Enel con le imprese per la sicurezza sul lavoro

11 maggio 2011 0 Di admin

Enel inaugura il ”Safety Coaching”, il progetto per la sicurezza rivolto alle imprese di Lazio, Abruzzo e Molise che lavorano con Enel nei settori della distribuzione dell’energia elettrica e dell’illuminazione pubblica ed artistica.

Il progetto si propone di accrescere negli imprenditori la consapevolezza di quanto sia importante la sicurezza sul lavoro, fornire loro strumenti per migliorarsi, rendere sempre più efficaci le azioni in materia di prevenzione degli infortuni.

L’inaugurazione si è tenuta oggi a Roma, presso la sede Enel di via della Bufalotta. All’incontro era presente anche il presidente del Comitato Tecnico per la Sicurezza sul Lavoro di Unindustria Angelo Camilli.

Dopo il saluto di Gianluigi Fioriti, Responsabile Macro area Centro di Enel Distribuzione e di Giovanni Maria Pisani, Responsabile di Enel Sole i partecipanti hanno ascoltato le relazioni di Nicola Severino, Responsabile Unità Sicurezza ed Ambiente Divisione Infrastrutture, Alfonso Sturchio, Responsabile per Enel Distribuzione di Lazio, Abruzzo e Molise e di Emanuele Sguazzi, Responsabile di Enel Sole per l’Italia centrale.

Il “Safety Coaching”, che è alla prima edizione, si svolgerà in varie fasi per concludersi a novembre. Gli incontri, che saranno sia teorici che pratici, si terranno presso il Centro Enel di addestramento operativo dell’Aquila. Saranno coinvolti nella formazione oltre 250 lavoratori di 13 imprese.

Per diffondere capillarmente la cultura della sicurezza Enel ha in questi anni realizzato molti progetti: video di sensibilizzazione tra cui il film “La sicurezza è vita” con le testimonianze dirette di operai coinvolti in infortuni, video di carattere più didascalico, tra cui alcuni sui metodi di lavoro, cartoon; manuali informativi, come “La sicurezza in Enel” e la “Sicurezza nella guida” l Pocket Book “Safety 24/7” realizzato in tutte le lingue utilizzate nei Paesi dove Enel è presente e rivolto anche agli appaltatori.

Sono state avviate iniziative basate su approcci molto innovativi, come le rappresentazioni teatrali (“La sicurezza va in teatro), dove capi squadra Enel, insieme ad attori professionisti, si sono trovati ad interpretare in chiave critica le proprie esperienze riguardo ai temi del rischio e della sicurezza.

Inoltre ogni anno si svolge la settimana internazionale della sicurezza (nel 2010 alla sua terza edizione) che coinvolge tutto il personale Enel, 73.600 persone in 19 paesi, le famiglie, gli appaltatori, le istituzioni, in momenti di riflessione, comunicazione, formazione, per ricordare che la sicurezza è una responsabilità di tutti e che la guardia non va mai abbassata 24 ore su 24 , 7 giorni alla settimana.

Positivi i risultati raggiunti: l’indice di frequenza (numero di infortuni rapportati ai milioni di ore lavorate) si è ridotto del 57% e l’indice di gravità (giorni persi per infortunio rapportati alle migliaia di ore lavorate) del 50%.