Controversie con banche od Equitalia? Federcontribuenti vi dà una mano

5 agosto 2011 0 Di admin

Dall’Ufficio Stampa Federcontribuenti riceviamo e pubblichiamo:
Come anticipato nei giorni scorsi, la Federcontribuenti, inaugura un nuovo servizio di pubblica utilità. Sempre più il contribuente si trova nell’imbarazzante situazione di doversi difendere dallo Stato , quando dovrebbe essere lo stesso Stato a tutelare i diritti dei suoi cittadini .
Le banche rispondono a regole e poteri insaziabili; appaiono incrollabili e non soggette a nessuna legge a regolamentarne le funzioni: eppure va detto che la stragrande maggioranza delle banche, capitanate da Bankitalia, appartengono ai nostri politici, in misura e con grado diverso. A renderle
forti la quasi obbligatorietà, da parte dei cittadini, di dotarsi di almeno un conto corrente, se poi si è un imprenditore, la banca diventa indispensabile, un’arma a doppio taglio. Da anni non si parla d’altro e le denunce per anatocismo e i danni prodotti dal signoraggio, come per il sistema poco ortodosso e molto speculativo praticato da Equitalia aumentano. I cittadini hanno così scoperto di esser vittime di pratiche bancarie e metodi di riscossione affatto trasparenti e giuste, quando poi vengono attaccati dalla crisi economica, scoprono come sia difficilissimo difendersi e far valere i propri diritti. A questo punto hanno una sola possibilità: farsi fare delle perizie tecniche sul conto corrente o sulle cartelle Equitalia per aprire procedure legali. Queste perizie non sono messe a disposizione dallo Stato, il quale non ritiene sia suo compito garantire diritti e tutela ai cittadini colpite da pratiche bancarie e di riscossione barbare e scorrette. Lo Stato non solo non ritiene di dover intervenire in difesa dei cittadini con leggi specifiche, ma, ancora una volta si rende colpevole di un grave conflitto di interesse, si tratta della giustizia tributaria. Questo organo, cui compito è quello di giudicare le varie controversie, spesso tra enti pubblici e cittadini, si trova presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze dove ha sede il Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, organo di autogoverno dei Giudici tributari. I giudici tributari sono nominati dal Ministro dell’Economia e delle Finanze su designazione del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria. Lo stesso ministero giudica e sanziona i giudici tributari. Con l’aumento delle denunce sono aumentati gli uffici che promettono perizie inattaccabili, peccato, costino un occhio della testa. Chi si trova pieno di debiti difficilmente potrà difendersi. Ecco perchè la Federcontribuenti è fiera di comunicare a tutti gli utenti bancari e a tutti coloro raggiunti da cartelle Equitalia , la possibilità di farsi fare perizie a costo pari all”80% in meno dei tariffari tanto pubblicizzati dagli uffici di consulenza bancaria.
Per chi avesse necessità di farsi fare: perizie bancarie atte a determinare l’esatto dare/avere di un c/c bancario attenendosi alla convenzione sottoscritta, al Codice Civile ed alle Leggi vigenti;
perizie bancarie per richiedere la restituzione degli interessi anatocistici percepiti indebitamente dalla banca; ricalcolo degli interessi di un mutuo attenendosi al contratto sottoscritto, al Codice Civile ed alle Leggi vigenti. Di preparare giuridicamente la controversia con la banca od
Equitalia e quindi di usufruire di una assistenza legale per la durata di tutta la controversia, non deve fare altro che mettersi in contatto con la Federcontribuenti.
Telefono: 0698356829 3288851847
Email: info@federcontribuenti.it