Giorno: 23 maggio 2011

23 maggio 2011 0

Fiamme sull’A1, due tir per un enorme falò

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Attimi di tensione, timore e, soprattutto calore e di cattivo odore quelli che si sono vissuti nella tarda mattinata di oggi sull’A1 Milano-Napoli nel tratto tra Anagni e Colleferro in direzione di Roma. Nel tamponamento tra due mezzi pesanti si è sviluppato un incendio che ha interessato entrambi i camion in un enorme falò. Traffico bloccato e una lunga coda ha interessato gli automobilisti in transito.

23 maggio 2011 0

Schianto contro cabina dell’Enel, famiglia in pericolo

Di redazione

Brutto incidente quello che si è verificato nel primo pomeriggio di oggi in Via San Pietro nel territorio di Sant’Ambrogio sul Garigliano. Per cause ancora al vaglio dei carabinieri, una Fiat Uno ha sbandato terminando la corsa in un fosso laterale e abbattendo un palo dell’Enel. All’interno della vettura c’era una famiglia di Sant’Ambrogio: marito, moglie e due bambini di 5 e 6 anni. Ad avere la peggio è stato l’uomo, si è reso necessario l’intervento di un’eliambulanza per trasferirlo a Roma. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco del distaccamento di Cassino.

23 maggio 2011 0

Dopoterremoto in Abruzzo, Ancora riconoscimenti per l’impegno dei soccorritori

Di redazione

Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, ha consegnato oggi a Roma ai rappresentanti di ENEL la medaglia d’oro per l’impegno nell’emergenza terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, un riconoscimento sancito dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 ottobre 2010 per i corpi, gli enti e i soggetti che hanno prestato soccorso nel post sisma. A ricevere il riconoscimento dell’impegno dell’Ente nazionale dell’energia elettrica nelle zone colpite dal sisma, Eugenio Di Marino e Gianluigi Fioriti, rispettivamente responsabili di Ingegneria e Unificazione per ENEL e Macro-Area Centro per “ENEL Distribuzione”. Enel, che fa parte del Comitato operativo del Sistema di Protezione civile nazionale, in Abruzzo sin dalle ore immediatamente successive al terremoto ha effettuato fino a 50 interventi al giorno, con oltre 200 dipendenti impegnati quotidianamente. Grande anche lo sforzo in termini di materiali: sono stati utilizzati 44 gruppi elettrogeni, 8 torri faro, 95 automezzi e 35 cabine elettriche mobili. Tutti i lavori hanno sempre visto la massima collaborazione con Enti e Istituzioni nazionali e locali. Costante, inoltre, è stato l’impegno nella realizzazione delle tendopoli durante la primissima fase dell’emergenza, nell’organizzazione del vertice G8 e nella costruzione degli edifici dei progetti CASE e MAP, dove Enel ha portato la luce a oltre 15.000 abruzzesi.

23 maggio 2011 0

Videocon, Tedeschi (IdV): “Situazione di stallo, evitare la mobilità”

Di admin

Dall’Ufficio Stampa Gruppo IdV riceviamo e pubblichiamo: “La situazione di silenzioso stallo che sta vivendo la vicenda Videocon desta qualche preoccupazione, nonostante la volonta di mantenere un certo ottimismo. L’incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe tenersi nei prossimi giorni anche se ancora non c’è una convocazione ufficiale delle parti. Tuttavia la realtà attuale è che il piano industriale di rilancio della fabbrica di Anagni giace nei vari cassetti mentre si avvicina sempre di più lo spettro della mobilità per i 1300 dipendenti e per le loro famiglie. Ci auguriamo che il silenzio dei locali referenti del centrodestra, occupati nella campagna elettorale, finisca presto e si passi ad azioni concrete per salvare questo importante presidio produttivo della nostra provincia.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei valori, Anna Maria Tedeschi.

23 maggio 2011 0

Due mezzi pesanti si tamponano e prendono fuoco in A1: tratto chiuso tra Anagni e Colleferro con 3 km di coda

Di admin

Alle 13.30 circa, è stato chiuso sulla A1 Milano-Napoli il tratto tra Anagni e Colleferro in direzione di Roma, per un tamponamento all’altezza del km 603 tra due mezzi pesanti a seguito del quale entrambi i mezzi hanno preso fuoco. Sul luogo dell’incidente, dove alle ore 14.00 il traffico è bloccato e si registrano circa 3 km di coda all’interno del tratto chiuso, sono intervenuti i Vigili del Fuoco, che stanno operando per lo spegnimento dell’incendio, oltre al personale della Direzione V Tronco di Fiano Romano, le pattuglie della Polizia Stradale e i soccorsi meccanici e sanitari. Per tutti gli utenti in viaggio sulla A1 in direzione di Roma, si consiglia di uscire a Ferentino, proseguire sulla S.S. 6 Casilina in direzione di Colleferro/Roma e rientrare successivamente in autostrada a Colleferro. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati su RTL 102.5, Isoradio 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

23 maggio 2011 0

“Vivi le Forze Armate: militare per tre settimane”

Di admin

Dopo il successo riscontrato lo scorso anno tornano i corsi di formazione denominati “Vivi le Forze Armate. Militare per tre settimane”, un’iniziativa che si pone l’obiettivo di avvicinare sempre più il mondo dei giovani a quello delle “stellette”. I corsi prenderanno il via nei mesi di luglio e agosto.

Il Ministro La Russa, promotore dell’iniziativa, ha deciso che per il 2011 fossero realizzati due corsi per un totale di 5000 frequentatori, per continuare quell’azione di avvicinamento dei giovani alle Forze Armate e ai valori e alle tradizioni di cui esse sono custodi.

I giovani frequentatori avranno la possibilità di sperimentare ciò che la vita militare rappresenta, trascorrendo un breve periodo tra varie sedi e reparti diversi (trenta in tutto) suddivisi tra Esercito, Marina, Aeronautica e Carabinieri. Per la prima volta, inoltre, potranno inoltrare domanda di partecipazione anche i giovani diversamente abili. Le domande potranno essere presentate, visitando l’apposita pagina e compilando il format predisposto sul sito della Difesa, accessibile anche da questa pagina attraverso il link “Presenta la domanda On-Line”, con la seguente tempistica: – 1° corso: a partire dall’10 maggio, giorno della pubblicazione dell’avviso sulla Gazzetta Ufficiale, fino al 9 giugno; – 2° corso: a partire dal 21 giugno, giorno della pubblicazione dell’avviso sulla Gazzetta Ufficiale, fino al 21 luglio. Tre settimane durante le quali i partecipanti a “Vivi le Forze Armate” potranno non solo arricchire le loro conoscenze di base riguardanti il dovere costituzionale della difesa della Patria, ma anche essere protagonisti di attività atletico-militari, così come potranno, tra l’altro, visitare reparti speciali, frequentare corsi addestrativi, apprendere le nozioni fondamentali per il soccorso alle popolazioni in caso di pubbliche calamità e per la protezione dei beni culturali, paesaggistici e ambientali. I Reparti dell’Arma che ospiteranno i giovani “stagisti” saranno le Scuole Allievi di ROMA (unica sede prescelta ad accogliere i frequentatori diversamente abili), TORINO, REGGIO CALABRIA, CAMPOBASSO e IGLESIAS (CA).

23 maggio 2011 0

Napolitano a New York: “Il problema della politica italiana è la troppa partigianeria”

Di admin

Il Capo dello Stato Giorgio Napolitano al dibattito annuale alla facoltà di legge alla New York University torna a parlare del suo Paese. Il problema della politica italiana, secondo il Capo dello Stato, è la troppa partigianeria che ogni giorno scatena uno scontro che comporta un non dialogo tra le parti. E in merito alla situazione libica Napolitano ha definito un errore l’intervento diviso dei Paesi dell’Unione Europea.

