Omicidio Rea, arrestato Parolisi ma il mistero sulla morte di Melania resta

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. alberto ceccon ha detto:

    Credo che saranno contenti chi voleva l’arresto di Salvatore Parolisi, marito di Melania, ma, io debbo ribadire che il Salvatore deve dire ancora delle cose che ha tenuto nascote. Con questo che voglio dire? Semplicemente che secondo me, si è trovato coinvolto, e le sue menzogne invece di tirarlo fuori dalla scena, lo sta condannado. Credo che Salvatore il saluto alla sua Melania lo avrebbe dato il giorno dopo, in quanto informato, il bacio dell’addio!!! Auguriamoci che la semi-verità possa uscire fuori, affinchè non venga condannato un innocente.
    Ribadisco che lui e qualche amica di Melania debbano finalmente parlare e tirare fuori la loro verità…anche se parziale. La Giustizia serve per primo alla Piccola Bimba di Melania.

  2. connie ha detto:

    anchio penso che hanno preso la persona sbagliata, ma quello che non capisco, e perchè le persone devono complicare le cose quando possono dire la verita e finisce tutto la!

  3. Liborio ha detto:

    Il corpo di Melania ha parlato ed ha indicato chiaramente il marito come responsabile della sua morte. Salvatore Parolisi è stato arrestato questa mattina per l’omicidio, direi premeditato, di sua moglie Melania Rea. Era evidente fin dall’inizio che fosse l’assassino della moglie, ed i numerosissimi indizi raccolti sono tutti univoci e concordanti contro di lui, da costituire una prova valida e decisiva nel complesso. Ora deve solo collaborare, parlare, raccontare tutto, se vuole evitare l’ergastolo. Ha depistato finché ha potuto, comprese le tre macchioline di sangue di Melania nell’auto, lavandole, che erano cadute dai suoi abiti sporchi del sangue della moglie. Tra tante menzogne, Salvatore ha raccontato solo due mezze verità, che però l’hanno incastrato: la pipì di Melania, non nel bagno del chiosco del pianoro di Colle San Marco, ma nella pineta del Bosco delle Casermette, ed il caffè bevuto dalla donna, non nel bar-ristorante di Colle San Marco, ma a casa sua, a Folignano, prima di uscire, per l’ultimo viaggio senza ritorno, con destinazione luogo del delitto e della sua morte, per mano dell’uomo che lei amava.

  4. alberto ceccon ha detto:

    Connie, dici bene, ma se è vero come io credo (è mia opinione) probabilmente ci sono dei lati oscuri che probabilmente lui ha cercato da depistare, ma invece lo hanno coinvolto, lui cmq sa di alcune verità, ma, non può dirle, i motivi? Connie hannche tu hai dei dubbi vero?. Ora non resta che aspettare il primo interrogatorio….
    Alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *