Giorno: 25 luglio 2011

25 luglio 2011 0

Misteriosi cerchi nel grano compaiono in un campo ad Atina

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ha incuriosito ad Atina, lo strano fenomeno che ha visto nelle campagne della periferia, il disegnarsi nel grano di strani cerchi dal diametro di diversi metri. La forma geometrica si distingue per il netto abbassamento di una parte delle piantine di grano mentre quella che rimane in piedi ne delinea la forma e il perimetro. Un fenomeno certamente non nuovo che incuriosisce i residenti delle zone in cui si verifica facendo ipotizzare motivazioni dalle nature più disparate: dal verosimile atterraggio di un disco volante al fenomeno meteorologico, azione di animali o di qualche burlone. Quello di Atina è ben visibile dalla strada panoramica e ha il diametro di diversi metri. Un attento lettore lo ha individuato, fotografato e lo ha segnalato al nostro giornale. Per questo lo ringraziamo. Ermanno Amedei

25 luglio 2011 0

Strage Oslo, Nencini: “Da Feltri un esempio di basso giornalismo”

Di admin

Dalla Direzione Psi riceviamo e pubblichiamo: “In un momento così tragico che richiedebbe un minimo senso di umanità, le parole di Feltri giungono assurde e fuoriluogo”. Commenta così Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi, l’editoriale di Vittorio Feltri, uscito stamattina sul “Giornale” , sulla strage dei giovani laburisti norvegesi,avvenuta nell’isola di Utoya. “Definire ragazzi terrorizzati come egoisti – continua Nencini- e usare come termine di paragone i comportamenti degli animali, immaginare poi stravaganti tecniche difensive e non spendere nemmeno una parola di umana pietà per il loro agghiacciante destino, certifica una sconcertante aridità intellettuale che propone Feltri come esempio (da non apprezzare) di tenebroso cinismo”. “Alla costernazione e l’orrore di una tale tragedia si aggiunge – conclude il leader socialista – una sensazione di sdegno nei confronti di quello che ritengo un momento basso del giornalismo italiano”.

25 luglio 2011 0

Rapina all’ufficio postale di Portocannone, i Carabinieri arrestano 3 persone e denunciano una quarta

Di admin

E’ finita con l’individuazione dell’intero gruppo criminale da parte dei Carabinieri la rapina effettuata questa mattina intorno alle 12.00 presso l’ufficio postale di Portocannone (CB). Questi i fatti: due individui travisati da passamontagna, di cui uno armato di pistola, facevano irruzione nell’ufficio postale del piccolo centro bassomolisano facendosi consegnare dal direttore la somma contante di 2580 euro, per poi allontanarsi a piedi. Gli stessi salivano a bordo di una autovettura Fiat Uno asportata poche ore prima in Portocannone e si dirigevano verso la località “Madonna Grande” ove abbandonavano l’autovettura per salire a bordo di una Fiat Panda condotta da un terzo complice, proprietario dell’autovettura. Di lì si dirigevano in San Martino in Pensilis ove, lasciata l’autovettura nel centro cittadino, dopo essersi cambiati d’abito e aver lasciato gli indumenti utilizzati per la rapina in un cassonetto, venivano recuperati da un quarto complice con un automezzo Alfa 156 di sua proprietà. La complessa organizzazione volta a far perdere le proprie tracce non sortiva però gli effetti sperati: infatti le immediate ricerche svolte da parte dell’Arma di Campomarino e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Termoli, effettuate in collaborazione con personale del Commissariato Polstato di Termoli, permetteva successivamente di intercettare la Alfa 156 i cui quattro occupanti , vistisi perduti, si davano a precipitosa fuga a piedi per le campagne circostanti. Due di loro venivano subito bloccati: si tratta del proprietario della Alfa 156, T.G., 31enne di San Martino in Pensilis (CB) e di C.L., 25enne da San Severo (FG), proprietario della Fiat Panda. I rimanenti due venivano fermati alle successive ore 16.00 dopo un rastrellamento effettuato nelle campagne circostanti la zona di “Madonna Grande” , agro del comune di Portocannone: si tratta di M.R., 19enne e S.F.V., 28enne, entrambi da San Severo (FG). Nelle operazioni di ricerca ed arresto un militare dell’Arma riportava lesioni giudicate guaribili in 7 giorni dai sanitari del pronto soccorso di Campomarino. L’arma, una 357 magnum, l’intera refurtiva e i passamontagna venivano recuperati; C.L., M.R. e S.F.V. venivano tratti in arresto per rapina mentre il quarto complice, T.G., veniva denunciato in stato di libertà per il medesimo reato. Alle operazioni di ricerca dei 4 malviventi autori di rapina ha preso parte un elicottero del Reparto Volo della Polizia di Stato di Pescara.

