Rissa tra indiani, sette uomini in manette

14 marzo 2011 0 Di redazione

Alle ore 16.50 di ieri, domenica 13, in Sant’Eusanio del Sangro alcuni utenti avevano segnalato una rissa in atto. Quando i carabinieri sono giunti sul posto, hanno potuto verificare che 7 persone erano effettivamente coinvolte in una violenta colluttazione, nel corso della quale si erano reciprocamente procurati lesioni e contusioni, e per uno di loro si era reso addirittura necessario il trasporto presso il Pronto Soccorso. I carabinieri intervenuti, dopo aver sedato la rissa, hanno sottratto e posto sotto sequestro ai soggetti due bastoni in legno ed una mazza di acciaio, utilizzati per percuotersi e, dopo le formalità di rito, tutti sono stati tratti in arresto per rissa aggravata, ai sensi dell’art. 588/2° c.p., dai militari della Stazione di Castel Frentano.
Gli uomini sono tutti di origine indiana ma residenti in provincia e sono:
SING Jobhbir, classe 86, residente a Casoli, SINGH Ranjit, classe 82, residente a Casoli, SINGH Sandeep, classe 86, residente a Casoli, SINGH Gurcharanjit, classe 91, residente a Casoli, SINGH Dalwinder, classe 79, residente a Casoli, SINGH Jaswant, classe 70, residente a Sant’Eusanio del Sangro, SINGH Gurwinder, classe 79, residente a Sant’Eusanio del Sangro.
Nonostante ogni possibile tentativo, non è stato possibile ricostruire nel dettaglio i motivi da cui sarebbe scaturita la rissa, anche in virtù di un forte atteggiamento omertoso. Pare, però, che i sette si fossero incontrati per trascorrere una domenica pomeriggio a passeggio, ma che sotto covassero dei rancori a causa di un ciclomotore per il quale non era stata saldata la cessione e che da una parola che tira l’altra, si sia presto finiti ad alzare mani e bastoni. Di sicuro, comunque, non sussistono ragioni che coinvolgano la comunità locale.
Il giudizio direttissimo si terrà domani, martedì, presso il Tribunale di Lanciano.