Giorno: 20 luglio 2011

20 luglio 2011 0

Lazio, Abbruzzese: “Con Lazio Ambiente più efficienza su raccolta rifiuti e smaltimento rifiuti”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dall’Addetto stampa del Presidente del Consiglio alla Regione Lazio riceviamo e pubblichiamo:

“Sono molto soddisfatto del parere favorevole dato dal Consiglio Regionale all’istituzione della società Lazio Ambiente SpA. Essa nasce con l’esplicito intento di inglobare al suo interno tutte le aziende già operanti nel settore dello smaltimento rifiuti nelle province di Roma e Frosinone, acquisendo tutti gli impianti di recupero già esistenti e non ultimo il consorzio Gaia (Gestione Associata Interventi Ambientali S.p.A.) di Colleferro”. Lo ha riferito al termine della seduta di oggi, Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio della Regionale del Lazio.

“Questo risultato – ha aggiunto Abbruzzese – consentirà alla Regione di intervenire in maniera forte e decisa in favore dei 500 lavoratori del Consorzio, già in amministrazione controllata da diversi anni, inserendo nello scacchiere regionale un’importante pedina che contribuirà a garantire al cittadino la continuità, la rapidità e l’efficienza del servizio di raccolta e smaltimento su tutto il territorio”.

“Voglio ribadire come il parere favorevole sulla Proposta di Legge passata oggi in aula – ha concluso il presidente Abbruzzese – sia il frutto di un grande lavoro politico della Giunta Polverini che, con grande tenacia, ha ottenuto prima il parere favorevole delle Commissioni consiliari, non ultima quella al Bilancio, e poi quello dell’Assemblea, con 50 consiglieri favorevoli su 58 presenti. Quanto approvato oggi va interpretato in continuità con la Direttiva Europea 98 ed il Decreto Legislativo 152, i quali hanno segnalato la necessità improrogabile di intervenire in maniera decisa per favorire una razionalizzazione della gestione integrata del ciclo dei rifiuti”.

20 luglio 2011 0

Rifiuti, Maruccio e Tedeschi (Idv): “Grazie a opposizione Lazio Ambiente sarà al 51% pubblica”

Di admin

Dal Gruppo Idv riceviamo e pubblichiamo:

“Grazie al contributo migliorativo dell’Italia dei Valori, la legge su Lazio Ambiente è stata approvata in una forma che garantisce i lavoratori e assicura la predominanza pubblica nella gestione della società, sull’onda di quanto sancito anche dai referendum.” Lo dichiara in una nota il capogruppo e segretario regionale dell’IdV, Vincenzo Maruccio.

“Le nostre preoccupazioni erano tutte incentrate sul destino dei lavoratori di Gaia, che in questo modo sono tutelati, anche grazie alla certezza che il capitale resterà a maggioranza pubblica. Ci auguriamo ora che la società venga gestita con trasparenza e professionalità.”

“L’auspicio è che, con l’assicurazione che l’azienda sarà gestita al 51% dalla Regione – ha aggiunto il consigliere Anna Maria Tedeschi – si possa garantire l’occupazione dei dipendenti di Gaia e, soprattutto, che si riesca a tenere lontane dal ciclo dei rifiuti le organizzazioni malavitose, sempre più presenti nel settore. Tutto questo è stato possibile anche grazie all’apporto dell’opposizione, attraverso il lavoro in commissione e in aula.”

20 luglio 2011 0

Incendi boschivi, canadair ed elicotteri oggi in azione su 24 roghi

Di admin

E’ stata una giornata impegnativa quella di oggi per la Flotta Aerea dello Stato all’opera per contrastare gli incendi che stanno interessando soprattutto le regioni meridionali del Paese. Da questa mattina, i Canadair e gli elicotteri coordinati dal Servizio di Coordinamento Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale sono intervenuti a supporto delle squadre di terra su 24 roghi.

E’ dalla Regione Puglia che è giunto il maggior numero di richieste di intervento, sei in totale; cinque, invece, quelle partite dalla Calabria, quattro rispettivamente da Sicilia e Sardegna, tre dalla Basilicata e due dalla Campania.

