Mese: aprile 2011

30 aprile 2011 0

Antimafia, Sacchetti (Silp Cgil): “Mancata adesione al protocollo sulla legalità è atto gravissimo dei Comuni”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dichiarazione del Segretario Generale del SILP per la CGIL, Mario Sacchetti “La mancata adesione al “Protocollo di legalità” dei sindaci dei 91 comuni della provincia, lamentata dalla Prefettura, rappresenta un atto gravissimo degli amministratori ciociari, che, nonostante l’evidente presenza delle mafie confermata dai risultati delle inchieste, non si adoperano per rendere il più trasparente possibile il meccanismo degli appalti. E’ assurdo non sottoscrivere il protocollo, perché significa rimanere insensibili di fronte ad un rischio gravissimo, ossia, che la criminalità organizzata, in ogni sua spregevole forma, inquini l’economia dei territori, soffocando l’imprenditoria sana della Ciociaria. Ormai non ci si può più nascondere dietro ad un dito, i fatti parlano chiaro; anche Frosinone è una zona infiltrata ed è per questo che bisogna responsabilmente combattere il cancro mafioso. Non c’è dubbio che una parte consistente di questa partita la giochino le forze di polizia, ma è da sconsiderati pensare che tutta l’attività di contrasto ricada su di loro. Gli amministratori pubblici hanno grandi responsabilità e non è vero che non esistano strumenti adeguati per capire quando un’impresa è pulita e quando non lo è. Segnalare le situazioni poco chiare deve essere un dovere, un obbligo morale per chi ha la responsabilità e l’onore, di guidare un comune, una provincia, una regione o un qualsiasi ufficio della pubblica amministrazione. Non può esserci sviluppo economico/sociale con le mafie e pensare di creare lavoro attraverso imprese controllate dalla criminalità, significa distruggere il futuro dei giovani, significa abdicare all’illegalità. L’alto valore simbolico della non obbligatorietà della firma del “Protocollo di legalità” rappresenta un’ulteriore macchia per tutti coloro i quali non hanno ancora aderito e, tale omissione, non deve e non può passare inosservata nel momento in cui i cittadini si apprestano a votare per il rinnovo dei consigli comunali. La legalità è un valore assoluto in uno stato democratico, è la base su cui si fonda la convivenza civile ed in un momento difficile, come quello attuale, il rispetto della regole assume un’importanza assoluta. L’auspicio è che, al più presto, ancorché sollecitate, giungano le firme sotto il “Protocollo di legalità” che, pur non rappresentando la soluzione definitiva, sarebbero un grande passo in avanti, un gesto concreto ed altamente simbolico contro le mafie in questa provincia. Come sindacato di polizia continuiamo a chiedere il potenziamento delle risorse a disposizione degli uffici investigativi, ma nello stesso tempo, anche come cittadini di questa provincia, chiediamo agli amministratori di porre al primo posto del loro impegno la legalità, per il lavoro e per il futuro di questa provincia.”

30 aprile 2011 0

Maltempo in arrivo sulle isole maggiori e sulle regioni del sud

Di admin

Il transito sull’Italia di un sistema perturbato proveniente dall’Europa settentrionale favorirà, tra domani e sabato, una fase di maltempo sulle regioni centro-meridionali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse, che prevede dalla mattinata di domani, venerdì 15 aprile 2011, precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale localmente di forte intensità, che interesseranno dapprima la Sardegna, per estendersi poi dal pomeriggio a Sicilia e Calabria e nella serata alle restanti regioni meridionali. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da attività elettrica e raffiche di vento.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

30 aprile 2011 0

Iris Volante: “Tutto il territorio deve essere trattato allo stesso modo”

Di admin

“Questa riunione è l’immagine e il messaggio preciso che vogliano trasmettere al cittadino, cioè: non ci sono zone di serie A e di serie B. Tutto il territorio deve essere trattato allo stesso modo”. E’ quanto ha ribadito Iris Volante, candidato a sindaco nel corso dell’incontro organizzato presso l’Iris Garden, al quale ha partecipato l’on. Anna Teresa Formisano. Ospite d’onore della riunione il Commissario straordinario dell’Ater Enzo Di Stefano, il quale ha incontrato ed ascoltato una rappresentanza di cittadini, locatori di alloggi di edilizia popolare. Tanti i problemi denunciati dai residenti nei quartieri popolari. I maggiori disagi si registrano al quartiere San Bartolomeo, ex Unrra, di via Garigliano e via Volturno. I residenti del posto hanno sottolineato: “Siamo stati inseriti nel libro dei morti”. “Noi vogliamo risolvere i problemi e quando c’è concordia tra l’Amministrazione e gli Enti i problemi si possono risolvere” – ha rimarcato Iris Volante. “E’ la prima volta che avete la possibilità di partecipare ad un incontro ravvicinato con il Commissario. Io sarò tramite ed interprete dei vostri problemi nella maniera più diretta” – ha concluso Iris Volante. “”Prima di decidere cosa fare è opportuno ascoltare dalla voce dei diretti interessati le problematiche che affliggono i quartieri popolari della città” – ha detto l’on. Anna Teresa Formisano. “Il quartiere San Bartolomeo non è un ghetto ma una parte importante della città. Necessità di una serie di interventi di riqualificazione urbana, come: la creazione di centri di aggregazione sociale e più verde pubblico”. Nell’annunciare la nascita di tre punti di info point a Cassino, Sora e Frosinone e la creazione di punti di aggregazione nei luoghi abbandonati da anni, il Commissario Enzo Di Stefano ha sottolineato: “A Cassino c’è un gran da fare. Per il rispetto che ho verso le istituzioni attenderò la nuova amministrazione per interloquire con essa e decidere le scelte prioritari”. E in merito ai disagi che affliggono il quartiere San Bartolomeo, ha rassicurato i residenti che approfondirà le varie problematiche e il motivo perché gli interventi che rientrano nella manutenzione ordinaria non sono stati ancora effettuati”. Ha poi invitato tutti i cittadini a rivolgersi all’Ater “dove potete interloquire direttamente con me per qualunque difficoltà.”

30 aprile 2011 0

Sanità, Roccatani (Ugl): “Chiusura dell’ospedale di Ceccano è atto irrazionale”

Di admin

Dai sindacati della sanità riceviamo e pubblichiamo: Le scriventi OO.SS. CGIL, CISL, UGL, denunciano la manifesta irrazionalità gestionale dell’U.O. SPDC di Ceccano. Risulta, infatti, che la Direzione Aziendale abbia disposto la chiusura di detta U.O. senza che presso il nuovo ospedale di Frosinone sia possibile garantire il contestuale trasferimento del servizio, quindi dei pazienti ricoverati e del personale addetto all’assistenza. Desta incomprensione e stupore l’assurdità di tale scelta che ha determinato disagio ai pazienti ricoverati, poiché costretti ad una quantomeno singolare guarigione immediata, e l’impossibilità di assicurare le dovute cure agli eventuali malati psichiatrici. Tutto ciò, senza tenere conto che da Pontecorvo (a breve da Cassino) fino al confine del Nord della Provincia di Frosinone, non esistono punti di riferimento per il tipo di patologia. È inoltre da sottolineare che le attuali UU.OO. di Pontecorvo e di Sora, sono del tutto insufficienti a soddisfare la richiesta dell’utenza, poiché l’esiguo numero di posti letto non esaudisce le aspettative, ed i pazienti sono costretti ad emigrare finanche in altre regioni. C’è da includere il conseguente ed inevitabile disagio dei familiari che già angosciati da problemi esistenziali, debbono farsi carico anche dei repentini viaggi obbligati, con l’aggravio di spesa sullo spesso misero bilancio familiare. Per di più, in tale contesto il personale sanitario dell’SPDC disattivato, “spacchettati come pacchi postali”, l’azienda dispone di assegnarlo nell’ambito del DSM, mettendo in difficoltà l’assetto organizzativo del servizio destinatario, sminuendo e mortificando la professionalità degli operatori dell’SPDC, acquisita con anni di esperienza nell’attività specifica del servizio. Queste OO.SS, CGIL CISL, UGL, poiché a dire dell’azienda, la soluzione sarebbe eccezionale e temporanea, limitatamente al compimento dei lavori edili della struttura che dovrà ospitare l’SPDC, confermano l’insensata e irrazionale scelta aziendale. Prendono atto altresì dell’irremovibile decisione di smistamento dei dipendenti, ed in virtù della nota e cronica carenza di personale all’interno dei reparti ospedalieri, che si manifesta al limite del collasso attività, ritengono essenziale, ad eccezione delle unità necessarie a garantire l’emergenza psichiatrica in Pronto Soccorso, assegnare il personale nel rispetto delle funzioni in ambito ospedaliero per tamponare la reale emergenza sanitaria. Quanto sopra riafferma ancora una volta il pressapochismo dell’operato di alcuni responsabili dei servizi che penalizzano l’utenzA.

30 aprile 2011 0

Cotral, Montino: “Cda tecnico conferma mancanza motivazioni per rimozione ex amministratori”

Di admin

Dall’Ufficio stampa PD al Consiglio regionale del Lazio riceviamo e pubblichiamo una dichiarazione del Capogruppo Pd Esterino Montino: Mi auguro che il cambio al vertice del Cotral non serva soltanto a liberare incarichi e poltrone prima di quella che doveva essere la naturale scadenza del Consiglio di amministrazione. La soluzione adottata con l’accordo dei soci per uscire dall’impasse evidenzia in modo lampante che non c’erano motivazioni valide e fondate per procedere alla rimozione forzata del Consiglio d’Amministrazione. Ora credo che sia necessario e urgente continuare l’opera di risanamento che proprio il precedente Cda è riuscita a portare avanti fino ad oggi riuscendo a riportare in ordine i conti del Cotral. Da tempo la mancata erogazione di oltre 400 milioni di euro è una spada di Damocle sulle sorti dell’azienda e dei suoi dipendenti. Mi auguro per il bene dell’azienda e dei milioni di cittadini che ne utilizzano i mezzi che ora la Regione sblocchi i fondi e assicuri la governabilità.

30 aprile 2011 0

Causa pioggia, il comizio di “insieme per Ceprano” slitta di un giorno

Di admin

Sabato sera di pioggia a Ceprano. Per i tanti sostenitori di Paolo Castaldi non c’era spazio sotto i portici della piazza. Per questo motivo, il comitato elettorale della lista “Insieme per Ceprano” ha deciso di spostare il comizio di sabato sera a domenica, ore 19. Oltre ai candidati, interverrà il consigliere regionale Franco Fiorito.

30 aprile 2011 0

Finanziamento all’asilo nido, Iris Volante: “Grazie, assessore Forte”

Di admin

“Un ringraziamento particolare lo rivolgo all’Assessore regionale ai Servizi sociali Aldo Forte, il quale ha stanziato 47 mila euro per l’Asilo Nido di Cassino”. A parlare è Iris Volante, candidato a sindaco di Cassino. “Il nuovo stanziamento dimostra la sensibilità che l’assessore Forte ha nei confronti della nostra città. L’iniziativa sottolinea anche l’intesa che c’è nel nostro partito l’UDC. Un grazie di cuore all’assessore Forte per aver inserito il Comune di Cassino nell’elenco delle amministrazioni da finanziare. Il potenziamento degli asili nido è uno degli argomenti cardini del mio programma elettorale, che ha come punta di diamante proprio i Servizi Sociali. Ribadisco il mio grazie all’assessore Forte che il prossimo 5 maggio alle ore 20.30 sarà a Cassino presso l’Iris Garden per approfondire con le associazioni di volontariato le varie tematiche e problematiche”.

30 aprile 2011 0

Schianto sulla Trignina, muore un veterinario molisano

Di redazione

Ha perso la vita mentre tornava a casa dopo il lavoro. Lo schianto è avvenuto, probabilmente causato dalla pioggia, sulla fondovalle Trignina nel territorio di Celenza sul Trigno (Ch). La vittima dell’incidente stradale che si è verificato oggi pomeriggio poco prima delle 15, è V.T. 57 anni, veterinario di Tivento (Cb). L’auto che guidava, una Ford Fiesta, ha impattato violentemente contro una Nissan Micra guidata da una donna. I vigili del fuoco di Vasto hanno estratto il corpo ormai esanime del veterinario e quello ferito gravmnte della donna che è stata trasportata nell’ospedale San Pio da Pietralcina.

30 aprile 2011 0

Primo Maggio, De Angelis (Pd): “Il lavoro per unire il Paese”

Di admin

“Il lavoro per unire il Paese. Lo slogan per la Festa del 1° Maggio del 2011 scelto da CIGL, CISL e UIL non poteva essere migliore”. Così ha esordito l’europarlamentare Francesco De Angelis nel commentare la Festa dei Lavoratori che quest’anno vede la manifestazione nazionale svolgersi a Marsala (Trapani), teatro dello Sbarco dei Mille, vista la ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. “Il primo Maggio è un giorno di festa per tutti i lavoratori – prosegue De Angelis – ma è anche un giorno di riflessione. Quest’anno questa data assume un duplice significato, visto il 150° anniversario dell’Unità d’Italia: ai temi del lavoro, del welfare, del precariato e dei diritti si aggiunge quello dell’unità nazionale, temi di cui si avverte la necessità di rimettere al centro dell’agenda politica del nostro Paese. In Italia, ed in particolare nella nostra Regione e provincia, il lavoro deve essere la priorità di un territorio duramente colpito dalla crisi. Richiamare i valori del lavoro e rilanciare la lotta contro il precariato è anche un modo per superare le contrapposizioni tra generazioni e tra Nord e Sud. Infine, un pensiero profondo va ai movimenti e alle organizzazioni dei lavoratori che con tenacia, tra la fine dell’Ottocento ed i primi del Novecento, si sono battute per questo importante riconoscimento della Festa del Primo Maggio. Ricordando il passato, si può costruire un futuro migliore: non dobbiamo dimenticare chi ha perso la vita per conquistare questo diritto”. L’europarlamentare Francesco De Angelis parteciperà allo storico corteo organizzato da CIGL, CISL e UIL ad Isola del Liri, Domenica 1 Maggio alle ore 9,00.

30 aprile 2011 1

Calciomercato Juve: nel mirino bianconero il bomber Aguero dell’Atletico Madrid

Di redazionecassino1

Sergio Aguero rimane il primo nome della lista degli obiettivi di mercato della Juventus, che dovrebbe poter puntare su un budget di 100 milioni messo a disposizione dalla dirigenza. L’argentino dell’Atletico Madrid, valutato 30 milioni, è stato dichiarato incedibile dal presidente del club spagnolo Gil, ma il ds bianconero Marotta potrebbe sfruttare nella trattativa Tiago, che al momento i “colchoneros” non paiono peraltro interessati  a riscattare. Le altre piste battute dai torinesi. Per il centravanti del Real Madrid Karim Benzema, stimato in 30 milioni. I bianconeri, però,  guardano anche a Carlos Tevez del Manchester City, seguito però anche dall’Inter: a sfavore dell’argentino c’è però l’ingaggio di 7 milioni, fuori dagli standard juventini. I bianconeri, intanto,  sono attesi lunedì sera dalla delicata trasferta a Roma con la Lazio.