del negozio “Cadeaux” in via Leopardi a Cassino. Nella tarda mattinata di oggi il fuoco si è sviluppato all’interno dell’attività commerciale che vende bomboniere. Il rogo si sarebbe sprigionato dietro al bancone innescato, probabilmente, da liquido infiammabile gettato da chi, evidentemente ha forzato la serranda del negozio. Danni ingenti, non tanto alla struttura, quanto alla merce esposta, tutto relizzato in tessuto annerito dalla fuliggine. Merce che, tra l’altro, pare non fosse assicurata. I carabinieri che stanno indagando hanno riscontrato alcune anomalie: innanzitutto, seppure la serranda sembra essere stata forzata, la porta, invece, sembra intatta. Ma che messaggio può essere lanciato con un gesto del genere? L’attività commerciale è modesta, non si esclude, quindi, l’attività di qualche “cane sciolto” che tenta di instaurare un clima di timore e pretendere soldi in cambio di tranquillità. Ermanno Amedei

7 marzo 2011 0

Fn e Rifondazione, arresto convalidato per l’aggressore 33enne che torna libero

Di redazione

Arresto convalidato ma torna libero S. B. 33 anni di San Vito Chietino. Questa mattina, in tribunale a Lanciano l’uomo, assisitto dal suo legale Malandra, è stato interrogato dal Gip. Il giudice, quindi, dopo la convalida, ha accolto le due richieste dell’avvocato, relativamente alla scarcerazione dell’indagato e quella relativa ai termini a difesa. Il processo, quindi, è stato rinviato al 28 aprile, quando, si costituiranno come parte civile, oltre ai due ragazzai di Forza Nuova feriti, anche un rappresentante dello stesso movimento di destra. Nessun incidente è avvenuto nel tribunale, per altro presidiato in forze della forze dell’ordine.

7 marzo 2011 0

Tekno Progetti condannata per condotta antisindacale

Di admin

Dall’Usb Unione Sindacale di Base riceviamo e pubblichiamo:L’azienda metalmeccanica di Cassino , che svolge attività per conto della FIAT, che occupa 50 dipendenti, aveva fatto ricorso, nell’anno 2009, ad una procedura di cassa integrazione guadagni straordinaria per crisi, senza aver esperito regolarmente le procedure di consultazione sindacali, in quanto aveva escluso dalla trattativa l’RSU Rocco Palombo Antonio dell’USB Lavoro Privato SOSPENDENDOLO dal lavoro e collocandolo in CIGS a tempo indeterminato.

Per tali motivi la Tekno Progetti SRL è stata condannata da Giudice del lavoro del Tribunale di Cassino, per condotta antisindacale, poiché ha impedito al delegato dell’USB Lavoro Privato di svolgere la propria attività di sindacalista e ritenendo la procedura di CIGS illegittima.

Pertanto, tutti i lavoratori dipendenti della Tekno Progetti, che sono stati interessati alla CIGS, potranno richiedere a seguito di questa sentenza, il risarcimento dei danni e le differenze retributive per i periodi di cassa integrazione.   Grande soddisfazione per l’Esecutivo Provinciale di Frosinone dell’USB Lavoro Privato, in un momento in cui le aziende utilizzano come prassi il disconoscimento delle procedure sindacali.

Questa sentenza consentirà a tutti i delegati dei sindacati di base , che quotidianamente vengono discriminati dai datori di lavoro, di intraprendere azioni giudiziarie con maggior forza.

L’obiettivo che da sempre abbiamo come Organizzazioni Sindacale è quello di mantenere delle relazioni sindacali volte a migliorare le condizioni di lavoro di tutti i dipendenti. Le forzature fatte dalle aziende che mirano all’abbassamento delle tutele e dei diritti non consentono di lavorare in un clima sereno, portano gravi ripercussioni sulla qualità del lavoro che è il cuore di ogni impresa commerciale.

7 marzo 2011 0

Si sveglia nella notte e si trova davanti tre ladri. E’ caccia ai malviventi

Di redazione

Ieri sera, tre sconosciuti, dopo aver forzato una finestra sono in un’abitazione di Giulianova, ma il proprietario, che si trovava al piano superiore, avendo sentito i rumori è sceso al piano sottostante trovandosi davanti ai tre malviventi che a questo punto, essendo stati scoperti,si sono dati alla fuga a bordo di un’autovettura Audi A3 di colore nero guidata da un quarto complice. Tutte le pattuglie dei carabinieri della compagnia di Giulianova hanno iniziato una ricerca dell’autovettura su tutto il territorio di competenza e poco dopo, nei pressi del casello autostradale A14, hanno rinvenuto abbandonata l’Audi in questione, risultata provento di furto perpetrato nella stessa mattinata di ieri in Roma. All’interno del veicolo i militari hanno rinvenuto numerosissimi attrezzi da scasso, un televisore Philips e 4 quadri degli artisti Filippo Palazzi, Gaetano Previati, Peguri ed uno senza firma, il tutto sottoposto a sequestro, probabilmente provento di furto perpetrato nelle ore precedenti. I malfattori, vistisi braccati, dopo aver abbandonato il veicolo rubato si sono allontanati a bordo di altra autovettura asportata nelle immediate vicinanze del casello stesso. Sono in corso accurate indagini finalizzate ad identificare i malviventi ed accertare la provenienza della refurtiva sequestrata.

7 marzo 2011 0

Rubano le auto per scorazzare in centro, due denunce

Di redazione

A seguito del furto e del danneggiamento di una Suzuki Vitara e di una Fiat Panda, ieri i carabinieri di Fossacesia (Ch) hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lanciano, F.F. 20enne, studente, e G.F. 23enne, operaio. L’attività investigativa svolta dai militari, ha consentito di accertare che i due giovani, dopo aver aperto le due autovetture lasciate in sosta nella pubblica piazza di Fossacesia, si sono messi alla guida scorazzando per le strade cittadine, danneggiandole, per poi abbandonarle subito dopo.

7 marzo 2011 1

Frana costone a Sant’Angelo Th, a rischio anche la casa di Abbruzzese

Di redazione

Un boato, questa mattina a Sant’Angelo in Theodice, popolosa frazione di Cassino, ha annunciato il distacco di una grossa zolla di tufo dal costene del centro abitato che affaccia sul Fiume Gari. Si tratta di una frana di alcuni metri cubi che è scesa giù per decine di metri, ma che fa temere per il prosieguo dell’attività franosa. A monte della frana ci sono tre case, una abitata e le altre due in cui non vive nessuno da anni. Tra queste c’è anche la casa meterna del presidente del consiglio regionale del Lazio Mario Abbruzzese. Er. Amedei