Giorno: 26 giugno 2011

26 giugno 2011 1

Ambulanza bloccata dall’isola pedonale di Cassino

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Le sbarre poste a protezione dell’isola pedonale ritagliata nel centro di Cassino bloccano tutti gli automezzi, ma proprio tutti, anche quelli del pubblico soccorso. E’ accaduto sabato sera che una ragazza colta da malore all’interno, proprio dell’isola pedona, è stata raggiunta dall’ambulanza in ritardo proprio perché, il mezzo di soccorso non poteva transitare per via della sbarra, e del fatto che gli operatori del 118 non avevano il meccanismo né le chiavi che permettevano di alzarla. Forse qualcosa c’è da rivedere nell’organizzazione del sistema.

26 giugno 2011 0

A luglio ripartono le ronde antiabbandono “Io l’ho visto” di Aidaa

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Come ogni anno con l’arrivo della stagione estiva riparte l’operazione “Io l’ho visto” realizzata in collaborazione da AIDAA, Prontofido e le radio del gruppo Finelco (Radio 105, Virgin e Radio Montecarlo). Per il quarto anno consecutivo gli oltre 1200 volontari dei team anti abbandono di Io l’ho visto pattuglieranno le autostrade italiana con oltre 100 gruppi automuniti che interverranno in soccorso dei cani vaganti o abbandonati sulla rete autostradale italiana. L’operazione ronde anti abbandono di AIDAA quest’anno scatterà dal 24 luglio e durerà fino al 4 settembre in questo periodo sarà possibile segnalare i cani abbandonati o vaganti sulle autostrade italiane semplicemente inviando un sms al numero 3341051030 indicando il punto esatto dove si è avvistato in cane in autostrada, la taglia del cane e la direzione di marcia dell’animale, da quest’anno sarà inoltre possibile anche effettuare la segnalazione attraverso i telefoni e gli apparecchi palmari scaricando l’apposita applicazione, questa novità permetterà ai volontari di avere una indicazione precisa del punto esatto in cui si trova l’animale velocizzando i tempi dell’intervento di soccorso. Una volta ricevuta la segnalazione la sede centrale si metterà immediatamente in contatto con il team delle ronde antiabbandono più vicino alla zona di segnalazione il team si muoverà immediatamente allo scopo di individuare e catturare il cane vagante che sarà poi portato in uno dei canili convenzionati dove si provvederà alla lettura del microchip ed al suo eventuale ricovero nella struttura. Da quest’anno ai gruppi operativi automuniti si aggiungono anche una trentina di staffette motocicliste che saranno operative nel solo mese di agosto in concomitanza con il periodo di maggior afflusso sulle autostrade. Le staffette avranno il compito di precedere i volontari automuniti e di seguire da vicino (e se possibile fermare e rifocillare) il cane abbandonato in attesa dei volontari preposti al suo recupero. Parte invece da domenica 3 luglio il servizio di segnalazione antiabbandono di AIDAA per le strade statali e di città. Sarà possibile segnalare l’avvistamento di un cane vagante sulle strade statali o in zone urbane telefonando o mandando un sms al numero 3478883546, i volontari dell’associazone animalista inoltreranno la segnalazione alle autorità territoriali preposte al recupero del cane randagio il servizio rimarrà attivo fino al 4 settembre. “Anche quest’anno dobbiamo dire grazie a oltre un migliaio di volontari che rispondendo agli appelli di AIDAA e a quelli trasmessi sulle radio hanno accettato di far parte dei team io l’ho visto delle ronde anti abbandono di AIDAA realizzate per il quarto anno in collaborazione con prontofido- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA-lo scorso anno le segnalazioni pervenute di cani vaganti sulle autostrade furono 3200 e gli interventi portati a termine con il recupero del cane furono complessivamente 926”.

26 giugno 2011 0

Furti in abitazione, altro arresto in flagranza operato dai carabinieri

Di admin

Il piano di contrasto messo in atto da diversi giorni da parte dell’Arma dei Carabinieri, finalizzato ad interrompere il fenomeno dei furti in abitazione, che nel periodo estivo avvengono con maggiore frequenza, continua a dare risultati. Questa notte, in Pineto, i militari della Stazione CC. Di Roseto degli Abruzzi, hanno arrestato in flagranza di furto aggravato C.N.G., 32enne rumeno, in Italia senza fissa dimora. L’uomo verso le ore 01.00, si era introdotto all’interno di un’abitazione del centro di Pineto, abitata da un’anziana signora, la quale svegliata dai rumori provenienti dal soggiorno, impaurita ha chiamato i Carabinieri, che sono intervenuti con celerità sul posto. Il malvivente ha visto giungere i militari e nel tentativo di fuggire ha sfondato una finestra, procurandosi delle lesioni da un braccio in seguito alla rottura dei vetri. I Carabinieri lo hanno subito arrestato, mentre pare che un altro complice sia riuscito a fuggire a piedi. Adesso il rumeno si trova ristretto presso la casa circondariale di Teramo a disposizione della magistratura.

