Melania, Cambia il Gip ma Parolisi resta in carcere

2 agosto 2011 1 Di redazione

Cambia il gip e procura, ma non cambia l’accusa ne, tantomeno, le misure restrittive. Trasferito in carcere a Teramo, Salvatore Parolisi passa al giudizio del tribunale abruzzese. L’omicidio della moglie, Melania Rea, non sarebbe avvenuto nel territorio di Ascoli dove era scomparsa nel parco di San Marco il 18 aprile, ma a Ripe di Civitella dove, il 20 aprile, è stato ritrovato il suo cadavere. Arrestato su disposizione del Gip ascolano, la vicenda di Parolisi è passata per competenza al tribunale teramano e, questa mattina, un secondo giudice per le indagini preliminari gli ha notificato in carcere la misura cautelare degli arresti. A differenza del suo collega marchigiano, il gip teramano non parla di villipendio di cadavere ma di deturpazione di cadavere. A Parolisi, inoltre, sarebbe stato imputata anche l’aggravante del depistaggio delle indagini.