L’intenso lavoro svolto dagli equipaggi dei mezzi aerei ha permesso lo spegnimento, fino a ora, di diciotto incendi. I piloti dei velivoli continueranno ad assicurare il lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente sulle fiamme dei roghi ancora attivi finché le condizioni di luce consentiranno di effettuare le operazioni in sicurezza e, considerate le previsioni per le prossime ore, saranno pronti nuovamente dall’alba di domani a operare sulle fiamme.

In particolare, tra i mezzi della Flotta dello Stato sono stati impiegati quindici Canadair, nove aerei Fire Boss e due elicotteri, un S 64 e un AB 212 della Marina Militare, dislocati in vari aeroporti su tutto il territorio nazionale che sono intervenuti nelle Regioni colpite in base alle necessità.

E’ utile ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.

20 luglio 2011 2

Trovato con 10 panetti di hashish, 28enne arrestato dai carabinieri

Di admin

A Pontecorvo i carabinieri del NORM della locale Compagnia, nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto G.D. 28 enne domiciliato in Pignataro Interamna, per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”. Il prevenuto, durante un controllo dei Militari operanti, a seguito di perquisizione personale è stato trovato in possesso di grammi 994,00 di sostanza stupefacente del tipo hashish, che risultava già suddivisa in 10 panetti, occultati all’interno di uno zaino.

La successiva perquisizione, estesa alla sua abitazione, consentiva il rinvenimento di ulteriori grammi 37,8 della citata sostanza. La sostanza, per complessivi grammi 1.031,8 è stata sottoposta a sequestro. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

20 luglio 2011 0

Trasloco con rapina, denunciati dalla Polizia di Stato due frusinati

Di admin

Si era attardato per ultimare il trasloco della propria abitazione il ventinovenne che alle due della scorsa notte ha subito una rapina all’interno di un parcheggio nella parte bassa della città.

I due malviventi, avvicinato il giovane, lo hanno dapprima preso a schiaffi e poi immobilizzato al fine di potersi appropriare del televisore custodito all’interno dell’abitacolo, dopodiché si sono dileguati repentinamente.

Solo a questo punto il malcapitato è riuscito a dare l’allarme alla sala operativa della Questura.

Il tempestivo dispiegamento delle volanti impegnate in servizi di controllo del territorio e la descrizione dettagliata dei due autori della rapina fornita dalla vittima, ha consentito agli agenti di individuare di li a poco i due rapinatori, tra l’altro già conosciuti alle forze dell’ordine.

La refurtiva è stata trovata dai poliziotti, a seguito di perquisizione domiciliare, a casa di uno dei malviventi.

I due sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per rapina.

A finire nella rete dei poliziotti anche un ventiduenne del capoluogo dopo un controllo preventivo effettuato nei pressi di un istituto di credito.

Gli agenti, insospettiti dal posteggio anomalo di un’autovettura nelle adiacenze della banca, hanno identificato gli occupanti rilevando a loro carico numerosi precedenti penali.

Il giovane frusinate trovato, a seguito di un’ispezione più approfondita, con indosso un grosso coltello a serramanico è stato denunciato per porto di armi ed oggetti atti ad offendere.

20 luglio 2011 0

Militare inglese diretto a base Nato muore sull’A14

Di admin

John Smart, 23 anni, militare inglese è morto oggi pomeriggio alle 17.30 circa in un incidente stradale che si è verificato sull’A14 in direzione sud tra i caselli di Lanciano e Val di Sangro. Il giovane era alla guida di un camion dell’esercito britannnico quando per cause ancora al vaglio delle forze dell’ordine, ha divelto 30 metri di guard rail finendo giù dal cavalcavia che stava attraversando. Un volo di alcune decine di metri che ha ridotto il camion che trasportava carrelli per missili in un cumulo di lamiere. La colonna militare era partita dall’Inghilterra dirtta alla base Nato di Gioia del Colle, e a prestare i primi soccorsi al militare sono stati i suoi stessi commilitoni che, però, nulla hanno potuto fare per salvargli la vita. Er. Amedei

20 luglio 2011 0

Attrazione fatale, la Guardia di Finanza trae in arresto una donna per stalking

Di admin

Questa mattina, a conclusione di una mirata attività investigativa, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Frosinone hanno tratto in arresto una 25enne residente in ciociaria, colpita da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal GIP presso il Tribunale di Frosinone dr. Francesco Mancini, perché ritenuta responsabile del reato di stalking. Le indagini coordinate dal P.M. dr.ssa Rita Caracuzzo, hanno permesso di accertare che la donna aveva assunto, nei confronti dell’intera famiglia atteggiamenti intimidatori e persecutori, causando ai malcapitati un grave stato ansioso. Tempi che cambiano. I ruoli si sono invertiti. L’originalità della vicenda sta nel fatto che la persona autrice dello stalking è una donna e la sua vittima un uomo. Le indagini hanno consentito di accertare che la donna, non accettando la fine di una relazione sentimentale, quotidianamente effettuava pedinamenti e appostamenti per intimidire l’oggetto del desiderio, al fine di costringerlo a ritornare con lui, ponendo in essere atteggiamenti minacciosi ed ingiuriosi perfino nell’abitazione dell’uomo e nei confronti dei suoi familiari.

L’intera famiglia del malcapitato, presa dall’ansia e dalla paura, era stata costretta, a volte, a chiedere l’intervento dei finanzieri, visti gli atteggiamenti e gli atti intimidatori posti in essere dalla donna arrestata che vedevano coinvolti anche una minorenne in tenera età. Inoltre, le condotte persecutorie della donna ingeneravano nell’intero nucleo familiare timori per la propria incolumità, tali da causare la modifica delle abitudini di vita. Mirati servizi di osservazione e indagini specifiche hanno permesso agli investigatori della Sezione Mobile del Nucleo di Polizia Tributaria, di acquisire elementi di prova che hanno consentito  al GIP di emettere il provvedimento cautelare e porre fine a quello che per l’intera famiglia era divenuto un vero e proprio calvario oltre che incubo. Dopo le formalità di rito la donna è stata posta agli arresti domiciliari.

20 luglio 2011 0

Visita dell’amministrazione comunale allo stabilimento Fiat di Piedimonte San Germano

