Giorno: 17 maggio 2011

17 maggio 2011 0

Tedeschi (IDV): “Chiude Pontecorvo, ma non aprono i nuovi reparti a Cassino”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dall’Ufficio Stampa del Gruppo IdV riceviamo e pubblichiamo: “Come concordato nella riunione di oggi tra il direttore sanitario della Asl e i primari, dal 20 maggio ci sarà il blocco dei ricoveri presso l’ospedale di Pontecorvo per poi procedere al trasferimento di macchinari e pazienti, entro il primo giugno, all’ospedale di Cassino. Allo stesso tempo però, l’apertura di nuovi reparti e l’incremento degli esistenti a Cassino non partirà, e il rischio collasso è dietro l’angolo. Come farà una struttura già piena a sostenere gli ulteriori 70 accessi al giorno che assicura oggi l’ospedale di pontecorvo, o addirittura i 154 codici rossi che sono arrivati in quel pronto soccorso l’anno passato? Un territorio così ampio rischia di non avere l’assistenza sanitaria minima, con il pericolo reale di migrazioni verso le strutture di altre regioni. In più, l’ospedale di Pontecorvo sarà convertito in poliambulatorio, senza la garanzia del reparto di emergenza con anestesista, ma avrà solo un pronto soccorso aperto dalle 8 alle 20. Ringraziamo sentitamente il presidente Polverini.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei Valori Anna Maria Tedeschi.

17 maggio 2011 0

Amministrative 2011, il commento di Francesco De Angelis

Di admin

“Il vento sta cambiando, si apre una nuova fase”. Queste le prime parole dell’europarlamentare Francesco De Angelis commentando i risultati delle elezioni amministrative. “A livello nazionale siamo di fronte – prosegue De Angelis – ad un chiaro successo dei sindaci del centrosinistra, in particolare al Nord, proprio nel cuore dell’elettorato della Lega e del PDL. Berlusconi ha perso ed il centrosinistra ha vinto! Anche in provincia di Frosinone in roccaforti come Cassino ed Alatri, dove solo un anno fa alle elezioni regionali il centrodestra sfiorava il 65%, il PDL non vince al primo turno e si attesta sotto al 40%. Ora in questi comuni si va al ballottaggio e le partite sono aperte: tocca a noi unire tutte le forze del centrosinistra e del cambiamento per sostenere Petrarcone a Cassino e Morini ad Alatri per vincere in queste città”.

17 maggio 2011 0

L’Udc di Cassino si conferma forza politica in crescita in città

Di admin

Il lavoro del gruppo dirigente, degli amici, dei giovani e dei tanti iscritti e simpatizzanti ha permesso all’Udc di confermarsi quale forza politica cittadina di rispetto con 2536 voti anche molti in più rispetto alle ultime elezioni regionali (+314). “Seppur non nascondendo la delusione per non essere andati al ballottaggio, siamo soddisfatti perché il dato complessivo che emerge è che l’Udc come partito si conferma a Cassino quale forza attiva e presente e gli elettori hanno premiato la qualità e la capacità della nostra lista composta da giovani, donne, uomini e tanti dirigenti di partito che sono presenti sul territorio cittadino in modo capillare e puntuale ma anche al tempo stessi portatori di una proposta politica che cerca di dare risposte concrete ai cittadini”.

Negli ultimi mesi il partito a Cassino ha svolto un duro e qualificato lavoro di squadra e il risultato elettorale premia l’azione politica dell’Udc di Cassino. “Per gli scenari futuri il partito si confronterà al proprio interno e così come è avvenuto per le precedenti scelte poniamo al primo posto il bene della Città e dei nostri concittadini”. “Il gruppo dirigente cittadino ringrazia l’on.le Anna Teresa Formisano per aver creduto nelle qualità di ogni singolo candidato della lista Udc e ringrazia a gran voce Iris Volante per l’impegno e la determinazione e serietà con cui ha condotto questa difficile campagna elettorale”.

