Pubblica o privata? Il referendum deciderà se l’acqua avrà un “padrone”

2 giugno 2011 0 Di redazione

L’acqua è un bene prezioso e con il Referendum del 12 e 13 giugno si deciderà chi la amministrerà e come la si gestirà nel prossimo futuro. Per questo, il settimanale Stop ha dedicato all’argomento un ricco servizio tra chi è pro e chi è contro. Se passa il no o l’astensionismo, entro la fine dell’anno, anche l’80% degli enti pubblici che ancora non lo hanno fatto, dovranno pribvatizazre il servizio idrico, ma anche quello dei trasporti urbani e della raccolta dei rifiuti. Se passa il si, invece, gli enti territoriali potranno decidere se gestire in proprio o affidare ai privati la rete idrica.