Muore a 91 anni per difendere la sua badante

1 aprile 2011 0 Di redazione

Ormai Vasilica, era qualcosa di più di una semplice badante. La 28enne rumena, aveva assistito anche la moglie e quando ha visto la ragazza in difficoltà, minacciata dalla violenza del suo ex fidanzato, Paolo Abbruzzese, 91 anni, non ci ha pensato due volte e per difenderla, ha rimediato un colpo mortale. L’omicidio è quello che si è verificato ieri mattina a Chieti in via Eugenio Bruno. Ioan Damir, 24 anni, operaio edile, quella mattina aveva tutte le intenzioni di ricucire lo strappo amoroso con la ex fidanzata. Aveva comprato un anello, ma, evidentemente, temeva che non sarebbe stato sufficiente e, per questo, aveva comprato anche delle forbici. La ragazza, che nel frattempo aveva un’altra relazione, lo aveva visto aggirarsi nei pressi della casa; era stata raggiunta telefonicamente. Nella tarda mattinata la ragazza era a casa con il suo assistito e stata aspettando il nuovo fidanzato. È stato allora che Ioan è arrivato e con la forza si è introdotto nell’appartamento. I due avrebbero iniziato a litigare e l’uomo respinto avrebbe minacciato di gettare la ragazza dalla finestra. E’ stato allora che Paolo Abbruzzese, nonostante i suoi 91 anni, ha pensato di non poter rimanere a guardare e si è quindi frapposto ai due. Una iniziativa che il 24enne ha interpretato come una intromissione imperdonabile e, per questo, lo ha colpito mortalmente con le forbici. A quel punto la ragazza è riuscita a far entrare il nuovo fidanzato che bussava alla porta. Tra i due uomini c’è stata una zuffa fino a quando l’assassino ha deciso di fuggire lasciando per terra l’anziano agonizzante. Poco da fare per lui; moriva mentre Vasilica lanciava l’allarme ai carabinieri. In pochi minuti gli uomini del tenente Livio Lupari erano sul posto iniziando a cercare Ioan. Solo la perfetta conoscenza del territorio e l’intuito degli uomini della nucleo radiomobile ha permesso di trovarlo, alcune ore dopo, in una casa disabitata. Il ragazzo aveva tentato di impiccarsi senza riuscire. Per lui sono scattate le manette ipotizzando il reato di omicidio volontario.
Er. Amedei