Giorno: 23 agosto 2011

23 agosto 2011 0

Furto sacrilego nella villa comunale di Cassino, rubate le statue della madonnina e Padre Pio

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ha dell’incredibile che anche le statue di gesso possano rientrare negli appetiti dei ladri. Eppure accade che, a Cassino, una statua di gesso di Padre Pio, per altro recuperata dai canoisti di Italia Nostra nel laghetto e sistemata su una sponda della villa comunale, e la statua della madonna

sistemata al centro del laghetto in occasione dell’8 maggio, sono state rubate questa notte. Un gesto che comprensibilmente ha mandato su tutte le furie la gente e soprattutto Angelo Spallino, presidente di Italia Nostra di cui pubblichiamo lo sfogo. “Questa notte sono stati rubate due statuette sacre: la madonnina del laghetto che fu posata il giorno della festa della Mamma perché la Madonna è da sempre considerata l’icona dell’amore materno e la statuetta di Padre Pio sistemata sulla sponda del centro canoa dopo essere stata ripescata dal laghetto dove era stata gettata. Chi e’ stato? non sappiamo ancora. Cosa è? Questo lo possiamo immaginare: un deficiente con quoziente intellettivo molto al di sotto dello scimpanzé ( per essere buoni), un cretino che per sentirsi wappo ruba simboli di amore che non hanno alcun significato religioso o politico, un idiota che fa queste cose per mettersi in mostra davanti ad altri deficienti come lui. Ma come si fa ad essere così carenti di alcun senso morale, così vigliacchi ? Si e’ voluto colpire una realtà ambientale e sportiva che da anni lotta contro il degrado sociale ed ambientale della villa comunale e che si oppone a qualsiasi privatizzazione di un bene pubblico? E stato un gesto di ripicca contro chi ancora si incavola se qualche cretino entra con il motorino o parcheggia vicino ai giochi dei bambini o lascia scorazzare il proprio cane libero di insidiare gallinelle o papere? Chiunque sia stato o siano stati lo invito a venirmi a spiegare i motivi (se ne ha) del suo gesto ignobile e ad ” ascoltare” le mie risposte. Sa dove trovarmi. alla sede kayak. Ma se il gesto e’ stato solo una manifestazione di carenza intellettiva allora gli auguro che possa guarire dala sua imbecillita’ con la sola medicina possibile: un miracolo ad opera della Madonna , di padre Pio o meglio di ambedue. Invito l’assessore all’Ambiente a predisporre la chiusura della villa Comunale durante le ore notturne vista anche che molta parte di essa e’ al buio favorendo così gesti vandalici. Finisco con una promessa : le statuette saranno rimesse al loro”.

23 agosto 2011 0

Incendi boschivi, canadair ed elicotteri in azione su 37 roghi

Di admin

Anche quella di oggi è stata una giornata impegnativa per la Flotta Aerea dello Stato all’opera per contrastare gli incendi che stanno interessando soprattutto le regioni centro-meridionali del Paese. Da questa mattina, i Canadair e gli elicotteri coordinati dal Servizio di Coordinamento Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale sono intervenuti a supporto delle squadre di terra su 37 roghi.

E’ dalla Regione Campania che è giunto il maggior numero di richieste di intervento, undici in totale; otto, invece, quelle partite dalla Sicilia, sette dal Lazio, quattro dalla Calabria, tre dalla Puglia, una a testa dalla regione Basilicata, dall’Abruzzo e dalla Liguria.

Al momento i velivoli stanno operando su sedici incendi ancora attivi di cui sei nel Lazio, e rispettivamente tre in Campania e tre in Calabria, due in Sicilia, uno in Puglia e uno in Liguria. L’intenso lavoro svolto dagli equipaggi dei mezzi aerei ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, fino a ora, ventuno roghi. I piloti continueranno ad assicurare il lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente sulle fiamme dei roghi ancora attivi finché le condizioni di luce consentiranno di effettuare le operazioni in sicurezza e, considerate le previsioni per le prossime ore, saranno pronti nuovamente dall’alba di domani a operare sulle fiamme.