17 maggio 2011 0

Tentano furto in abitazione, 3 rumeni arrestati dai carabinieri

Di admin

Nel pomeriggio di oggi a Roccasecca i carabinieri della locale Stazione, nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, traevano in arresto nella flagranza del reato di “tentato furto aggravato in concorso” F.O.L, classe 1987; C.O., classe 1992 ed un minore, tutti di nazionalità rumena.

I predetti venivano sorpresi e bloccati dai militari operanti, mentre tentavano di perpetrare un furto in danno di una abitazione.

Gli arrestati, ad espletate formalità di rito, venivano associati presso la Casa Circondariale di Roma – Rebibbia, Cassino (FR) e Centro di prima accoglienza di Roma.

17 maggio 2011 2

Comuni al voto, Marino Fardelli il più votato a Cassino

Di admin

Dall’ufficio stampa di Marino Fardelli riceviamo e pubblichiamo. Si è confrontato con un esercito di 720 candidati all’interno di una campagna elettorale dura e molto agguerrita. Nel 2006 si posizionò quale terzo eletto in città. Ora e’ risultato il primo degli eletti in tutta la città con 467 voti di preferenza aumentando di 57 voti il dato elettorale del 2006 confermandosi politicamente presente in tutta la città e non solo nella frazione di Caira dove ha raccolto ben 214 voti. “Sono molto contento e orgoglioso del dato elettorale che ha premiato la mia persona e il lavoro svolto in questi anni da consigliere di opposizione. Ringrazio gli amici e i simpatizzanti non tralasciando i colleghi candidati nella lista dell’Udc che hanno permesso di ottenere alla lista Udc un grande successo politico. Pubblicamente desidero ringraziare la mia famiglia per essersi stretta al mio fianco in questa difficile campagna elettorale e il mio personale ringraziamento lo esprimo con orgoglio a mio papà Cesare che è stato da sempre il mio primo sostenitore anche nei momenti politici difficili. Continuerò il mio lavoro di rappresentante dei cittadini con costanza e convinzione mettendo al primo posto l’ascolto e la risoluzione delle problematiche, ancora tante e irrisolte, per il bene di Cassino”.

17 maggio 2011 0

Comuni al voto, ecco i sindaci dei comuni molisani

Di admin

Provincia di Campobasso:

A Baranello il sindaco è Maio Marco con il 91,92% dei voti.

A Bojano è sindaco Silvestri Antonio con il 44,15%.

A Campochiaro il sindaco eletto è Carlone Antonio con il 52,43%.

A Civitacampomarano il sindaco è Manuele Paolo con il 67,68%.

A Guardiaregia Iuliano Fabio è sindaco con il 68,04%.

A Macchia Valfortore è sindaco Zingaro Nicola con il 51,45%.

A Matrice è stato eletto sindaco Zampini Domenico Antonio con il 59,83% dei voti.

A Molise Cirelli Domenico è sindaco con l’80,34% dei voti.

A Morrone del Sannio il sindaco è Alfonso Antonio con il 96,78% dei voti.

A Pietracatella è stato eletto sindaco Di Vita Giovanni con il 73,98%.

A Portocannone è sindaco Mascio Luigi con il 67,62%.

A Ripabottoni Frenza Michele è sindaco con il 70,81%.

A San Biase il sindaco è Di Florio Isabella con l’88,23%.

A San Giacomo degli Schiavoni è stato eletto sindaco Bucci Rino con il 42,02%.

A Sepino è sindaco Zeoli Filomena con il 34,78%.

Ad Ururi Plescia Luigi è sindaco con il 38,06%.

A Vinchiaturo il sindaco è Tucci Antonello con il 29,34%.

Provincia di Isernia:

Ad Agnone il sindaco eletto è Carosella Michele con il 39,67% dei voti.

A Bagnoli del Trigno vince Camele Angelo con il 50,53%.

