Giorno: 13 marzo 2011

13 marzo 2011 0

Trovato morto in casa, mistero sul decesso di un 25enne

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ mistero sulla morte di Gianluca Pauroso, un 25enne nato a Cassino ma domiciliato a Rocca d’Evandro. Il ragazzo è stato trovato privo di sensi, questa mattina, nella sua abitazione. I familiari non hanno potuto far null’altro che caricarlo e portarlo in ospedale a Cassino dove i medici hanno potuto solamente riscontrarne il decesso. Al momento la salma è nell’obitorio a Cassino a disposizione delle autorità giudiziarie.

13 marzo 2011 0

“Le patologie oculari dell’anziano” in un seminario ad Atina

Di redazione

“Le patologie oculari dell’anziano”, questo il titolo dell’interessante Seminario organizzato dall’Associazione Culturale “Giacinto Visocchi” sabato 5 marzo nella splendida cornice del Palazzo Ducale di Atina. Si tratta del IV Seminario nell’ambito di una serie di altri incontri, tutti sul tema delle patologie dell’età senile, promosso dall’Associazione all’insegna del “Vivere in salute la terza età”. Ospiti per l’occasione il Dott. Luigi Rossini ed il Dott. Luigi Pinchera, Specialisti Oftalmologi, che hanno presentato un’interessante relazione sulle patologie oculari senili, con una rassegna sui principali quadri clinici ed un’ attenzione particolare agli aspetti epidemiologici ed alle prospettive terapeutiche future. Il Dott. Rossini ha ricordato al pubblico presente che la degenerazione maculare senile è considerata una delle principali cause di ipovisione nei Paesi più industrializzati ma buone speranze si avranno per il futuro dall’impiego sempre più diffuso dei farmaci intravitreali anti angiogenetici, capaci di rallentare la progressione della malattia; in altre patologie retiniche senili, inoltre, l’individuazione di specifici loci genici consentirà probabilmente, nel futuro, una terapia genica mirata. Ha proseguito, poi, il Dott. Pinchera, ricordando che nel Mondo si valuta che i ciechi per cataratta superino i 17 milioni e che vi è ancora, purtroppo, un’ oggettiva difficoltà di risolvere chirurgicamente il problema nei Paesi meno industrializzati; grandi novità, inoltre, ha proseguito sempre lo specialista si avranno nel futuro dalla possibilità di prelevare campioni di cellule staminali dalla superficie dell’occhio, “coltivarle” in vitro ed innestarle nell’occhio affetto da patologie corneali senili. Attento ed interessato il pubblico che ha anche rivolto domande ai relatori in sala in un dibattito a cui hanno partecipato organizzatori del seminario, relatori e partecipanti, con un’”attenzione anche ad una diversa politica sociale e sanitaria” dedicata agli anziani, come hanno tenuto a sottolineare l’Avv. Cancellara (rappresentante del Comune di Atina) ed il Dott. Giannandrea, consigliere provinciale di Frosinone.

13 marzo 2011 0

Serial killer dei gatti, l’Aidaa disegna l’identikit dell’assassina di 120 mici

Di redazione

E’ una donna di circa 50 anni residente nella zona la serial killer responsabile della morte di quasi 120 cuccioli di gatti a Cassinetta di Lugagnano. La ricostruzione dell’identikit e la certezza dell’identità della persona responsabile della strage dei micini è stata possibile grazie alle telefonate giunte all’associazione italiana difesa animali ed ambiente nella giornata di oggi che in almeno 7 casi indicavano nella donna la responsabile dell’eccidio dei mici uccisi nell’arco di due anni. Inoltre quattro segnalazioni contenevano elementi tali da far risalire senza ombra di dubbio alla donna che nel corso di questi anni in diverse occasioni (l’ultima nei giorni scorsi) avrebbe sottratto intere cucciolate di gattini appena nati e li avrebbe rinchiusi in sacchetti di plastica posizionandoli nelle adiacenze del cancello di ingresso di una villa della zona di via Barbaiano a pochi passi da dove vive una colonia stanziale di gatti. AIDAA aveva messo a disposizione una taglia di 6.000 euro per aiutare l’individuazione del serial killer dei mici, nessuno dei segnalatori ha però chiesto di poter intascare la taglia. “Ora stiamo facendo le ultime verifiche e gli ultimi accertamenti incrociati ma siamo certi di aver individuato la responsabile di questo massacro – ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA – e quello che al momento ci preme è evitare che questo fatto possa ripetersi, quindi domani decideremo insieme ai legali il percorso da seguire sia nei confronti della donna responsabile di questo eccidio, sia anche per la messa in sicurezza della colonia felina partendo dalla sterilizzazione delle gatte femmine presenti. E ci confronteremo con chi di dovere per evitare che questa donna possa ripetere simili orrori”.

13 marzo 2011 0

Prezzi: benzina a pompa supera del 316% latte in stalla

Di admin

l prezzo della benzina alla pompa supera del 316 per cento quello del latte alla stalla dove l’aumento del 17 per cento dei costi dei mangimi non permette piu’ di garantire l’alimentazione degli animali. Così Paolo De Cesare, neo direttore della sede ciociara della Coldiretti che aggiunge Da Roma, venerdì scorso, è partito il nostro grido d’allarme ed i nostri produttori hanno lasciato le stalle per una “singolare” protesta a bordo di un barcone del Tevere al Ponte Margherita. Il costo del pasto delle mucche è infatti cresciuto in percentuale otto volte in piu’ di quello degli uomini con gli alimentari che – spiega ancora De Cesare – sono aumentati del 2 per cento nello stesso periodo secondo l’Istat. Sono quindi le stalle a subire i primi effetti dei rincari delle materie prime che sotto la spinta delle rivolte in nord africa ha fatto volare i costi di produzione negli allevamenti dove non è piu’ possibile mantenere gli animali con il latte sottopagato a Roma ad appena 38,50 centesimi. Un importo insostenibile per gli allevatori della Coldiretti che hanno annunciato lo sciopero del latte con la mancata consegna del latte munto dalla mucche alle industrie che sarà invece utilizzato per alimentare i vitellini. La Coldiretti chiede 45 centesimi per litro – aggiunge Loris Benacquista, presidente della sede frusinate – l’anno scorso siamo dovuti andare per ben due volte a bloccare i cancelli per farci ascoltare questa volta pretendiamo rispetto e dignità per il lavoro che svolgiamo anche dal funto di vista della filiera tutta agricola e tutta locale”. Confermata la riunione dei produttori a Frosinone mercoledì prossimo 16 marzo 2011 alle ore 19.30 presso la sala riunioni della parrocchia del Sacro Cuore nella parte bassa della città”. Auspichiamo che a breve – hanno concluso De Ceasre e Benacquista – venga riconvocato il tavolo della trattativa e che si trovi un’intesa con la quale scongiurare ulteriori eclatanti proteste per far valere i nostri diritti”.

13 marzo 2011 0

Eroina e cocaina, in manette un 25enne ed un 26enne

Di admin

Ieri sera, a seguito dell’arresto di P.G., classe 1986, residente a Cassino, avvenuto in Napoli a seguito di attivita info-investigativa di quel Comando Arma, i militari del N.O.R.M. della Compagnia di Cassino hanno eseguito una perquisizione domiciliare presso l’abitazione del predetto. Tale attività ha permesso ai militari operanti di rinvenire: . gr. 20 circa di sostanza stupefacente del tipo “eroina” già confezionato in 20 bussolotti di colore giallo; . gr. 7,5 di sostanza stupefacente del tipo “hashish” suddivisi in altrettante dosi; . nr. 35 bussolotti vuoti di colore giallo ; . nr. 4 bussolotti vuoti di colore bianco; . nr. 4 guanti di cellophane con le dita mancanti, utili per il confezionamento; . nr. 1 bilancino di precisione digitale per la pesatura, nonché circa 370 gr. di bicarbonato di sodio utile per il taglio. Sia la sostanza stupefacente rinvenuta che il materiale idoneo per il confezionamento è stato posto sotto il vincolo del sequestro in pregiudizio del predetto e di P.D. classe 1981, che, per il reato commesso, sono stati deferiti alla competente A.G. per “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso”.

Ieri notte, a Roccasecca, i militari della Stazione Carabinieri di Roccasecca e Ceprano, nell’ambito di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, hanno tratto in arresto M. G., classe 1985, residente a Colfelice (FR), poiché colto in flagranza del reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”. Il predetto, fermato dai militari operanti a bordo della propria autovettura e, sottoposto a successiva perquisizione personale, veniva trovato in possesso di g. 4,1 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”, sottoposta a sequestro. L’arrestato verrà giudicato con il rito direttissimo il 14 marzo 2011.

