Tutti a processo… per colpe degli animalisti!

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. UNA Cremona ha detto:

    Permetteteci di dissentire con quanto scritto dal cittadino lettore di Federfauna.

    Se i cani sono vaganti, la colpa è di chi li abbandona (reato, pertanto sarebbero perseguibili… se solo ci fosse una capillare applicazione dell’obbligo di inserimento del microchip e contestuale iscrizione in anagrafe canina -con continuato impegno all’aggiornamento della stessa).
    Detto questo, la Legge 281/1991 che disciplina la materia realtiva al randagismo prevede che i comuni, singoli o associati, costruiscano canili o strutture nelle quali ricoverare gli animali.
    Ovviamente, il canile dovrebbe solo essere un momento di passaggio prima che l’animale trovi un’adozione seria e controllata nel tempo.
    Per ridurre il randagismo, è fondamentale la sterilizzazione degli animali, per la quale ancora troppo poco si fa. Comuni e Asl devono per legge sterilizzare gli animali ricoverati nei canili, mentre i primi dovrebbero anche promuovere questa scelta di responsabilità presso i privati.
    Per quanto riguarda gli incidenti provocati da questi animali, la responsabilità è giustamente attribuita ai comuni, perchè sono essi che devono prendersi cura degli animali vaganti, che per legge sono del sindaco.
    La soluzione non può che essere anche un controllo capillare delle attività di importazione di animali dall’estero, siano essi cuccioli di razza allevati in condizioni terribili nell’Est Europa oppure cani randagi sfortunati di altri paesi europei.
    Questi ultimi, troppo spesso, vengono portati in Italia per essere adottati, ma non tutti lo sono e spesso finiscono nei canili, da molti dei quali poi ripartono insieme a nostri randagi per varcare le frontiere e finire, sempre con la scusa dell’adozione, in paesi come la Germania e la Svizzera… dove se fosse vero che vengono tutti adottati, non dovrebbero esserci canili che scoppiano e che abbattono animali (e invece ci sono) e dove ogni famiglia dovrebbe avere un numero pari a circa due decine di animali ciascuna stando alle cifre di adozione dei soli randagi “stranieri”. Decisamente impossibile.
    Concludiamo ricordando che il vero “animalista” è colui che l’animale lo *rispetta*, non che lo ama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *