Una montagna di ore di straordinario per i due vigili urbani di Pignataro pagate con circa 60 mila euro l’anno. L’opposizione attacca

25 marzo 2011 0 Di redazione

Stipendi invidiabili quelli dei due vigili urbani di Piganataro Interamna contro cui, da tempo, si è scagliato il gruppo di opposizione consiliare “Forum per Pignataro”. Oltre allo stipendio ordinario, i due possono contare anche su un pagamento di lavoro straordinario che arriva anche a superare i 3 mila euro mensili. Autovelox, vigilanza notturna dalle 22 all’1, dieci ore di lavoro fisso al giorno. Tanto lavoro per i due vigili urbani, ma anche una spesa enorme per il Comune che si aggira intorno ai 60 mila euro l’anno solamente per pagare loro gli straordinari. La cittadina conta circa 2.600 abitanti e dal 2005 l’amministrazione comunale ha dichiarato il dissesto finanziario per il quale sono state licenziate ben 11 dipendenti. “E’ una storia, quella delle ore di straordinario dei due vigili urbani – dichiara il consigliere Marcello Cavaliere, capogruppo di Forum per Pignataro” – che va avanti dal 2008 e fino ad oggi è costata all’amministrazione circa 150 mila euro senza considerare, ovviamente, il regolare stipendio pagato loro. Altri 60 mila euro sono preventivati per il 2011. Oltretutto, proprio ieri mattina il comune ha dato incarico ad una società per l’elaborazione dei verbali dell’autovelox ad un costo di 3,5 euro a verbale sostenendo che i vigili sono oberati di lavoro per poter svolgere anche questa attività. Chiediamo che venga fatta luce su questa situazione che sembra andare al di la delle norme e contro anche il buon senso della spesa pubblica. Con questi soldi, se vero che serve così tanto impegno lavorativo, si poteva pensare di fare assunzioni part time o altrimenti, realizzare opere pubbliche senza contrarre mutui. Avevamo proposto, in Consiglio Comunale, – conclude Cavaliere – di finalizzare quei soldi per abbassare la Tarsu e far risparmiare 150 mila euro alla cittadinanza. Siamo stati derisi”.