Giorno: 9 agosto 2011

9 agosto 2011 0

Escursionista ungherese scomparsa sulla Maiella, lancia l’allarme via sms. E’ caduta in un dirupo

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Non si avevano più tracce di lei da tre giorni, da quando cioè, aveva lasciato la sua tenda in località Mammarosa nel chietino. Si tratta di una escursionista 30enne ungherese. A cercarla fin da subito è stato il Soccorso Nazionale Alpino. Oggi, è riuscita a lanciare un messaggio d’allarme attrraverso un sms diretto alla sua famiglia in Ungheria. E’ in un crepaccio e l’informazione è stata girata alle squadre di soccorso che in Italia la stanno cercando e, quindi, le ricerche si sono concentrate nella zona indicata. Si spera di trovrla ancora viva.

9 agosto 2011 0

Rapina in banca a Giulianova, bottino di 15mila euro

Di redazione

Alle ore 15 circa di oggi, un individuo non travisato, armato di taglierino, entrato nella filiale della Banca delle Marche ubicata in Giulianova, Viale Orsini, ha minacciato gli impiegati facendosi consegnare la somma contante di quindicimila euro circa, e si è dileguato a piedi insieme ad un complice che aspettava fuori l’Istituto di Credito. Il rapinatore aveva un accento meridionale. Sono in corso fattive indagini da parte dei militari della compagnia di Giulianova.

9 agosto 2011 0

Operazione legalità nel settore della pubblicità stradale, la Municipale rimuove cartelloni

Di redazione

Continua l’operazione legalità nel settore della cartellonistica pubblicitaria nel comune di Cassino. Questa mattina gli agenti della polizia municipale hanno rimosso alcuni cartelloni pubblicitari e cartelloni a bandiera nella zona del Quinto Ponte e in altre aree periferiche della città. Si tratta di un impegno, quello della Municipale, portato avanti da diversi mesi iniziato con la rimozione delle mega strutture abusive. L’attività continuerà anche nei prossimi giorni.

9 agosto 2011 0

Fiamme dolose nell’agenzia delle pompe funebri

Di redazione

Sembra essere di natura dolosa l’incendio che la notte scorsa ha danneggiato l’agenzia pompe funebri Talone a Casoli (Ch). Qualcuno ha lanciato del liquido infiammale in un magazzino della ditta in cui era parcheggiato un carro funebre e un furgone rimasti parzialmente danneggiati. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri di Casoli che hannmo trovato sul posto una bottiglia contenente benzina. Dall’agenzia fannosapere di non aver mai ricevuto minacce.

9 agosto 2011 0

Terremoti, scossa di magnitudo 3.1 in provincia di Grosseto

Di admin

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Grosseto tra i comuni di Gavorrano, Roccastrada e Scarlino.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone e/o cose.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 15.58 con magnitudo 3.1

9 agosto 2011 0

Maltempo, domani venti forti sulle regioni meridionali

Di admin

Una saccatura presente oggi sull’Italia e in movimento verso i Balcani porterà da domani un notevole aumento della ventilazione dai quadranti settentrionali sulle zone ioniche e adriatiche meridionali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse, che prevede dalle prime ore di domani, mercoledì 10 agosto 2011, venti forti dai quadranti settentrionali, con raffiche fino a burrasca forte, sulle regioni meridionali ioniche e adriatiche. Saranno possibili mareggiate sulle coste esposte.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

9 agosto 2011 0

Imprese ciociare premiate al Terminillo

Di admin

Creatività ed originalità, valorizzazione e multifunzionalità. Partendo da questi assi Coldiretti ha inteso organizzare, nei giorni scorsi, una affascinante iniziativa sul monte Terminillo, durante la quale hanno avuto una parte di gloria anche alcune imprese agricole della nostra provincia insieme alle altre laziali. Infatti Pietro Celletti, Gino Iadecola, Cristina Scattapicci e Valentina Franco hanno ricevuto un attestato di partecipazione per aver aderito all’Oscar Green di Coldiretti. Si tratta di un eveneto-concorso annuale di Coldiretti Giovani Impresa che premia le realtà imprenditoriali capaci di accogliere e di rilanciare le sfide di un mercato innovativo ed in costante cambiamento. Quest’anno Coldiretti Lazio ha inteso ripartire dalle storie, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, per raccontare al Paese un’altra storia, quella degli imprenditori che rischiano, si differenziano, si reinventano, scommettono, fanno sistema, rispettano l’ambiente, valorizzano i territori e non temono sfide sempre più ambiziose. Proprio in questo contesto, su questo scenario, le imprese di Celletti da Paliano, Iadecola, di Aquino, Scappaticci di Arpino e Franco di S.Donato Val Comino, tutte leader nei propri rispettivi ambiti che sono agriturismo, vendita diretta, fattoria didattica e ippoterapia e olio d’oliva, hanno partecipato al concorso e per questo ricevuto il riconoscimento. Imprese nate dalla forza e dalla volontà, dalla caparbietà e dalla voglia di misurarsi in un mercato che cambia velocemente ma continua a premiare bontà e origine. Per Coldiretti Frosinone – come ha detto il presidente Loris Benacquista presente al Terminillo con il direttore Paolo De Cesare ed il segretario dei giovani Enzo Sperduti – si tratta di un ulteriore sprono a continuare l’azione di rimodulazione delle imprese che grazie al progetto di Campagna Amica stanno affermando i propri prodotti e le loro idee”. “L’impresa agricola è protagonista perché in grado di guardare al domani, forte di un progetto convincente per il sistema – ha detto Paolo De Cesare, direttore della sede provinciale di Coldiretti. Ogni avventura attende gli imprenditori per continuare a dare alle idee la forza incredibile di un’opportunità vincente e con loro Coldiretti Frosinone c’è e ci sarà sempre”.

9 agosto 2011 0

Evasione fiscale milionaria nel settore immobiliare a Trivigliano

Di admin

Nei giorni scorsi è stata portata a termine una articolata attività di indagine fiscale dagli uomini della Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi che ha condotto all’individuazione di circa € 1.700.000 di redditi nascosti alle pretese erariali del Fisco. Il caso specifico ha riguardato una società con sede dichiarata in Fiuggi, ma di fatto operante nel comune di Trivigliano, esercente attività di immobiliare che, nel corso di diverse annualità, è riuscita ad occultare ricavi milionari e conseguentemente l’Iva ed Irap corrispondenti a tali somme. L’attività ispettiva, svolta di iniziativa delle fiamme gialle fiuggine, è stata condotta in due fasi: successivamente alle verificazioni ed ai controlli condotti sui documenti contabili esibiti dalla parte, si è proceduto ad approfondire l’attività con l’ausilio di un particolare strumento investigativo, le indagini finanziarie. Questa procedura permette, in generale, di evidenziare flussi finanziari che transitano sui conti correnti dei contribuenti destinatari del controllo che non trovano corrispondenza con quanto ricavato nell’ambito della propria attività lavorativa e che, tuttavia, gli stessi titolari dei conti non riescono a giustificare documentalmente. Ed è stato proprio questo il caso in cui i militari operanti hanno individuato delle movimentazioni finanziarie sui conti intestati alla società verificata, al rappresentante legale della stessa ed ai familiari conviventi di quest’ultimo, che, sia in sede di contraddittorio che successivamente nel periodo di tempo concesso per reperire le opportune documentazioni, non hanno trovato alcun riscontro, conducendo così alla presunzione di un occultamento di ricavi ed una successiva evasione fiscale.

9 agosto 2011 0

Incidente tra 3 auto tra Roma Sud e Torrenova: due feriti, uno è grave. Code di 5km

Di admin

Autostrade per l’Italia comunica che sulla Diramazione Roma sud della A1 Milano-Napoli, poco prima delle ore 8:00, si è verificato un incidente che ha visto il coinvolgimento di tre auto all’altezza del km 17 tra Roma sud e Torrenova in direzione nord, verso Roma, nel quale due persone sono rimaste ferite, una in modo grave. Sul luogo dell’evento sono intervenuti il personale della Direzione 5.o Tronco di Fiano Romano, pattuglie della Polizia Stradale ed i mezzi di soccorso sanitario e meccanico. Il traffico è stato bloccato per lo svolgimento dei soccorsi dalle ore 8:10 alle ore 9:00 circa e attualmente (ore 9:00) si transita su tutte le corsie e si registrano 5 km di coda tra Monteporzio Catone e Torrenova verso la Capitale. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità sono disponibili attraverso i pannelli a messaggio variabile, su RTL 102.5 FM, ISORADIO 103.3 FM e, in area di servizio, sul circuito televisivo INFOMOVING. Per ulteriori approfondimenti è disponibile il Call Center Viabilità di Autostrade per l’Italia al numero telefonico 840.04.21.21.

9 agosto 2011 0

Cassazione: no al licenziamento dei lavoratori per discriminazione, ritorsione o rappresaglia

Di admin

Da Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” riceviamo e pubblichiamo:

Maggiore tutela per i lavoratori che, a causa delle legittime rivendicazioni che portano avanti nei confronti del datore, finiscono per essere licenziati. E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 16925 del 3 agosto che Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” riporta all’attenzione. Così i magistrati di Piazza Cavour hanno restituito il posto ad Andrea M., magazziniere di una ditta di Palermo che commercializzava detersivi e che lo aveva messo alla porta perchè voleva i soldi dello straordinario e dei permessi retribuiti. Senza successo l’azienda ha sostenuto che le norme sul licenziamento discriminatorio non sono “suscettibili di applicazione analogica” in caso di licenziamento ritorsivo. Il licenziamento discriminatorio, sancito dall’art. 4 della legge n. 604 del 1966, dall’art. 15 della legge n. 300 del 1970 e dall’art. 3 della legge n. 108 del 1990, è suscettibile di interpretazione estensiva sicché l’area dei singoli motivi vietati comprende anche il licenziamento per ritorsione o rappresaglia, attuati a seguito di comportamenti risultati sgraditi all’imprenditore, che costituisce cioè l’ingiusta ed arbitraria reazione, quale unica ragione del provvedimento espulsivo, essenzialmente quindi di natura vendicativa La Suprema Corte, sottolineando che il motivo oggettivo di licenziamento determinato da ragioni inerenti all’attività produttiva deve essere valutato dal datore di lavoro, senza che il giudice possa sindacare la scelta dei criteri di gestione dell’impresa ma che spetta al giudice il controllo della reale sussistenza del motivo addotto dall’imprenditore, ha osservato che la Corte di merito rilevava la pretestuosità del dedotto riassetto organizzativo che si poneva in contrasto con l’assunzione di altro dipendente avvenuta pochi mesi prima del licenziamento. Correttamente, quindi, la Corte territoriale, ritenuta la natura ritorsiva del licenziamento intimato, ha provveduto all’applicazione del regime sanzionatorio previsto dall’art. 18 della legge n. 300 del 1970 sentenziando il diritto alla riassunzione di Andrea M. e la condanna del datore a risarcirgli tutti gli stipendi persi fino al reintegro, e a versargli 52 mila e 500 euro per straordinario e permessi non pagati.