23 maggio 2011 0

Frosinone-Cassino, controlli a tappeto della Guardia di Finanza ai centri scommesse e sale da gioco

Di admin

Un Casinò grande quanto la Provincia di Frosinone. Decine di sale da gioco e centri scommesse, molti dei quali abusivi. Questo è il quadro che emerge dai controlli effettuati dai militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Frosinone, che negli ultimi giorni hanno fortemente intensificato le indagini a contrasto del gioco d’azzardo, dei videopoker e delle scommesse illegali.

Le attività economiche in tali settori, che garantiscono un enorme gettito all’erario statale, sono da considerarsi a rischio sotto molteplici punti di vista:

– per l’evasione fiscale;

– per il riciclaggio di denaro sporco;

– per l’abusivismo, in quanto esercitate senza autorizzazioni.

Allo scopo di ristabilire l’ordine economico in un settore molto delicato, sia per l’aspetto fiscale che per le implicazioni sociali (a causa della crescente dipendenza da gioco), il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone ha predisposto l’”Operazione Bad Bet”, consistente in un intervento a tappeto sugli operatori delle scommesse telematiche.

Nei controlli, scattati contestualmente in tutta la provincia, cinquanta militari delle Fiamme Gialle hanno sottoposto ad accertamenti decine di esercizi commerciali (sale da gioco, bar, centri elaborazione dati, circoli, associazioni) operanti quali centri scommesse.

Nel corso dell’intervento è stata accertata l’illecita attività di accettazione e raccolta di scommesse su eventi sportivi nazionali ed internazionali.

È stato appurato, infatti, che molti dei centri in argomento erano esercizi ove venivano raccolte, senza alcuna autorizzazione, giocate relative ad eventi nazionali ed esteri e dove venivano riscosse, poi, le relative vincite.

Al termine dell’intervento sono stati sanzionati undici centri scommesse, in quanto operanti abusivamente, perché non in possesso delle autorizzazioni amministrative prescritte dalle leggi fiscali e di pubblica sicurezza, rilasciate dall’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e dalla Questura.

L’operazione della Guardia di Finanza ha anche portato alla denuncia di 11 persone per esercizio abusivo di gioco e di scommessa. La posizione dei titolari sarà vagliata dalle competenti Autorità Giudiziarie (Procure della Repubblica di Frosinone e di Cassino).

Sono state sottoposte a sequestro diciassette postazioni per la raccolta delle scommesse telematiche con bookmakers esteri, stampanti, ricevute attestanti le giocate e le relative vincite, nonché altre apparecchiature e documentazione comprovante la palese violazione della normativa vigente nello specifico settore.

I sequestri sono avvenuti nei Comuni di Cassino, Veroli, Sora, Aquino, Piedimonte San Germano, Roccasecca, Atina.

Enorme il giro d’affari sviluppato dalle agenzie controllate: i centri erano frequentati da centinaia di giocatori, di età compresa tra i 18 e gli 80 anni, disposti a puntare anche centinaia di euro in occasione di importanti partite di calcio; la maggiore affluenza si registrava nelle giornate di mercoledì e giovedì, in occasione degli incontri della Champions League o della Europa League.

Scattati controlli anche nei confronti di alcuni avventori che in pochi giorni si sono giocati migliaia di euro al fine di accertare la provenienza delle somme in contante giocate.

I controlli, oltre a garantire la pubblica sicurezza e la legalità fiscale nel delicato settore delle scommesse, hanno anche importanti implicazioni di carattere sociale.

Si registra, infatti, un deciso aumento di accorate richieste di aiuto provenienti dai familiari di numerose persone, di tutte le età, colpite dalla terribile patologia della “dipendenza dal gioco”.

Si rammenta infine che la Provincia di Frosinone pur avendo un PIL tra i più bassi tra le province italiane risulta tra le prime dieci province per importi giocati come emerge dai diffusi dall’Aams.

Tali dati insieme ad altri vengono analizzati continuamente dalle fiamme gialle ciociare ed evidenziano sempre più ricchezze sospette che mal si conciliano con il tessuto economico della Provincia.

