Giorno: 28 giugno 2011

28 giugno 2011 0

Giovane mamma con bimba di 6 mesi in braccio palpeggiata da 70enne

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I mostri sono sempre in agguato e quello entrato in azione qualche giorno fa a Ceccano, stando al racconto della ragazza aggredita, deve essere dei pezziori. L’episodio è accaduto nel parchegio della stazione ferroviaria di Ceccano quando un anziano ha avvicinato la mmamma 22enne che aveva in braccio la figlia di 6 mesi e avrebbe cominciata al palpeggiarl le parti intime. La ragazza, impaurita ma impossibilitata a scappare per via del pargolo che portava in braccio, si è vista persa e la situazione sembrava precipitare quando l’uomo l’avrebbe aggredita stringendole la testa spingendola verso le parti basse. Alle urla della ragazza sono accorsi alcuni passanti e solo allora l’uomo è fuggito. Sul posto sono giunti i carabinieri della stazione che hanno portato la ragazza sotto shock in stazione per tranquillizzarla e raccogliere la descrizione dell’uomo. Sono così iniziate le indagini coordinate dal capitano Pietro Di Miccoli, comandante della compagnia di Frosinone, e questa mattina è stato identificato e denunciato per violenza sessuale un unomo di 70 anni residente a Giuliano di Roma. Su cui gravano precedenti specifici.

28 giugno 2011 0

Ultimi due appuntamenti del Festival di musica antica a Fossacesia

Di redazione

Nella splendida cornice dell’abbazia di San Giovanni in Venere, mercoledì 29 giugno alle ore 20 i docenti e gli allievi italiani ed americani presenteranno i frutti del lavoro svolto in questi giorni presso la scuola elementare di Fossacesia, mentre giovedì 30 giugno alle ore 21 la “Fairy Consort” di Chieti sarà impegnata nell’esecuzione di un raro programma di musiche da camera del sei-settecento. Il progetto, che ha visto interessati la Città di Fossacesia la prestigiosa Butler School dell’università di Austin – Texas -, il conservatorio dell’Aquila “Alberto Casella”, la prefettura di Chieti, la fondazione Carichieti, la soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici dell’Abruzzo e l’associazione I.T.A.C.A. di Fossacesia, ha riscosso un favorevole riscontro di pubblico facendo riscoprire musiche antiche di straordinaria bellezza e incanto. I ragazzi e il rettore dell’università del Texas il 23 giugno dopo aver assistito alla splendida esibizione del celebre “ensemble Micrologus”, hanno partecipato alla fine del concerto alla consueta cena della vigilia di San Giovanni in Venere assaporando i piatti tipici della gastronomia locale insieme all’Amministrazione e a tutti i fossacesiani che ogni anno si ritrovano in questo memorabile appuntamento di storia e tradizione. Inoltre, grazie alla disponibilità di Bruno Verì, della pescheria “L’Acquario”, della Cantina Sangro e dell’azienda agricola Giuseppe Bucciante, venerdì sera al calar del sole gli studenti e gli insegnati hanno degustato un piacevole aperitivo sul suggestivo trabocco di pesce palombo apprezzando anche la meticolosa spiegazione del traboccante sull’antica macchina da pesca tipica delle coste abruzzesi. L’amministrazione comunale ringrazia sentitamente il prof Guido Olivieri docente di musicologia dell’Università di Austin, il prof. Francesco Zimei per la cura nell’organizzazione dei corsi e i volontari della protezione civile di Fossacesia, per la loro preziosa collaborazione e disponibilità.

28 giugno 2011 0

Cani “cestinati”, i volontari dell’Anpana lanciano l’allarme: “Aiutateci”

Di redazione

La raccolta differenziata, a Frosinone, oltre a vetro, carta, plastica e lamira, prevede anche la raccolta di cani. A scoprirlo (e denunciarlo) sono stati i volontari dell’Anpana di Francesco Altieri. I volontari hanno trovato, vicino ad un cassonetto, una cagnetta, mamma di due cuccioli, legata con un laccio ad un sasso. Subito rifocillati, agli animali è stata data una sistemazione di fortuna ma momentanea. Il problema dei randagi recuperati dai volontari è enorme. Le loro case o le sistemazioni di fortuna, in piena estate, esplodono di trovatelli. Per questo, chiunque volesse adottare uno dei cagnetti, può scrivere all’indirizzo frosinone@anpana.it . Ma i problemi sono a monte. “Le sterilizzazioni di cani randagi delle associazioni riconosciute – scrive Francesco Altieri dell’Anpana – sono ferme per mancanza di risorse e ricordiamo che Cassino, seconda città della provincia di Frosinone, non ha un ambulatorio ASL Veterinario”. Ermanno Amedei

28 giugno 2011 0

Famiglie tra crisi e il rischio declassamento del Paese, vince il pessimismo

Di redazione

Le recenti minacce di declassamento del debito italiano e la crisi in atto in Grecia fanno permanere forti timori sull’andamento futuro del benessere delle famiglie italiane e incidono decisamente sulla propensione agli investimenti. E’ quanto emerge dall’indice Soldi Sette sulla fiducia dei risparmiatori (che va da un minimo di 0, pessimismo nero, a un massimo di 200, euforia sfrenata) che nella rilevazione di giugno si attesta quasi perfettamente in bilico tra ottimismo e depressione, a quota 100,7: è vero che il dato è in risalita rispetto a 91,8 di marzo ma siamo pur sempre in un’area di forte incertezza. Dalle rilevazioni degli analisti di Soldi Sette risulta che ai risparmiatori italiani non mancherebbe il desiderio di investire nei prossimi 12 mesi: l’indice passa infatti a quota 109 da 108,5 di tre mesi fa. Tuttavia l’intenzione di puntare su azioni e obbligazioni resta al palo e i rispettivi indici risultano in calo frazionale rispettivamente a quota 102 e 102,7. In lieve risalita l’investimento in immobili (da 104,3 a 106) a ulteriore conferma della situazione di incertezza che spinge a rifugiarsi nel mattone. Una situazione comprensibile in un Paese che stenta a crescere: negli ultimi anni i risparmiatori italiani sono stretti tra delusioni e vampate di speranza e dal 2003 si assiste ad un lenta e costante erosione della voglia di investire.

28 giugno 2011 0

Regione Lazio, firmato il protocollo d’intesa con la Comunità di Sant’Egidio

Di admin

Il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, e il presidente della Comunità di S. Egidio, Marco Impagliazzo, hanno siglato oggi un protocollo d’intesa per la costituzione di un Osservatorio sperimentale regionale per lo studio e lo sviluppo di politiche di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Con questo accordo “cercheremo di dare insieme risposte adeguate al fenomeno della povertà – ha spiegato Polverini durante la presentazione dell’intesa – non solo con numeri ma costruendo interventi mirati, perché su questo tema con molto poco, a volte, si possono ottenere grandi risultati”. Il Protocollo, della durata di due anni, dà avvio ad un rapporto di cooperazione per definire, attraverso l’Osservatorio, nuove iniziative di carattere sociale per contrastare le povertà estreme e favorire l’inclusione sociale dei gruppi deboli: studi ed analisi sul fenomeno delle povertà, sperimentare specifiche metodologie di ricerca e analisi, definire percorsi operativi per la risoluzione delle problematiche individuate. “Ci sono alcune categorie – ha aggiunto Polverini – che in questo momento rischiano non soltanto la povertà ma anche l’isolamento, in particolare gli anziani e gli immigrati C’è un impoverimento generale e quindi abbiamo ritenuto di approfittare dell’esperienza della Comunità di Sant’Egidio per dare una risposta importante”. La Comunità di S.Egidio mette a disposizione gratuitamente i propri locali come sede operativa dell’Osservatorio e la Regione si è impegnata a fornire unità di personale qualificato con maturata esperienza nel campo del disagio sociale e del rapporto con le realtà del volontariato. Il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, ha sottolineato come questo Osservatorio servirà per capire meglio la povertà e combatterla, mettendo in campo delle politiche che siano incisive. I compiti dell’Osservatorio saranno sia a livello regionale che internazionale. Tra le funzioni a livello regionale: avvio e gestione di un centro studi sul tema della povertà; attività di censimento e facilitazione delle reti di supporto formale, formazione e aggiornamento sulle tematiche sociali rivolta agli operatori delle reti impegnate nel sociale. Tra i compiti in ambito internazionale: individuazione delle aree di criticità sanitaria e sociale nei paesi in via di sviluppo; programmazione di interventi sociali e sanitari nei paesi in via di sviluppo per una migliore gestione dei sistemi sanitari complessi; formazione a Roma a nei paesi in via di sviluppo di personale sanitario e sociale locale e italiano da impegnare sul posto; formazione a distanza. L’Osservatorio redigerà periodicamente report sul lavoro svolto in merito agli obiettivi e ai compiti assegnati. La presidente Polverini ha poi annunciato che “gli impegni economici sul sociale saranno confermati anche nell’assestamento di bilancio”, mentre l’assessore alle Politiche sociali, Aldo Forte, intervenuto alla presentazione del Protocollo, ha ricordato che “entro l’anno partiranno dei Poli sperimentali di assistenza agli anziani in tutte le province del Lazio”, dopo che si è concluso il primo anno di sperimentazione nel centro di Roma, nei quartieri di Trastevere, Testaccio e l’Esquilino che ha reso possibile di ridurre il “tasso di ospedalizzazione”.

28 giugno 2011 0

Strangolagalli, il vicesindaco: “Tante opere realizzate senza aumentare le tasse”

Di admin

Si è svolta nei giorni scorsi la seduta consiliare che ha visto tra gli argomenti trattati, la deliberazione riguardante la variante al piano regolatore cimiteriale. Il punto è stato votato all’unanimità. Il nuovo piano prevede la realizzazione di circa 250 nuovi loculi cimiteriali, abbattendo il fatiscente perimetro sinistro dell’attuale area cimiteriale. Oltre ai nuovi loculi è stata prevista la realizzazione di circa 200 ossari, sempre nella parte sinistra dell’area. I consiglieri hanno poi votato all’unanimità anche il piano triennale delle opere pubbliche, come anche il bilancio di previsione. Nessun aumento è stato portato all’approvazione del consiglio. Tutti i tributi dell’anno precedente sono stati riconfermati per il corrente anno 2011. Il vice sindaco Lauro Lunghi ha rimarcato il fatto che il gruppo storico di amministratori, ormai in carica da oltre un decennio «ha dimostrato grande sensibilità alle esigenze della comunità, realizzando una infinità di opere necessarie allo sviluppo del territorio, garantendo l’eccellenza di tutti i servizi forniti dal Comune, senza aumentare le tasse ai cittadini, anzi, mantenendo una pressione tributaria inferiore a quella in vigore negli anni precedenti gli anni 2000. Basta pensare all’addizionale IRPEF, ancora ferma allo 0,4 per mille, mai aumentata; la mensa scolastica ferma a poco più di 2 euro, con una eccellente gestione in proprio. Ed ancora – aggiunge Lunghi – la riduzione dell’aliquota ICI sulla prima casa, poi successivamente abolita dal Governo; l’impegnativa gestione dei rifiuti con il sistema ”porta a porta” su tutto il territorio, con una percentuale di recupero di circa il 50%, con un costo per le famiglie di 90 centesimi di euro a metro quadro, in pratica un appartamento di 100 mq. paga 90 euro l’anno per un servizio di raccolta a domicilio; tutto ciò attesta l’attenta gestione economico finanziaria dell’Ente». L’ultima deliberazione ha riguardato l’approvazione del rendiconto di gestione esercizio finanziario anno 2010 che si è chiuso con un avanzo di oltre settantamila euro.

28 giugno 2011 0

Scontri in Val di Susa, politica non alimenti clima di scontro

Di admin

Dal Coisp riceviamo e pubblichiamo: “La politica ritrovi un minimo di senso di responsabilità e smetta di alimentare quel clima di tensione e di scontro che in Val di Susa sta esasperando gli animi di quei cittadini che, sentendosi traditi dallo Stato, scagliano la propria rabbia contro le Forze dell’Ordine”. Lo afferma Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia, commentando gli scontri in Val di Susa tra manifestanti No-Tav e Forze di Polizia. “Innanzitutto esprimiamo la totale solidarietà ai nostri colleghi fatti oggetto di atti di violenza e di manifestazioni di assurda intolleranza: ricordo ai manifestanti che, al di là del giudizio sulle ragioni della protesta, noi siamo dei semplici esecutori di ordini. Le Forze dell’Ordine impegnate a garantire la sicurezza e la legalità nei cantieri della Tav stanno affrontando la situazione con grande professionalità ed estremo equilibrio, ed è grazie a loro che la situazione non sta degenerando ulteriormente, con conseguenze ancora più gravi. Quello che sta succedendo in Val di Susa – prosegue Maccari – rappresenta soprattutto un fallimento della classe politica, incapace di discutere e condividere con i cittadini scelte che incidono profondamente sul futuro dei territori. Quella stessa politica che, in questi giorni, non fa che buttare benzina sul fuoco, con dichiarazioni fuori luogo che sembrano dolosamente voler provocare la reazione della gente. Già ieri avevamo criticato le espressioni del ministro Maroni, prevedendo le possibili reazioni. Ancora una volta, purtroppo, abbiamo avuto ragione. E’ responsabilità della politica, ora, moderare i toni e riprendere la strada del dialogo, evitando di alimentare, strumentalmente, una scellerata contrapposizione tra chi sta dalla parte dei manifestanti, e chi sta dalla parte della Polizia”.

28 giugno 2011 0

Contributi volontari, si paga entro il 30 giugno

Di admin

L’Inps comunica che giovedì 30 giugno è l’ultimo giorno utile per versare i contributi volontari relativi al 1° trimestre 2011 (periodo gennaio-marzo).

Da quest’anno i bollettini di c/c postale sono stati sostituiti dai MAV inviati a tutti gli interessati. Ogni bollettino MAV copre l’intero trimestre cui si riferisce e può essere richiesto, stampato e, se si intende versare per periodi inferiori, modificato collegandosi al sito www.inps.it e seguendo il seguente percorso di navigazione a partire dalla home page: Servizi online/Per tipologia di utente/Cittadino/Pagamento contributi versamenti volontari.

In ogni caso, i contributi volontari possono essere anche pagati secondo altre modalità:

– direttamente online, collegandosi al sito internet www.inps.it e seguendo il seguente percorso di navigazione a partire dalla home page: Servizi online/Per tipologia di utente/Cittadino/Pagamento contributi versamenti volontari;

– chiamando il Contact Center multicanale al numero verde gratuito 803164 e utilizzando la carta di credito.

Si ricorda che un solo giorno di ritardo rende nullo il versamento, senza la possibilità di recuperare il trimestre: in questo caso l’Inps provvederà a rimborsare quanto versato senza l’aggiunta di interessi.

28 giugno 2011 0

Parlamentari non consentano imposizioni della lobby animalista. Non rappresenta tutti i Cittadini

Di admin

Dall’ufficio stampa FederFauna riceviamo e pubblichiamo: Il testo di revisione della legge 281/91 sul randagismo e sugli animali d’affezione, provvedimento fortemente voluto da Francesca Martini e dalla lobby delle milionarie Onlus animaliste, ma che a molti sembra fatto apposta per contrastare le attivita’ con animali che producono una sana economia e per dare invece ampio spazio a quelle care agli animalisti, pagate con le tasse dei Cittadini, rischia di procedere spedito attraverso la cosiddetta “Sede deliberante” della Commissione, una via molto discutibile che, alla faccia dell’interesse generale, si svolge all’interno della commissione competente, escludendo del tutto l’intervento dell’Assemblea nella messa a punto del provvedimento legislativo.

Dopo che nel 2010, il passaggio in Aula della legge di ratifica della Convenzione di Strasburgo sugli animali da compagnia aveva fortunatamente ridimensionato certe norme pretese dagli animalisti, alcune per altro poi fatte rientrare dalla finestra dall’ennesima ordinanza della Martini, sembra che oggi i nemici dell’allevamento, del circo, del palio e di tutte le attivita’ con animali che sfuggano al loro diretto esercizio o controllo, non vogliano piu’ rischiare nemmeno un confronto dove potrebbero essere rappresentati anche interessi che ritengono contrastanti con i loro.

Per quanto riguarda pero’ l’assegnazione della proposta alla commissione in sede deliberante, mentre nel Senato la decisione spetta al presidente e non e’ opponibile, alla Camera la decisione del presidente vale solo come proposta, che viene accolta nel momento in cui nessun deputato chiede di sottoporla al voto dell’Assemblea. Inoltre, ci sono limiti procedurali: il Governo o un decimo dei componenti di ciascuna Camera (articolo 72 della Costituzione) o un quinto della stessa commissione, possono esercitare la “Richiesta di rimessione all’Assemblea”, determinando un passaggio di sede da legislativo a referente e coinvolgendo l’Assemblea.

FederFauna si rivolge quindi ai Parlamentari e, con tutto il dovuto rispetto, ricorda loro di essere i rappresentanti di tutti gli Italiani e non solo di alcune associazioni facoltose, le quali millantano consensi che non hanno, solo grazie alla propria potenza mediatica e lobbystica determinata da quel denaro che e’ in gran parte frutto delle stesse norme che vorrebbero, con ogni mezzo, far loro approvare.

Per le tutte news: http://www.federfauna.org/lista.php

28 giugno 2011 0

Cartelle pazze della pubblicità ad Aquino, la Globo Tributi precisa

Di redazione

A proposito delle cartelle pazze sulla pubblicità ad Aquino, pubblichiamo un comunicato stampa redatto dalla società Globo Tributi. “La società Globo Tributi S.r.l., Concessionaria, nel Comune di Aquino (FR), del Servizio di accertamento e Riscossione dell’Imposta Comunale sulla Pubblicità e dei Diritti sulle Pubbliche, facendo seguito ad alcune polemiche avviate in merito alla gestione del Servizio precisa quanto segue. In primo luogo corre l’obbligo di chiarire che la scrivente all’atto dell’instaurazione del contratto di appalto ha provveduto ad effettuare un controllo capillare del territorio comunale teso a censire i mezzi pubblicitari assoggettabili ad Imposta; pertanto le richieste di pagamento inoltrate ai contribuenti, nelle quali vengono chiaramente descritti i cespiti soggetti ad Imposta completi di tutte le caratteristiche (superfici, tipologia, tariffe applicate), descrivono con dovizia di particolari la situazione realmente esistente sul territorio, puntualmente ricostruita in seguito alle attività di rilievo. Ciò premesso, le affermazioni contenute su recenti articoli di giornale secondo le quali le richieste di pagamento conterrebbero “cifre completamente sballate” sono prive di ogni fondamento dal momento che le cifre richieste scaturiscono semplicemente dall’applicazione ai cespiti rilevati delle tariffe di Legge. Quanto poi alla richiesta di pagamento relativa alle annualità d’Imposta 2006/2010, si precisa che a causa della gestione fallimentare del Servizio, condotta nel corso delle suddette annualità dalla Ditta Tributi Italia S.p.A., non è stato possibile ricostruire con puntualità la posizione tributaria dei singoli contribuenti; in particolare, non è stato possibile estrarre dagli archivi comunali copia dei dati inerenti la gestione dell’Imposta (ci riferiamo ai ruoli d’Imposta, alle dichiarazioni d’inizio della pubblicità, alle disdette e ai versamenti effettuati). Conseguentemente, data l’assenza delle dichiarazioni d’inizio della pubblicità (prescritte dalla normativa in materia) e dei versamenti d’Imposta, la scrivente ha dovuto inevitabilmente dar corso alla presunzione di Legge in virtù della quale l’Ente impositore è obbligato a presumere che i mezzi pubblicitari censiti e non dichiarati debbano ritenersi esposti a far data dal quinto anno precedente a quello in corso. E’ ovvio, però, come ben esplicitato nella missiva recapitata ai contribuenti, che si tratta di una semplice presunzione destinata ad essere riformata laddove il contribuente dimostri, allegando copia dei bollettini versati e/o delle dichiarazioni presentate agli uffici competenti, di aver adeguatamente assolto agli obblighi tributari. Ciò detto si conferma che gli avvisi recapitati ai contribuenti contengono richieste di pagamento, peraltro prive di sanzioni ed interessi, tese semplicemente a sollecitare il versamento dell’imposta al fine di evitare l’irrogazione delle sanzioni previste dalla Legge; ciò conferma che la scrivente, contrariamente a quanto asserito negli articoli contestati, ha sempre informato i rapporti con i contribuenti ai principi di trasparenza e lealtà amministrativa evitando di ricorrere a vessazioni tese esclusivamente ad incrementare a dismisura gli introiti tributari. A conclusione si intende precisare che questa Società ha dato corso alle attività di censimento applicando esclusivamente la normativa in vigore senza ricevere, in merito, alcuna indicazione dall’Amministrazione Comunale di Aquino. In ogni caso, come precisato innanzi, si conferma la massima disponibilità ad ovviare ad eventuali disguidi nei quali la scrivente può essere incorsa”.