Melania, Parolisi al “Riesame” parla: “Sono innocente”

23 agosto 2011 0 Di redazione

Tocca al tribunale del Riesame de L’aquila, stabilire se la deposizione della difesa avvenuta ieri, e quella del loro assistito, Salvatore Parolisi, sia servita per ottenere l’annullamento della misura cautelare che lo tiene in carcere a Teramo dal 20 luglio. Su di lui pende l’accusa per l’omicidio della moglie Melania Rea scomparsa il 18 maggio nel parco di Colle San Marco ad Ascoli, e ritrovata cadavere in quello di Ripe di Civitella a Teramo. L’indagato oggi ha parlato e si è difeso sostenendo di non essere responsabile di quella morte, i suoi legali, invece, hanno presentato una dettagliata e voluminosa documentazione con cui si ribattono punto per punto tutti passaggi accusatori contenuti nell’ordinanza di arresto. L’ora del decesso, l’alibi di Parolisi, la sua presenza a San Marco, tutto è ribattuto sostenendo che la pubblica accusa avrebbe calzato sul caporale maggiore dell’esercito un’accusa che, però, non sarebbe suffragata dai fatti. Per questo si chiede un alleggerimento della misura restrittiva in carcere. Entro oggi il Tribunale si esprimerà in proposito.
Er. Amedei