“Il diritto di avere diritti”, la Cgil prepara tre giorni di festa a Cassino

23 luglio 2011 0 Di redazione

“Migliaia sono le persone che nelle edizioni precedenti hanno condiviso e partecipato ai dibattiti, alle iniziative, agli spettacoli della Festa Provinciale della CGIL di Frosinone”. Lo si legge in una nota stampa redatta dalla cgil di Frosinone. “Questo avvenimento è entrato negli appuntamenti della città di Cassino e atteso oramai da molte persone, che hanno in questa festa un momento per stare insieme, dibattere dei problemi sociali e politici, ma soprattutto condividere in un ambiente particolare momenti di socializzazione ed allegria.
La Villa Comunale di Cassino si prestata e rende ancora più accogliente l’iniziativa, un posto bello, sottovalutato da sempre dalla vecchia Amministrazione Comunale, e auspichiamo che la nuova sia pronta a valorizzarla, dove create le condizioni giuste e messe a disposizioni le motivazioni e le strutture dovute si crea un connubio invitante che sicuramente agevola la riuscita dell’iniziativa.

I dibattiti politici metteranno al centro i problemi che la CGIL in questi mesi ha fatto vivere alla città, giornate indimenticabili, basti pensare alla grande manifestazione della FIOM CGIL del 28 gennaio, alle iniziative, ai volantinaggi, ai comizi che hanno messo al centro i problemi di attualità fortemente sentiti dalla gente.
Si parlerà di occupazione, della manovra finanziaria, dei problemi degli appalti e della legalità. Ai dibattiti saranno presenti: Segretari Nazioni della CGIL, il Questore di Frosinone, Il Presidente della Provincia di Frosinone, i Sindaci di Cassino e Frosinone.

E questa sarà anche la festa del divertimento, si esibiranno il 29 luglio il Gruppo GRAL ( cover dei Nomadi), il 30 luglio i Dissonanti, la notta della taranta, il 31 si chiuderà con il concerto di Enrico Capuano. Nei tre giorni si esibiranno di spalla gruppi giovani locali. Saranno organizzati tornei di pallavolo, briscola, scopone, come vuole la tradizione delle feste popolari.

Si, la nostra è e vuole essere la festa della gente, della nostra gente, che si contrappone anche all’iniziative mega galattiche fatte con investimenti di centinaia di migliaia di euro che si tengono nella stagione estiva nella nostra città. L’organizzazione è fatta da oltre 100 iscritti volontari
Ma questa è anche il vero momento di incontro dell’Associazionismo sociale di questo territorio. Sono dodici le Associazioni che hanno garantito la loro presenza alla festa con loro stands per mettere al centro con la CGIL i problemi che ogni giorno ognuno affronta per tutelare i problemi della gente.

I contenuti della festa della CGIL sono nello slogan della festa “ Il diritto di avere diritti”, rivendicare e dialogare con la gente che rappresentiamo al di fuori delle camere del lavoro, delle stanze, in uno spazio aperto, per condividere insieme il vento del cambiamento delle ultime elezioni Amministrative, il successo dell’esito referendario, ma soprattutto per ribadire l’opposizione a questo governo che per l’ennesima volta attraverso la manovra finanziare attacca lo stato sociale e fa pagare, le persone che rappresentiamo e che hanno sempre pagato: i giovani, i disoccupati, i pensionati, i lavoratori dipendenti”.