25 luglio 2011 0

Firmato il contratto, in 300 giorni la nuova cardiochirurgia di Chieti

Di admin

Non resterà una realizzazione mancata, né un’incompiuta: l’ospedale di Chieti avrà la nuova cardiochirurgia. In 300 giorni. Questo l’effetto del contratto firmato questo pomeriggio dalla Direzione Generale della Asl Lanciano Vasto Chieti e l’Associazione Temporanea d’Impresa che vede come capofila l’impresa De Cesare. Questi i termini dell’accordo: l’Azienda Sanitaria si è impegnata a corrispondere alla ditta appaltatrice i 5 milioni di euro residui del finnziamento a disposizione per il completamento dell’opera secondo quanto previsto dalla variante al progetto orginario: due sale operatorie, non “open space” ma tecnolgicamente all’avanguardia, sale di emodinamica e la sistemazione delle aree comuni e degli spazi nei 9 piani restanti, che ospiteranno diversi ambulatori, consentendo una complessiva riorganizzazione degli spazi e delle attività del “SS. Annunziata”. Insomma con la cifra a disposizione l’opera dovrà essere ultimata in tutte le sue parti e resa funzionale e fuzionante. Da parte sua l’Ati ha garantito di riconsegnare l’opera entro maggio 2012.

Sono stati rimossi, quindi, gli ostacoli amministrativi che avevano rallentato i lavori, che invece ora possono ripartire a pieno regime.

Non è mancato, però, il colpo di scena, perché pochi minuti prima della firma del contratto una delle imprese del raggruppamento, la Guerrato, si è smarcata dall’Ati dichiarandosi non disponibile alla sottoscrizione del derivante “atto di sottomissione”, facendo un passo indietro rispetto ai contenuti del verbale di accordo siglato lo scorso 6 luglio dalla capofila in rappresentanza di tutta l’Ati e della stessa Guerrato, presente all’incontro.

Una nota stonata, che però non incide sulla ripresa dei lavori e sul cronoprgamma, che d’ora in avanti scandirà i tempi del completamento dell’opera.

Soddisfatto il Direttore Generale della Asl: “Abbiamo profuso un grande impegno perché la nuova Cardiochirurgia fosse portata a termine – ha sottolineato Francesco Zavattaro – smentendo le malelingue che avevano attribuito allo stop dei lavori un singificato diverso, insinuando l’esistenza di un disegno di natura oscura finalizzato a portare via da Chieti un’alta specializzazione come quella cardiochirurgica. In più occasioni avevo chiarito la natura dei problemi che impedivano la prosecuzione dell’opera, rimarcando sempre la ferma volontà dell’Azienda e della Regione di portarla invece a compimento. Abbiamo messo in campo impegno e buona volontà, oltre alla chiarezza progettuale che ci permette, ora, di approdare a una realizzazione possibile, tecnologocamente avanzata e sostenibile sotto il profilo dei costi. E i risultati sono arrivati”.

25 luglio 2011 0

Sanzione Agcm, Autostrade per l’Italia si riserva ricorso in giudizio

Di admin

Da Autostrade per l’Italia riceviamo e pubblichiamo: Autostrade per l’Italia prende atto della odierna decisione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, relativa all’evento neve del 17 dicembre 2010. “Ci riserveremo – ha detto l’Amministratore Delegato Giovanni Castellucci – a valle di una più completa analisi delle motivazioni della sanzione, di ricorrere in giudizio”. Quello dello scorso mese di dicembre è stato un evento meteo eccezionale che, come è ben noto, ha bloccato tutte le infrastrutture e i servizi di trasporto in Toscana e durante il quale la società ha puntualmente applicato i protocolli operativi di gestione delle operazioni invernali predisposti in coerenza con le linee guida dettate in materia da Viabilità Italia. Peraltro, è utile sottolineare il fatto che su questa vicenda c’era già stata la doverosa attenzione di organi con specifiche competenze in materia. Infatti, oltre alla verifica da parte del concedente Anas, ci sono state un’istruttoria del Ministero per le Infrastrutture e un’indagine della magistratura. A tale riguardo, si ricorda che il Ministro Matteoli, all’esito della indagine condotta dal suo dicastero sui blocchi che si erano verificati in tutte le reti di trasporto, aveva dichiarato: “in futuro dovremo accettare di sbagliare tutti di più, per eccesso di cautela”. Peraltro, Autostrade per l’Italia, pur ritenendo – come già sottolineato – di non avere alcuna responsabilità specifica, considerata la oggettiva ampiezza dei disagi subiti aveva sin da subito ritenuto di dare un gesto concreto e significativo di attenzione, concordando con le associazioni dei consumatori aderenti alla Consulta per la Sicurezza e Qualità del Servizio Autostradale un indennizzo da corrispondere agli automobilisti coinvolti. Non più tardi dello scorso 21 luglio tali Associazioni avevano dato pubblicamente conto della loro soddisfazione per i risultati del tavolo di conciliazione con Autostrade per l’Italia, ricordando che sono oltre 6.000 gli utenti che hanno già ottenuto l’indennizzo concordato, e che altri 3.500 lo riceveranno a giorni.

25 luglio 2011 0

Latte, Tedeschi (IdV): “Ascoltare le ragioni degli allevatori”

Di admin

Dall’Ufficio Stampa Gruppo IdV riceviamo e pubblichiamo:

“Mi auguro che le manifestazioni organizzata da Coldiretti di Frosinone per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione dei produttori di latte del frusinate riesca ad ottenere un intervento del governo . Da anni Coldiretti denuncia l’aumento vertiginoso dei costi di produzione a fronte del prezzo del latte che rimane stabile. E’ un settore molto importante per l’economia della nostra provincia ed oggi versa in una condizione che richiede un rapido intervento della Regione e del governo centrale.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi.

25 luglio 2011 2

Terremoti, scossa di magnitudo 4.3 in provincia di Torino

Di admin

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Torino . Le località prossime all’epicentro sono Cantalupa, Pinasca e Cumiana.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 14,31 con magnitudo 4.2 .

Da una seconda verifica effettuata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico avvertito dalla popolazione della Provincia di Torino si è verificato alle ore 14,32 con magnitudo 4.3 .

25 luglio 2011 0

Viaggio di nozze per costruire un orfanotrofio in Africa

Di redazione

Il viaggio di nozze a coronamento di due sogni, quello di aver sposato l’uomo che ama e quello di poter ultimare finalmente il suo progetto benefico a favore dei 30 bambini della repubblica Togolese in Africa. Dora Bendotti, 32 anni di Lanciano, tra l’atro assessore ai servizi sociali, è impegnata in un progetto di solidarietà che la vede protagonista in Africa per la realizzazione di un orfanotrofio. Da tre anni, appunto, la psicopedagogista frentana ogni estate trascorre circa un mese, le sue vacanze, nella periferia di Lomé Capitale del Togo. E’ stato lì che arrivata insieme a Nicolas Gadess, parroco di Mozzagrogna, originario del luogo, si è trovata di fronte ad una situazione toccante, quella di vedere i bambini di un orfanotrofio sfrattato perché la struttura serviva al regime militare. “Quei bambini rischiavano di finire per strada – ha raccontato Dora – per cui, dopo aver trovato una soluzione momentanea per i piccoli, abbiamo pensato di costruire una struttura nuova con fondi personali o attingendone anche da amici e organizzando a Lanciano manifestazioni di beneficenza. Abbiamo iniziato dal comprare un pezzo di terreno, poi abbiamo fatto scavare un pozzo senza il quale nulla è possibile in quei luoghi”. Da quel momento, lei stessa, ogni estate, si rimboccava le maniche e aiutava i muratori nel costruire la struttura. Prima le mura, gli impianti, fino agli arredi arrivati direttamente dall’Italia viaggiando in un container. Sabato mattina Dora ha sposato Roberto Ammirati e loro giorno più bello precede un viaggio di nozze decisamente particolare. “Io non avevo il coraggio di chiederglielo ma lui lo ha capito e me lo ha proposto”. Tra qualche settimana partiranno per il Togo per terminare l’orfanotrofio con la realizzazione del tetto. “Per fare solidarietà però – ha detto Dora – non è necessario andare in Africa. Basta guardarsi intorno anche nel quartiere in cui viviamo. Nel mio caso mi sono trovata davanti una situazione da cui non ho potuto ne voluto sottrarmi”. Ermanno Amedei

25 luglio 2011 1

Vola giù dal viadotto con il camion, autotrasportatore miracolato

Di admin

Mattinata nera per un autotrasportatore di Napoli che questa mattina percorrendo la superstrada Cassino Sora è precipitato dal viadotto cadendo per oltre 15 metri. Il sinistro si è verificato poco dopo le 6 quando l’autoarticolato uscendo dalla galleria di Atina ha iniziato a percorrere la strada in discesa. Alcune centinaia di metri dopo ha divelto circa 50 metri di guard rail finendo nel dirupo. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Cassino con una gru e per soccorrere il ferito è stato chiesto l’intervento anche di un’eliambulanza. A coordinare le operazioni sono stati gli agenti della polizia stradale del distaccamento di Cassino. Le condizioni del ferito fortunatamente non sono gravi e la sua prognosi è di circa 20 giorni. Er. Amedei Foto Alberto Ceccon [nggallery id=312]

25 luglio 2011 2

Successo ad Atina Jazz con Wynton Marsalis & at jazz at Lincon Center Orchestra

Di admin

Anche quest’anno la manifestazione di Atina Jazz 2011 ci ha stupiti e soddisfatti! Nell’estiva Piazza Marconi ieri sera ha brillato una stella, quella del panorama internazionale del Jazz: Wynton Marsalis. Il trombettista della Louisiana è compositore, strumentista eccelso, “band leader” e educatore acclamato tanto che ha ricevuto dottorati onorari da più di una dozzina di università e college per i suoi programmi di educazione del Jazz at Lincoln Center. Primo e finora unico compositore jazz a essersi aggiudicato il Premio Pulitzer per la musica con “Blood on the Field”, una lunga composizione in chiave jazz che si ispira al lavoro degli afroamericani nei campi di cotone ai tempi della deportazione dall’Africa. Ha prodotto numerosi incisioni tra jazz e musica classica che gli hanno fatto vincere ben 9 premi Grammy Awards. La stella americana ieri si è esibita con la Jazz at Lincoln Center Orchestra che dirige da 26 anni, confondendosi tra i 15 elementi, guidandoli in maniera silenziosa e concedendo a ciascuno di loro la vetrina ideale. La tecnica ha lasciato letteralmente attoniti gli appassionati di jazz, per il completo controllo della più ampia varietà dei suoni e dei passaggi più complicati. Sono ricomparsi come in un sogno echi di New Orleans e divertenti ritmi blues. Ieri sera le numerose persone, che sono accorse per non perdersi lo spettacolo del mostro sacro della musica simbolo degli Stati Uniti, hanno potuto godere della straordinaria performance del trombettista, della sua voce e della sua orchestra.

Alba Loretta Ceccon

Foto Alberto Ceccon [nggallery id=311]