Giorno: 17 agosto 2011

17 agosto 2011 0

Tentano di cambiare un assegno di oltre 16mila euro ma vengono arrestati per truffa e sostituzione di persona

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

A Cassino i carabinieri del NORM della locale Compagnia, a seguito di serrate indagini traevano in arresto nella flagranza dei reati di “truffa aggravata e ricettazione in concorso, nonché sostituzione di persona” B.G., 54enne e S.V., 78enne entrambi da Napoli già censiti. I predetti, venivano bloccati dagli operanti presso un Istituto di Credito del luogo, subito dopo aver tentato di cambiare un assegno di € 16.839,00, risultato oggetto di truffa ai danni di “Prestitalia” agenzie di Napoli e Frosinone, nonché di un 70enne di Cervaro ignara vittima di una articolata azione truffaldina messa a segno da più persone e finalizzata alla monetizzazione di assegni emessi a fronte dell’esibizione di documentazione di identità e certificato di pensione falsi. La truffa prevedeva: “l’istanza a Prestitalia di un prestito di una certa somma di danaro da parte di un individuo ancora da identificare che esibiva una serie di documentazione falsa intestata all’ignaro pensionato. Una volta accettata la richiesta veniva emesso da parte di Prestitalia un primo assegno di euro 16.839,00 consegnato dal richiedente (truffatore) agli altri due complici (gli arrestati) che, dopo aver aperto anche un fittizio conto corrente giustificando un plausibile accredito della pensione, mettevano all’incasso l’assegno esibendo sempre la documentazione falsa a nome del 70enne. La ben congeniata azione delittuosa si “inceppava” allorquando Prestitalia per dei chiarimenti si metteva in contatto con il pensionato, il quale all’oscuro di tutto riferiva di non aver mai avanzato alcuna richiesta di prestito. Gli operanti, avvisati dai responsabili dell’Istituto di Credito che avevano ricevuto una comunicazione da parte di Prestitalia per la sospensione del titolo, iniziavano una serie di accertamenti che avevano come epilogo l’arresto in flagranza dei due truffatori ed il sequestro di tutta la documentazione. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, venivano ristretti in regime degli “arresti domiciliari” presso le rispettive abitazioni

17 agosto 2011 0

Ritrovato senza vita l’escursionista disperso a Morino

Di admin

Dopo oltre una settimana di incessante ricerca, questa mattina è stato ritrovato il corpo di Dimitri Castellucci, il cinquantenne disperso nel territorio di Morino (AQ). L’uomo si era allontanato in auto la mattina di domenica 7 agosto per una passeggiata in montagna all’interno della riserva Zompo Lo Schioppo, Morino (AQ). L’allarme era stato dato dalla compagna, preoccupata per il mancato rientro e immediatamente sono partite le ricerche, condotte con grande impegno dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), dal Corpo Forestale dello Stato, dalla Guardia di Finanza, dai Vigili del Fuoco, dai Carabinieri e da numerosi volontari, sotto il coordinamento della Prefettura dell’Aquila.

Le squadre di ricerca hanno battuto una ampia zona impervia tra le balze strapiombanti sopra la cascata di Zompo Lo Schioppo fino alla cima di Monte Ginepro ad oltre 2000m, anche sul versante laziale, ma soprattutto percorrendo in lungo e in largo i fitti e ripidi boschi della Riserva, ed utilizzando anche unità cinofile di ricerca di superficie. Nel tentativo di individuare l’ultimo ponte telefonico utilizzato dal disperso la sera del 7 agosto i tecnici del CNSAS hanno inoltre effettuato approfondite analisi telefoniche. Grazie alle informazioni ottenute, oggi è stato possibile compiere alcune perlustrazioni aeree con lo scopo di focalizzare le ricerche. Un tecnico di elisoccorso del CNSAS è stato imbarcato sull’elicottero del Corpo Forestale dello Stato per dare assistenza tecnica ad un civile per l’utilizzo di analizzatore di spettro, alla ricerca di eventuali emissioni di cellulari.

