Ultimi due appuntamenti del Festival di musica antica a Fossacesia

28 giugno 2011 0 Di redazione

Nella splendida cornice dell’abbazia di San Giovanni in Venere, mercoledì 29 giugno alle ore 20 i docenti e gli allievi italiani ed americani presenteranno i frutti del lavoro svolto in questi giorni presso la scuola elementare di Fossacesia, mentre giovedì 30 giugno alle ore 21 la “Fairy Consort” di Chieti sarà impegnata nell’esecuzione di un raro programma di musiche da camera del sei-settecento.
Il progetto, che ha visto interessati la Città di Fossacesia la prestigiosa Butler School dell’università di Austin – Texas -, il conservatorio dell’Aquila “Alberto Casella”, la prefettura di Chieti, la fondazione Carichieti, la soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici dell’Abruzzo e l’associazione I.T.A.C.A. di Fossacesia, ha riscosso un favorevole riscontro di pubblico facendo riscoprire musiche antiche di straordinaria bellezza e incanto.
I ragazzi e il rettore dell’università del Texas il 23 giugno dopo aver assistito alla splendida esibizione del celebre “ensemble Micrologus”, hanno partecipato alla fine del concerto alla consueta cena della vigilia di San Giovanni in Venere assaporando i piatti tipici della gastronomia locale insieme all’Amministrazione e a tutti i fossacesiani che ogni anno si ritrovano in questo memorabile appuntamento di storia e tradizione.
Inoltre, grazie alla disponibilità di Bruno Verì, della pescheria “L’Acquario”, della Cantina Sangro e dell’azienda agricola Giuseppe Bucciante, venerdì sera al calar del sole gli studenti e gli insegnati hanno degustato un piacevole aperitivo sul suggestivo trabocco di pesce palombo apprezzando anche la meticolosa spiegazione del traboccante sull’antica macchina da pesca tipica delle coste abruzzesi.
L’amministrazione comunale ringrazia sentitamente il prof Guido Olivieri docente di musicologia dell’Università di Austin, il prof. Francesco Zimei per la cura nell’organizzazione dei corsi e i volontari della protezione civile di Fossacesia, per la loro preziosa collaborazione e disponibilità.