La Polizia sgomina a Sora una banda di giovani “ladri di biciclette”: rubavano e rivendevano i mezzi a due ruote

25 maggio 2011 0 Di admin

Sottraevano biciclette ad ignari cittadini per poi rivenderle presso dei rigattieri locali, esibendo documenti intestati ad inconsapevoli parenti. Questo è quanto avvenuto a Sora dove i poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza hanno stroncato sul nascere un’attività di vendita illecita di biciclette che ha visto protagonisti cinque minorenni tutti di Sora, con età compresa tra i 16 ed i 17 anni intenti a realizzare su un vero e proprio business delle biciclette rubate.

Nelle scorse settimane a seguito delle numerose denunce dei furti consumati nella zona, gli investigatori della Polizia di Stato hanno attivato una serie di indagini tese a rintracciarne gli autori.

Grazie alla segnalazione di uno dei proprietari che ha riconosciuto la sua bicicletta esposta in bella mostra presso un rigattiere della zona, gli agenti della Sezione Volanti hanno recuperato 3 biciclette poste in vendita.

L’uomo, quello stesso giorno, aveva denunciato il furto di altre due biciclette e sempre nella stessa giornata, presso gli Uffici del Commissariato, anche altre persone avevano presentato denuncie simili.

Il rigattiere, alle domande dei poliziotti riferiva che nei giorni precedenti alcuni giovani gli avevano portato in conto vendita alcune biciclette esibendo documenti intestati a maggiorenni.

Dalla comparazione delle descrizioni fornite sugli autori dei furti, con la collaborazione della titolare di uno dei documenti utilizzati dai giovani, la Polizia di Stato ha identificato il gruppo dei cinque giovani che avevano rubato ben sette biciclette parcheggiate sotto i portici di alcuni di Sora. L’intento era di venderle, traendone un guadagno complessivo di 125,00 Euro.

Tre biciclette sono state rinvenute e sottoposte a sequestro nell’immediatezza, due sono state fatte ritrovare ai proprietari (probabilmente dopo aver saputo delle denunce sporte), mentre altre due sono ancora da rinvenire.

I ragazzi, tutti minorenni, inizialmente hanno respinto le accuse dichiarando di aver ricevuto le biciclette da altri ragazzi di nazionalità marocchina, addossando e scaricando a questi la responsabilità del fatto. Alle domande incalzanti dei poliziotti ed in presenza dei loro genitori, i giovani hanno confessato aggiungendo che, per vendere le biciclette, si sarebbero serviti dei documenti di ignari parenti peraltro avuti con la scusa di dover fare acquisti su internet.

I giovani “ladri di biciclette” sono stati dunque denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma con l’accusa di furto aggravato in concorso.