Nel frattempo erano partite anche squadre da terra per continuare le ricerche proprio nella zona del ritrovamento ed in altre zone molto impervie, individuate sulla base delle analisi cartografiche dei percorsi effettuati dai soccorritori nei giorni precedenti, e intorno alle ore 9.30, si è riusciti a individuare il corpo che giaceva in una zona ripida sotto la cresta tra Vado dell’Orso e Vado della Spigliuca, poco sopra i 1300m di quota, sul versante boscoso che sovrasta l’abitato di Rendinara (AQ). Ottenuta l’autorizzazione del Magistrato di turno, è cominciato il recupero della salma sul ripido pendio. La manovra, effettuata da una squadre mista interforze, si è conclusa poco prima delle 15. Il corpo dello sfortunato escursionista è stato trasportato sulla barella del soccorso alpino sino allo sterrato, dove lo attendeva un mezzo fuoristrada del CNSAS. Trasferito su carro funebre, è stato portato presso l’ospedale di Avezzano (AQ)

Tutti gli enti intervenuti e i civili volontari, uniti dalla forte volontà di trovare il disperso, hanno collaborato fattivamente durante le operazioni, che si sono protratte per dieci giorni,. Sono state impiegate oltre 60 squadre di soccorso e due elicotteri (uno dei Vigili del Fuoco per un giorno e uno del Corpo Forestale dello Stato per 4 giorni) per un totale di oltre 300 uomini/giorno. Fondamentale è stato il contributo dei tecnici del CNSAS Abruzzo, intervenuti in massa, con squadre alpine, speleologiche e di ricerca di superficie, e con unità cinofile. In particolare, durante le operazioni è stato anche utilizzato un mezzo speciale e alcuni tecnici COR (coordinamento operazioni di ricerca), provenienti dal Servizio Regionale CNSAS del Lazio, che sono stati di grande aiuto durante tutta la ricerca.

17 agosto 2011 0

Beve acqua minerale e si accorge di un mozzicone di sigaretta nella bottiglia

Di admin

Dopo aver bevuto più della metà di una bottiglia di acqua minerale una ragazza di Cassino ha scoperto che sul fondo c’era depositato un mozzicone di sigaretta e altro materiale. L’episodio è avvenuto il giorno prima di ferragosto quando la ragazza su consiglio medico, per curare un problema renale aveva fatto comprare dai genitori in un supermercato della zona una cassa da sei bottiglie. Solo dopo averne bevuto buona parte di una bottiglia, la ragazza si è accorta che sul fondo era depositato quello che sembra essere senza alcun dubbio un mozzicone di sigaretta e altro materiale. Per questo la ragazza ha sporto denuncia presso il Comando Carabinieri di Cassino.

17 agosto 2011 0

Maicol il ragazzo volante, a dieci anni il suo triplo salto mortale incanta nel circo Orfei

