Giorno: 1 giugno 2011

1 giugno 2011 0

Prime partenze del ponte del 2 Giugno sulla rete di Autostrade per l’Italia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Traffico regolare sulla rete di Autostrade per l’Italia in occasione del ponte del 2 giugno, con rallentamenti prevalentemente in corrispondenza dei principali nodi autostradali. Al momento (ore 18:45) si registra traffico intenso nei seguenti tratti: A4 Milano-Brescia, tra il bivio con l’A8 e Milano Est in entrambe le direzioni; A1 Milano-Napoli, tra Piacenza e Fiorenzuola in direzione sud, e più a sud fra Firenze Nord e Firenze Sud in direzione della Capitale; A14 Bologna-Taranto, tra il bivio con l’A1 e Bologna San Lazzaro in direzione di Ancona; Il traffico si prevede sostenuto ed a tratti intenso sino alla tarda serata di oggi e per la mattinata di domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani, dove la circolazione sarà agevolata dalla rimozione dei cantieri di lavoro e dal divieto di transito dei mezzi pesanti dalle ore 07:00 alle 24:00. Autostrade per l’Italia invita gli automobilisti ad informarsi sulle condizioni del traffico prima di mettersi in viaggio e ricorda la possibilità di chiamare il Call Center Viabilità (840-04.21.21) o il numero verde del CCISS 1518. Aggiornamenti sulle condizioni di viabilità sulla rete sono presenti anche sul sito internet www.autostrade.it. Durante il viaggio informazioni real time sul traffico vengono riportate sui pannelli a messaggio variabile e dai notiziari Isoradio 103.3 FM, RTL 102.5, Onda Verde RAI. Autostrade per l’Italia ricorda inoltre ai conducenti di rispettare i limiti di velocità e di mantenere le distanze di sicurezza dal veicolo che precede.

1 giugno 2011 0

Picco di protesti in Ciociaria, l’Ugl lancia l’allarme

Di redazione

Nei giorni scorsi l’Istat ha diffuso i dati relativi ai protesti, sia su base nazionale che su base regionale e provinciale. “Il primo dato che salta agli occhi afferma Alessio Storace, Segretario Regionale del Lazio della Ugl Credito, è l’ammontare dei protesti in provincia di Frosinone, ben 21.751 per un totale di 44.255.000 euro nel solo 2010. Un dato che già di per se la dice lunga, ma se associato all’altro aspetto inquietante, ovvero quello che la nostra provincia è prima in Italia per sofferenze bancarie, allora si capisce perché la situazione sta diventando sempre più difficile da gestire e per evitare guai peggiori bisognerebbe in qualche modo intervenire. Ma tornando sui protesti c’è un altro aspetto da analizzare attentamente; il tipo di protesto. Infatti, mentre in Italia il 27,2% di questo tipo di insolvenza avviene tramite assegni, nel Lazio questo dato sale al 49,1%, il 22% oltre la media nazionale, indubbiamente un dato che deve far riflettere. E noi una riflessione in merito l’abbiamo fatta – prosegue il sindacalista – e, purtroppo, siamo giunti alla solita considerazione che i mali risiedono tutti nel sistema banca e nel modo attuale di fare banca. Non vi è dubbio che le pesanti pressioni commerciali a cui sono sottoposti i bancari li spingono ad acquisire clientela “a prescindere”. L’ossessione dei risultati di bilancio, addirittura trimestrali, portano i manager ad assillare i dipendenti sull’aumento dei numeri e della produttività senza interrogarsi sufficientemente sulla qualità e sulla serietà di ciò che si acquisisce. Questa visione, decisamente miope, porta al soddisfacimento dei dati di bilancio di brevissimo periodo ma nel medio, e a volte anche nel breve periodo, tutto ciò si ritorce contro trasformandosi in ulteriori sof-ferenze bancarie. E quest’ultime, a loro volta, danno l’alibi alle stesse banche per giustificare strette creditizie ed aumento dei tassi. Insomma, conclude Alessio Storace, una spirale negativa, un circolo vizioso che bisogna invertire e per farlo biso-gna tornare a fare banca, quella vera, quella del territorio, quella attenta alle esigenze del cliente e non attenta solo alle esigenze del top manager, già di suo lautamente retribuito, o dell’azionista di riferimento”.