13 marzo 2011 0

Viola e Santori (Coldiretti Latina): “Domani assemblea a Pontinia per lo sciopero del latte. Pronti a proteste eclatanti”

Di admin

“Siamo pronti e non lasceremo nulla di intentato per dare dignità al settore”. Così Saverio Viola, direttore provinciale della Coldiretti di Latina presenta l’assembla dei produttori di latte che si terrà a Pontinia, alle ore 19.00. Dopo la manifestazione di venerdì a Roma la Coldiretti ha chiamato a raccolta gli allevatori per preparare al meglio la mobilitazione e declinare le fasi di una vertenza che si preannuncia particolarmente aspra.“Gli industriali devono riflettere – sottolinea Daniela Santori, presidente della sede Coldiretti di Latina – circa la situazione di oggi nelle stalle. Coldiretti chiede 45 centesimi per litro e gli allevatori sono pronti a lasciare le proprie stalle e far sentire il proprio grido d’allarme. Il costo del pasto delle mucche è cresciuto in percentuale otto volte in piu’ di quello degli uomini con gli alimentari che – spiega ancora Viola – sono aumentati del 2 per cento nello stesso periodo secondo l’Istat. Sono quindi le stalle a subire i primi effetti dei rincari delle materie prime che sotto la spinta delle rivolte in nord africa ha fatto volare i costi di produzione negli allevamenti dove non è piu’ possibile mantenere gli animali con il latte sottopagato. Gli attuali 38 centesimi per litro rappresentano un importo insostenibile per gli allevatori che hanno annunciato lo sciopero del latte con la mancata consegna del latte munto dalla mucche alle industrie che sarà invece utilizzato per alimentare i vitellini. Oltre all’aumento dei costi per il movimento delle macchine come i trattori –spiega il presidente provinciale di Santori – in agricoltura il caro petrolio colpisce sopratutto le attività agricole che utilizzano il carburante per il riscaldamento di locali come le stalle, ma anche per l’essiccazione dei foraggi destinati all’alimentazione degli animali. Coldiretti chiede che sia annullata l’accisa sui carburanti destinati al riscaldamento, come già è avvenuto negli anni passati e annuncia battaglia. 17 per cento è l’aumento dei costi dei mangimi che non permette piu’ di garantire l’alimentazione degli animali. Non tutti tengono conto, inoltre, che il prezzo della benzina alla pompa supera del 316 per cento quello del latte alla stalla. I consumatori pagano il prodotto oltre 1 euro e 60 senza neppure sapere cosa arriva nelle tasche dei produttori. Per questo siamo in mobilitazione e chiediamo attenzione sulla provenienza. Per questo – conclude Viola – domani sera, oltre a decidere circa lo sciopero del latte, così come nelle altre province laziali, non possiamo escludere che saranno ufficializzate eclatanti manifestazioni di protesta. Questo non per creare disagi ma per far comprendere agli industriali che questa volta non potranno prenderci in giro”.

13 marzo 2011 0

Prostituzione, blitz della polizia sullo stradone Asi

Di admin

Dopo le numerose segnalazioni da parte di cittadini che lamentavano situazioni di pericolo lungo lo stradone ASI la Questura è di nuovo scesa in campo.

La zona indicata particolarmente frequentata da cittadine straniere dedite alla prostituzione ha amplificato l’allarme sociale.

Tanti i cittadini che stanchi di assistere sulla strada a veri e propri spettacoli di adescamenti e provocazione sessuale hanno fatto appello alla Polizia di Stato.

Anche questa notte perciò il personale delle Volanti è stato impegnato in un servizio antiprostituzione finalizzato sia alla repressione del fenomeno sia ad assicurare maggiori garanzie di viabilità su una strada ad alta densità di traffico veicolare e quindi ad alto rischio di incidenti stradali.

L’attività della scorsa notte ha consentito agli operatori di Polizia di rintracciare quattro cittadine rumene che dai successivi controlli sono risultate essere inottemperanti alla misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio.

Per tale motivo le quattro ragazze sono state denunciate.

13 marzo 2011 0

La Fiaccola Benedettina arriva a Norcia

Di admin

Giornata intensa e ricca di partecipazione quella vissuta ieri a Norcia per l’arrivo della Fiaccola Benedettina, vissuto in unità di intenti e in armonia dalle due comunità, quella di Cassino e quella della città umbra che ha dato i natali a S. Benedetto, grazie alla rinata positiva reciproca collaborazione.

Folta la delegazione del Corteo Storico “Terra Sancti Benedicti” partita da Cassino per partecipare all’arrivo della Fiaccola. Alle 16 è iniziata la sfilata per le vie di Norcia, facendo scenograficamente ingresso da Porta Romana: prima gli araldi, i valletti e i dignitari del Corteo di Norcia, poi il Corteo di Cassino, non completo, ma con rappresentanze di tutte le sue componenti, tamburini, militi, cortigiani e popolane, quindi la Fiaccola, portata da atleti delle due comunità, e le autorità. Un effetto davvero spettacolare per gli occhi, un tripudio di colori, insegne, preziosi tessuti, ma anche storia e orgoglio di appartenenza. Arrivati nella piazza centrale, dominata dalla statua di San Benedetto, figuranti, tedofori e autorità si sono schierati sulla scalinata e sulla loggia del palazzo municipale, offerti all’ammirazione di tutti i presenti, e nella piazza le popolane del Corteo “Terra Sancti Benedicti” hanno eseguito le loro vivaci e aggraziate danze al ritmo di musiche medievali. È seguita la Celebrazione eucaristica nella chiesa dedicata al Santo Patrono d’Europa, che conserva nella cripta i resti della sua casa natale. A presiedere la Celebrazione è stato l’Abate di Montecassino Dom Pietro Vittorelli, a concelebrare Mons. Maio Curini, Vicario episcopale per la Val Nerina in rappresentanza del Vescovo Boccardo, e monaci del vicino monastero. Schierati insieme, da una parte i Cortei storici, dall’altra la Corale di S. Giovanni Battista di Cassino e quella di Norcia;

in prima fila il Sindaco di Norcia Gian Paolo Stefanelli, il Commissario Straordinario di Cassino prefetto Angela Pagliuca e l’Assessore alla Cultura della Provincia di Perugia. Nella intensa omelia, l’Abate Vittorelli, parlando del cammino quaresimale e commentando le letture liturgiche

del giorno sul combattimento spirituale contro il maligno, ha detto: “Oggi, qui a Norcia, mentre celebriamo l’arrivo della Fiaccola benedettina accesa nella Abbazia di Westminster con una solennità e un entusiasmo che ci hanno davvero coinvolti e per certi versi travolti, di S. Benedetto Patrono primario d’Europa vogliamo cogliere la cifra di un discorso mai interrotto sull’uomo e sulla sua capacità di mettersi in relazione con Dio e con i suoi simili”, ribadendo che “dall’unione con Cristo deriva la forza per camminare sicuri sperando contro ogni speranza umana e ha origine un’autentica vita comunitaria come luogo di profonda comunione e di servizio reciproco”. Al termine della celebrazione le autorità presenti hanno porto il loro saluto, creando un clima di cordiale vicinanza tra le due comunità. E il Comune di Norcia ha voluto ospitare degnamente la delegazione di Cassino, offrendo nel Teatro civico un bel concerto del complesso bandistico “Città di Norcia” diretto dal M° Filippo Salemmi e con la partecipazione dei solisti Francesca Bruni soprano, e Gabriele mangione, tenore. Brani coinvolgenti di Verdi e di Puccini e l’Inno d’Italia hanno allietato gli ospiti che gremivano la sala. Poi un momento conviviale, sempre offerto dal Comune di Norcia, ha concluso la giornata in un clima di gioiosa amicizia.

13 marzo 2011 0

Trova un petardo lo raccoglie e esplode, 15enne perde la mano

Di admin

E’ accaduto ieri sera verso le 22 a Minturno, in provincia di Latina. Il 15enne era in compagnia di alcuni amici nella zona del campo sportivo. Ha trovato il petardo, lo ha quindi raccolto provocandone lo scoppio. Immediatamente gli amici hanno chiamato i soccorsi e un’ambulanza lo ha portato in ospedale dove il padre, medico di guardia, gli ha prestato soccorso. Ma nonostante la tempestività nell’intervento i chirurghi non sono riusciti a salvargli la mano.