Giorno: 23 giugno 2011

23 giugno 2011 0

XIV Convivium “Atomarte, nuclei e rose tra scienza ed arte”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Gli amici di “Convivium” tornano con un appuntamento davvero speciale. Domenica 26 giugno eccezionalmente dalle 11.30 nell’ormai storica sede dell’associazione, l’hotel “Best Western Fiuggi Terme”, scienza e arte si fonderanno in un insolito connubio per dar vita ad un incontro molto particolare. “Atomarte, nuclei e rose, tra scienza ed arte” il titolo dell’evento, dove si tratterà il delicatissimo tema dell’energia nucleare in mezzo ai quadri e alla musica. Relatori, l’ingegnere Alberto Scerrati ( già “attore” principale in un altro “Convivium”), e la dottoressa Maria Carmen Lupi, pittrice. Il primo illustrerà dettagliatamente il tema del nucleare, subito dopo, dimesse le vesti da ingegnere, si trasformerà in pianista, dando vita ad un concerto a quattro mani con Marina Ampola , che costituirà la colonna sonora dei dipinti di Maria Carmen Lupi. La musica e la pittura daranno vita ad un Convivium colorato ed effervescente, niente di più indicato per salutare l’estate appena arrivata. Il programma del concerto prevede la “Piccola serenata” di W. A.Mozart e 3 Ragtime di S.Joplin. Maria Carmen Lupi dipinge soggetti floreali tra cui predilige le rose.: rose sono voluttuose e dirompenti sospese tra il sogno e la realtà.

23 giugno 2011 0

Pronti per la rievocazione del sacrificio del carabiniere Fardelli

Di redazione

Si terrà domenica 26 giugno con inizio alle ore 11.00 a Caira, frazione di Cassino, all’interno della Chiesa di S.Basilio Vescovo, la commemorazione del Carabiniere Marino Fardelli (foto1) nell’occasione del 48° Anniversario della Strage di Ciaculli dove persero la vita nella periferia di Palermo sette tra militari e carabinieri in quella che fu definita la prima Strage di Mafia perpetrata nei confronti delle Forze dell’Ordine avvenuta il 30 giugno 1963. I familiari del carabiniere Marino Fardelli hanno voluto fortemente anche per quest’anno coinvolgere sia le Istituzioni, sia le Forze dell’Ordine e le massime autorità cittadine per ricordare degnamente chi ha servito con il sacrificio lo Stato Italiano. I bambini della 5a classe della Scuola Elementare di Caira, grazie alla preziosa collaborazione intrapresa con la Direzione Didattica del II Circolo di Cassino, verranno premiati consegnando loro tre Borse di Studio. L’evento, patrocinato dal Comune di Cassino, vedrà la partecipazione del Sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone, del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Frosinone Colonnello Antonio Menga e del Capitano dei Carabinieri della Compagnia di Cassino il Capitano Adolfo Grimaldi. Sarà presente anche il Colonnello Giovanni Cantice , comandante 80°RAV Roma. Al termine della Santa Messa officiata da Don Claudio Monti, parroco di Caira, seguiranno gli interventi del Colonnello Menga e del Sindaco di Cassino Petrarcone. A seguire verranno consegnate le Borse di Studio agli studenti della 5a Elementare di Caira che meglio si sono distinti per il lavoro dal titolo “La figura del Carabiniere. Il sacrificio di Marino Fardelli” dopo che le insegnanti coordinate dai già docenti Giulia Fardelli e Sergio Saragosa, hanno dedicato una unità didattica proprio per l’avvenimento. Anche per questa cerimonia il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha fatto pervenire una medaglia di rappresentanza per testimoniare la propria vicinanza e quella della Repubblica Italiana all’importante manifestazione commemorativa. La Medaglia (foto2) verrà consegnata ai familiari dal Sindaco del Comune di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone. I familiari con questa iniziativa, grazie alla sensibilità del Sindaco e dei Carabinieri, intendono così rendere omaggio e a perenne memoria, un proprio congiunto sempre. Foto Alberto Ceccon

23 giugno 2011 0

Omicidio De Luca, l’indagata si lancia dal balcone ma viene raggiunta e arrestata

Di redazione

Dieci coltellate, quasi tutte inferte dietro la schiena, furono causaa metà maggio, della morte di Carmine De Luca, Imprenditore campano di 69 anni ma da tempo residente a Torricella Sicura in provincia di Teramo. Oggi, i carabinieri del comando provinciale hanno finalmen dato un volto all’assassino, o meglio, al probabile assassino. Ovviamente parliamo ancora di una persona indagata, ma gli inquirenti hanno pochi dubbi sul fatto che il Dna, ricavato dalle tracce lasciate nella casa della vittima sia quello di Francisca Binicio Medina, 27enne arrestata ieri a Genova. Gli uomini del colonnello Antonio Salemme, comandate provinciale dei carabinieri di Teramo, coordinati dal capitano Nazario Giuliani comandante del reparto operativo, la mantenevano sotto controllo nei suoi spostamenti nel nord, poi, quando il Ris ha fatto emergere la compatibilità genetica, sono scattate le manette. Eppure, assicurarla alla giustizia non è stato facile . La donna è stata fermata dai carabinieri di Teramo a Genova e la domenicana, non appena ha avuto la possibilità, si è lanciata da un finestra della caserma facendo un volo di 5 metri. Il carabiniere teramano che l’aveva in custodia, per evitare l’evasione, a sua volta si è lanciato nel vuoto riuscendo ad immobilizzarla ma riportando ferite, come la stessa domenicana, guaribili in 40 giorni. Il corpo di Carmine de Luca venne trovato il 28 maggio in avanzato stato di decomposizione nella sua casa, ripulito dal sangue e chiuso in uno sgabuzzino. Il medico legale ha ricondotto la morte dell’uomo al 19 maggio. Perché quell’omicidio? La ragazza era solita frequentare la costa per avvicinare clienti e, fra questi, c’era anche la sua vittima. Il litigio, quindi, potrebbe essere riconducibile al pagamento di una prestazione sessuale. Ma su questi aspetti, ancora si sta indagando.

23 giugno 2011 0

Grave autotrasportatore investito dall’esplosione di un pneumatico del suo camion

Di redazione

E’ stato investito e gravemente ferito dall’esplosione di una bomba ad arai compressa. E’ ciò che è accaduto ad Atessa, nella tarda mattinata di oggi sulla superstrada Fondovalle del Sangro, ad un autotrasportatore 37enne di Terlizzi (Ba). L’uomo ha fermato il suo mezzo in una paizzola di sosta per verificare la natura di un rumore sospetto e, quando si è infilato sotto al mezzo, è esploso un pneumatico travolgendolo, non solo con il violento spostamento d’aria ma con centinaia di frammenti della gomma esplosa. Sul posto, gli operatori del 118 e i carabinieri di Atessa, hanno cheisto l’intervento di un’eliambulanza che, atterrata sulla strada, ha trasportato il ferito in ospedale a Pescara dove resta ricoverato in prognosi riservata. Er. Amedei

23 giugno 2011 0

Vasto incendio a Coste di Chieti a Lanciano, le fiamme minacciano le abitazioni

Di redazione

Un vasto incendio si è sviluppato nel primo pomeriggio di oggi nei pressi della frazione Costa di Chieti a Lanciano. Decine di ettari di bosco e sterpaglie stanno bruciano in una zona impervia accessibile solo dall’alto con i velivoli antincendio della Forestale. Due aerei stanno prendendo l’acqua dal lago di Bomba per rallentare l’avanzata delle fiamme verso il centro abitato davanti al quale, però, si sono posti a protezione i vigili del fuoco di Lanciano. Er. Amedei

23 giugno 2011 0

Caso Battisti, Abbruzzese: “La Regione Lazio chiede giustizia”

Di redazione

“E’ un segnale importante l’approvazione di oggi in Aula della mozione sul caso Battisti. E’ soprattutto in circostanze come queste che le Istituzioni sono chiamate ad esprimere responsabilmente l’unità e la forza politica di uno Stato, dimostrando di saper dare voce alla sensibilità dei cittadini, tanto più di quelli che ancora oggi patiscono il dolore causato dal terrorismo e che chiedono giustizia. Si è trattato di un periodo storico terribile per il nostro Paese che ha generato ferite ancora non rimarginate e mi fa particolarmente piacere che questa mozione sia arrivata in concomitanza con l’approvazione unanime in Commissione della delibera di Giunta che stanzia risorse per i figli delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata”. Lo ha riferito con una nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

23 giugno 2011 0

A pesca (di frodo) di gamberi nel Gari, sequestrate nasse

Di redazione

Continua con efficacia l’attività di antibracconaggio anche sui fiumi da parte degli uomini della Polizia Provinciale agli ordini del Comandante Massimo Belli. Questa mattina in località Sant’Angelo in Theodice a Cassino, sul fiume Gari, sono state sequestrate due nasse utilizzate per la cattura dei gamberi di fiume: Si tratta di pesca di frodo da parte di personaggi primi di alcuno scrupolo in quanto i nostrani gamberi di fiume sono di una specie particolarmente rara e protetta, malgrado siano considerati dai consumatori una pietanza prelibata. In tale occasione sono stati recuperati circa trenta gamberi della specie autoctona e liberati sul posto. Purtroppo i gamberi più comuni presenti nei nostri fiumi sono ormai di un tipo esotico, originari addirittura dalla Louisiana e di colore rosso con la distruttiva tendenza a fare strage dei gamberi autoctoni, più piccoli e bianchi nonché a rischio di estinzione. Anche per questo motivo la pesca di frodo di tali specie è particolarmente irresponsabile e punita con pesanti sanzioni amministrative. E’ vietato pescare nei nostri fiumi anche granchi e altre specie ittiche similari. “Desidero ringraziare – ha affermato il Comandante Belli – i cittadini e gli amministratori che con grande senso di responsabilità ci segnalano sempre con maggiore frequenza gli atti illeciti operati da pescatori e dai cacciatori di frodo. Desidero anche chiedere a tutti coloro che venissero a conoscenza di azioni illecite di questo tipo a segnalarcele senza pensarci su due volte considerando la gravità delle condizioni del nostri ambiente e la assoluta necessità di salvaguardia delle rare oasi dove la riproduzione e la vita di tanti animali di terra e di acqua tipici del nostro territorio si può ancora verificare costituendo un prezioso patrimonio collettivo che la Provincia di Frosinone vuole tutelare a tutti i costi”.

23 giugno 2011 0

Due vittorie e il titolo di campioni italiani nel tandem per i fratelli Pizzi di Lanciano nella Settimana tricolore di ciclismo in Sicilia

Di redazione

Nuovi successi e il titolo di campioni italiani nel tandem per gli atleti paralimpici Luca e Ivano Pizzi, di Lanciano, nella Settimana Tricolore di ciclismo (18/26 giugno) che si sta disputando sulle strade di Catania, Messina e Siracusa. I due fratelli hanno agguantato il primo oro a Paternò, dove, nei giorni scorsi, si è svolta la prova a cronometro sulla distanza di 16.8 km: i ciclisti abruzzesi hanno dominato la gara degli ipovedenti giungendo al traguardo con il tempo eccezionale di 18’41”, davanti alla coppia di casa composta dai siciliani Romeo-Sanetti (19’42”), mentre il campione italiano uscente Emanuele Bersini – con la guida Daniele Riccardo – si è dovuto accontentare del bronzo (19’59”). Il bis è arrivato il giorno seguente quando i ciclisti frentani si sono imposti anche nella prova in linea sulla distanza di 33.6 km, tracciato ricavato da un difficilissimo circuito cittadino. Nonostante il caldo torrido i Pizzi, delle Fiamme Azzurre, sono giunti al traguardo in 1h19’55”, staccando nettamente Bersini-Riccardo (1h31’15”). Sfortunata la coppia siciliana Romeo-Sanetti, che ha avuto un problema meccanico nel corso del primo giro. “Non è stato facile – spiega Luca Pizzi, “guida” del fratello Ivano – . Il caldo torrido ha reso tutto molto difficile, sono temperature alle quali non siamo abituati. Siamo contenti di poter sommare la maglia iridata che deteniamo in questa categoria a quella azzurra. Adesso speriamo di ripeterci a livello internazionale. Comunque dopo la seconda prova di Coppa del mondo a Segovia, in Spagna, siamo leader di CDM”.

23 giugno 2011 0

Apre il nuovo Centro Estetico e Benessere “Essence Beauty & relax” alle Terme di Fiuggi

Di redazione

“Guardala con occhi nuovi … è Fiuggi!”. E’ questo lo slogan scelto dalla Società Terme di Fiuggi Spa & Golf per esprimere l’aria di novità che si respira quest’anno alle Terme di Fiuggi che del ‘Benessere su misura, studiato per tutte le fasce d’età’ hanno fatto il loro fiore all’occhiello.

Il Centro Estetico e Benessere, Essence Beauty & Relax, di ultima generazione, che sarà inaugurato sabato 22 giugno p.v. alle ore 18,00, alla Fonte Anticolana, è già il chiaro segnale del riuscitissimo lifting operato da questa nuova gestione che per la stagione estiva ha in serbo una miriade di sorprese.

La recente tavola rotonda sul termalismo, tenutasi al Sanit di Roma giovedì scorso, ha peraltro evidenziato l’importanza di questo segmento turistico mettendo in luce il profondo cambiamento di costumi degli italiani che, sempre più, mirano a coniugare le vacanze col bisogno di prendersi cura del proprio corpo e della propria mente. In tale ottica il turismo termale sembra aver assunto un ruolo di primo piano in quanto asseconda tali esigenze e le integra in un contesto di assoluto relax in contrasto con il logorio della vita moderna.

L’offerta integrata e variegata che caratterizza oggi le Terme di Fiuggi, si presta a soddisfare i più diversificati target turistici. Senza nulla togliere agli indiscutibili requisiti delle sue fonti termali, ideali per la cura idropinica, Fiuggi ora si rivolge anche, e soprattutto, alle nuove generazioni.

Campi da Tennis, Campi da Golf a 18 buche, Piscina, Trattamenti antiaging, trattamenti estetici e di benessere, terapie fisioterapiche, teatro, concerti e condizioni climatiche ed ambientali sono tutti elementi che facilitano la depurazione del corpo e dell’anima: una inscindibile miscela di ingredienti salutistici, antistress ed antiaging che concorrono al completo recupero dello stato di benessere individuale, tanto agognato in questo momento storico.

Per gli appassionati di musica classica e non solo,il 28 giugno, alle ore 20,30, al Teatro delle Fonti ‘Ensemble di Ottoni’; e il 1° luglio alle ore 18,00, alla Fonte di Bonifacio, la Banda Musicale della Polizia di Stato diretta dal Maestro Maurizio Billi e con Cheryl Porter in concerto, su un palco a cielo aperto.

23 giugno 2011 0

“La famiglia di Nazareth” fa festa a Castrocielo

Di redazione

E’ festa sabato 25 giugno a Castrocielo. Festa di allegria e gioia per tutti, tra musica e canti, balli e giochi per i piccoli, gastronomia e fiducia reciproca. E’ festa e riflessione per le famiglie e per chi crede nell’impegno solidale come sfida educativa da affiancare alla civiltà dei festival della birra , del “Bunga – Bunga” e della “TV monnezza” . Si provano vie alternative agli attuali modelli edonistici che ottenebrano la mente ed insinuano la tentazione di ritenere che la ricchezza dell’uomo non sia nella propria spiritualità, ma nel suo potere personale e sociale. Le attuali vicende “para-politiche” che vedono coinvolte le istituzioni più rappresentative della nostra nazione, i turbamenti che invadono l’intera opinione pubblica, la perdita di un senso etico che scuote e frammenta la visione cristiana della vita, impongono una profonda riflessione dell’essere famiglia e di come questa si debba rapportare con le altre famiglie sempre più in difficoltà. Difficoltà economiche, educative e progettuali, possono portare a paure e dispersione degli obiettivi e del cammino da seguire. Un richiamo forte e rassicurante, il bisogno di fissare elementi certi, è necessario per non lasciarsi travolgere dagli eventi e dalla crisi insita nell’attuale tempo. La condizione è stata recentemente confermata da Papa Benedetto XVI: “ la crisi delle famiglie è aggravata dalla diffusa fragilità psicologica e spirituale dei coniugi” Il richiamo ad una famiglia solidale al proprio interno che con spirito cristiano apra all’esterno dell’ uscio per vivere il rapporto di solidarietà, reciprocità e gratuità verso il prossimo così come nella famiglia, non può che arricchire e portare aiuto vero ed affettività fraterna nelle realtà sociali e nelle relazioni locali in cui si opera e si vive. L’evento “La famiglia solidale educa all’amore”, è stato costruito attraverso 3 tappe principali: la prima – l’INCONTRO – tenutasi a Castelletto di Brenzone (Vr) lo scorso 5 giugno, con la presenza di genitori e una quarantina di ragazzi di Castrocielo che hanno suonato le loro chitarre sul Lago di Garda nel suggestivo Istituto delle Piccole Suore della Sacra Famiglia, partecipando al raduno nazionale delle Associazioni famiglie di Nazareth. E’ stata una giornata di riflessione sui valori e problematicità della Famiglia, nonché del rapporto tra lavoro e l’essere uomini. La seconda tappa –l’ACCOGLIENZA – VIII festa della Famiglia, si terrà sabato prossimo, 25 giugno a Castrocielo, e sarà centrata sull’incontro tra famiglie ed esperti sul tema “La famiglia solidale educa all’amore”. Il giorno seguente – la TESTIMONIANZA – a Viterbo, con il trasferimento delle due comunità di Castrocielo e di La Spezia, guidata da Giovanni Ricchetti presidente dell’ Associazione Famiglia di Nazareth, che parteciperanno alla nascita dell’ Associazione Famiglie locale e portando la loro esperienza. L’obiettivo principale è quello di favorire la condivisione attraverso la musica, la progettualità comune, l’abbattimento delle differenze geografiche e culturali, il dialogo sui valori e la trasmissione di relazioni affettive e sociali positive tra le famiglie e tra le generazioni. La capacità di progettare insieme l’evento globale, la costruzione delle tappe, nonché la realizzazione e lo sviluppo futuro, rappresenta più che un cammino d’avvicinamento ad un obiettivo, il vero risultato atteso. Le istituzioni comunali di Castrocielo con in testa il primo cittadino, Prof. Filippo Materiale promotore di un progetto per il Fiuggi Family Festival , la Regione Lazio, l’Istituto delle Piccole Suore della Sacra Famiglia, Il Parroco don Tonino Grossi con le realtà associative di volontariato e la Pro loco sostengono l’iniziativa con partecipazione attiva e propositiva. Il Presidente AFN Alessandro Ricci