Giorno: 27 agosto 2011

27 agosto 2011 0

Stalker della cugina dopo averle bruciato l’auto la minaccia con la scopa. Allontanato dalla città

Di admin

Divieto di dimora e di ritorno nel capoluogo ottenuto dalla Polizia di Stato per fermare lo stalker-cugino arrestato a luglio per averle incendiato l’auto

L’uomo, un quarantaduenne frusinate, dal 2006, di fronte al rifiuto dell’allora ventitreenne cugina di accettare le sue avance, aveva dato inizio alla sua lunga carriera di stalker.

Un amore malato il suo fatto di pedinamenti, appostamenti, intimidazioni, danneggiamenti vari che hanno reso la vita della giovane e della sua famiglia un vero e proprio inferno.

Aveva iniziato a tormentarla con telefonate sia a casa che sul cellulare, a qualsiasi ora del giorno e della notte, per poi seguirla sul posto di lavoro, nelle sue uscite con gli amici o semplicemente andando ad aspettarla sotto casa.

Non sono servite neppure le numerose denunce presentate alle forze dell’ordine dalla ragazza a farlo desistere dalle sue indesiderate “attenzioni”.

L’uomo dalle intimidazioni è passato ai fatti, procurando, in diverse occasioni, danni all’abitazione e all’auto in uso alla cugina, consistenti per esempio nello spiantare e asportare piante dal giardino di casa, nel gettare coloranti nell’acqua del pozzo, nello staccare gli specchietti retrovisori dell’auto, nell’asportarne le targhe, fino ad arrivare all’evento forse più inquietante compiuto a luglio di quest’anno.

Il quarantatreenne ha infatti atteso che la giovane rientrasse a casa e poi le ha dato fuoco all’auto posteggiata proprio dinanzi all’entrata dell’abitazione.

L’incendio propagatosi alle persiane ad al portone d’ingresso ha, di fatto, messo in serio pericolo la vita della cugina e quella dei familiari intrappolati, loro malgrado, in casa e messi in salvo solo grazie al tempestivo intervento degli agenti delle volanti e dei vigili del fuoco.

L’uomo era stato allora rintracciato ed arrestato dai poliziotti per incendio doloso e stalking.

Nemmeno la detenzione lo ha fermato e non appena uscito dal carcere è tornato davanti all’abitazione ad intimidire la ragazza brandendo in mano una scopa.

Gli agenti delle Volanti, a questo punto, hanno richiesto ed ottenuto dal Tribunale di Frosinone l’obbligo di dimora in un paese diverso da questo capoluogo, nel quale lo stalker ha risieduto sino ad oggi, ed il divieto di farvi ritorno, al fine di tenerlo lontano dalla vittima e restituirle un po’ di serenità.

27 agosto 2011 0

Aggredirono un giovane e lo rapinarono, due pluripregiudicati in manette

Di admin

Due pluripregiudicati locali ieri pomeriggio sono stati arrestati dagli agenti della Polizia di Stato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in “carcere” per uno di essi e presso la “proprio abitazione” per l’altro, poiché ritenuti responsabili di rapina aggravata in concorso tra loro.

Tempestiva l’attività d’indagine e le ricerche dei due da parte dei poliziotti del Reparto Volanti, che solo alcune ore dopo il grave episodio delittuoso, riuscivano a risolvere il caso, individuando immediatamente i responsabili.

I fatti risalgono allo scorso mese di luglio quando nel capoluogo frusinate, un giovane dopo aver accompagnato la sua fidanzata presso l’abitazione di un’anziana zia alle ore 2.20 di notte, a bordo della sua autovettura era stato avvicinato da due malviventi che lo avevano immobilizzato e malmenato per sottrargli un televisore trasportato all’interno del veicolo.

L’immediata denuncia della vittima e la coraggiosa collaborazione offerta agli operanti attraverso una perfetta descrizione dei malviventi ed il riconoscimento fotografico, hanno consentito ai poliziotti una tempestiva quanto proficua attività d’indagine che li portava ad individuare gli autori della rapina e mettere loro le manette ai polsi.

L’esigenza dell’ulteriore custodia cautelare nasce dalla considerazione del fatto che entrambi i rapinatori sono stati riconosciuti in grado di compiere azioni criminose violente senza premeditazione, e quindi di saper agire in maniera impulsiva ed estemporanea; ciò ne amplifica la pericolosità sociale, facendo aumentare il rischio concreto, se non mantenuti in stato di arresto, che possano compiere fatti analoghi.

Né è di ciò facile testimonianza il già nutrito e rispettabile “ curriculum “ di uno dei due arrestati, autore, anche nel recente passato, di numerosi reati di furto, rapina, porto abusivo d’armi, minaccia e detenzione illecita di sostanza stupefacente nonchè protagonista di svariate evasioni dagli arresti domiciliari e già destinatario di misure di prevenzione.

Grazie ai provvedimenti emessi dal G.I.P. del Tribunale di Frosinone i due malfattori sono assicurati alla giustizia vedendo privata la loro libertà personale.

27 agosto 2011 0

Incendi boschivi, canadair ed elicotteri in azione su 58 roghi

Di admin

Picco di richieste di intervento per la Flotta Aerea dello Stato, che è stata chiamata oggi a intervenire a supporto delle squadre di terra su 58 incendi boschivi, di cui sono 36 finora quelli spenti o sotto controllo. Da questa mattina, i Canadair e gli elicotteri coordinati dal Servizio di Coordinamento Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale sono intervenuti praticamente su tutte le regioni centro-meridionali del Paese per contrastare i numerosi roghi il cui propagarsi è stato favorito da un rinforzo dei venti che ha interessato le regioni del versante di Ponente. Il maggior numero di richieste di intervento è arrivato dalle due isole maggiori: 12 i roghi in Sardegna e 9 in Sicilia, mentre 7 sono le schede arrivate dalla Campania e dalla Calabria. Cinque rispettivamente quelle inviate da Lazio, Abruzzo e Puglia, 4 dalla Basilicata, due dalle Marche e una per ciascuno da Toscana e Umbria. In questo momento 13 Canadair, 9 aerei Fire Boss, quattro S64 e sette elicotteri appartenenti alla Marina Militare, alla Guardia Costiera e all’Esercito Italiano stanno proseguendo il lavoro sui 22 roghi ancora attivi. I piloti dei velivoli continueranno ad assicurare il lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente sulle fiamme dei roghi ancora attivi finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza. E’ utile ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.

27 agosto 2011 0

Cocaina negli slip, ragazza 28enne in manette

Di admin

A Ferentino i carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di ordinari servizi di contrasto ai reati in genere, arrestavano una 28enne rumena, residente a Roma, già censita, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La donna, fermata a bordo di un’autovettura nei pressi del casello autostradale, appariva particolarmente nervosa. Al controllo veniva trovata in possesso di grammi 60 circa di cocaina, abilmente occultata nelle parti intime. La droga veniva sottoposta a sequestro, mentre l’arrestata associata presso il Carcere femminile di Roma Rebibbia.

27 agosto 2011 0

Federcontribuenti, 50 miliardi di entrate in più in 5 anni se si riforma il sistema di riscossione di Equitalia