1 giugno 2011 0

Termoli, rinvenuto dai Carabinieri Subacquei un ceppo d’ancora d’epoca romana

Di admin

I Carabinieri del Nucleo Subacquei di Bari, nell’ambito del progetto di archeologia subacquea denominato ““ ATLANTIDE, SALUS IN ACQUIS: ARCHEOLOGIA, ACQUA E STORIA DA SEPINUM – ALTILIA A GUARDIALFIERA, DA BUCA A TREMITI”  attuato da docenti e studenti di alcuni istituti scolastici molisani, hanno fornito un determinante contributo al recupero di un ceppo in piombo di ancora romana rinvenuto sui fondali del tratto di mare denominato “L’Aspro “, all’altezza del lungomare nord di Termoli. Il progetto è finalizzato alla ricerche di conferme circa la presenza di Buca, città nominata da storici come  Strabone e Tolomeo che nelle loro geografie avevano situato questo centro abitato tra il fiume Tiferno (Biferno) e Istonio (odierna Vasto). L’odierno ritrovamento, reso possibile anche grazie al Circolo Nautico di Termoli, all’Assonautica Molise, alla società Acqua Sepinia che ha sponsorizzato l’evento ed ai subacquei del Nucleo della Protezione Civile di Pescara , nonché coordinato con la Soprintendenza ai Beni Archeologici del Molise, rappresenta un’ulteriore traccia dell’esistenza della città sommersa ed uno stimolo per andare avanti nella ricerca e nei sopralluoghi.

1 giugno 2011 0

Bloccati dai carabinieri con oltre 11 kg di marijuana, 3 persone in manette

Di admin

Tre persone tratte in arresto e oltre 11 chili di marijuana sequestrati: questi i numeri della pregevole attività condotta dai carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Chieti che hanno inferto un duro colpo al mercato degli stupefacenti destinati alla piazza teatina. Infatti con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i militari hanno tratto in arresto due cittadini albanesi, Alfred MEDA 25enne e Agron DEMNERI 23enne, e la cittadina italiana, Ilaria DI STEFANO, tutti residenti nel teramano e ristretti a disposizione della Procura di Chieti che coordina l’inchiesta. Alla base dell’operazione che ha portato all’ingente sequestro di stupefacenti c’è una solida attività investigativa sviluppata in queste ultime settimane dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Chieti. I militari erano venuti a conoscenza che un’ingente quantità di stupefacente sarebbe stata movimentata, la presenza ininterrotta e i controlli costanti effettuati sul territorio dall’Arma hanno reso possibile l’individuazione dell’autovettura che, vista una serie concomitante di circostanze, ha insospettito i militari che hanno proceduto a un approfondito controllo. dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Chieti hanno proceduto al controllo di un’autovettura BMW serie 5 e dei relativi occupanti identificati nel conducente Alfred MEDA Alfred e nei trasportati DEMNERI Agron (occupante il sedile anteriore) e DI STEFANO Ilaria, seduta sul sedile posteriore in compagnia della figlia di due anni. All’intimazione dell’alt, il conducente tentava di fuggire con l’auto senza riuscirci così come il passeggero Agron DEMNERI che scendeva dall’auto tentando la fuga a piedi, venendo a sua volta prontamente bloccato. Alla luce della condotta dei due uomini i militari, terminate le procedure di identificazione approfondivano i controlli attraverso una perquisizione personale dei tre estesa all’autovettura che si concludeva positivamente. Sul sedile posteriore dell’auto, nelle vicinanze della donna all’interno di uno zaino venivano rinvenuti due involucri di forma cilindrica del peso di un chilo l’uno risultati essere sostanza stupefacente del tipo marijuana, nel cofano posteriore una busta usualmente destinata alla raccolta dei rifiuti contenente oltre 9 chili di marijuana suddivisi in buste di cellophane termosaldate di varie pesature. Dalla strada alla caserma sede della Compagnia di Chieti il passo è stato breve e i tre, alla luce di quanto accertato, venivano arrestati. Gli uomini si trovano ora al carcere di Chieti mentre la donna è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari. L’origine dei fatti questa notte intorno alle ore 00.30 quando in Via Aterno di Sambuceto, della frazione di S.Giovanni Teatino (CH), all’altezza dell’ippodromo, i Carabinieri

1 giugno 2011 0

Sequestrati al mercato 95 articoli contraffatti, denunciata 1 persona

Di admin

I militari del Nucleo mobile della Compagnia della Guardia di Finanza di Chieti, nel corso dell’ordinario “piano coordinato di controllo del Territorio”, hanno sequestrato n.95 articoli di pelletteria, occhiali ed accessori in genere palesemente contraffatti, delle griffes piu’ prestigiose come Prada, Gucci, D&G, Just cavalli, Burberry e Emporio Armani. La merce era posta in vendita tra le bancarelle del mercato rionale che si svolge settimanalmente in Chieti. E’ stata denunciata n. 1 persona che al momento risulta ignota in quanto datosi repentinamente alla fuga alla vista dei militari. I successivi accertamenti, resi difficili dall’ottima fattura degli articoli, hanno permesso di accertarne la contraffazione. Nelle settimane precedenti, militari del Nucleo Mobile della Compagnia di Chieti, hanno effettuato analogo sequestro di merce contraffatta e precisamente 16 maglie recanti marchio Tokidoki che erano poste in vendita tra le vetrine di un noto negozio sito in Chieti Scalo. In quella occasione i militari furono coadiuvati da un perito della ditta marchigiana, detentrice della licenza di commercializzazione sul territorio italiano, che ha permesso la contraffazione del marchio. Dall’inizio dell’anno 8 sono stati gli interventi eseguiti dalla Compagnia di Chieti, permettendo di sequestrare complessivamente 360 articoli dal marchio contraffatto, a conferma della presenza capillare e sistematica della Fiamme Gialle sul territorio di competenza.

1 giugno 2011 0

Operazione “libero cane in libera spiaggia 2011”

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Con l’arrivo dell’estate anche quest’anno AIDAA propone l’operazione “Libero Cane in Libera Spiaggia” con la quale si attivano i servizi estivi dell’associazione e del movimento del turismo delle famiglie con animali di AIDAA in favore dei circa 8 milioni di italiani che tra giugno e settembre andranno in vacanza con il proprio cane al mare o nelle località lacuali. A partire dal giorno 8 giugno 2011 sarà possibile chiedere ad AIDAA gli elenchi regionali delle spiagge pubbliche o private attrezzate che ospitano i nostri amici a quattro zampe, spiagge il cui elenco è in fase di ultimazione e che ripropone solamente un centinaio tra stabilimenti balneari e spiagge libere attrezzate per ospitare i bagnanti accompagnati dai pelosi. Per avere le informazioni basterà inviare una email a caninvacanza@libero.it, entro quarantotto ore si riceveranno le informazioni richieste in merito alle spiagge della località o della regione richiesta dove vengono ospitati gli amici a quattro zampe. Per tutto il mese di luglio ed agosto inoltre sarà possibile conoscere con una semplice telefonata al numero amico AIDAA 3926552051 i pronto soccorso veterinari aperti nella zona di vacanza. Infine continua per il quarto anno la raccolta di firme online per chiedere che il 10% delle spiagge libere siano attrezzate per ospitare i bagnanti con gli amici pelosi. La petizione si firma online collegandosi al sito www.firmiamo.it/liberaspiaggiapercani. Fino ad ora hanno sottoscritto la richiesta promossa da AIDAA oltre diecimila persone. Le firme verranno consegnate poi al Ministro del Turismo Michela Brambilla per chiedere un suo intervento determinante al fine di promuovere in maniera definitiva le spiagge aperte agli amici a quattro zampe. Infine sarà possibile con una semplice telefonata al 3478883546 chiedere una consulenza veloce e diretta in caso di problemi per il cane in spiaggia dovute alle ordinanze comunali e delle capitanerie di porto, il servizio sarà attivo dal 1 luglio al 30 agosto 2011. “Come ogni anno nei mesi estivi AIDAA attiva i propri servizi gratuiti a tutela dei nostri amici a quattro zampe in vacanza. Quest’anno- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- abbiamo voluto incrementare i servizi infatti oltre alle informazioni sulle spiagge e la raccolta firme per i mesi di luglio ed agosto abbiamo attivato due linee dirette con gli esperti per avere informazioni in tempo reale per quanto riguarda i pronto soccorso veterinari aperti in zona e per avere consulenza legale diretta in merito alle difficoltà che si possono incontrare portando i cani in spiaggia a causa delle molteplici ordinanze e divieti emessi dagli enti gestori delle spiagge sia pubbliche che in concessione”.

1 giugno 2011 0

Cassinio, Tedeschi (IdV): “La vittoria di Petrarcone nasce da lontano”

Di admin

Dall’Ufficio Stampa Gruppo IdV riceviamo e pubblichiamo: “Dopo la travolgente vittoria di Giuseppe Golini Petrarcone a Cassino, sento il dovere di ringraziare tutti coloro che hanno creduto da subito in questo progetto, che ha una storia lunga. Nella veste di Consigliere regionale dell’ IdV sono orgogliosa di essere stata una promotrice del progetto insieme a tanti altri cittadini di Cassino che hanno avuto il coraggio di voler fare politica vera e non esperimenti. Tutto nasce in occasione delle elezioni provinciali, quando Peppino Petrarcone e Rosario Iemma si candidano ottenendo un bel successo. Alle successive Regionali il successo è ancora più evidente, con l’ezione del consigliere regionale, la sottoscritta: un evento che incoraggia questo movimento a proseguire ancora con più forza e tenacia, avviando il progetto “Bene comune”, inclusivo di tutte le forze del centro- sinistra. Questa e’ la genesi. Il resto è storia recente, con un esito che rende giustizia a tutti coloro che hanno creduto sia nel progetto, sia nella persona di Peppino. La vittoria di Peppino e della coalizione che lo ha sostenuto sin dall’inizio è diventato ora un progetto inclusivo anche di quelle forze che avevano fatto scelte diverse. Tuttavia e’ necessario evidenziare che la nostra “resistenza” ha fato si che il progetto restasse nell’alveo di un vero centro-sinistra e quindi capace di essere la vera alternativa. Tale resterà, dal momento che l’apparentamento non e’ stato fatto. Questo significa che sarà sempre la maggioranza in consiglio comunale, con il proprio voto, a decidere. Quella maggioranza che da lungo tempo sostiene Peppino Petrarcone sindaco di Cassino.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Anna Maria Tedeschi.

1 giugno 2011 0

Nucleare, Montino: “Bentornata democrazia, ora scegliere strada alternativa”

Di admin

Dall’Ufficio stampa PD al Consiglio regionale del Lazio riceviamo e pubblichiamo una dichiarazione del capogruppo Pd Esterino Montino: “La Cassazione smaschera il trucco di un Governo baro che aveva tentato di mischiare le carte annullando il quesito referendario sul nucleare. Ora a decidere saranno i cittadini e non può che essere una gran bella notizia. Ricordo che il Consiglio regionale si è già espresso a larga maggioranza e in modo chiaro per impegnare il Presidente della Regione sull’indisponibilità ad accogliere impianti nucleari nel territorio regionale. Ora il 12 e 13 Giugno tutta Italia avrà la possibilità di scegliere una strada alternativa: quella delle energie rinnovabili, più sostenibili per l’ambiente, meno care e meno rischiose. Bentornata democrazia”.

1 giugno 2011 0

Frosinone, Abbruzzese: “Oltre 1 milione e 200mila euro per progetti di audit energetico”

Di admin

“Quarantaquattro Comuni della Provincia di Frosinone potranno beneficiare dei fondi per il miglioramento delle reti di pubblica illuminazione e degli impianti semaforici grazie ai fondi stanziati dall’Unione Europea e sbloccati dalla Regione Lazio, nell’ambito del Por-Fesr 2007/2013. Si tratta di risorse strategiche che serviranno a promuovere l’efficienza energetica e ad incentivare la produzione di energia rinnovabile, compatibilmente con le esigenze dei singoli centri laziali”. Ad affermarlo, in una nota, Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

“Parliamo di più di 1 milione e 200 mila euro, su un totale di oltre 3 milioni di euro di fondi, che le amministrazioni locali del frusinate avranno a disposizione per progetti di audit energetico per la promozione dell’efficienza e della produzione di energie rinnovabili. L’audit energetico – ha spiegato Abbruzzese – costituisce il preludio all’avvio di quei progetti finalizzati all’ottenimento di una maggiore efficienza e risparmio energetico. In base ad esso sarà possibile definire in anticipo se un intervento possa risultare fattibile e conveniente, sia dal punto di vista tecnico che economico. Affinché i beneficiari possano usufruire di queste risorse, sarà necessario inviare alla società regionale Sviluppo Lazio, entro trenta giorni naturali e consecutivi dalla data di notifica del provvedimento di concessione del contributo, l’atto di impegno sottoscritto per accettazione.

La Regione Lazio dimostra ancora una volta quanto sia necessario fornire tutti quegli strumenti utili alle amministrazioni locali per favorire lo sviluppo e la diffusione di impianti di produzione di energie rinnovabili. Dobbiamo continuare a lavorare su questa lunghezza d’onda, non solo per incentivare le energie cosiddette ‘pulite’, ma anche e soprattutto per incentivare i nostri Comuni a risparmiare migliaia di euro che oggi vengono spesi per le utenze e i servizi pubblici. La presenza e lo sviluppo sul territorio di impianti energetici così all’avanguardia – ha concluso Mario Abbruzzese – serviranno a incrementare quelle competenze tecnologiche specifiche che tanto potranno contribuire al rilancio dei territori e dell’occupazione, permettendo anche alla provincia di Frosinone di non restare indietro in un settore cardine e in continua evoluzione come quello della produzione di energia elettrica da fonti alternative”.

1 giugno 2011 1

La sanità che affonda, Montino: “Chiudono nel Lazio 8 ospedali e interi reparti”

Di redazione

“Scatta oggi la chiusura di altri 8 ospedali nel Lazio e di interi reparti negli ospedali romani e in provincia. Due a Viterbo, uno a Rieti, due a Latina, uno in provincia di Roma, altri due nella provincia di Frosinone. Tra i “condannati” c’era anche Bracciano ma si salva perchè protetto da una sentenza del Tar. Secondo il cronoprogramma contenuto nel decreto 113, da oggiAggiungi un appuntamento per oggi devono cessare le attività gli ospedali di Acquapendente, Montefiascone (Vt), Amatrice (Ri), Zagarolo (Rm), Arpino, Pontecorvo (Fr), Sezze, Gaeta (Lt). L’applicazione militare di queste direttive da parte dei Direttori generali delle Asl, produrrà una nuova ondata di caos nel sistema sanitario di questa regione soprattutto nelle province. A queste chiusure ci sono da aggiungere quelle di interi reparti negli ospedali romani come al Grassi di Ostia e a Subiaco. Si è scelto di procedere nonostante tutto e tutti in scelte evidentemente sbagliate come certificato in molti casi dal Tribunale amministrativo del Lazio. Le liste di attesa, intanto, esplodono in tutta le Regione, i cittadini sono costretti in misura sempre maggiore a pagare di tasca propria le prestazioni di cui hanno bisogno e vengono ulteriormente colpiti dalle tasse più alte d’Italia. Da sei mesi chiediamo che il Consiglio regionale sia convocato per discutere ciò che sta avvenendo nella sanità del Lazio, proprio per evitare i disastri annunciati. La maggioranza di centro destra, in tutti questi mesi, ha ritenuto fosse più urgente perdere tempo in liste nuove, comizi fuori regione, polemiche su poltrone ancora non assegnate, guerre tra bande. Il disastro annunciato si va compiendo. Sembra una scena del Titanic: la maggioranza balla sulle note del “si va avanti” mentre il Lazio affonda”.