Di redazione

Vola a 15 metri da terra, attaccato ad un trapezio da circo ed è l’unico al mondo, alla sua età, capace di fare il triplo salto mortale. Maicol Martini ha appena dieci anni ed è già la stella indiscussa del circo Orfei. Prima di lui, capace di un simile gesto atletico, era un ragazzo messicano Roulito Jimenez, ma di anni ne aveva già 14. Maicol è certo che tanta forza gli è dovuta anche dall’amuleto da cui non si separa mai, donatogli alcuni anni fa dal suo idolo. “Cinque anni fa io ero con il circo del mio papa a Napoli e nella stessa città c’era un altro circo dove si esibiva un campione messicano di cui fin da piccolissimo vedevo i suoi video. Si chiama Miguel Vasquez allora aveva poco meno di 40 anni ed era alla fine della sua carriera ma era bravissimo. Era il mio idolo… un po’ come tutti i bambini che adorano il loro cartone animato… beh io avevo lui. Avevo i programmi dei circhi dove era stato, sapevo tutto su di lui. Quando era a Napoli andavo a vederlo ogni sera; mi facevo accompagnare da mio nonno o da mio zio e restavo lì incantato a vederlo volare… Fin quando un giorno dopo lo spettacolo si avvicinò. Avevo il cuore che mi batteva a duemila. Era ancora con i costumi di scena e di lì a qualche mese lui avrebbe smesso di fare il trapezista. Mi sollevò tenendomi in piedi su di un braccio misurando il mio coraggio e il mio equilibrio. Io gli dissi che mi sarebbe piaciuto volare come lui. Allora Miguel si tolse dalle braccia due polsini bianchi… questi che ho io e mi ha detto… “Questi polsini mi hanno salvato più volte la vita vedrai che porteranno fortuna anche a te”. Un auspicio che è risultato vero dato che Maicol, a febbraio di quest’anno, dopo anni di duro e serio allenamento, ha coronato il suo sogno di riuscire nell’impresa che lo ha trasformato in una star indiscussa nel mondo circense: eseguire a dieci anni il più temuto dei salti, il triplo. Maicol, figlio di addestratore di animali, oggi direttore del circo, e di una trapezista di talento, in questi giorni è a Scalea, in Calabria, dove si esibisce nel circo Orfei e così ricorda la sua impresa. “Lo scorso 3 febbraio a Palermo non avevo detto niente a nessuno; lo sapeva solo, il porteur (la persona che sull’altalena lo riprende dopo il volo – ndr) e René il mio maestro. Nulla di preparato; ho provato senza pensarci più di tanto e ci sono riuscito. Giù in platea ho sentito un boato… ho visto la faccia di mio padre che saltava di gioia e il presentatore del circo che si è impappinato: ha detto doppio-triplo… insomma non capiva più nulla. Ero felice mi sono divertito… io mi diverto a fare ciò che faccio e quel giorno sono stato felicissimo”. La sua famiglia una fucina di talenti dato che sua sorella Angela, a 12 anni, qualche giorno fa è riuscita nel doppio salto mortale bendata. Un impegno, il loro, che richiede tanta passione e allenamento. “Mi alzo alle sette – racconta Maicol – faccio colazione poi vado a scuola. In ogni città una scuola diversa dall’altra e in questi anni ho conosciuto tanti bambini, molti dei quali vengono anche a vedermi al circo, poi torno e dopo pranzo inizio le prove con il mio maestro Renè, fino allo spettacolo quando eseguo il mio numero. Subito dopo mi diverto un po’con i bambini del circo. Facciamo un po’ i tutto come i bambini normali, poi cena e ancora uno spettacolo prima di andare tutti a dormire”. Un’attività molto diversa da quella che solitamente fanno gli altri bambini, ma Maicol non farebbe altro. “A me piace volare. Sto provando anche il salto mortale al trampolino elastico, in fondo anche lì si vola in alto anche se si atterra nella rete elastica. Presto lo eseguirò in pista”. Soddisfatto è il padre Darix: “Non mi sono mai perso un’esibizione, per me è un fenomeno, e ormai anche la sorella è lanciata. Il mio capo ufficio stampa, Francesco, mi ha convinto dal iscriverli al Guinnes World Record perché crede molto in loro…e io sono convinto che faranno ancora di più. Se hanno voglia continueranno altrimenti posso fare ciò che vogliono”. Ma Maicol ha ancora un desiderio. “Vorrei incontrare nuovamente il mio idolo Miguel Vasquez; lui adesso si è ritirato. Vorrei che assistesse ad una mia esibizione mentre indosso i suoi polsini bianchi. Sono sicuro che lo spettacolo gli piacerebbe e che sarebbe orgoglioso di me”. Ermanno Amedei

17 agosto 2011 0

Trovato morto il 50enne sorano disperso sulla Maiella

Di redazione

Dimitri Castellucci è stato ritrovato privo di vita questa mattinaa Morino, in provincia de L’Aquila. Il 50enne, originario di Sora ma residente in Francia, si era smarrito sulle montagne abruzzesi domenica sette agosto. L’ultimo suo avvistamento è stato fatto in località Zompo lo Schioppo e sulle sue tracce si sono messi decine di soccorritori. Purtroppo solo questa mattina il suo corpo è stato trovato sotto una cresta a quota 1500 metri. Sulle cause del decesso, però, si sta ancora indagando.

17 agosto 2011 0

Si spacciano per dipendenti dell’Agenzie delle Entrate ma è una truffa, l’amministrazione comunale invita a prestare attenzione