In particolare, tra i mezzi della Flotta dello Stato sono stati impiegati dodici Canadair, nove aerei Fire Boss e cinque elicotteri, tre S 64 e due CH47 dell’Esercito Italiano, dislocati in vari aeroporti su tutto il territorio nazionale ed intervenuti nelle Regioni colpite in base alle necessità.

E’ utile ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.

23 agosto 2011 0

Rapinarono commerciante minacciandolo con un coltello, arrestati

Di admin

Nella tarda mattinata odierna, i militari della Compagnia di Anagni traevano in arresto per il reato di “rapina aggravata” M.A.S., 23enne e A.Y., 43enne, entrambi di nazionalità egiziana, rintracciati rispettivamente all’interno di una pescheria e di un esercizio commerciale per la vendita di prodotti ortofrutticoli di Anagni.

L’operazione, trae origine dalla rapina avvenuta la notte del 22 agosto 2011 in Guidonia Montecelio (RM) all’interno del C.A.R. (Centro Agro Alimentare) in danno di un commerciante operante nel medesimo settore, anche’egli di nazionalità egiziana e titolare di un negozio di frutta e verdura nella Città dei Papi.

La vittima, mentre stata procedendo all’acquisto di prodotti per la propria attività, veniva bloccato da quattro soggetti all’interno del predetto C.A.R. i quali, dopo averlo colpito con vari pugni lo costringevano, sotto la minaccia di un coltello a serramanico, a consegnare tutto il denaro contante in suo possesso per complessivi Euro mille.

La serrata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone (Dr. Vittorio Misiti) e condotta da personale del NORM della Compagnia e della Stazione di Anagni, consentiva di identificare e sottoporre a Fermo di polizia giudiziaria due dei quattro rapinatori.

Le indagini sono tuttora in corso al fine di identificare gli altri autori del grave delitto, nonché verificare se la rapina sia maturata nell’ambito di un controllo egemonico dello specifico settore commerciale.

Nell’ambito dello stesso contesto:

– sono state sottoposte ad accurati controlli, con la collaborazione di personale dell’Ispettorato del Lavoro di Frosinone, le due attività commerciali all’interno delle quali sono stati rintracciati i prevenuti;

– è stata avviata la procedura di espulsione dal territorio nazionale a carico di ulteriori 2 cittadini egiziani, clandestini, trovati all’interno delle suddette attività.

Gli arrestati, ad espletate formalità di rito, venivano associasti presso la Casa Circondariale di Frosinone a disposizione dell’A.G..

23 agosto 2011 0

Anas Lazio, senso unico alternato sulla statale 4 “Salaria” in provincia di Rieti, a causa di un incidente

Di admin

L’Anas comunica che, a causa di un incidente stradale che ha coinvolto un furgone e una motocicletta, è stato istituito un senso unico alternato all’altezza del km 52,700 della strada statale 4 “Salaria”, in località Osteria Nuova, in provincia di Rieti.

Il tratto stradale era stato precedentemente chiuso per qualche minuto per consentire l’arrivo dei mezzi di soccorso.

Nell’incidente è rimasto gravemente ferito il conducente della moto.

Sul posto è giunto personale dell’Anas, dei Carabinieri e del Pronto Intervento per prestare i primi soccorsi e ristabilire al più presto le normali condizioni di viabilità.

L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile attraverso il sito http://www.stradeanas.it/traffico.

L’Anas invita gli automobilisti alla prudenza nella guida, ricordando che l’informazione sulla viabilità e sul traffico di rilevanza nazionale è assicurata attraverso il sito www.stradeanas.it e il numero unico “Pronto Anas” 841.148.

23 agosto 2011 0

Denunciati due bracconieri dediti alla cattura di uccelli protetti

Di admin

Fermati nel corso della notte mentre dalla Campania si dirigevano nel territorio della provincia di Isernia per catturare uccelli protetti.

