Giorno: 30 marzo 2011

30 marzo 2011 0

Operaio frusinate gravemente ferito in un cantiere a Porto Sant’Elpidio

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ originario di Frosinone l’operaio rimasto gravemente ferito ad una coscia mentre lavorava al terzo piano di uno stabile in costruzione a Porto Sant’Elpidio (Fermo). L’uomo A. M. 34 anni, si è fatto male mentre impugnava una motosega. Difficile è stato anche recuperarlo dato che sono dovuti intervenire i vigili del fuoco che lo hanno portato al pian terreno ed affidato alle cure degli operatori del 118. Ricoverato in ospedale, ha riportato ferite molto profonde.

30 marzo 2011 0

Fiat, Marchionne “rallenta” su Cassino e Melfi: “Non c’è urgenza”

Di redazione

“Nel 2010 sono stati compiuti passi importanti per ottenere la più ampia flessibilità degli stabilimenti e garantire loro prospettive sicure, grazie agli accordi raggiunti per gli impianti di Pomigliano e Mirafiori”. Lo ha detto l’amministratore della Fiat Sergio Marchionne a margine di una intervista relativa all’ultima assemblea del gruppo. “A questi stessi principi guida dovrà ispirarsi l’accordo per l’investimento all’ex Bertone, mentre per Cassino e Melfi non c’è urgenza”. Nella stessa intervista, inoltre, Marchionne ha assicurato di non voler vendere l’Alfa alla Volkswagen ritendendo il Biscione lo strumento per battere proprio la concorrenza tedesca.

30 marzo 2011 0

Schianto sulla Casilina, auto ridotte a rottami ma solo feriti lievi

Di redazione

Schianto su via Casilina a Cassino subito dopo il centro commerciale Panorama in direzione Cervaro. Nell’impatto tra un’Alfa 147 e una Lexus sono rimasti feriti tutti gli occupanti delle vetture tra cui una mamma con un bimbo di tre anni. Nonostante la violenza dello scontro, però, per gli interessati, a parte qualche lieve contusione, c’è stato solo l’enorme spavento. Le auto, però, sono andate completamente distrutte e sulla Casilina si è creata una lunga coda di auto che la polizia e i carabinieri hanno dovuto gestire. Foto Alberto Ceccon [nggallery id=257]

30 marzo 2011 0

Discariche abusive, fiumi e boschi tra lastre di amianto, pneumatici ed elettrodomestici. Fare Verde denuncia

Di redazione

Discariche, alcune delle quali anche all’interno di corsi d’acqua, sono state denunciate da Salvatore Avella, presidente di Fare Verde Cassino, a tutte le istituzioni competenti all’ambiente del territorio Cassinate. Ll lista delle discariche è lunga e comincia con quella del Rio Inferno, sulla sponda destra, e su un suo affluente. Lì ci sono depositate diverse lastre di amianto; sulla strada che passa lungo le sponde del Rio Inferno, vi sono diverse discariche abusive di rifiuti ingombranti come calcinacci, frigoriferi, gomme, televisori. Lungo la strada che porta a Caira, invece, nel bosco all’altezza del Concentramento, vi sono diverse discariche abusive di calcinacci, frigoriferi, potature di alberi e diverse lastre di amianto. Discariche anche lungo la strada Madonna di Loreto, all’altezza per la strada che va a Caira, dove vi è una discarica di pneumatici. Per queste situazioni. A conclusione nella denuncia si legge: “Chiedo pertanto, agli organi in indirizzo, ognuno per la propria competenza, di voler accertare e verificare quanto sopra esposto, un accertamento in merito, trattandosi peraltro di reato di pericolo e non di danno ed essendo dunque sufficiente la mancata adozione delle misure di tutela della salute pubblica, al di là degli effetti concreti, per integrare gli estremi del reato stesso. Con conseguente promovimento dell’azione penale verso eventuali responsabili e, ove si ravvisassero responsabilità dirette omissive, anche nei confronti di pubbliche amministrazioni in relazione ai loro adempimenti obbligatori e di procedere negli eventuali colpevoli ai sensi della legge dello smaltimento dei rifiuti pericolosi e di inquinamento. Si chiede infine un intervento per evitare che l’eventuale reato venga portato ad ulteriore conseguenze con persistere della situazione antigiuridica a livello di fatto, e il sequestro dell’aria e la bonifica dei luoghi. Atteso che ogni giorno aumentano sempre di più discariche abusive di amianto, Fare Verde chiede all’Assessore Regionale dell’Ambiente Regione Lazio, di far approvare ed emanare una legge regionale per il censimento dell’amianto ubicato negli edifici e abitazioni private e pubbliche per avere un monitoraggio costante dello smaltimento illegale dell’amianto”.

30 marzo 2011 0

Materassi in fiamme nel reparto di neuropsichiatria

Di redazione

Un incendio si è sviluppato nel tardo pomeriggio di oggi all’interno del reparto di neuropsichiatria dell’ospedale di Pontecorvo. Alcuni materassi e suppellettili vari sono stati incendiati per cause ancora da chiarire. Il rogo si è sviluppato poco dopo le 18.30 e i 20 assistiti sono stati momentaneamente evacuati per permettere le operazioni di spegnimento iniziate prima dagli infermieri con gli estintori, poi, i vigili del fuoco di Cassino, hanno domato completamente l’incendio e messo in sicurezza i locali. Subito dopo sono iniziati i lavori per permettere agli assistiti di tornare nel reparto. Er. Amedei

30 marzo 2011 0

Videocon, incontro proficuo tra Iannarilli, Pigliacelli e il Ministro Romani

Di redazione

Segno positivo sull’incontro avuto oggi tra il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli e il Presidente di Unindustria Confindustria Frosinone, Marcello Pigliacelli con il Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani per discutere le soluzioni avanzate sulla vicenda Videocon Anagni. Il Ministro ha ascoltato con grande attenzione quanto prospettato da Iannarilli e Pigliacelli così come quanto riportato dal Direttore di Vdc, Andrea Lo Sasso invitato all’incontro. Romani ha compreso come nella vicenda che vede Banca Intesa di fatto rallentare la soluzione del debito gestionale accumulato dagli indiani di Videocon ci siano stati degli equivoci. Ha, infatti, registrato con soddisfazione l’ulteriore proposta migliorativa avanzata dai debitori di saldare l’intero ammontare debitorio in 40 rate mensili, garantite e coperte da interessi. Tanto che il Ministro ha preso l’impegno di interessare direttamente del problema l’amministratore delegato di Banca Intesa (ora Intesa Sanpaolo) Corrado Passera al fine di velocizzare al massimo la soluzione e favorire la riconversione dell’importante insediamento anagnino al centro di una vertenza essenziale per gli equilibri del mercato del lavoro in provincia di Frosinone. “La disponibilità del Ministro Romani – ha detto Iannarilli – è stata evidente ed egli ha compreso a pieno le motivazioni che ci hanno spinto a intervenire direttamente per aiutare le parti a trovare un accordo e, soprattutto, a farlo in tempi brevi. L’esigenza di ritrovare il secondo insediamento industriale della provincia di Frosinone di nuovo in attività e in tempi ragionevoli è di fondamentale importanza per tutto il nostro territorio oltre che per le 1200 famiglie dei lavoratori investiti dalla crisi Vdc che restano in cima ai nostri pensieri”. “Il ruolo della nostra associazione – ha detto Pigliacelli – è in questi casi quello di aiutare le parti a trovare una soluzione. L’incontro odierno con il Ministro Romani segna certamente un importante passo in avanti in tal senso. Il Ministro ha giudicato di grande efficacia l’approfondimento della tematica e la segnalazione delle possibili soluzioni che insieme al Presidente Iannarilli abbiamo realizzato e si è reso immediatamente operativo impegnandosi a contattare i vertici dell’istituto di credito al centro della trattativa che, una volta giunta a soluzione, lascerà libero il campo all’ingresso degli imprenditori interessati a riconvertire il sito anagnino.

30 marzo 2011 0

Rapinatori per comprare droga, guardia alta della Polizia

Di redazione

Rapine, quelle compiute nell’ultimo periodo a Lanciano, che sembrano piccoli fenomeni criminali ma che conservano ben altri pericoli al di là del “bottino” che i malviventi portano via. Tabaccai, supermercati, colpi da “prendi e scappa”, per assicurarsi una dose di droga; ed infatti, così come dimostrato dalle ultime vicende sulle quali la polizia è riuscita a dare un volto ai malfattori, si tratta quasi sempre di rapinatori più o meno giovani ben conosciuti nell’ambiente della tossicodipendenza. E’ questo un aspetto che non può e, a quanto pare, non viene sottovalutato. Troppo spesso chi si arma per cercare una dose, è ancora più pericoloso di chi fa il rapinatore per mestiere. Sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, tutto è alterato e la tragedia è in agguato. Bene fanno, quindi, gli uomini coordinati dal vice questore Katia Basilico che, solo nelle ultime settimane, hanno tratto in arresto due autori di altrettante rapina. Il rischio, in questi casi, è difficile da calcolare. Er. Amedei

30 marzo 2011 0

Incendio in un pub a Frosinone, indaga la Squadra Mobile

Di admin

All’una e trenta di questa mattina, si è sviluppato un incendio di origine dolosa e che ha visto coinvolto il locale di ristoro-pub “Victor”, situato nella zona scalo della città di Frosinone.

L’allarme è scattato poco dopo la chiusura dell’esercizio ed ha visto intervenire sul posto oltre che una squadra dei vigili del fuoco anche il personale del Reparto Volanti e della Squadra Mobile della Questura.

In base ai primi accertamenti condotti dal personale della Polizia Scientifica è stato possibile stabilire che l’ingresso posteriore del locale è stato forzato e che persone ancora non identificate, dopo essere entrate all’interno, avrebbero gettato del liquido infiammabile provocando il rogo che ha completamente devastato il pub.

Tutte le ipostesi sono al vaglio della Squadra Mobile che al momento sembra escludere una matrice estorsiva.

30 marzo 2011 0

Bloccati mentre tentano di rubare rame alla stazione, arrestati 2 rumeni

Di admin

La scorsa notte a San Vittore del Lazio, i carabinieri della Stazione di Cervaro e del NORM della Compagnia di Cassino, nel corso di predisposto servizio per il controllo del territorio, traevano in arresto nella flagranza del reato di furto aggravato in concorso G.I., classe 1987 e C.R., classe 1990, cittadini rumeni domiciliati presso il campo nomadi di Capua (CE), nonché deferivano in stato di libertà per il medesimo reato un minore sempre rumeno. I predetti venivano bloccati dai militari operanti subito dopo aver tentato di asportare 480 Kg di rame presso il deposito di materiale elettrico della società “Rete Ferroviaria Italiana” nei pressi dello scalo ferroviario Rocca D’Evandro – San Vittore del Lazio. Il materiale asportato, per un valore di € 500,00, veniva restituito all’avente diritto. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, venivano ristretti presso la Casa Circondariale di Cassino, mentre il minore veniva affidato alla madre.

30 marzo 2011 0

Regione, Abbruzzese: “Legge su ostelli incentiva il turismo giovanile e sociale”

Di admin

“La proposta di legge sul sistema degli ostelli della gioventù, approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale del Lazio, va ad integrare la legge n. 13 del 6 agosto 2007, quella sull’organizzazione del sistema turistico laziale. Da oggi, grazie a questa decisione, possiamo affermare di aver inserito nel testo di legge già in vigore un elemento migliorativo e particolarmente significativo perché darà la possibilità di creare ostelli della gioventù che saranno gestiti in forma diretta o indiretta da enti pubblici, di carattere morale o religioso e da associazioni operanti, senza scopo di lucro, nel campo del turismo giovanile e sociale”. Lo riferisce in una nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

“Questa forma di turismo – ha sottolineato Abbruzzese – rappresenta nella nostra regione una parte rilevante del settore. E’ giusto quindi incentivare l’apertura di nuovi ostelli che possano dare un servizio utile per tanti giovani che spesso per motivi di studio, o più semplicemente per poter trascorrere una vacanza, soggiornano nella nostra regione, offrendo loro servizi di eccellenza, ma soprattutto a prezzi ridotti. Un plauso per il lavoro svolto va sia all’assessore regionale al Turismo, Stefano Zappalà, che ai componenti della Commissione consiliare Sviluppo economico, ricerca e innovazione, turismo, presieduta da Giancarlo Miele.

L’attenzione che questo governo sta dimostrando per risollevare le sorti del turismo nel Lazio è inconfutabile. E’ con strumenti validi come quello messo a punto oggi che si costruisce una regione all’avanguardia e si predispongono anche quegli strumenti utili per sostenere i tanti settori produttivi della nostra regione”.