Giorno: 13 giugno 2011

13 giugno 2011 0

Cocaina ed eroina, due cassinati in manette

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

[flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2011/06/13-6-droga-commissariato.flv image=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2011/06/video-droga.jpg /]

13 giugno 2011 0

Conviventi… con la droga, due giovani di Cassino arrestati per eroina e cocaina

Di redazione

Conviventi… con la droga, i due giovani di Cassino arrestati per detenzione di eroina e cocaina Stavano tornando dalla Campania dove avevano acquistato eroina e cocaina già divisa in dosi. I dettagli dell’arresto sono stati forniti poco fa nel corso di una conferenza stampa svolta in commissariato a Cassino. Si tratta di una coppia di conviventi di Cassino (e non marito e moglie come scritto nel precedente articolo), poco più che 25enni, arrestati nel primo pomeriggio di oggi all’uscita del casello autostradale. Gli uomini del vicequestore Francesco Putortì, li stavano aspettando al varco e sapevano cosa trasportavano. Le intense attività infoinvestigative della ristrutturata squadra di Polizia giudiziaria, ha permesso di acquisire elementi per andare a colpo sicuro. Dal suo insediamento alla direzione del commissariato cittadino, Putortì ha riorganizzato le forze del commissariato istituendo due uffici specializzati in reati come la prostituzione e la droga. I risultati non sono tardati ad arrivare. I due viaggiavano a bordo di un’Alfa 147 e lo stupefacente, 138 dosi di eroina e 12 di cocaina già pronte e confezionate per la vendita, erano occultate indosso alla donna. I due, già noti alle forze dell’ordine, sono assuntori e spacciatori. Indagati per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spazio, i due sono stati portati in carcere a Cassino. Ermanno Amedei

13 giugno 2011 0

Sanità, i sindacati denunciano mancato rispetto delle regole dal parte della Asl Frosinone

Di redazione

Quattro punti per dire che la dirigenza sanitaria non rispetta le regole del lavoro e i dipendenti. Li hanno redatti in una nota stampa congiunta la Cgil, Cisl, Uil e Ugl. “L’Azienda sanitaria non si smentisce – si legge in una nota – e si riconferma ancora una volta la scorrettezza – pressapochismo – superficialità – incompetenza, peggio ancora, l’inosservanza dei dettami legislativi, prevale l’inesistente civile rispetto delle istituzioni. Ci chiediamo se è rispettoso, o eticamente e lecitamente corretto che la dirigenza aziendale: 1) a distanza di oltre 6 mesi non ha ancora redatto una graduatoria finalizzata all’assegnazione del personale proveniente dalle strutture dismesse; 2) da circa 6 anni non definisce il diritto alla progressione economica del personale (biennio economico 2006/2007) per mancanza della necessaria graduatoria; 3) si presenti al tavolo delle trattative con lo scopo di riorganizzare i servizi e trasferire il personale amministrativo, senza la preventiva informazione e atti formali che documentino il rispettivo fabbisogno, sia dei servizi di provenienza, sia di quelli di nuova destinazione (carichi di lavoro, servizi in essere o da dismettere) per di più, dopo avere predisposto i relativi trasferimenti; 4) in particolare stigmatizziamo il comportamento del Direttore Amm.vo dott.ssa A. Costantini, che dopo aver formalmente convocato le OO.SS. con la finalità di pattuire le modalità dei citati trasferimenti e nuova assegnazione del personale, nel corso della trattativa abbandona il tavolo per impegni a Suo dire antecedentemente presi. Non v’è dubbio, l’azienda persiste nei comportamenti illeciti dimostrando ancora una volta imperizia gestionale. Le scriventi OO.SS. in riferimento all’incontro del 10/06/2011, chiedono l’immediata revoca attinente i trasferimenti, preannunciando fin da ora che il mancato riscontro sarà denunciato alle competenti Autorità per comportamento antisindacale ex art. 28”.

13 giugno 2011 0

Moglie e marito in manette per droga, arrestata giovane coppia cassinate

Di redazione

Moglie e marito, in manette, questa mattina, per droga. Si tratta di una giovane coppia di Cassino, lei 26 anni, lui di 28. I due sono stati tratti in arresto perché trovati in possesso di un discreto quantitativo di droga. Pare siano cento le dosi pronte allo spaccio che gli uomini del commissariato cassinate hanno sequestrato unitamente all’auto dei due. Ulteriori dettagli saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà a breve in commissariato di Polizia. Er. Amedei

13 giugno 2011 0

Frosinone, Abbruzzese: “Dati Unioncameere su export tracciano via della ripresa”

Di admin

“I dati sull’export che ha reso noto Unioncamere lasciano ben sperare sul futuro economico e sulla ripresa dello sviluppo in provincia di Frosinone. Il fatto che la Ciociaria sia risultata terza in classifica, attestandosi fra quelle aree che più di tutte in Italia hanno prodotto e lavorato per far crescere gli scambi con l’estero, è per me motivo di grande orgoglio e vanto”. Lo ha affermato con una nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

“Le nostre aziende – ha continuato Abbruzzese – stanno dimostrando che le loro produzioni e il commercio con i paesi esteri sta funzionando bene. Presupposti che lasciano immaginare un periodo di crescita per questo territorio, ricadute positive sull’occupazione e sullo sviluppo e che, gradualmente, ci consentiranno di uscire dalla crisi economica e sociale che ha purtroppo colpito tante regioni d’Italia.

Anche l’Istat non più di qualche mese fa – ha ricordato il presidente – ha rilevato alcuni dati sulle esportazioni, tracciando un primo bilancio per l’anno in corso. Da questo studio emergeva che il Lazio risultava tra le prime regioni in termini di crescita record. Nel primo trimestre 2011, tra i territori che presentavano i contributi maggiori alla crescita delle esportazioni, si segnalavano aumenti tendenziali superiori alla media dall’Emilia-Romagna (+19,2%) e dal Lazio (+30,5%). E sempre secondo i dati Istat fra le province che presentavano una dinamica particolarmente sostenuta delle esportazioni, anche se con un impatto più contenuto sulla crescita delle esportazioni nazionali, è stata proprio Frosinone che risulta ancora oggi quinta con un più 37,7%”.

“Anche il governo regionale – ha sottolineato Abbruzzese – ha fatto e sta continuando a fare la sua parte per mettere le aziende in condizione di poter usufruire di strumenti nuovi ed indispensabili alla crescita ed allo sviluppo della produzione e della promozione del ‘made in Lazio’. A tal proposito, l’Assemblea regionale discuterà nella prossima seduta in merito a due proposte di legge regionale che serviranno a dare disposizioni per favorire la qualità e la semplificazione della normativa in materia di micro, piccola e media impresa, e ad istituire l’elenco regionale ‘Made in Lazio – prodotto nel Lazio’. Il nostro obiettivo – ha concluso Abbruzzese – è di favorire l’internalizzazione e di tornare a valorizzare la nostra produzione. E misure come queste, messe in campo dalla Giunta regionale, serviranno proprio da volano per tutte le aziende”.

13 giugno 2011 0

Tir si ribalta in A1 tra Modena Sud e Modena Nord, code di 5km

Di admin

Autostrade per l’Italia comunica che sull’A1 Milano – Napoli, nel tratto tra Modena sud e Modena nord in direzione del capoluogo lombardo, a causa di un incidente avvenuto al km 160.7, nel quale si è ribaltato un mezzo pesante con conseguente perdita di carico, si registrano 5 km di coda in direzione nord. Sul luogo dell’incidente, dove attualmente si transita su 2 corsie, sono intervenuti i Vigili del Fuoco e sono all’opera i soccorsi sanitari e meccanici, oltre al personale della Direzione 3° Tronco di Bologna. Autostrade per l’Italia consiglia per chi da Modena deve dirigersi verso Milano, di entrare in autostrada al casello di Modena nord. Costanti aggiornamenti sulle condizioni di viabilità vengono diramati da RTL 102.5, Isoradio 103.3 FM ed attraverso i pannelli a messaggio variabile. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840-04.21.21.