A Cantalupo nel Sannio è sindaco Biondi Claudio con il 76% dei voti.

A Capracotta il sindaco eletto è Monaco Antonio Vincenzo che ha raggiunto il 49,40%.

A Carpinone il sindaco è Sarao Pasquale con il 43,36%.

A Castel San Vincenzo il sindaco è Di Cicco Domenico con il 60,93% dei voti.

A Colli al Volturno Visco Giovanni Francesco è sindaco con il 50,60%.

A Conca Casale Bucci Luciano è sindaco con il 71,83%.

A Forlì del Sannio il sindaco è Calabrese Roberto con l’86,10% dei voti.

A Macchiagodena Iapaolo Angelo è sindaco con il62,61% dei voti.

A Pesche il sindaco eletto è De Vincenzi Ido con il 66,28%.

A Pizzone il sindaco è Di Iorio Letizia con il 54,28%.

A Roccamandolfi è stato eletto sindaco Lombardi Giacomo con il 56,02%.

A San Pietro Avellana il sindaco è Lombardi Francesco con il 48,78%.

17 maggio 2011 1

Amministrative 2011: curiosità tutte da ridere!

Di redazione

La curiosità più divertente arriva dalle porte di Vasto (CH), e precisamente da Casacanditella, dove due coniugi si sono “affrontati” in due liste contrapposte, col solo scopo di dare un sindaco al paese, in quanto occorreva assolutamente far sì che si raggiungesse il quorum. Così, Giuseppe Erminio D’Angelo era a capo della lista “Ricominciamo”, mentre la moglie, Ada Canali, a quella denominata “Salvagente”. A vincere è stato il marito, con 705 voti, ossia il 94,88%, mentre solo il 5,11% è toccato alla moglie, con un totale di soli 38 voti. A casa loro, quindi, è ben chiaro, adesso, chi porta i pantaloni. Toccherà solo sperare che a seguito di qualche infuocato consiglio comunale non finiscano dritti dritti in Tribunale!

Ma chi è il sindaco più giovane d’Italia? Si chiama Salvatore Paradiso e ha solo 18 anni! E’ stato eletto a Bonea, in provincia di Benevento, nelle file di Alleanza per l’Italia, e guiderà una coalizione di centrosinistra. Altra curiosità che lo riguarda: è figlio del sindaco uscente. Evidentemente, buon sangue non mente!

E sapete quanti sono i candidati sindaco ad avere un profilo su Facebook? Pare sia stato stimato circa l’80%. Tre su cinque, invece, avrebbero un proprio sito. Il dato è stato elaborato dall’Istituto Cattaneo di Bologna, che ha voluto “studiare” le modalità di diffusione e di popolarità dei candidati attraverso i sistemi di comunicazione emergenti e, quindi, i social network, utilizzando come campione i 110 candidati nei 12 comuni che superassero i 100.000 abitanti. In particolare, poi, gli analisti del Cattaneo hanno voluto valutare la popolarità dei soggetti monitorati attraverso il numero di amici, fan, membri di gruppi, e ne è emerso che i più seguiti sarebbero Luigi De Magistris e Vincenzo De Luca, seguiti da Pisapia. Ma escludendo questi primi tre, il cui numero di sostenitori oscilla tra gli oltre 140mila ai 20mila, si registra un vertiginoso calo di contatti. Secondo gli analisti, ciò starebbe a significare che il potenziale di comunicazione di questo strumento non è adeguatamente sfruttato dalla stragrande maggioranza dei candidati. Altra curiosità è che su FB sono maggiormente seguiti quelli che hanno alle spalle maggiore esperienza politica e gli appartenenti ai partiti politici maggiori.

Qualche altra curiosità la apprendiamo dal sito http://www.altarezianews.it, che nell’articolo “Spigolature elettorali”, ne mette in evidenza delle belle. Per esempio, vi è mai capitato, quando si vuol far riferimento ad un luogo remoto, sentire citare Pizzighettone, Sgurgola e Canicattì? Bene, si è votato in tutti e tre questi posti.. remoti. Tra i luoghi che, invece, hanno dato i natali a personaggi famosi, vi è Arpino per Cicerone, noto appunto come ‘arpinate’. Qualche luogo religioso: si è votato sia a Pietralcina che a San Giovanni Rotondo, e chissà che in entrambi Padre Pio abbia voluto intercedere, illuminando i vincitori. Luoghi ove hanno avuto i natali, invece, nomi illustri dello spettacolo sono: Goro, paese di Milva; Bagnara Calabra, ove nacquero le sorelle Mia Martini e Loredana Bertè; Fiano Romano dove è cresciuta la Ferilli. Non potevano mancare, poi, Pozzuoli, dove nacque Sophia Loren, e Subiaco, paese della Lollobrigida. Dalla cronaca nera, ancora qualche riferimento: infatti, si vota nel Vajont, dove il cedimento di una diga provocò nel 1963 la morte di 1.918 persone, e nella terra delle faide della ‘ndrangheta calabrese a Locri e a Taurianova, per arrivare ai giorni nostri, con le ben tristemente note Garlasco e Avetrana, per gli assassinii di Chiara Poggi il 13 agosto del 2007 e quello di Sarah Scazzi il 26 agosto del 2010. Ma per finire in bellezza, e bontà, a tavola – fa notare ancora il citato sito – “il menù è bello che pronto: pasta di Fara San Martino e porchetta di Ariccia, il tutto innaffiato da un vino bianco Barbaresco o da un rosso Cirò e, per gli astemi, da un’acqua frizzante San Pellegrino”.

17 maggio 2011 0

Scoperta dalla Guardia di Finanza maxi evasione fiscale di oltre 5 milioni di euro

Di admin

Individuata maxi frode all’erario. Circa 4 milioni di euro di ricavi non dichiarati evasione all’iva per oltre euro 400.000,00 e mancato versamento del preu (prelievo erariale unico) per oltre 1 milone di euro

Una maxi frode fiscale è stata scoperta dai militari della compagnia di frosinone, nell’ambito di una serie di controlli mirati a contrastare l’evasione fiscale in ciociaria. La complessa attivita’ di polizia tributaria posta in essere nei confronti di un noto imprenditore locale, operante nel settore dei video giochi, e’ stata disposta dal comando provinciale di Frosinone che ha individuato l’imprenditore attraverso un’analisi reddituale che ha fatto emergere notevoli discrepanze tra il dichiarato e il tenore di vita dello stesso.

Le indagini fiscali condotte si sono sviluppate anche grazie al ricorso allo strumento delle indagini finanziarie e l’individuazione delle disponibilita’ economiche sui conti correnti. Nel corso delle attività ispettive, si è accertato, tra l’altro, che l’impresa oggetto di controllo, attraverso le consistenti operazioni commerciali riguardanti il noleggio di apparecchi da gioco (videopoker), ha realizzato comportamenti omissivi occultando ricavi al fisco. Inoltre l’iter fraudolento ricostruito dai finanzieri, ha evidenziato come l’impresa commerciale, operava in assoluto dispregio alla vigente normativa fiscale in materia di apparecchi da divertimento di cui all’art. 110, comma 6, del tulps omettendo di versare all’erario una somma in misura pari al 13,5 per cento delle somme giocate. In sintesi, la complessa attività ha consentito di contestare: · componenti positivi di reddito non dichiarati per circa 4 milioni di euro; · evasione all’iva per oltre euro 400.000,00; · evasione al preu per oltre 1 milione di euro.

L’azione ispettiva, oltre a confermare i gia’ allarmanti dati emersi nell’anno in corso in materia di evasione fiscale nella provincia, ha consentito di evidenziare l’enorme flusso di denaro con cui sempre piu’ i cittadini cercano la fortuna attraverso il gioco delle slot machine. Il servizio condotto a tutela dell’entrate, si è ispirato, come di consueto, agli indirizzi strategici trattati in materia che si concretizza, anche attraverso un rafforzamento della presenza ispettiva sul territorio ed una selezione ancora più razionale e mirata dei contribuenti da sottoporre a controllo.

17 maggio 2011 0

Grazie al Tribunale ora può masturbarsi in ufficio

Di redazione

E’ una brasiliana di 36 anni, Ana Caterina Bezerra, la prima donna a cui è stato riconosciuto nientepopodimenoche da un Tribunale un “privilegio” diremmo alquanto inusuale: la possibilità di masturbarsi in ufficio. Non per vezzo, ma per esigenza: pare, infatti, che la donna sia affetta da uno squilibrio fisiologico che le provoca un grave stato di ansia e un incremento del desiderio sessuale, che la poveretta riesce a fronteggiare, appunto, soltanto attraverso una frequente pratica autoerotica. Frequente nel senso che può arrivare addirittura a 50 volte al giorno. Dopo essere ricorsa inutilmente agli psicologi, Ana ha deciso che era giunto il momento di rivolgersi agli avvocati e portare il suo problema in Tribunale dove, a suon di certificazioni mediche, ha dovuto sbandierare il suo terribile problema; ma la sentenza le ha dato ragione, per cui lei ora è autorizzata a guardare film porno sul suo pc e a masturbarsi all’occorrenza. C’è da dire, però, ad onor del vero, che grazie all’intervento del medico, che le ha prescritto alcuni tranquillanti, la donna non è che se ne sta sempre lì a fare un’arte, perché dalle circa 50 volte, adesso le sono sufficienti solo 18 “applicazioni” al giorno. Certo, la cosa può far sorridere, ma si pensi anche all’imbarazzo che deve provare la povera Ana a masturbarsi – seppur in via del tutto curativa – sotto gli occhi indiscreti dei colleghi. E in tutto questo, non si può non rivolgere un pensiero al proprietario di quell’azienda che tra le frequenti pause della donna e quelle di tutti i colleghi, che non possono certo resistere alla tentazione di guardarla, da tutta questa storia qualche danno in fatto di rendimento certamente lo ha avuto…

Fonte: www.stranomavero.info

17 maggio 2011 0

Tenta due rapine, i carabinieri lo arrestano in flagranza

Di admin

Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Giulianova, agli ordini del Luogotenente Antonio Longo, hanno tratto in arresto in flagranza di reato di tentata rapina aggravata e continuata VASELLI Enzo, 38enne residente in Tortoreto (TE). Erano le ore 10.00 quando l’uomo è entrato all’interno della filiale di Giulianova della Banca UNICREDIT e minacciando il cassiere con un taglierino, gli intimava di consegnargli il contante presente in cassa all’interno di una busta in plastica che gli mostrava. Ma mentre il cassiere prendeva i soldi, il rapinatore deve aver notato qualcosa di strano ed insospettito forse dell’arrivo delle forze dell’ordine perché scattato l’allarme, è fuggito a piedi senza prendere nulla. Immediatamente gli uomini dell’Arma hanno attuato un dispositivo antirapina finalizzato ad evitare la commissione dello stesso tipo di reato in danno di altri obiettivi. Le autovetture dei Carabinieri hanno iniziato le ricerche del rapinatore e nel contesto hanno sorvegliato altri obiettivi sensibili ed avendo ragione, alle successive ore 11.45, notavano lo stesso uomo mentre dinanzi all’ufficio Postale sito in Via Annunziata indossava una calzamaglia di colore nero. Immediatamente i Carabinieri sono entrati in azione e bloccandolo mentre entrava nell’ufficio lo hanno tratto in arresto. Nel corso della perquisizione personale gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto un taglierino, la calzamaglia e una busta in plastica, il tutto sequestrato. VASELLI Enzo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Teramo a disposizione della competente A.G.