26 giugno 2011 0

Dipendente comunale arrestato per droga a Lanciano, confezionava cocaina

Di redazione

Nella serata di ieri, durante un normale controllo alla circolazione stradale, i militari del NOR hanno fermato nei pressi di via Don Minzoni a bordo della sua Peugeot 206, S.R., classe 81, di Lanciano, impiegato comunale. Da subito, il giovane è apparso alquanto agitato, al punto da insospettire i militari che, dunque, hanno deciso di procedere alla perquisizione. Così, all’interno della tasca di una tracolla, i carabinieri hanno rinvenuto ben 7 involucri di plastica, contenenti ciascuno circa mezzo grammo di cocaina, per un peso complessivo di 3,5 gr. La perquisizione, successivamente estesa all’abitazione del giovane, ha consentito, poi, di dare ulteriore riscontro alla sua consolidata attività di spaccio, rinvenendo un ulteriore quantitativo di cocaina, per un ammontare complessivo di circa 40 gr, oltre a 20 gr di sostanza da taglio, un bilancino elettronico di precisione, nonché numerosi ritagli di busta in cellophane per il confezionamento delle dosi. Il tutto era stato ben nascosto ad arte ell’interno del vano cartucce di una stampante per pc. Per S.R., cui è stato contestata la violazione all’art. 73 del D.P.R. 309/1990, si sono aperte le porte di Villa Stanazzo, mentre la sostanza stupefacente, quella da taglio ed il bilancino di precisione sono stati posti sotto sequestro, così come disposto dal PM di turno, Dott. Ruggiero Dicuonzo.

26 giugno 2011 0

Droga, giovane albanese in manette ad Alvito

Di redazione

Ad Alvito, i carabinieri della Stazione, con la collaboirazione dei colleghi della Stazione di Casalvieri, nell’ambito di specifica attività investigativa diretta al contrasto dello spaccio di droga, hanno arrestato in flagranza del reato di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio un 30enne di origini albanesi domiciliato ad Alvito. l’uomo, a seguito di perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di 13 grammi di “cocaina” e di 8,5 grammi di sostanza da taglio del tipo “mannitolo”, nonché materiale idoneo al confezionamento in dosi, il tutto posto sotto sequestro. L’arrestato, ad espletate formalità di rito, veniva associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

26 giugno 2011 0

L’orchestra di fiati città di Ferentino apre la terza edizione del Festival Francesco Alviti

Di redazione

Sarà l’Orchestra di fiati Città di Ferentino, diretta da Alessandro Celardi, a dare il via al III Festival Francesco Alviti, martedì 28 giugno, in Piazza S. Giovanni a Ceccano. 7 serate di musica che gli amici di Francesco hanno fortemente voluto per ricordare il giovane percussionista, scomparso il 23 febbraio del 2009, dopo aver coraggiosamente lottato contro un male troppo crudele. La musica era stata la vita di Francesco, con la musicaa veva costituito un magnifica rete di amicizie che ora riverberano tutte nelle serate del festival, vero incontro di giovani nel nome dei giovani che vogliono vivere. In Piazza S. Giovanni si susseguiranno oltre 500 artisti, in gran parte giovani musicisti. Dopo l’Orchestra di Fiati di Ferentino, uno dei complessi più autorevoli del nostro territorio, reduce da Concorso di Riva del Garda, sarà al volta degli Ika brothers, formazione molto amata dal pubblico soprattutto giovanile. La band sarà in scena mercoledì 29. Il 30, giovedì, spazio all’opera lirica e ai 150 anni dell’Unità d’Italia. L’orchestra sinfonica Francesco Alviti, nata proprio sull’onda emotiva della morte del giovane percussionista, e il Coro Josquin Des Pres, diretti da Mauro Gizzi, presenteranno Di tanti palpiti, un itinerario nella melodramma italiano, alla ricerca degli elementi risorgimentali dell’opera lirica: soli, coro, orchestra, pianisti, tutti per un programma di cori ed arie d’opera e per festeggiare insieme i 20 anni di attività del Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres . Il giorno dopo, 1° Luglio, Piazza S. Giovanni accoglierà i percussionisti: marimbe, timpani, tamburi, barattoli, triangoli… tutto quello che consente di proporre ritmo e cadenza, uno spettacolo da non perdere con le due classi di percussioni del Conservatorio di Frosinone, con i loro maestri, Antonio Caggiano e Carlo Di Blasi. Sempre il 1° Luglio, il direttore del Conservatorio, il M° Antonio D’Antò, consegnerà al miglior percussionista dell’anno accademico la Borsa di Studio Francesco Alviti. Un giorno di pausa per poi riprendere il 3 luglio con la Banda Città di Ceccano e le sue majorettes, con la direzione di Adamo Bartolini. Il 5 luglio il Festival si sposterà di sede: al campo sportivo Dante Popolla l’Amaseno Harmony Show Band, doiretta da Natalino Como, presenterà il suo drilling show con tutte le movenze di una marching band: spettacolo da non perdere. Infine il 7 luglio il festival sarà concluso da un esordio: i Ciociarian Brass diretti da Gianluigi Zampieri. Tanta bella musica e tanta bella amicizia a fare da contraltare alla tante brutture di questi anni. Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21,30.

26 giugno 2011 0

Emergenza rifiuti a Napoli, il Coisp: “I Poliziotti sono troppo esposti, intervenire subito”

Di redazione

“Basta divisioni e incertezze, non c’è un solo attimo da perdere: la situazione a Napoli dovuta all’emergenza rifiuti sta per andare completamente fuori controllo ed i Poliziotti sono troppo esposti perché possiamo continuare a tollerare bracci di ferro all’interno della maggioranza di governo. Bisogna intervenire subito adeguatamente, poiché i colleghi sono i primi a fare le spese di un disastro senza fine”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, interviene a proposito del grave stato di cose creatosi nella città partenopea dove i cumuli di centinaia di migliaia di tonnellate di spazzatura lungo ogni strada hanno dato vita ad un allarme senza precedenti, dal momento che, anche a causa delle temperature estive, sono enormi ormai i rischi per la salute dei cittadini, oltre che i disagi dovuti a puzzo e sporcizia. Il neo sindaco Luigi de Magistris ha disposto con propria ordinanza la raccolta dei rifiuti 24 ore al giorno e la scorta delle Forze dell’Ordine ai mezzi delle società impegnate nella pulizia del territorio. Circa 300 i Poliziotti coinvolti nelle attività, cui “il Coisp – aggiunge Maccari – rivolge immediatamente il suo pensiero, come sempre accade per i colleghi cui viene letteralmente scaricata la gestione del ‘lavoro sporco’. La situazione che si è creata a Napoli è oramai anche di ordine e sicurezza pubblica, dal momenti che non è raro assistere a scene di vera e propria guerriglia urbana per le strade, e sappiamo che i Poliziotti devono come sempre fare il proprio dovere. Ma ciò non significa che non debbano essere tutelati e messi nelle condizioni di maggior sicurezza ed efficienza, prima di tutto sotto il profilo sanitario. Poi sotto il profilo della giusta retribuzione del lavoro titanico che stanno svolgendo con turni massacranti e attività debilitanti. E, non ultimo, sotto il profilo della previsione di un intervento serio, drastico e risolutivo, perché non si può certo pensare che possano andare avanti a lungo così. Ed è in questo senso che battiamo i pugni sui tavoli istituzionali perché si smetta con tutte le sciocchezze di cui stiamo sentendo parlare e si passi ai fatti”. Il Segretario del Coisp si riferisce con questo al fatto che i Presidente del Consiglio ha convocato un Consiglio dei ministri ad hoc per la prossima settimana con all’ordine del giorno l’approvazione di un decreto sui rifiuti che sblocchi la situazione napoletana invocando la collaborazione delle altre ragioni, incontrando la reazione “inconsulta” della Lega, e di Calderoni in particolare, che, riportano tutti gli organi di stampa “non intende permettere che il Nord venga invaso dai rifiuti napoletani”, annunciando che “voleranno le sedie” qualora Berlusconi volesse replicare lo schema adottato in passato di ripartire la spazzatura tra le regioni. I leghisti vorrebbero piuttosto che Berlusconi dichiari lo stato d’emergenza, ma per lui sarebbe difficile ammettere che dopo tre anni dal suo intervento non è cambiato nulla e che a Napoli è ancora emergenza! “E’ veramente assurdo ma, ancora una volta, siamo qui a sottolineare l’ovvio. Napoli fa parte dell’Italia, che a qualcuno piaccia oppure no. Il problema che la città si trova ad affrontare è di tutti gli italiani, e non è possibile pensare che lo Stato debba intervenire quando ci sono da mettere in campo le Forze di Polizia, ma che non debba più farlo quando altre Istituzioni debbono fare la propria parte. Altrimenti – conclude Maccari -, se così fosse, ci devono assolutamente spiegare se anche uomini e donne in divisa possono liberamente scegliere a quale Stato appartenere ed ubbidire perché, ne siamo certi, più di qualcuno sceglierà di appartenere a solo a quella parte dove non c’è spazzatura per strada, ma neppure malviventi da inseguire, latitanti da stanare, ministri ed autorità da scortare, migliaia di persone da rimandare nel loro paese inferocite da tenere sotto controllo, partite di calcio dove beccarsi una coltellata, cortei dove prenderle di santa ragione…. Insomma quella parte di Stato dove fare il Poliziotto non è un inferno continuo…”.