23 maggio 2011 0

Il Laboratorio Chimico Doganale di Roma avrà finalmente una nuova sede in via Tiburtina

Di admin

Dopo oltre un anno di attesa, sta avendo inizio la gara per l’adeguamento dell’Immobile ex laboratorio merceologico e chimico del Ministero dell’Economia e Finanze a Laboratorio Chimico Interregionale di Roma, che verrà situato alla periferia est della città di Roma in via Tiburtina 1250, all’altezza del Grande Raccordo Anulare.

Il Laboratorio chimico doganale a tutt’oggi è sito in Via Carucci 71 al 6° piano e verrà spostato nella nuova sede sia per la sicurezza, sia per il decentramento delle funzioni dovute alla nuova riorganizzazione della Direzione Interregionale per il Lazio e l’Abruzzo.

Le prove di laboratorio sono elementi importanti per valutare in modo oggettivo le caratteristiche e le prestazioni di materiali e di prodotti, al fine di facilitarne la commercializzazione e di difendere l’immagine dei prodotti di qualità.

Negli ultimi anni il laboratorio ha raggiunto alti livelli di specializzazione permettendo, così, di offrire consulenza e certificazione in campo dei prodotti alimentari, dei prodotti petroliferi e dei prodotti industriali.

Alla luce di tutto ciò siamo in attesa di una rapida conclusione di questo trasferimento di sede , ricordando che l’affitto annuo dell’Immobile sopracitato di via Tiburtina è di 321.000 euro circa (Fonte: Fondo Immobili Pubblici) per essere a tutt’oggi inutilizzato.

23 maggio 2011 0

Coldiretti Frosinone soddisfatta per l’approvazione della Regione Lazio della misura per il benessere animale

Di admin

La Coldiretti di Frosinone esprime soddisfazione per l’approvazione della misura inerente il benessere animale da parte della Regione Lazio. “Si tratta – ha commentato il direttore della sede ciociara, Paolo De Cesare – di un altro importante tassello nel nostro progetto per un’agricoltura tutta italiana teso a rilanciare il settore agricolo. Come organizzazione, quindi, non possiamo che salutare in modo positivo il provvedimento della Giunta regionale del Lazio che, su indicazione dell’Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali, Angela Birindelli, ha approvato la delibera di Giunta concernente il bando pubblico per la raccolta delle domande relative alla nuova misura 215 del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 sul “Benessere degli animali”.  La procedura attivata, in attesa della formale approvazione da parte della UE, consente agli allevatori di presentare le domande per l’annualità in corso così da utilizzare anche le risorse stanziate per l’anno 2011”. La misura 215, di fatto, permetterà agli allevatori della nostra provincia e nel Lazio, di ricevere un massimo di 180 euro per ogni bovino da latte in proprio possesso con l’obiettivo del raggiungimento del benessere degli animali ed il proseguimento della conservazione della biodiversità e tutela e diffusione di sistemi agro-forestali ad alto valore naturale. I beneficiari dell’intervento sono tutti gli imprenditori che attuano criteri di gestione e sistemi di allevamento che contribuiscono al mantenimento di adeguati standard per il benessere degli animali. Le specie animali per le quali è possibile richiedere il contributo sono i bovini da latte e da carne; bufalini e ovicaprini. L’erogazione del contributo verrà corrisposto agli agricoltori che manterranno l’impegno per almeno 5 anni e che si impegneranno a rispettare altresì i requisiti specificati dalla Regione Lazio nell’apposita delibera. I nostri uffici – ha aggiunto De Cesare – sono a disposizione per tutti gli adempimenti del caso e per chiarire i requisiti minimi per poter richiedere il contributo destinato agli allevatori che adottano tecniche di allevamento rispettose del benessere animale con evidenti vantaggi per l’igiene e la sicurezza dei prodotti alimentari. Per formulare le domande c’è tempo sino al prossimo 10 giugno”.