Di admin

L’Amministrazione Comunale invita tutti i cittadini a prestare attenzione a ripetuti tentativi di truffa che, in questo periodo, si stanno verificando nella nostra città. Sono stati segnalati di recente nel territorio di Cassino alcuni episodi di tentativi di truffa da parte di soggetti che si spacciano per dipendenti dell’Agenzie delle Entrate o che utilizzano illecitamente comunicazioni con il nome e il logo dell’Amministrazione finanziaria, rifacendosi indebitamente alla sua attività istituzionale per ottenere denaro in cambio di abbonamenti a riviste o altri servizi ai danni dei contribuenti. A questo proposito, l’Agenzia sottolinea di essere completamente estranea a questo tipo di attività. In questi giorni, inoltre, molti cittadini stanno ricevendo lettere – truffa che segnalano un’incongruità rispetto ai redditi 2007, 2008, 2009 per l’affitto di immobili, invitando a ricevere in casa falsi funzionari per presunte verifiche. Queste lettere, è evidente, sono un palese tentativo di truffa che potrebbe colpire, in particolare, le persone anziane durante il periodo estivo. Anche in questo caso, l’Agenzia delle Entrate è totalmente estranea a questo tipo di comunicazioni e invita le potenziali vittime a denunciare ogni tentativo di raggiro, rivolgendosi quanto prima a qualsiasi ufficio delle Entrate e alle forze di Polizia. Si ricorda, inoltre, che l’Agenzia non distribuisce guide, riviste e altro materiale a pagamento. Tutte le pubblicazioni delle Entrate, infatti, sono disponibili gratuitamente negli uffici territoriali e sul sito istituzionale dell’Amministrazione:www.agenziaentrate.gov.it Infine, nessun dipendente è autorizzato a chiedere denaro ai contribuenti né a casa, né per telefono o via mail. Tutte le comunicazioni di carattere fiscale sono inviate per posta senza alcuna spesa a carico del destinatario.

17 agosto 2011 0

Fermiamo i rave. Lo “Sportello dei Diritti” chiede l’intervento anche della polizia postale per bloccarli in tempo

Di admin

Da Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” riceviamo e pubblichiamo: Si susseguono sulla stampa le notizie di rave non autorizzati bloccati dalle varie forze di polizia su tutto il territorio nazionale e tutti uniti da un minimo comune denominatore: sono raduni quasi sempre sprovvisti di qualsiasi autorizzazione da parte delle autorità competenti che arrivano ad ospitare migliaia di giovani in luoghi lontani dai centri abitati, tipo boschi e campagne, ricettacolo di droghe e di musica elettronica a frequenze altissime, ma soprattutto sono quasi tutti auto-organizzati attraverso un passaparola che utilizza il web quale principale strumento di comunicazione e d’incontro virtuale. Non più, quindi, solamente attraverso i tradizionali canali di comunicazione, quali il cosiddetto “pierraggio”, ossia attraverso alcuni soggetti che si sobbarcavano l’onere di contattare quanta più gente possibile anche attraverso locandine sparse nei comuni contigui al luogo ov’era previsto l’evento. Oggi, invece, l’utilizzo della rete consente di contattare in maniera rapida ed in forma pressoché anonima migliaia di persone da ogni luogo ed anche dall’estero e per tali ragioni, questi eventi diventano sempre più grandi e sempre più incontrollabili. Tali nuove possibilità, sono purtroppo, troppo spesso, causa di conseguenze sulla salute di chi li frequenta, tant’è che non sono rari i casi di gravi lesioni o morti di giovanissimi, conseguenti alla frequentazioni di questi luoghi, per l’utilizzo di sostanze stupefacenti che riescono a scorrere a fiumi proprio perché non sono sottoposti ad alcun controllo. Per tali ragioni, Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, affinché non si verifichino più fatti gravi come quelli già accaduti anche nel recente passato e trovandoci in un periodo clou in relazione ai rave che d’estate si moltiplicano in ogni regione del Territorio nazionale, chiede l’intervento delle Autorità, a partire dalla polizia postale che con il suo prezioso lavoro può essere in grado in fase preventiva di verificare la sussistenza di requisiti minimi di liceità relativi a questi party individuandone gli autori ed in fase successiva può inviare segnalazioni alle autorità locali affinché provvedano a fermare quelli già in corso se non provvisti delle regolari autorizzazioni.

17 agosto 2011 0

Inps: oltre due miliardi di incassi in più rispetto all’anno scorso

Di admin

Nei primi sette mesi dell’anno l’Inps ha incassato oltre 73,2 miliardi di euro da pagamenti ordinari di contributi: 2,1 miliardi (+3%) in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando le riscossioni hanno raggiunto i 71,1 miliardi, e con un incremento di circa 750 milioni sul preventivo 2011. Se si considerano anche gli importi derivanti dall’attività di recupero crediti, il totale delle riscossioni sale a 76,2 miliardi di euro, con un incremento del 2,8%, vale a dire oltre due miliardi in più rispetto ai 74,1 del 2010. Anche in questo caso si segnala un aumento sul preventivo 2011 di circa mezzo miliardo di euro. “Sono le aziende a fare la differenza” – commenta il presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua – “con il loro 4,6% in più rispetto al periodo gennaio-luglio 2010, evidenziano un costante incremento della contribuzione da lavoro dipendente, dovuto soprattutto all’azione di contrasto all’evasione contributiva perseguita dall’Istituto. Le aziende stanno rispondendo in modo positivo a questo impegno per la legalità profuso dall’Inps. Per facilitare il loro compito, l’Istituto offre al mondo produttivo la sua partnership e la massima collaborazione”. Il totale delle contribuzioni ordinarie 2011 a carico delle aziende si è infatti attestato – nello scorso mese di luglio – a quasi 61 miliardi di euro, contro i 58,2 dei primi sette mesi del 2010: 2,7 miliardi in più, con uno scostamento di oltre mezzo miliardo in più sul preventivo. Le precedenti rilevazioni hanno fatto riscontrare un andamento tendenzialmente analogo: a giugno, l’incremento della contribuzione per i primi sei mesi del 2011 è risultato essere del 4,9% rispetto al primo semestre 2010, mentre precedentemente il confronto tra i primi cinque mesi del 2010 e quelli del 2011 hanno evidenziato un aumento del 4,7%, e del 4,6% se si prendono in esame i primi due quadrimestri 2010/2011.

17 agosto 2011 0

Enrico Capuano e il GallinaRock a San Donato Val di Comino

Di admin

Non si spengono i riflettori sulla kermesse di giovani talenti del rock. Domani sera il contest musicale propone il concerto del noto cantautore italiano e della sua Tamurriata rock.

Dopo lo straordinario successo della tre giorni a Gallinaro, il GallinaRock fa tappa a San Donato Val di Comino. Si terrà domani infatti il concerto di Enrico Capuano e la Tamurriata rock organizzato dal Comune di San Donato in collaborazione con l’Associazione Culturale “Talenti” che promuove ed organizza dalla nascita il festival nuovi talenti GallinaRock.

Nella serata sandonatese si esibiranno inoltre i Plastika gruppo vincitore dell’edizione 2011.

“Il successo della terza edizione ci rende soddisfattissimi – dichiara Luigi Vacana ideatore e patron del Festival – le band provenienti da tutta Italia ed i grandissimi ospiti che si sono susseguiti sul palco di Parco San Leonardo hanno sancito, insieme al numerosissimo pubblico, lo straordinario successo della terza edizione. Con Enrico Pittiglio abbiamo deciso quest’anno di tenere uno special contest del GallinaRock a San Donato Val di Comino. Grazie alla disponibilità di Enrico Capuano che è stato, tra l’altro, il direttore artistico di questa edizione, si terrà l’evento del 18 agosto. Una piazza importantissima – ha concluso Vacana – che anche grazie al GallinaRock permetterà un rinsaldarsi della già proficua collaborazione tra i due paesi”.

Di nuovo in moto, dunque, la macchina organizzativa del GallinaRock (Carla Cellucci, Marco Franciosa, Ennio Schiavi, Michele Franciosa, Barbara Tamburrini, Lallo Tullio, Dario Miconi, Marco Di Folco, Romina Vinci, Luana Spilabotte, Loris Arduino e tanti altri).

“Siamo contenti e fiduciosi di ospitare lo special contest del GallinaRock, un Festival di nuovi talenti ormai rinomato in tutta Italia- dichiara Enrico Pittiglio consigliere delegato al turismo del comune di San Donato – un occasione da non perdere vista la presenza di Enrico Capuano e la Tamurriata rock. Elementi di collaborazione tra diverse amministrazioni che dovrebbero essere il fulcro della programmazione estiva nella Valle di Comino. Mi preme ringraziare il presidente nonché assessore Luigi Vacana per averci dato questa possibilità ed il maestro Enrico Capuano che ha voluto sigillare il partenariato portando a San Donato Val di Comino la sua band Tammurriata Rock”.

Non resta dunque che dare appuntamento per domani alle 21.00 in piazza Cavour a San Donato Val di Comino per un evento che si prevede un successo annunciato.