13 giugno 2011 0

Naufragio a Gaeta, due uomini salvati dalla Capitaneria di Porto

Di admin

Questa mattina a circa 10 miglia dalla costa è affondata una imbarcazione da diporto Manò Marine mod. 35 di 12 metri. Dopo essere partiti dal porto di Nisida, i naufraghi M.M. E F.C. (due uomini, napoletani, di 26 e 37 anni), alle ore 12,30 circa, accortisi che l’unità stava per affondare mettevano a mare il Tender in attesa dei soccorsi. A seguito dell’allarme giunto nella sala operativa della Capitaneria di Porto tramite il numero blu 1530, sono stati inviati sul posto la motovedetta ed il gommone. I due nafraghi venivano individuati, anche con l’ausilio degli elicotteri dell’aeronautica della base di Grazzianise, a circa 10 miglia dalla costa anzichè a due miglia come da loro indicato nel corso della richiesta di soccorso. In particolar modo uno dei naufraghi mostrava evidenti segni di malessere, per cui veniva elisoccorso e trasportato d’urgenza all’ospedale di Formia. Conclusosi il soccorso dei due naufraghi, la motovedetta della Guardia Costiera permaneva in zona per acquisire ogni notizia utile e recuperare eventuali resti del relitto, per procedere alla ricostruzione del sinistro marittimo che sarà oggetto dell’inchiesta da parte degli ispettori della Capitaneria di Porto di Gaeta. Come conferma il comandante Francesco Tomas “il tempestivo intervento dei mezzi che ha consentito di trarre in salvo i due naufraghi è stato reso possibile anche dalla circostanza che i due naufraghi per chiedere soccorso, hanno utilizzato il numero blu 1530 della Guardia Costiera, che è il numero gratuito dedicato all’emergenza in mare e che ogni diportista e bagnante dovrebbe conoscere poichè consente loro di mettersi direttamente in comunicazione con le nostre sale operative”.

13 giugno 2011 0

Montino: “Governo si dimetta invece di optare per la ridotta della Valtellina”

Di admin

Dall’Ufficio stampa PD al Consiglio regionale del Lazio riceviamo e pubblichiamo una dichiarazione del capogruppo Pd Esterino Montino: “L’esito del referendum suona come una bocciatura totale e senza riserve del Governo e di Berlusconi. Bocciatura che riguarda l’idea stessa del loro programma: dalla giustizia, al nucleare, all’acqua intesa come merce. In una democrazia normale, di fronte a questo voto e a quello delle amministrative di pochi giorni fa, qualsiasi Capo del Governo si presenterebbe dimissionario in Parlamento e riconsegnerebbe il suo mandato nelle mani del Presidente della Repubblica; prendendo atto della fine di un ciclo. Ma dalle dichiarazioni tutte tese a sminuire il significato di questo voto rilasciate dagli esponenti grandi e piccoli di questa maggioranza ancor prima delle chiusura dei seggi, mi pare di capire che non sarà cosi. Una maggioranza frutto di un mini ribaltone che è ormai abusiva sceglierà la via dell’arroccamento e della sfida. Pur di sopravvivere Berlusconi, Lega, Pdl e i cosiddetti Reponsabili opteranno per una soluzione tipo “Ridotta della Valtellina” versione 2011. Sarebbe il caso che avessero un sussulto di dignità istituzionale e ci risparmiassero questo spettacolo che può produrre solo una lenta agonia e danni enormi al Paese”.

13 giugno 2011 0

Referendum, via alla conta delle preferenze. Il si è schiacciante

Di redazione

Mentre mancano pochi Comuni alla conta per le affluenze alle urne, pare che il dato si mantenga stabile al di sopra del 57%. Intanto cominciano ad arrivare i primi parziali per i quesiti. Schiaccianti, ovviamente, sono i dati dei si sui no. Nel primo quesito, quello per la privatizzazione dei servizi pubblici, (7.755 sezioni su 61.599) il si è al 95,47%, il no al 4,53. Al secondo quesito relativo alla tariffa del servizio idrico, (3.698 sezioni) il si è al 95,91%, il no al 4,09%. Al terzo, invece, quello sull’energia nucleare (1.512 seggi), il si è attestato al 94,40%, il no al 5,60% L’ultimo quesito, quello sul legittimo impedimento, (857 seggi) il 94,76% ha votato si, il 5,24 ha votato no.

13 giugno 2011 0

Operazione antidroga a Forlì, arresti anche a Cassino

Di redazione

Una operazione antidroga con radici a Forlì si è spinta fino al Cassinate dove è stato tratto in arresto l’affiliato ad una organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti. In tutto sono dieci le persone finite in manette per un traffico di droga in un periodo che va dal 2008 ad oggi. Ad operare sono stati gli uomini della squadra mobile della Questura di Forlì-Cesena e del commissariato di Cesena, con l’aiuto di unità cinofile antidroga. Nel corso delle indagini sono state arrestate in flagranza di reato ben 16 persone mentre 17 sono state denunciate, oltre un chilo di cocaina sequestrato così come la somma di 12mila euro in contanti e tre autovetture utilizzate dall’organizzazione. Sequestrata anche una pistola. A Cassino hanno operato gli uomini del commissariato diretto dal vice questore aggiunto Francesco Putortì.