Missili sulla Libia, primi attacchi mentre la coalizione anti Gheddafi perfeziona la macchina bellica

19 marzo 2011 0 Di redazione

Quasi fosse stato una dichiarazione di guerra, quella pronunciata nel discorso del presidente francese Sarkozy, oggi pomeriggio, ha dato il via pochi minuti dopo al primo attacco aereo. Il primo obiettivo è stato un carro armato alle 17.45 ma gli attacchi a mezzi militari si sono ripetuti con l’ausilio di circa 20 velivoli, tutti francesi. Intanto anche una portaerei a Propulsione atomica lascerà il porto di Tolone per raggiungere le aree di guerra. Intanto la base Nato di Napoli è stata individuata quale centro di coordinamento delle operazioni militari in Libia. Si teme per possibili attacchi che la Libia potrebbe tentare nei confronti dei Paesi più vicini, tra questi proprio l’Italia. Da informazioni militari non risulta però che il regime di Gheddafi disponga di armamenti tali da poter colpire il territorio nazionale.