Cassino al voto, Valente (Forza del Sud): “Front Office per aprire il Comune alla città”

20 aprile 2011 0 Di redazione

“L’informatizzazione degli uffici comunali e la creazione di front office polifunzionali nel palazzo municipale e nei principali quartieri della città renderà il Comune concretamente “a portata” dei cittadini e “decongestionerà” il traffico del centro”, è quanto ha dichiarato il candidato a sindaco di Forza del Sud Gianni Valente.
Secondo Valente, l’amministrazione comunale che intende innovare consta di sei macroaree: risorse umane; risorse finanziare; servizi al cittadino; sviluppo economico; pianificazione del territorio; qualità della vita e dell’ambiente; infrastrutture pubbliche. Il candidato a sindaco in particolare punta l’attenzione sull’area che più di ogni altra rappresenta l’interfaccia tra le famiglie e il Comune, quella dei cosiddetti Servizi al cittadino: su di essi – secondo Valente – deve concentrarsi maggiormente il lavoro del personale e degli amministratori nell’era del Federalismo e delle nuove tecnologie.
“Partendo dalla considerazione che il cittadino è il punto di riferimento di tutte le scelte compiute dall’amministrazione comunale – spiega Gianni Valente – ritengo che sia innanzitutto necessario che il futuro Comune si doti di procedure snelle e rapide, mettendo innanzitutto mano a una seria e capillare informatizzazione degli uffici e delle pratiche. In secondo luogo – aggiunge Valente – sarà importante istituire nei quartieri dei veri e propri ‘front office polifunzionali’ presso i punti di maggiore ritrovo come farmacie, centri anziani e pubblici esercizi, degli sportelli cioè presso i quali i cittadini potranno recarsi per soddisfare le diverse esigenze quotidiane senza doversi spostare dal quartiere di residenza, per la fascia ‘meno tecnologica’. Mi riferisco per esempio al pagamento dei tributi che di qui a breve il Federalismo fiscale farà gestire direttamente al Comune, come la Tarsu, l’Ici, la Tosap, che nella mia concezione di amministrazione della cosa pubblica intendo personalizzabili in base alle esigenze delle singole famiglie secondo un calendarizzazione precisa, ma mi riferisco anche a tutti i servizi a domanda individuale come i buoni mensa, i ticket per il trasporto scolastico e il servizio idrico, e naturalmente ai servizi demografici”. Obiettivo finale dunque sempre i cittadini.
Un posto preminente occupa all’interno di questi Servizi la voce dei Servizi Sociali in senso stretto che comprendono l’assistenza ai disabili e agli invalidi: