Giorno: 28 luglio 2011

28 luglio 2011 0

Inps, il Civ approva il bilancio consuntivo 2010

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell’INPS nella riunione di oggi 28 luglio 2011 ha approvato il bilancio consuntivo dell’anno 2010, che ora viene trasmesso ai Ministeri vigilanti ai sensi di legge.

I principali risultati, che tengono conto dei dati dell’IPOST, confluito nell’INPS per effetto dell’art.7 del D.L. 78/2010 convertito nella legge 122/2010, si riassumono in:

• 1.664 milioni di euro di avanzo finanziario di competenza con un decremento di 3.660 milioni di euro rispetto all’avanzo di 5.324 mln del 2009; • 147.647 milioni di euro di entrate contributive, con un incremento di 2.616 milioni (+1,8%) rispetto a 145.031 milioni dell’esercizio 2009; • 215.533 milioni di euro di prestazioni istituzionali, con un incremento di 6.364 milioni (+3,0%) rispetto ai 209.169 milioni del consuntivo 2009. In particolare la spesa per prestazioni pensionistiche è risultata pari a 191.223 milioni di euro (186.184 milioni nel 2009), con un incremento di 5.039 milioni di euro (+2,7%); • 1.374 milioni di euro di disavanzo economico di esercizio con un decremento di 4.577 milioni rispetto all’avanzo economico del 2009 (3.203 milioni).

Per effetto del risultato economico di esercizio, il patrimonio netto dell’INPS al 31 dicembre 2010 risulta pari a 43.558 milioni di euro.

Nella sua relazione il CIV evidenzia gli elevati livelli di produzione e di produttività (+13% nel solo 2010) conseguiti dall’Istituto, a fronte di una costante riduzione del personale pari a -13,9% nel periodo 2006-2010, realizzati anche con il ricorso a nuove misure organizzative, all’utilizzo di nuovi strumenti di comunicazione ed a consistenti investimenti in tecnologie informatiche.

Per quanto riguarda l’invalidità civile, il CIV, nel rilevare che il piano di verifiche straordinarie previsto nel 2010 ha evidenziato una percentuale del 10,2% di prestazioni non confermate, sottolinea che le nuove procedure hanno determinato un incremento dei tempi necessari per il riconoscimento delle invalidità. Il CIV pertanto, sollecita opportune iniziative dirette a ridurre in maniera considerevole i tempi per il riconoscimento dei benefici.

Con riferimento al fenomeno del contenzioso il CIV ha manifestato la necessità di incrementare le iniziative di tipo strutturale già intraprese per ricondurlo a livelli fisiologici ed arginare le azioni giudiziarie instaurate nei confronti dell’Inps.

Il CIV, inoltre, ha posto particolare rilievo alla necessità di effettuare una verifica della sostenibilità del sistema previdenziale e della tutela degli equilibri di bilancio, da attuarsi con un costante monitoraggio della evoluzione delle Gestioni amministrate dall’Inps e con la redazione di bilanci tecnici aggiornati.

28 luglio 2011 0

Dal Brasile una richiesta di arresto per Pato, non paga gli alimenti all’ex

Di redazione

L’ex moglie di Pato ha chiesto l’arresto per l’attaccante del Milan. In Brasile chi non ottempera a quanto stabilito dal tribunale in merito ai divorzi finisce in galera. Alexandre Pato non avrebbe pagato all’ex consorte la pensione di 23mila euro mensili stabiliti per aver detto addio alla sua carriera di attrice di telenovelas. In verità, però, il tribunale aveva sospeso il pagamento della pensione. L’avvocato di Sthefany Brito, così si chiama la donna, sostiene che Pato nopn avrebbe mai pagato un soldo. La critica brasiliana sostiene che quella della donna è una vendetta per aver visto il suo ex marito arrivare in Brasile con la nuova compagna Barbara Berlusconi.

28 luglio 2011 0

Finti venditori, ladri veri. I carabinieri arrestano tre napoletani

Di redazione

A San Giorgio a Liri, i carabinieri della Stazione hanno arrestato, B. G., 36 anni, M. S., 44 anni, M. P., 39 anni tutti residenti a Napoli, poiché resisi responsabili del reato di “tentato furto aggravato”. I tre sono stati sorpresi dal Comandante di quella Stazione dei carabinieri, giunto sul posto a seguito di segnalazione di un privato cittadino, mentre tentavano di perpetrare un furto presso una abitazione a Pignataro Interamna. Gli arrestati tentavano la fuga ma venivano bloccati dal tempestivo intervento del militare. I successivi accertamenti hanno consentito di verificare che gli arrestati, al fine di compiere specifici sopralluoghi, simulavano di effettuare una vendita “porta a porta” di indumenti o di essere rappresentanti di aspirapolveri introducendosi così nelle abitazioni trovate momentaneamente incustodite. Gli arnesi da scasso, materiale pubblicitario di elettrodomestici e indumenti rinvenuti sono stati sottoposti a sequestro. Gli arrestati dopo le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cassino.

28 luglio 2011 1

Ministeri al Nord, le obiezioni di Napolitano accolte da Berlusconi. Bossi in difesa

Di redazione

Lo spostamento dei ministeri al Nord non piace alla presidenza della Repubblica che, con una lettera inviata a Premier Berlusconi, mostra tutto il disappunto per una iniziativa che ha visto l’inaugurazione degli uffici senza nemmeno che vi fosse un decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, “E’ un’evoluzione che confliggerebbe con l’articolo 114 della Costituzione che dichiara Roma Capitale della Repubblica” si legge tra l’altro nella missiva. “La pur condivisibile intenzione di avvicinare l’amministrazione pubblica ai cittadini non può spingersi al punto di immaginare una ’capitale diffusà o ’reticolarè disseminata sul territorio nazionale, in completa obliterazione della menzionata natura di Capitale della città di Roma, sede del Governo della Repubblica”. Insomma, Napolitano, ma non solo lui, è preoccupato per la spinta decentratrice della Lega che sembra aver fatto breccia nella politica nazionale. Una presa di posizione forte in seguito al quale, il presidente del Consiglio ha invitato i suoi alleati di Governo, nel corso del Consiglio dei Ministri di oggi, a tenere in debito conto le osservazioni di Napolitano in merito alle sedi ministeriali dislocate al nord. Quasi una rivalsa del Premier sul mancato appoggio della Lega alle vicende di Papa; quasi un messaggio per dire a Bossi: attento perché quel che è stato concesso non è eterno. Proprio Bossi, dal canto suo, e a maniera sua, ha risposto a Napolitano di non preoccuparsi. “I ministeri li lasciamo l: “siamo convinti che il decentramento è non solo una possibilità ma anche un’opportunità per il Paese”.

28 luglio 2011 0

Scappatelle extraconiugali estive, i consigli per non farsi scoprire dal partner

Di redazione

E’ estate, tempo di vacanze e nuovi incontri. Ecco quindi che in questa stagione si moltiplicano scappatelle e flirt al di fuori della relazione stabile: da un’indagine di Incontri-extraconiugali.com, portale di incontri per persone sposate o in coppia, emerge che il 62% dei tradimenti avviene proprio durante il periodo più caldo dell’anno.

Il portale dedicato alle scappatelle ha stilato così una serie di semplici accorgimenti per non far insospettire il partner in caso di scappatelle estive.

In primo luogo, secondo lo staff di Incontri-Extraconiugali.com, è meglio cercare di ridurre il numero di relazioni da nascondere ed essere chiari dall’inizio almeno con chi ha scatenato la propria passione estiva: molto spesso le persone conosciute in vacanza si trovano nella stessa situazione sentimentale, o comunque cercano anche loro una scappatella non impegnativa che duri il tempo di una vacanza. In questo caso non si avranno ripercussioni negative e si eviterà di districarsi tra due fuochi: il coniuge e l’amante.

Questa accortezza consentirà inoltre di poter rispondere al telefono anche quando si è in compagnia dell’oggetto della propria passione e di mantenere i giusti contatti con il partner stabile. “È fondamentale non trascurare i ritmi abituali e cercare di telefonare alla propria dolce metà con una frequenza adeguata” consiglia lo staff di Incontri-extraconiugali.com. “Essere irreperibili per la maggior parte della giornata durante una vacanza non è certo l’ideale se si sta avendo un flirt e non si vogliono destare sospetti”.

È poi consigliabile cercare di ridurre il numero di bugie da dire al partner e limitarsi ad alcune omissioni: a volte, infatti, la parte difficile non è raccontare bugie, quanto tenerle tutte a mente. Meglio non prendere con leggerezza questo aspetto ed inventare, quando necessario, storie quanto più verosimili possibile, omettendo semplicemente la presenza dell’amante estiva nelle attività svolte durante le giornate vacanziere.

Lo staff di Incontri-extraconiugali.com precisa inoltre che bisognerebbe cercare di evitare eventuali sgraditi contatti non richiesti, una volta tornati sotto il tetto coniugale: non è necessario, né consigliato, lasciare il numero di cellulare all’amante. In alcuni casi si dovrebbe anche valutare la possibilità di non dare il proprio vero nome. Così si può essere sicuri che il flirt sia chiuso del tutto a fine vacanza e non torni a farsi vivo in momenti inopportuni.

Qualora invece si decidesse di dare alla propria relazione estiva una dimensione più trasparente, è importantissimo non commettere l’errore di lasciare memorizzati sul proprio telefonino eventuali sms piccanti. Meglio serbare i ricordi dell’avventura solo nella mente, evitando di conservare prove tangibili. “Se si decide di comune accordo di rimanere in contatto anche durante l’inverno” conclude lo staff di Incontri-extraconiugali.com, “e magari tenere aperte le possibilità di reintraprendere l’avventura l’estate successiva, meglio affidare i propri contatti compromettenti ai social network, qualora la nostra dolce metà non abbia accesso al nostro account, o comunque a mezzi protetti da password note solo a noi”.

28 luglio 2011 0

Furti sulla costa abruzzese, i carabinieri arrestano due ladri

Di redazione

Verso le ore 05.00 di questa mattina, i militari della Stazione Carabinieri di Roseto degli Abruzzi, agli ordini del Luogotenente Enzo Procida , hanno tratto in arresto in flagranza di reato di concorso in furto aggravato, DIMITROV Deyan e ROMANO Samuele, rispettivamente Bulgaro residente a Pineto e Giuliese entrambi ventiduenni. I due avevano asportato poco prima un motociclo Honda Phanteon 150, di proprietà di un residente del luogo, quando la pattuglia dei Carabinieri li ha intercettati. I due alla vista dei militari hanno cercato di fuggire, venendo bloccati dopo un inseguimento nelle vie cittadine. Il motociclo è stato restituito al legittimo proprietario il quale ha ringraziato i militari, mentre di due giovani sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza della Compagnia di Giulianova in attesa dell’udienza di convalida che dovrebbe tenersi nella giornata odierna. Contestualmente in Giulianova, i militari della locale Aliquota Radiomobile, procedevano al controllo di due rumeni, i quali si aggiravano a piedi per le vie del centro. I militari li hanno perquisiti, trovandoli in possesso di arnesi da scasso, utilizzati normalmente per infrangere vetri e forzare porte e finestre, il tutto sottoposto a sequestro. I due romeni invece sono stati segnalati in stato di libertà alla competente A.G.. I controlli dei Carabinieri sono frutto di una pianificazione strategica messa a punto proprio per contrastare il fenomeno dei furti che si verificano con maggiore intensità nel corso dell’estate, che come ha dichiarato il Comandante Capitano Luigi Dellegrazie, saranno potenziati ancora di più nel corso del mese di Agosto.

28 luglio 2011 1

Lei lo lascia lui tenta di ucciderla investendola con l’auto

Di redazione

Prima ha tentato di investire l’ex compagna, poi l’ha minacciata di morte con un coltello. Tutto si è concluso con l’arrivo dei carabinieri e l’arresto dell’uomo per tentato omicidio. Momenti di terrore ieri sera a San Salvo. Erano da poco trascorse le 19.00, quando Piero Chinni, 31enne operaio del posto, a bordo della sua Alfa Romeo 156, in preda all’ira, si è scagliato a forte velocità contro G. I., 29enne di San Salvo, nel tentativo di investirla, mentre percorreva a piedi una via quasi centrale della città. La donna riusciva a salvarsi riparandosi su un marciapiede prima e dentro un negozio dopo, rimanendo fortunatamente illesa. A questo punto il Chinni, uscito fuori dall’autovettura, impugnando un lungo coltello, la minacciava di morte. Il commerciante, testimone dell’accaduto, ha avvisato immediatamente i carabinieri attraverso il 112 che in pochissimi minuti sono arrivati sul posto riuscendo ad immobilizzare e disarmare l’aggressore. Dopo aver ricostruito la dinamica dei fatti e ordinato gli elementi a carico del Chinni, i carabinieri hanno proceduto al suo arresto , associandolo nel Carcere di Vasto con la pesante accusa di tentato omicidio. L’autovettura, fortemente danneggiata dopo l’impatto con il muro, ed il coltello utilizzato per la minaccia, sono stati sequestrati. Secondo quanto accertato dai carabinieri, all’origine del grave episodio ci sarebbero screzi di natura sentimentale. Tra l’uomo e la donna, infatti, in passato ci sarebbe stata una convivenza, ultimamente degenerata in continui litigi, al punto che la donna avrebbe deciso di troncare ogni rapporto con l’uomo.

28 luglio 2011 0

Furto nei locali di Coldiretti a Lanciano, bottino di 800 euro

Di redazione

Furto nei locali della Coldiretti di Lanciano. Ad accorgersene, questa mattina, sono stati i dipendenti all’orario di apertura degli uffici di via del Mare. I malviventi, questa notte, dopo aver forzato la serranda e la porta d’alluminio, hanno frugato negli uffici fino a trovare e rubare circa 800 euro custoditi in un cassetto. Del caso se ne stanno occupando gli uomini della polizia del commissariato di Lanciano che hanno fatto intervenire anche la polizia scientifica per il prelievo delle impronte.

28 luglio 2011 0

Cani abbandonati, maglia nera alla “Salerno – Reggio Calabria”

Di redazione

Cani abbandonati in autostrada, la maglia nera spetta alla Salerno-Reggio Calabria, con una media di dieci segnalazioni al giorno parti a circa il 30% del totale delle segnalazioni giunte al servizio Io l’ho Visto in questa prima settimana di attività attraverso gli SMS al 3341051030 ed attraverso il servizio di segnalazione Wap, le segnalazioni provengono nella quasi totalità dal tratto campano dell’autostrada. A seguire il maggior numero di segnalazioni (36 in sei giorni di attività con una media di sei al giorno) provengono dall’autostrada Messina-Palermo, mentre solo al terzo posto con 24 segnalazioni si trova il tratto pugliese dell’autostrada del sole, e quasi tutte le segnalazioni provengono dalla zona di Foggia. In queste tre autostrade si concentra il 65% delle segnalazioni di cani abbandonati e vaganti in tutta la rete autostradale italiana. Qualcosa si muove anche sotto il profilo dell’individuazione di persone che hanno abbandonato i cani in autostrada attraverso le segnalazioni dei numeri di targa. Sei le persone individuate e denunciate dal servizio legale di AIDAA in questa prima settimana dell’esodo estivo cinque di queste sono residenti in paesi del nord ed in particolare in provincia di Varese, Torino e Milano, i cinque probabilmente in vacanza nelle zone del sud sono stati fotografati mentre facevano scendere il proprio cane dall’auto abbandonandolo sulle autostrade, i cani sono stati recuperati e messi in sicurezza mentre queste persone sono state denunciate. “Il fenomeno della presenza dei cani vaganti sulla Salerno-Reggio Calabria è ben noto- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- ma non ci aspettavamo certo cosi tante segnalazioni in pochi giorni, da sabato inizia il periodo da bollino nero anche per gli abbandoni dei cani in autostrada, comunque a consolazione possiamo dire che in questo primo periodo di attività le segnalazioni arrivate relativi ai cani vaganti sulle autostrade sono dimezzati rispetto allo scorso anno”.

28 luglio 2011 0

Viaggio di nozze della solidarietà, la Bendotti sulle pagine di Stop

Di redazione

L’idea di Dora Bendotti e del marito Roberto Ammirati di Lanciano di andare in viaggio di nozze nel Togo per ultimare un orfanotrofio in cui far vivere trenta bambini ha avuto ampio risalto sul settimanale nazionale Stop che ha dedicato alla vicenda due pagine. L’assitente sociale e assessore ai servizi sociali di Lanciano da tre anni porta avanti un progetto di beneficenza proprio nell’ex colonia francese dove di tasca propria, o con fondi raccolti grazie a manifestazioni di beneficenza, ha quasi ultimato la struttura. Mancava poco e, per ultimarla, lei e il marito dedicheranno il loro viaggio di nozze.