Antonietta Evangelista è il nuovo presidente dell’Unione Cinquecittà

28 aprile 2011 0 Di admin

Antonietta Evangelista è il neo presidente dell’Unione Cinquecittà. Lo ha decretato all’unanimità il Consiglio dell’Unione riunitosi nel pomeriggio di mercoledi 27 aprile nella sala consiliare di Palazzo Boncompagni a Roccasecca.
Evangelista è consigliere comunale del Comune di Aquino, con delega all’Urbanistica e Lavori Pubblici, ha 43 anni e svolge la professione di geometra. E’ la prima volta che viene eletta una donna alla guida dell’Unione Cinquecittà, come lo stesso presidente Evangelista ha simpaticamente commentato ad avvenuta elezione, annunciando tenacia e spirito di collaborazione alla base delle sue future azioni alla guida dell’ente: “Sicuramente una ventata di positività rosa sarà propulsore per il futuro dell’Ente, a beneficio dei quattro Comuni che lo compongono: un bel gruppo di municipalità, che insieme rappresentano una forza capace di raggiungere grandi obiettivi, sempre puntando alla tutela dell’ambiente ed alla crescita del territorio come è insito nella natura dell’Unione Cinquecittà”.
La signora Evangelista succede a Sergio Staci, rappresentante del comune di Roccasecca, nella guida dell’ente sovra comunale: per lui, che rimane alla presidenza della Servizi Cinquecittà S.r.l., il vicepresidente facente funzioni Giovanni Euriti ha avuto parole di ringraziamento a nome di tutto il Consiglio dell’Unione per il lavoro sin qui svolto, con il raggiungimento di tappe importanti come l’attivazione del servizio di raccolta differenziata porta a porta nel comune di Villa Santa Lucia e la predisposizione dell’attivazione su Piedimonte San Germano, prevista per il prossimo 31 maggio 2011.
L’avvicendamento tra il Comune di Roccasecca ed il Comune di Aquino alla guida dell’Unione Cinquecittà è previsto dallo Statuto dell’ente di Piedimonte San Germano, che regola appunto la rotazione a cadenza annuale tra i quattro comuni che fanno parte del sodalizio sovra comunale.
Il Consiglio dell’Unione oltre all’elezione del Presidente prevedeva anche altri quattro punti all’ordine del giorno: l’approvazione del verbale della seduta precedente del 28 marzo 2011, una modifica allo Statuto relativa alla data di fine mandato del Presidente di turno (è stato tolto il termine perentorio del 30 aprile), una determinazione di indirizzo politico riguardo la “Direzione dell’Organizzazione” contemplata dallo Statuto dell’Unione, e l’approvazione del Bilancio di Previsione anno 2010, del Bilancio pluriennale 2011-2013 e della Relazione previsionale e programmatica dell’Unione Cinquecittà.
Il Bilancio dell’Unione Cinquecittà, che è stato approvato all’unanimità, è stato illustrato dall’assessore al Bilancio Oreste Gentile, il quale ha parlato di un miglioramento della situazione finanziaria dell’ente, grazie anche all’avvenuta approvazione da parte del Comune di Piedimonte San Germano dell’attivazione del servizio di Raccolta porta a porta. Il momento drammatico insomma è passato, ha detto Gentile, ma “dobbiamo lavorare tutti per garantire all’Unione maggior tranquillità. I numeri si sono rimessi un po’ in sesto ma bisogna uscire dal regime di anticipazione di cassa in cui operiamo, e per far questo i Comuni devono saldare tutto il pregresso e versare con puntualità il dovuto”.