Regione Lazio, Abbruzzese: “L’approvazione della legge sulle cave scongiura chiusura dei siti”

22 giugno 2011 0 Di redazione

“Con l’approvazione in Consiglio delle modifiche alla Legge 17/2004 sulla disciplina dell’attività estrattiva di materiali di cava e torbiera, la Regione Lazio ha compiuto un altro importante passo in avanti per rilanciare il settore delle attività estrattive e per tutelare un distretto produttivo strategico della nostra regione”. Lo ha affermato Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale, a margine dell’approvazione in Aula del disegno di legge.
“Parliamo di un provvedimento che ancora oggi manca in molte Regioni del nostro Paese e che nel Lazio interessa circa 350 cave. Tale regolamentazione permetterà infatti agli imprenditori del comparto – ha continuato Abbruzzese – di continuare a svolgere l’attività estrattiva da qui al 2013. Nel merito, grazie alle modifiche approvate oggi in Aula, si concretizza un intervento normativo che permetterà l’aumento del periodo di proroga da cinque a sette anni e che darà la possibilità ai Comuni di autorizzare un secondo ampliamento delle attività estrattive in corso per un massimo di due anni. Mi preme inoltre sottolineare l’attenzione che questo provvedimento ha voluto riservare alle iniziative che saranno messe in campo per contrastare eventuali infiltrazioni malavitose in questo tessuto produttivo. Infatti proprio a tal proposito, la legge appena approvata prevede un inasprimento delle sanzioni nei confronti di chi non rispetta le regole.
Per capire l’importanza della materia – ha sottolineato Abbruzzese – basti pensare che nel 2011, solo nella Provincia di Frosinone sarebbero andate in scadenza circa 70 autorizzazioni, con gravi ripercussioni sull’attività economica e sui livelli occupazionali.
Oggi siamo riusciti a scongiurare la perdita di centinaia di posti di lavoro, ridando una vera e propria boccata d’ossigeno al settore e a tutte le persone che vi operano. Va dato merito al governo Polverini di aver riservato la massima attenzione alle richieste del comparto. Di pari passo la Commissione PMI, di concerto con l’Assessorato competente e insieme a tutte le forze di minoranza, hanno portato avanti un lavoro che metterà gli imprenditori nelle condizioni di poter usufruire di una serie di strumenti per realizzare nuovi progetti, senza tralasciare la tutela del territorio, e salvaguardando al contempo l’occupazione”.