“Fabbriche Aperte” alla Valagro, La Rocca: “Per far conoscere la Chimica nelle eccezioni positive”

18 maggio 2011 0 Di redazione

Presentata ieri mattina alla stampa dal presidente della Valagro, Ottorino La Rocca e dal consigliere d’amministrazione, Giuseppe Natale, la manifestazione ‘Fabbriche Aperte’, evento che s’inserisce nell’anno internazionale della Chimica alla quale l’azienda, leader mondiale del settore, ha aderito aprendo, nei giorni 21 e 22 maggio prossimi, le porte della sua fabbrica in Val di Sangro.
Una partecipazione mirata e un’occasione unica per comprendere quanto la chimica sia importante per la vita di ognuno di noi.
“Abbiamo deciso di aderire all’iniziativa – ha detto Natale nel corso dell’incontro con i giornalisti presso la sede dell’Associazione Industriali di Chieti – perché chi verrà a fare il tour nella nostra azienda potrà vedere come operiamo in materia di sicurezza alimentare e sul lavoro e nell’ambito del rispetto dell’ambiente. Molti hanno un approccio negativo con la chimica, esistono esempi negativi che sono impressi nell’opinione pubblica e che hanno fatto della chimica un ‘male’ agli occhi di chi non ne conosce le potenzialità. In realtà, la chimica interviene in ogni aspetto della nostra vita ed è ancora più importante se si pensa che, entro il 2050, si stima una crescita demografica nel mondo fino a 9 miliardi di persone. Questo significa necessità di aumentare la produzione di cibo e per farlo servirebbero terreni infiniti. Ma il nostro è un pianeta con risorse limitate. Se si pensa che la disponibilità di fosforo durerà massimo ancora 90 anni ci si rende conto di quanto è importante creare prodotti che consentono di produrre di più senza pesare sulla sostenibilità”.
Gli esempi positivi cui si ispira la Valagro – che conta 250 dipendenti, 10 filiali e una presenza con i propri prodotti in 80 paesi del mondo, 1^ in Italia e 1^ nel mondo per i Biostimolanti, 1^ in Italia e 4^ nel mondo per i Microelementi, 2^ in Italia e 5^ nel mondo per i fertilizzanti Idrosolubili – è quella relativa alla produzione e commercializzazione di fertilizzanti speciali per la nutrizione in modo sostenibile.
“Si tratta di prodotti come Haber e Bosch, che hanno salvato la vita a due miliardi e 700 milioni di persone – ha sottolineato Natale.
Insomma ‘Chimica per la Vita’, che vede da sempre schierata la Valagro, perché l’innovazione scientifica sia messa a tutela dell’ambiente e della salute umana.
Nel corso della conferenza stampa è stata annunciato che l’iniziativa ‘Fabbriche Aperte, sostenuta da Federchimica con il Patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, dei Sindacati e dell’Inail, si aprirà il 20 maggio con un convegno, presso l’Auditorium Gennaro Paone della Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, a Lanciano, proprio su “L’importanza della chimica per la sicurezza alimentare” e vedrà l’intervento degli esperti del settore. In quella occasione la Valagro presenterà il bilancio socio-ambientale e il sistema integrato di conoscenze Geapower che utilizza la natura come fonte di erezione sostanze attive per la formulazione di concimi dalle straodinarie performance e di altri prodotti speciali. Il 7 giugno prossimo, la Valagro parteciperà ad un evento nazionale di settore: “E’ importante fare informazione per far capire alla gente che la chimica vera non ha nulla a che vedere con quell’idea di artificialità e pericolosità cui purtroppo si associa – ha detto in conclusione Natale.

Quella di Fabbriche Aperte per Valagro sarà anche l’occasione per presentare Geapower, il sistema integrato di conoscenze che utilizza la natura come fonte di preziose sostanze attive per la formulazione dei concimi.
L’iniziativa cade proprio nel centenario dell’assegnazione del Nobel per la Chimica a Marie Curie. In Italia è sostenuta da Federchimica con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo, dei Sindacati di categoria e dell’Inail.