Cassino al voto, la candidata Di Rollo: “Turismo e Commercio: il nuovo impulso alla crescita del cassinate”

8 aprile 2011 0 Di redazione

Dall’ufficio elettorale del candidato a siondaco di Cassino Barbara Di Rollo riceviamo e pubblichiamo.
“Le attività della prossima amministrazione comunale dovranno essere impostate in chiave manageriale. I comuni, anche con le nuove norme sul federalismo fiscale, saranno chiamati a svolgere il ruolo di guida e direzione dello sviluppo territoriale. L’obiettivo della nuova amministrazione dovrà essere, quindi, quello di sostenere lo sviluppo attraverso azioni pianificate e largamente condivise con tutte le componenti sociali, economiche e istituzionali, anche attraverso forme di partenariato locale, coinvolgendo l’Università di Cassino, il Cosilam, la Provincia e le associazioni degli imprenditori. Si tratta di attivare un nuovo processo culturale di governo del territorio che partendo dalla consapevolezza delle potenzialità locali, sia in grado di pianificare interventi di sviluppo a medio-lungo termine, come in una grande impresa.
Tra le priorità dell’azione di governo cittadino grande rilevanza verrà attribuita al tema del turismo. Da qui occorre ripartire al fine di ridare impulso alla crescita del cassinate.
Il turismo, infatti, che rappresenta la grande occasione mancata della nostra città, dovrà essere affrontato in chiave strategica, attivando le leve della pianificazione e del marketing territoriale.
Sarà necessario definire un piano di sviluppo turistico incentrato sul binomio turismo e commercio: due comparti che se integrati consentiranno a Cassino di rivitalizzare il centro cittadino e di creare nuova occupazione. Occorre, tuttavia, partire da un nuovo approccio che punti a valorizzare le peculiarità locali attraverso una attività di pianificazione strategica.
L’idea è quella della creazione di un Sistema Turistico Integrato che esalti l’offerta turistica in chiave leisure, costituita dal turismo religioso, dal turismo culturale e dal turismo verde. Partendo dai flussi turistici che interessano l’Abbazia di Montecassino, occorre predisporre un sistema complessivo di offerta turistica che coniughi gli itinerari religiosi e di culto con quelli storico-culturali, e dell’eco-turismo, attivando anche azioni di marketing attraverso l’ausilio di tour operators. In questa visione di insieme, deve essere necessariamente posta particolare attenzione alla qualità della vita urbana e quindi all’insieme combinato dell’offerta di servizi al turismo, delle attività commerciali presenti nel centro cittadino e del decoro urbano.
Il Piano di Sviluppo turistico integrato così articolato può trovare concreta fattibilità attingendo ai fondi comunitari del POR FESR, gestiti dalla regione Lazio sui Grandi Attrattori Culturali (Gac), che rappresentano infatti un moderno strumento della comunità europea in grado di valorizzare e rilanciare dal punto di vista turistico, economico e sociali i singoli territori”.