Giorno: 5 aprile 2011

5 aprile 2011 0

Medicina della riproduzione, a Chieti corso gratuito per medici e ostetriche

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Le problematiche cliniche e psicologiche dell’infertilità di coppia; le tecniche all’avanguardia per la riproduzione assistita; come preservare la fertilità femminile e in età pediatrica: sono alcuni degli «Argomenti di medicina della riproduzione» che saranno illustrati nel corso di formazione gratuito per medici e ostetriche in programma venerdì prossimo, 8 aprile, dalle ore 8.30 presso la Sala Convegni dell’Ospedale «SS. Annunziata» di Chieti.

L’iniziativa è promossa dal Centro di Medicina della Riproduzione dell’Ospedale di Chieti, diretto dal professor Gian Mario Tiboni, unità operativa di eccellenza che in tredici anni di attività ha favorito la nascita di oltre 1.100 bambini.

Il corso è riservato a un massimo di 100 medici specialisti in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia, Urologia e Medicina Generale e di 50 ostetriche. Segreteria scientifica: tel. 0871.540034 (locandina e brochure su www.asl2abruzzo.it). Tra i relatori è attesa anche la presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale d’Abruzzo, Nicoletta Verì.

5 aprile 2011 0

Carcere di Frosinone: detenuti senza assistenza odontoiatrica da tre mesi

Di redazionecassino1

«Da più di tre mesi, oltre 500 detenuti del carcere di Frosinone privi di assistenza per le malattie della bocca a causa della chiusura del gabinetto odontoiatrico dell’istituto». Lo denuncia in una nota il Garante dei detenuti della Regione Lazio Angiolo Marroni. «Più volte in questi mesi – ha detto Marroni – abbiamo segnalato lo stato in cui si trovava il gabinetto odontoiatrico di Frosinone anche alla Direzione Generale della Asl, ma non siamo riusciti ad ottenere nulla. Ciò vuol dire che, nell’attesa che le istituzioni decidano il da farsi, in carcere è sospesa l’attività di cura e di estrazione dei denti e di prevenzione delle malattie del cavo orale, e chi ha dei problemi è costretto ad arrangiarsi con antidolorifici ed antibiotici, che come sappiamo, possono causare l’insorgere di altre patologie». «Quello di Frosinone può essere definito un carcere di passaggio – spiega la nota del garante – con un nuovo padiglione in costruzione per altri 200/300 posti, a metà strada fra Roma e Napoli, con problemi di sovraffollamento (dovrebbe contenere 325 detenuti, ne ospita 524) con un’alta percentuale di tossicodipendenti con problemi di malattie alla bocca. Infatti, molti di loro non riescono a mangiare e, in attesa di cure che non arrivano, devono gestire dolore e infezioni con rimedi improvvisati (impacchi, acqua fredda, atti di autolesionismo). In queste settimane sono numerosi i casi di reclusi che, chiesta la visita medica per problemi ai denti, si sentono rispondere che le cure sono sospese perché la poltrona odontoiatrica non funziona. Mentre a color che chiedono di essere curati a loro spese viene risposto che non è possibile a causa della rottura della poltrona odontoiatrica, che non consente ai dentisti di intervenire». «Quello registrato a Frosinone – ha detto il Garante dei detenuti Angiolo Marroni – non è un problema di poco conto, considerando che le malattie del cavo orale, spesso associate alla scarsa igiene e ad una alimentazione non corretta, sono al terzo posto fra le più diffuse tra i detenuti dopo le patologie del cuore e quelle dell’apparato respiratorio, al punto da influenzare pesantemente la qualità della loro vita. Se il dolore è un evento acuto importante non si può trascurare anche l’aspetto temporale legato alla lunga attesa di un intervento medico e ai danni che tale attesa comporta alla salute in genere»

5 aprile 2011 0

Litiga con la mamma e la prende a bastonate

Di redazione

Ha preso a bastonate la madre in seguito ad un furibondo litigio. Si tratta di un 35enne di Colfelice che, nel primo pomeriggio di oggi è stato tratto in arresto dai carabinieri di Pontecorvo. A lanciare l’allarme è stata la donna ferita che ha chiesto soccorso ai militari e ad una ambulanza del 118. Non si conoscono i motivi del litigio fatto sta che l’uomo è stato portato via dai militari mentre la donna è stata trasportta in ospedale a Pontecorvo.

5 aprile 2011 0

Coldiretti Latina, per la batteriosi del kiwi domani importante riunione

Di admin

Importante appuntamento domani, mercoledì 6 aprile 2011, con inizio alle ore 10.00, a Latina, presso l’agriturismo “Oasi Serena”, in via Macchia Grande 117, a Borgo Bainsizza, organizzato dalla Coldiretti pontina per fare il punto sull’annoso problema della batteriosi del kiwi. “Si tratta – ha detto il direttore di Coldiretti Latina, Saverio Viola, di un appuntamento che porrà in essere un serrato confronto con esponenti della politica regionale, dirigenti della Regione Lazio e del mondo della ricerca”. Oltre ai massimi vertici della Coldiretti pontina, con a capo il presidente provinciale, Daniela Santori, saranno presenti il presidente regionale di Coldiretti Lazio, Massimo Gargano, ed il direttore regionale Coldiretti Lazio, Aldo Mattia, che coordinerà i lavori. La Coldiretti pontina grazie all’imponente mobilitazione dei mesi scorsi ha ottenuto una Legge Regionale sulle fitopatie che ha voluto con vigore e forza impostando, insieme ai tecnici, anche le linee di indirizzo di un provvedimento atteso e davvero importante per dare nuovo slancio e uno scenario di fiducia al settore. “Ora, però – sottolinea Viola – è indispensabile, unitamente alla Regione Lazio, uno sforzo ulteriore per reperire i fondi nazionali e regionali necessari a superare questa grave emergenza”. E’ appena il caso di ricordare che la produzione di kiwi della provincia di Latina rappresenta ben il 24 % di quella mondiale, caratterizzandosi (sommata a quella delle province di Roma e Viterbo) quale unico prodotto di cui la Regione Lazio può vantare un deciso primato a livello nazionale. A Cisterna di Latina, ovvero una delle cittadine dove è piu’ presente la rappresentanza imprenditoriale del frutto, insistono 2000 ettari coltivati, 1750 di kiwi verde e 250 di kiwi giallo; 60.000 le tonnellate prodotte su 96.000 dell’intero Lazio; 2000 sono le aziende presenti sul territorio con un totale di circa 20.000 persone impiegate.”Numeri importanti – ha concluso Viola – che meritano un’attenzione particolare e rispetto nelle scelte e nei tempi di soluzione della grave crisi oltre che ad una riflessione comune scevra da condizionamenti ed in grado di offrire risposte concrete in tempi certi”.

5 aprile 2011 0

Coltivava marijuana in casa, arrestato 24enne

Di admin

Ancora una operazione di servizio portata a termine dai carabinieri della compagnia di Giulianova. Questa volta nella rete della giustizia è finito Giudice Marco, 24enne della provincia di Milano ma da qualche tempo domiciliato a Roseto degli Abruzzi, incensurato. Nel corso di attività info-investigativa i militari della Stazione di Roseto degli Abruzzi effettuavano una perquisizione domiciliare d’iniziativa presso l’abitazione del giovane, rinvenendo nr. 4 piante di marijuana dell’altezza di circa 60 cm, attrezzatura per la coltivazione delle stesse, nr. 1 bilancino di precisione, nr. 3 involucri contenenti circa 10 grammi di marijuana, 250 grammi circa di foglie di marijuana in essiccazione nonché materiale per il confezionamento, il tutto sottoposto a sequestro. Il giovane, arrestato con l’accusa di detenzione al fine di spaccio di stupefacente, dopo le formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Teramoin attesa dell’udienza di convalida.

5 aprile 2011 0

Protezione Civile, firmato memorandum tra Italia e Montenegro

Di admin

Scambio di informazioni tecniche-scientifiche, di docenti e di personale esperto. Sviluppo di progetti e strategie finalizzate alla riduzione dei rischi. Definizione di procedure comuni di allertamento e di intervento in emergenza per fronteggiare disastri naturali o provocati dall’uomo. Organizzazione di corsi, seminari e workshop sui temi di protezione civile.

Sono questi i punti centrali del Memorandum firmato oggi, presso la sede del Dipartimento della Protezione civile, dal Capo del Dipartimento, Franco Gabrielli, e dal Vice Ministro degli Affari Interni del Montenegro, Zoran Begović.

Obiettivo di questo impegno, che avrà una durata di cinque anni, è costruire una collaborazione operativa nei campi della previsione, prevenzione e risposta ai rischi naturali e antropici. Per questo verrà costituito un gruppo di lavoro composto da funzionari di protezione civile dei due Paesi che dovrà promuovere e coordinare le attività stabilite dall’applicazione del Memorandum.

5 aprile 2011 0

“Nel segno di Valcento” sabato 9 aprile a Fiuggi

Di admin

Sabato 9 aprile alle ore 17.00 nell’aula consiliare del comune di Fiuggi, con il patrocinio del Comune di Fiuggi e organizzato da Promedia e FiuggiTv, nell’evento culturale dedicato ai templari sarà presentato il libro “Nel segno di Valcento” di Giancarlo Pavat. Il programma prevede una rievocazione storica in costume nella piazza antistante, a cura delle associazioni “Art and passion” e “I Templari di San Parteniano di Ceprano”. Oltre all’autore Giancarlo Pavat, interverranno il prof. Giuseppe Fort, archeolgo medievista, la dottoressa Alessandra Leo, storica dell’arte ed il prof. Giorgio Koch, docente universitario e proprietario della tenuta di San Lorenzo di Fiugg, il quale per la prima volta parlerà in pubblico della sua tenuta di San Lorenzo costruita sui resti di un monastero Templare, di cui si parla, tra l’altro anche nel libro “Nel segno di Valcento”.

5 aprile 2011 0

San Pietro Infine incontra la Moldova

Di admin

Un’amicizia che sarà cemento per relazioni che affondano le radici nella storia e protendono i loro rami verso un futuro, forse per la 28ma stelletta dell’Unione Europea: questo il senso del recente incontro che si è tenuto a San Pietro Infine, dove il paese dell’Alta Terra di lavoro-Cassinate ha “incontrato la Moldova”. Il summit è avvenuto nel solco della Seconda giornata dei popoli e delle culture ed ha visto la straordinaria partecipazione di Sua Eccellenza Gheorghe Rusnac, Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia, accolto in una raggiante domenica primaverile dal sindaco Fabio Vecchiarino, dall’amministrazione comunale e, in virtù di una consolidata partnership, dall’avvocato Vittorio Giorgi, presidente dell’Unione delle Regioni Storiche europee e dal professor Giangabriele Borrelli, delegato dal Rettore della Libera facoltà di Scienze Turistiche, Pietro Farina. L’evento è stato infatti copatrocinato proprio, oltre che dal Comune di san Pietro, dall’Ambasciata di Moldova in terra italica e dall’Urse. Nella sala convegni del Palazzo Municipale, i saluti di questi protagonisti di calibro hanno saputo trovare in maniera quasi fisiologica il trait d’union fra l’ex Repubblica annessa all’Urss ed affrancatasi nel 1991 come libera democrazia parlamentare monocamerale e quei centri del suolo italiano dove lo scambio culturale è agevolato, produttivo e non solo legato all’enfasi di un momento celebrativo. La Moldova infatti, antica Dacia fin da prima dell’epoca superespansionistica dell’imperatore Traiano, come la vicina Romania, ha origini, tradizioni e battage linguistico latini, è terra più di vini vellutati (ottimi) che di asprigne e quasi medicinali vodke. Gli interventi che si sono susseguiti di fronte ad un qualificato e folto pubblico sono stati, a seguire: della infaticabile dottoressa Victoria Chitii, Primo Segretario presso l’Ambasciata Moldava a Roma, che aveva curato il preludio dell’incontro con Ludmilla Posiletcaia, dell’Ufficio Consolare, di Jolanda Capriglione, Presidente del club Unesco di Caserta, di Felicio Corvese, Presidente del Centro Studi “Francesco Daniele”, di Enzo Siciliano, Editore Profili Italia e Profili dell’Est, nonché consigliere Urse, di Tatiana Ciobanu, dell’Associazione di promozione culturale Dacia, di Liliana Verlan, Primo Segretario dell’Ambasciata e di Giancarlo Mignozzi, Presidente dell’Associazione Intesa fra i popoli. Nello spirito di una fratellanza che ha superato ogni stereotipo, alla parte “parlata” e protocollare del summit è seguita una coda di meravigliosa impronta carnascialesca e folkloristica, presso lo splendido resort “La Terrazza sulla Storia”, dove, in presenza dell’Ambasciatore, dello staff diplomatico e dello stesso Console, si sono alternati degustazioni di vini, assaggi di prodotti culinari tipici della repubblica mesocarpatica e l’immancabile e fascinosa visita al Parco-Fondazione della Memoria Storica ed allo splendido Museo Multimediale ideato da Carlo Rambaldi e “sceneggiato”, in senso letterale, dal regista John Houston, capitano di fanteria in quel tremendo dicembre del ’43, quando San Pietro conobbe il suo martirio bellico totale. Ambasciatore e Sindaco hanno entrambi espresso la volontà di proseguire il percorso che, passando dalla solare coniugazione del verbo integrare, spiega poi le ali nella declinazione della salvifica parola cooperazione. Un auspicio per un paese che ha rotto i ponti col totalitarismo pagando col sangue la sua sete d’Europa”.

5 aprile 2011 0

Aidaa chiede etichette trasparenti per prodotti per animali e farmaci

Di admin

Obbligo di elencare sull’etichetta tutti gli ingredienti contenuti nel cibo per animali e obbligo di indicare sulle etichette dei farmaci (compresi quelli da banco) se gli stessi sono o meno stati testati sugli animali. Questa la nuova battaglia dell’associazione italiana difesa animali ed ambiente – AIDAA che chiede nuove regole per quanto riguarda gli elenchi degli ingredienti contenuti nelle confezioni di cibo per animali dove troppo spesso le indicazioni degli ingredienti sono troppo generiche e non permettono di individuare quali ingredienti si nascondono dietro la dicitura “carne e derivati” o dietro la dicitura “con farina animale” diciture queste presenti nella maggior parte delle etichette dei prodotti per animali, specialmente in quelli a basso costo in vendita nelle grandi catene di distribuzione. Secondo gli animalisti di AIDAA proprio per tutelare la salute degli animali e per meglio informare i consumatori diventa indispensabile una forte operazione trasparenza per quanto riguarda gli elenchi degli ingredienti in modo da rendere chiara e consapevole la scelta dei prodotti da parte dei padroni degli animali, ma anche per evitare che tra le pieghe di diciture generiche si nascondano in realtà farine animali o altri prodotti che possono nuocere a volte anche gravemente alla salute dei nostri amici a quattro zampe. La seconda richiesta che verrà avanzata al sottosegretario alla salute Francesca Martini è quella di introdurre la norma obbligatoria di segnalare sulle scatole e le etichette dei prodotti farmaceutici compresi quelli da banco se si tratta di prodotti testati o meno sugli animali questa dicitura porterebbe il consumatore a scegliere il farmaco (specialmente quelli da banco in vendita senza ricetta) tenendo conto sapendo preventivamente se per testare quel prodotto sono stati effettuati esperimenti (e torture) a danno degli animali. “Le nostre sono due proposte semplici che vanno in direzione del buon senso e del diritto alla salute degli animali e del consumo consapevole per gli acquirenti – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA – fare chiarezza sugli ingredienti dei prodotti alimentari per i nostri amici a quattro zampe è fondamentale per sapere cosa diamo da mangiare a fido e micio. Il rischio che le etichette generiche nascondano dei prodotti sofisticati o ancora peggio dannosi alla salute dei pelosi è dietro l’angolo. La seconda proposta è assolutamente in linea con le battaglie contro la vivisezione. Sapere se un prodotto specialmente quelli da banco è testato o meno su animali può essere fondamentale nella scelta dell’acquirente – conclude Croce – ed in presenza di alternative a parità di efficacia crediamo giusto che il paziente possa chiedere al proprio medico la prescrizione di un farmaco non testato su animali facendo una scelta consapevole”.

5 aprile 2011 0

Il Coro Josquin Des Pres all’Ara Coeli nel Requiem di Mozart per L’Aquila

Di admin

Il Coro Josquin Des Pres diretto da Mauro Gizzi canterà mercoledì 6 aprile, alle ore 21, nella Basilica dell’Ara Coeli in Campidoglio di Roma nel Requiem di Mozart dedicato a L’Aquila, nel II anniversario del terremoto. La musica ricorderà le vittime e servirà a dare nuova forza all’opera di ricostruzione. L’iniziativa è stata presa dal Comune di Roma, dal Presidente del Consiglio Regionale d’Abruzzo e dalla Cassa di Risparmio della provincia dell’Aquila, sotto l’alto patronato del Sovrano Militare Ordine di Malta , dell’Ambasciata d’Austria e di quella del regno di Giordania, con il coordinamento degli Ordini Dinastici della Real casa di Savoia. Ad eseguire il Requiem del grande compositore austriaco, nella stupenda chiesa dell’Ara Coeli al Campidoglio, sarà appunto il Coro del Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres, insieme al Coro dell’Arcum di Roma, alla Cappella Musicale Costantina e al Coro Città di Roma, accompagnati dall’Orchestra Barocca Marco Dall’Aquila, voci soliste Lucia Vaccari, Federica Carnevale, Vincenzo di Betta, Nejat Isik Belen. La direzione è affidata a Jacopo Sipari di Pescasseroli, mentre la direzione artistica dell’evento è curata da Riccardo Tordera Ricchi. Madrina della serata sarà la principessa Maria Pia Ruspoli, mentre è prevista la partecipazione straordinaria di Piera Degli Esposti. Oltre che dal Comune di Roma, l’evento è patrocinato da Comune dell’Aquila, Comune di Pescasseroli, Provincia di Roma, Provincia dell’Aquila, Regione Lazio, Regione Abruzzo, Arcidiocesi dell’Aquila, Sovrano Militare Ordine di Malta, le ambasciate di Albania, Australia, Austria, Regno di Danimarca, Cile, Finlandia, Grecia, Giappone, Germania, Haiti, Regno di Giordania, Niger, Repubblica del Mozambico, Pakistan, Regno di Svezia, Siria, Svizzera, Ungheria presso lo Stato Italiano, e le ambasciate di Croazia, Francia e d’Italia presso la Santa Sede. Inoltre dall’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro di casa Savoia e dal Circolo Gran Magistrale Giovanile degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia, insieme all’Istituto Guardie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon.