Furto sacrilego nella villa comunale di Cassino, rubate le statue della madonnina e Padre Pio

23 agosto 2011 0 Di redazione

Ha dell’incredibile che anche le statue di gesso possano rientrare negli appetiti dei ladri. Eppure accade che, a Cassino, una statua di gesso di Padre Pio, per altro recuperata dai canoisti di Italia Nostra nel laghetto e sistemata su una sponda della villa comunale, e la statua della madonna

madonnina villa cassino

sistemata al centro del laghetto in occasione dell’8 maggio, sono state rubate questa notte. Un gesto che comprensibilmente ha mandato su tutte le furie la gente e soprattutto Angelo Spallino, presidente di Italia Nostra di cui pubblichiamo lo sfogo.
“Questa notte sono stati rubate due statuette sacre: la madonnina del laghetto che fu posata il giorno della festa della Mamma perché la Madonna è da sempre considerata l’icona dell’amore materno e la statuetta di Padre Pio sistemata sulla sponda del centro canoa dopo essere stata ripescata dal laghetto dove era stata gettata. Chi e’ stato? non sappiamo ancora. Cosa è?
Questo lo possiamo immaginare: un deficiente con quoziente intellettivo molto al di sotto dello scimpanzé ( per essere buoni), un cretino che per sentirsi wappo ruba simboli di amore che non hanno alcun significato religioso o politico, un idiota che fa queste cose per mettersi in mostra davanti ad altri deficienti come lui. Ma come si fa ad essere così carenti di alcun senso morale, così vigliacchi ? Si e’ voluto colpire una realtà ambientale e sportiva che da anni lotta contro il degrado sociale ed ambientale della villa comunale e che si oppone a qualsiasi privatizzazione di un bene pubblico? E stato un gesto di ripicca contro chi ancora si incavola se qualche cretino entra con il motorino o parcheggia vicino ai giochi dei bambini o lascia scorazzare il proprio cane libero di insidiare gallinelle o papere?
Chiunque sia stato o siano stati lo invito a venirmi a spiegare i motivi (se ne ha) del suo gesto ignobile e ad ” ascoltare” le mie risposte. Sa dove trovarmi. alla sede kayak. Ma se il gesto e’ stato solo una manifestazione di carenza intellettiva allora gli auguro che possa guarire dala sua imbecillita’ con la sola medicina possibile: un miracolo ad opera della Madonna , di padre Pio o meglio di ambedue.
Invito l’assessore all’Ambiente a predisporre la chiusura della villa Comunale durante le ore notturne vista anche che molta parte di essa e’ al buio favorendo così gesti vandalici. Finisco con una promessa : le statuette saranno rimesse al loro”.