Cani in spiaggia: altra estate di passione e divieti

14 maggio 2011 1 Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo:
In molte località si apre domani, domenica 15 maggio la stagione estiva per le spiagge. E come ogni anno torna il problema dei cani in spiaggia. Nonostante le campagne delle istituzioni e delle associazioni animaliste il problema è bel lontano dall’essere risolto. Sono invece diminuite le spiagge dove è possibile portare fido, complessivamente sugli 8.000 chilometri di coste italiane le spiagge attrezzate per ospitare fido coprono poco meno del 7% del totale con un estensione di meno di 550 chilometri, se poi andiamo a vedere nel dettaglio molto spesso si tratta di spiagge pubbliche che di fatto non sono attrezzate per ospitare bagnanti con i cani mentre gli stabilimenti balneari che ad oggi hanno confermato in tutta Italia la possibilità di portare i propri cani in Spiaggia sono solamente 57 rispetto ai 72 dello scorso anno, ovviamente ci attendiamo che con l’inoltrarsi della stagione balneare la disponibilità confermata aumenti. Al momento le spiagge per cani sono maggiormente presenti in Emilia Romagna (18), seguita dalla Toscana (10), dalla Liguria (8), dalla Puglia con 6 spiagge per cani seguite da Abruzzo, Marche, Veneto, Sardegna e Friuli con tre stabilimenti balneari per ciascuna regione e dal Lazio con una sola spiaggia per cani. Oltre ai pochi stabilimenti balneari si aggiunge la solita babele delle ordinanze di divieto che spesso sono illegittime o si sovrappongono per competenza tra comuni, province, ordinanze della capitaneria di porto e nel caso delle regioni autonome in alcuni casi vi sono divieti imposti dalle stesse amministrazioni regionali. Una vera e propria babele dei regolamenti e divieti alla faccia della semplificazione burocratica. Anche quest’anno a partire dal primo giugno AIDAA metterà a disposizione di chiunque ne faccia richiesta l’elenco delle spiagge italiane dove è possibile andare anche con Fido, da quest’anno inoltre forniremo anche i dati delle spiagge aperte ai cani in alcuni paesi europei. E come sempre per i tutta estate funzionerà il servizio legale gratuito di verifica per le multe prese il spiaggia mentre si passeggia con il cane. E’infine attiva per il quarto anno consecutivo la petizione online per chiedere al governo che venga stabilito che il 10% delle spiagge libere sia accessibili ed attrezzata per i bagnanti con al seguito i pelosi. La petizione può essere firmata semplicemente collegandosi al sito www.firmiamo.it/liberaspiaggiapercani che fino ad oggi ha raccolto 10.000 firme. “Come ogni anno torna il problema delle spiagge per i cani- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- e noi come ogni anno torniamo a proporre l’argomento e a proporre i nostri servizi gratuiti che quest’anno facciamo partire il 1 giugno. La questione spiagge aperte ai cani è una questione che deve essere affrontata in maniera seria e definitiva, la nostra proposta è semplice si riservi per legge il 10% delle spiagge libere e degli stabilimenti balneari ai turisti accompagnati dai quattro zampe. Le spiagge sono un bene fruibile da ciascuno e noi crediamo che il divieto di portare il cane sia una limitazione al diritto dei cittadini di godere di un bene pubblico per il quale occorre porre rimedio”.