Ma questa volta ad “incappare nella rete” dei controlli predisposti dall’Arma della Compagnia di Venafro sono stati due bracconieri, un 65enne ed un 43enne della provincia di Napoli, bloccati in prossimità di Roccaravindola su una Ford Focus con a bordo svariate gabbie contenenti “cardellini”, uccelli della specie protetta, nonché reti per la loro cattura e apparecchi elettronici per il loro richiamo.

Inconfutabile la detenzione illecita degli uccelli della specie protetta che ha indotto i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile ad accompagnare i due fermati presso la sede della Compagnia di via Maiella di Venafro dove si è proceduto ad inventariare e sequestrare i materiali rinvenuti, mentre i 15 piccoli volatili illegalmente detenuti nella varie gabbiette, sono stati controllati e quindi rimessi in libertà. Contestualmente al termine delle operazioni è stata inoltrata una denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica del capoluogo Pentro nei confronti dei due fermati, per il reato in concorso della cattura di volatili della specie protetta.

La pratica illegale della cattura di cardellini, molto praticata nell’area Campana ove gli uccelli di detta specie sono commercializzati ovviamente in modo illegale, ma è facile acquistarli nei mercatini rionali, è vietata dalla vigente legge sulla caccia (art.30 Legge 11.2.1992 n.157). I bracconieri dei volatili si servono di reti che piazzano nei pressi di canneti e zone umide ove i piccoli volatili vengono richiamati e quindi catturati, mediante apparecchi elettronici acustici.

23 agosto 2011 0

Incendi boschivi, flotta aerea dello stato in azione su 22 roghi

Di admin

Sono già ventidue gli incendi che dalle prime luci dell’alba di stamani hanno richiesto l’intervento di Canadair ed elicotteri della Flotta aerea anti-incendio boschivo. Fin ora, il maggior numero di richieste di intervento a supporto delle squadre di terra è pervenuto al Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale dalla Campania, con otto incendi.

Al momento, cinque roghi sono stati spenti, mentre i restanti attivi, distribuiti tra Abbruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Puglia, Sicilia stanno impegnando i piloti dei velivoli antincendio.

E’ utile ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.

23 agosto 2011 0

Grande Raccordo Anulare di Roma, Anas: rallentamenti all’altezza del km 45,500, in carreggiata interna, a causa di un incidente

Di admin

L’Anas comunica che è stato riaperto al traffico lo svincolo in entrata per la “Via Appia” (km 44,400) sul Grande Raccordo Anulare di Roma, in carreggiata interna. Lo svincolo era stato temporaneamente chiuso al traffico a causa di un incidente stradale provocato da una autovettura all’altezza del km 45,500.

Si segnalano alcuni rallentamenti lungo il tratto stradale interessato dall’incidente.

L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile attraverso il sito http://www.stradeanas.it/traffico.

L’Anas invita gli automobilisti alla prudenza nella guida, ricordando che l’informazione sulla viabilità e sul traffico di rilevanza nazionale è assicurata attraverso il sito www.stradeanas.it e il numero unico “Pronto Anas” 841.148.

23 agosto 2011 0

Amministratori “a lavoro” sulle strade con il trattore per estirpare le erbacce

Di admin

Amministratori a lavoro per migliorare la viabilità urbana ed extraurbana del Comune di San Giovanni Incarico. “A lavoro” nel senso vero del termine tanto che, armati di pazienza, abiti da lavoro e tanta buona volontà, sono saliti di persona sui mezzi per sradicare le erbacce che in questi giorni rendevano impraticabili alcune strade del territorio comunale, generando malcontento tra i residenti. Il vicesindaco Antonio Carbone ed il consigliere-assessore all’Unione di Comuni Antica Terra di Lavoro Antonio Carnevale sono all’opera, infatti, da più di un mese per rendere la viabilità urbana ed extraurbana montana del Comune di San Giovanni Incarico più efficiente, in maniera – è il caso di dire – economica. Così in sinergia con gli altri Enti, l’azione amministrativa del Comune di San Giovanni Incarico, guidata dal sindaco e consigliere provinciale Antonio Salvati continua, mantenendo e migliorando sempre più gli obiettivi presentati nel programma amministrativo. Il Sindaco, oltre che ringraziare la disponibilità volontaria del consigliere Antonio Carnevale e del vicesindaco Antonio Carbone, ringrazia il presidente della XXVI Comunità Montana di Pico, Augusto Carè, e l’assessore Fallone per aver dato la possibilità e la disponibilità di utilizzare i mezzi dell’amministrazione montana.

23 agosto 2011 0

Guida in stato di ebbrezza, denunciati due giovani a cui è anche stata ritirata la patente

Di admin

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, in occasione del periodo estivo, ha intensificato ulteriormente, oltre all’attività di controllo economico del territorio, anche i controlli su mezzi pesanti e leggeri, al fine di verificare il corretto rispetto della normativa inerente al codice della strada.

Lo scopo dei servizi è stato quello di tutelare la sicurezza e l’incolumità di tutti i cittadini da possibili guide in stato di ebbrezza, soprattutto a causa di un uso improprio e spropositato di prodotti alcoolici, in particolar modo da parte dei giovani nelle notti tra il sabato e la domenica.

Due distinti interventi, condotti dai Finanzieri della Compagnia di Caserta, hanno impedito che spregiudicati comportamenti del sabato sera potessero sfociare in tristi eventi. Le Fiamme Gialle hanno sottoposto a controllo decine di autoveicoli ed i rispettivi conducenti, riscontrando su due soggetti, M.M. di Macerata Campania, di anni 19 e S.M. di Caserta, di anni 30, il primo alla guida di un BMW ed il secondo di una Smart che tra l’altro viaggiava in senso contrario a quello di marcia nella strada ove è ubicata la Caserma del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, sita in pieno centro del capoluogo cittadino.

Durante gli accertamenti, le Fiamme Gialle si sono subito rese conto dei sintomi di sbandamento e dell’utilizzo di parole senza senso da parte dei giovani, che sono stati sottoposti ad esami alcolemici. In entrambi i casi gli esami hanno riportato i valori 4 volte superiori a quello previsto dall’art. 186 del Codice della Strada.

I due soggetti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria di Santa Maria Capua Vetere, ed inoltre agli stessi è stata ritirata la patente di guida.

L’intensificazione del controllo economico del territorio rappresenta un’ulteriore riprova dell’attività svolta quotidianamente dalla Guardia di Finanza di Caserta a tutela della legalità, della salute e dell’incolumità dei cittadini.

23 agosto 2011 5

Melania, il criminologo Silvestri: “L’offender ha commesso errori”

Di redazione

Salvatore Parolisi Caporal Maggiore dell’esercito, ritenuto responsabile secondo la magistratura di avere sferrato 35 coltellate sul corpo della giovane moglie Melania Rea si trova in carcere ed è stato ascoltato oggi dal tribunale del Riesame de L’Aquila. “La lettura di questo efferato crimine – spiega il criminologo Antonino Silvestri – si presenta sempre più complessa sotto il profilo criminologico. L’assassino si è allontanato indisturbato e ha accuratamente depistato la scena criminis. Nella zona che confina con la scena del crimine ovvero la crime zone, PARE che l’offender abbia commesso degli errori. Le 10 coltellate ritrovate sulla parete della cascina in legno a poca distanza dove giaceva il cadavere della giovane donna, PRESENTANO dei tagli CHE molto probabilmente potrebbero stabilire la presunta altezza e il peso dell’offender. L’apparente assenza di un movente, la serialità la ripetizione accompagnata alla mostruosità, inducono ancor di più ad ipotizzare che si tratti di un omicidio seriale. Cresce comunque l’attesa di cosa dira’ Salvatore Parolisi lunedì ai magistrati.