Di admin

Una delegazione dell’Amministrazione comunale capeggiata dal primo cittadino di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, questa mattina si è recata presso lo stabilimento Fiat di Piedimonte San Germano per una visita alla struttura ed un incontro con i vertici locali dell’azienda torinese. “Mi sembrava doveroso venire di persona – ha detto il sindaco – perché lo stabilimento Fiat rappresenta e costituisce uno dei punti di forza su cui puntare per far ripartire l’economia di Cassino. È compito dell’amministrazione e di tutti gli addetti ai lavori, salvaguardare il patrimonio industriale presente nel nostro territorio attraverso un forte impegno di rinnovamento ed ammodernamento, avvalendosi della tante risorse umane ed imprenditoriali che sono state costruite nel tempo e di cui Cassino è sicuramente dotata. È vero che siamo in un momento di forte crisi, ma con la volontà e la capacità di fare “squadra” potremo riuscire a mettere su un piano di nuove realizzazioni che consentano la tanto auspicata ripresa del settore industriale e quindi economico di questa città. Sarà necessario coordinare, con spirito di collaborazione anche fra autorità locali di diverso colore politico, le iniziative ed i compiti che spettano ai pubblici poteri. Penso ad esempio ad una sinergia tra il Comune, la Provincia, la Regione e tutti coloro che del mondo dell’industria sono protagonisti individualmente o con le loro organizzazioni di categoria. Mi riferisco agli imprenditori, ai tecnici, ai lavoratori cui si richiede spesso un grande impegno per affrontare nuovi tipi di lavoro. Solo attraverso “il gioco di squadra” sarà possibile raggiungere quegli obiettivi e quei risultati che noi tutti auspichiamo. L’Amministrazione Comunale darà piena disponibilità per il sostenere tutte quelle iniziative utili ad incrementare, specie quando ci si confronta con realtà di questo genere, gli introiti necessari per dare a Cassino un ruolo primario nel panorama economico ed industriale. Il successo della Fiat e dell’indotto, rappresentano il successo di Cassino e dei cassinati. Noi per questo dobbiamo lavorare, tenendo in considerazione tutti i cambiamenti che si stanno registrando nel nostro Paese in questi mesi e che riguardano in modo particolare gli Enti locali, purtroppo, sempre più penalizzati. Nel successo di questa impresa, dunque, che coinvolge tutte le forze politiche nelle varie sedi istituzionali dal Comune alla Regione Lazio e lo Stato, si giocherà non a parole, ma concretamente, il futuro economico non solo di Cassino, ma di tutti i comuni che alla nostra città e allo stabilimento Fiat fanno riferimento.” Il tour è proseguito per l’intera mattinata e la delegazione della giunta cassinate è rimasta favorevolmente impressionata dall’organizzazione e dai metodi di lavoro in uso all’interno dello stabilimento di Piedimonte San Germano. In particolare è stata una gradita sorpresa vedere come in Fiat i dipendenti facciano la raccolta differenziata con ottimi risultati. “Abbiamo visitato – ha concluso il primo cittadino – uno stabilimento all’avanguardia che ha mostrato un’attenzione particolare per i dipendenti e per la qualità del loro lavoro. A testimonianza dell’ottimo funzionamento e dell’accortezza riservata ai lavoratori dipendenti, ci sono gli oltre 1100 giorni senza registrare alcun tipo di infortunio sul lavoro all’interno dei vari reparti. Ci siamo trovati davanti una struttura moderna nella quale, nell’ultimo periodo, sono stati fatti diversi interventi che hanno portato ad una notevole riduzione dei rumori rispetto al passato. Alla luce di quanto abbiamo potuto costatare questa mattina, riteniamo, come Amministrazione comunale, che dobbiamo valorizzare le numerosissime risorse che abbiamo sul nostro territorio perché dal punto di vista industriale ed infrastrutturale, non siamo secondi a nessuno.”. [nggallery id=307]

20 luglio 2011 0

Lazio, Anas: Aperte al traffico le rampe di collegamento tra la SS675 “Umbro Laziale” e la strada provinciale per Bagnaia

Di admin

L’Anas comunica che sulla strada statale 675 “Umbro Laziale” nell’ambito delle attività di realizzazione e di adeguamento del sistema viario è stata disposta in data odierna, in corrispondenza del Km 3,850 l’apertura al traffico delle rampe del nuovo svincolo per Bagnaia.

Tale intervento è stato programmato in modo tale da risolvere le criticità evidenziate dalle comunità locali che risiedono nell’area di Bagnaia – Pian del Cerro (VT ) relative alla immissione della SS 675.

Il lavori principali, avviati nel mese di Aprile 2010, sono stati ultimati, mentre sono in corso di esecuzione le opere di finitura e completamento.

L’importo dei lavori eseguiti ammonta a quasi 2 milioni di euro.

L’Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l’informazione sulla viabilità e sul traffico è assicurata tramite il sito Anas www.stradeanas.it ed il numero telefonico unico “Pronto Anas” 841-148.

20 luglio 2011 0

Omicidio Rea, dopo la prima notte di carcere, Parolisi si avvale della facoltà di non rispondere

Di redazione

Interrogatorio di garanzia, questa mattina, per Salvatore Parolisi, l’uomo accusato dell’omicidio della moglie Carmela Melania Rea e, arrestato ieri dopo tre mesi di indagine dai carabinieri di Ascoli. Il caporal maggiore dell’esercito, anche in questa circostanza, così come nell’interrogatorio di garanzia svolto in seguito al suo avviso di garanzia, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Questo, secondo i suoi difensori, perché a breve cambierà la competenza della procura e, quindi, del tribunale sul caso Rea, passando alla procura di Teramo. Tra le poche cose certe sulla vicenda, infatti, c’è il fatto che l’omicidio di Melania è avvenuto nel bosco di Ripe di Civitella nel teramano.