Di admin

Dall’ufficio stampa nazionale Federcontribuenti riceviamo e pubblichiamo: Mai condoni e se all’ultimo momento il Parlamento decidesse di inserirlo nella manovra anticrisi ricorreremo alla Corte di Giustizia Europea per renderlo illegittimo. Senza mezzi termini esprime il suo pensiero il Presidente Nazionale di Federcontribuenti, Carmelo Finocchiaro, che aggiunge non è piu’ possibile fare favori ad evasori e malavitosi. Non possiamo consentire che con un “colpo di spugna” si cancellino evasioni milionarie e si consenta di “ripulire” i redditi occulti della mafia e dell’usura. Il condono fiscale non risolve il problema dell’enorme debito tributario che gli italiani si ritrovano sulle spalle e su cui incombe la scure dell’azione spesso intollerabile e vessatoria di Equitalia. Oggi aggiunge Finocchiaro è necessario prevedere una norma che consenta un rientro del debito iscritto da Equitalia (sono oltre 200 miliardi le somme da incassare da parte dello Stato e degli enti locali) in maniera sostenibile al reddito personale o d’impresa e commisurato alla verifica oggettiva delle difficoltà economico finanziarie di ogni soggetto. Bisogna prevedere una norma che rapporti l’aspetto sanzionatorio ai motivi reali che hanno impedito il pagamento delle imposte nel momento della loro scadenza. Oggi siamo a quasi due milioni di rateizzazioni concesse da Equitalia, ma l’attuale sistema non consente a moltissimi contribuenti di aderirvi perchè il pagamento (max 72 rate) commisurato al debito accumulato rende spesso il pagamento delle rate insostenibile, specie per l’enorme peso di sanzioni e interessi che spesso superano il tasso usuraio. Federcontribuenti, propone una ristrutturazione del debito e solo per coloro che hanno avuto vere difficoltà economico-finanziarie allegerendo l’importo di sanzioni e allungando i tempi di pagamento in ragione del reddito di ogni soggetto coinvolto. Questa nostra proposta porterebbe alla regolarizzazione di ulteriori 3.000.000 di contribuenti e garantirebbe allo Stato e alle autonomie locali e agli enti di previdenza e assistenza nei prossimi cinque anni un gettito ulteriore di oltre 50 miliardi e a regime gli incassi si assesterebbero intorno ai 30 miliardi annui solo dai ruoli esattoriali per imposte arretrate. Questa misura consentirebbe a Equitalia di riservare maggiore energia al recupero delle somme derivanti dall’evasione fiscale accertata che è altra cosa rispetto ai debiti iscritti a ruolo. La nostra proposta è una misura utile per le casse dello stato e per i cittadini e le imprese che potrebbero assolvere in maniera sostenibile al pagamento delle imposte arretrate. Se il Parlamento non ci ascolterà a Ottobre faremo partire, conclude il Presidente Finocchiaro, una proposta di legge d’iniziativa popolare, perche’ non c’è piu’ il tempo di aspettare. Il rischio che l’attuale sistema di riscossione mieta, nei prossimi mesi, migliaia di vittime senza risolvere i problemi per le casse dello Stato e reale, e noi non possiamo permettere che un sistema vessatorio affami gli italiani onesti e faccia chiudere migliaia di aziende che invece vorrebbero pagare, con un danno sociale di portata rilevante.

27 agosto 2011 0

Controesodo, proseguono i rientri dalle vacanze: traffico intenso ma senza disagi sulla rete di Autostrade per l’Italia

Di admin

Sulla rete di Autostrade per l’Italia, il traffico è intenso fin da questa mattina, senza particolari disagi. Proseguono i rientri degli italiani dalle località di villeggiatura, in particolare lungo le principali direttrici di traffico in direzione nord verso le grandi città. Alle ore 16.00 si segnalano in particolare le seguenti situazioni di traffico intenso: sulla A14 Bologna – Taranto, occorrono circa 2 ore per percorrere il tratto tra Ancona nord e Rimini nord, in direzione di Bologna; sulla A1 Milano – Napoli, occorrono 40 minuti per percorrere il tratto tra Firenze Scandicci e Barberino, in direzione di Bologna. I flussi di traffico rimarranno elevati fino alla serata di oggi, nella giornata di domani e di lunedì 30. Si ricorda che durante il fine settimana la circolazione sarà agevolata dal divieto di transito dei mezzi pesanti che sarà in vigore fino alle ore 23 di oggi e dalle 7 alle 24 di domani. In previsione del controesodo, sulla A1 Milano-Napoli, è stata aperta la terza corsia “complanare” tra Firenze Sud e Firenze Scandicci in direzione nord, per migliorare la fluidità del traffico. La carreggiata verso Bologna si presenta quindi, dopo Firenze sud, con due corsie a destra, dalle quali è possibile raggiungere tutte le destinazioni, e una corsia a sinistra che consente di superare l’uscita di Firenze Impruneta e di collegarsi direttamente agli svincoli e alle destinazioni successive. Durante il viaggio informazioni real time sul traffico vengono riportate sui pannelli a messaggio variabile e dai notiziari Isoradio 103.3 FM, RTL 102.5, Onda Verde RAI. Autostrade per l’Italia raccomanda il rispetto delle norme di sicurezza, in particolare l’utilizzo delle cinture di sicurezza sia dei posti anteriori sia di quelli posteriori, nonché delle distanze di sicurezza dal veicolo che precede e dei limiti di velocità; inoltre, invita gli automobilisti ad informarsi sulle condizioni del traffico prima di mettersi in viaggio e ricorda la possibilità di chiamare il Call Center Viabilità (840-04.21.21) o il numero verde del CCISS 1518. Aggiornamenti sulle condizioni di viabilità sulla rete sono presenti anche sul sito internet www.autostrade.it.

27 agosto 2011 0

Incidente tra 6 auto in A14 nel tratto Bologna Fiera e Bologna San Lazzaro, code di 10 km

Di admin

Autostrade per l’Italia comunica che sull’A14 Bologna Taranto, nel tratto tra Bologna Fiera e Bologna San Lazzaro, in direzione Ancona, è avvenuto un incidente tra 6 autovetture all’altezza del km 18,6. Sul luogo dell’incidente sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale, i soccorsi sanitari e meccanici, oltre al personale della Direzione 3° Tronco di Bologna. Attualmente, sul luogo dell’incidente, si transita sulla sola corsia di marcia e si registrano 10 km di coda per i quali si consiglia di prendere la Tangnenziale di Bologna dalle uscite di Bologna Borgo Panigale e Bologna Casalecchio per poi riprendere l’A14 all’altezza del casello di Bologna San Lazzaro. Durante il viaggio informazioni real time sul traffico vengono riportate sui pannelli a messaggio variabile e dai notiziari Isoradio 103.3 FM, RTL 102.5, Onda Verde RAI. Autostrade per l’Italia raccomanda il rispetto delle norme di sicurezza, in particolare l’utilizzo delle cinture di sicurezza sia dei posti anteriori sia di quelli posteriori, nonché delle distanze di sicurezza dal veicolo che precede e dei limiti di velocità; inoltre, invita gli automobilisti ad informarsi sulle condizioni del traffico prima di mettersi in viaggio e ricorda la possibilità di chiamare il Call Center Viabilità (840-04.21.21) o il numero verde del CCISS 1518. Aggiornamenti sulle condizioni di viabilità sulla rete sono presenti anche sul sito internet www.autostrade.it.

27 agosto 2011 0

Arrestati i responsabili della rapina in danno del bar “Parigi”

Di admin

In data 24 giugno 2011, due individui, di cui uno armato di pistola, facevano irruzione nel bar all’insegna “Parigi”, ubicato lungo quella via Roma e, dopo aver minacciato il titolare si facevano consegnare la somma contante di € 500,00 nonché un computer portatile, dileguandosi a piedi per le vie circostanti. I militari della locale stazione, agli ordini del Luogotenente Antonio Tricarico, si da subito attivavano le indagini con la massima scrupolosità e professionalità, senza tralasciare il minimo particolare, riuscendo in poco più di un mese ad acquisire probanti elementi di colpevolezza nei confronti di due giovani censurati. Si tratta di MODOLO Salvatore, 37enne, originario di Napoli ma da anni residente a Silvi, già noto per fatti di giustizia e LOFFREDO Umberto, 39enne, attualmente sottoposto agli arresti domiciliato a Castel Volturno (CE). Nel pomeriggio di ieri sono scattate le manette per entrambi le manette, in esecuzione di Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal GIP del Tribunale di Teramo che, su richiesta del P.M. titolare del fascicolo processuale, ha concordato in pieno l’attività investigativa dei militari. MODOLO Salvatore è stato associato alla Casa Circondariale di Teramo mentre LOFFREDO Umberto presso il Carcere di Santa Maria Capua Vetere (CE).