Giorno: 29 settembre 2011

29 settembre 2011 0

Si sfrena la moto betoniera e travolge un operaio, ancora infortuni sul lavoro nel frusinate

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Si sfrena la moto betoniera e travolge un operaio. In provincia di Frosinone si torna a parlare di incidenti sul lavoro e, questa volta, vittima delle circostanze è un operaio dipendente di una ditta di San Vittore del Lazio rimasto gravemente ferito alle gambe. L’uomo stava realizzando un gettato di cemento su una proprietà privata quando nel primo pomeriggio di oggi, al piccolo, ma comunque pesante mezzo, sono venuti meno gli ancoraggi e nel movimento che ne è derivato, ha travolto gli arti inferiori dell’operaio. Immediatamente è stato lanciato l’allarme e il mezzo, subito spostato dai colleghi del ferito, ha permesso di liberarlo e affidarlo agli operatori del 118 giunti sul posto anche con una eliambulanza con cui l’hanno trasportato in ospedale dove i medici gli hanno riscontrato ferite giudicate guaribili in 30 giorni. Er. Amedei [nggallery id=347]

29 settembre 2011 0

Il fotografo Colacioppo espone i suoi “scatti” africani per ampliare una scuola in Etiopia

Di redazione

Sono “scatti” d’autore quelli esposti in questi giorni nella galleria Colacioppo in piazza Plebiscito a Lanciano; vere e proprie finestre su una realtà, quella africana, completamente diversa dalla nostra per valori, abitudini, natura e, soprattutto, colore. In Etiopia, dove la terra è rossa, Roberto Colacioppo ha realizzato un reportage suggestivo a margine di una iniziativa di solidarietà partita da Lanciano per donare una scuola elementare ai bambini di Arekit, nella regione etiope del Guaranghe. E’ lì che nella primavera del 2011, l’associazione Lanciano Domani, presieduta da Angelo Rosato, ha inaugurato il plesso scolastico e due pozzi. Nella società Etiope, dove l’unica ricchezza è la vita e l’abbondanza di bambini, l’associazione si sta adoperando per il bene di questi ultimi a partire dalla loro istruzione. Ecco perché la scuola recentemente inaugurata deve essere ampliata e per farlo necessitano soldi. Per questo il noto fotografo frentano, apprezzato e conosciuto anche al di fuori dei confini abruzzesi, ha inaugurato una mostra fotografica degli “scatti” africani dove sarà possibile comprarli e il ricavato sarà destinato all’ampliamento del plesso scolastico etiope.

29 settembre 2011 0

Ladro di corrente, manomette un contatore dell’Enel e viene arrestato

Di admin

Nella serata di ieri in Castrocielo, i Carabinieri della Stazione di Aquino, nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio, traevano in arresto in flagranza del reato di “furto aggravato di energia elettrica” D.A.F., 62enne nato in provincia di Caserta ma da anni residente a Castrocielo. I militari operanti, coadiuvati da personale tecnico della Società “Enel S.p.A.”, accertavano la manomissione (era stato applicato un dispositivo elettromagnetico) del contatore dell’energia elettrica di un noto locale commerciale del luogo di proprietà dell’uomo. L’arrestato, espletato le formalità di rito, veniva sottoposto al regime degli egli arresti domiciliari.

29 settembre 2011 0

Operazione Anxanum, 21 anni di carcere per quattro condanne a Lanciano

Di redazione

Condanne per 21 anni di carcere e multe per 116 mila euro sono il complessivo delle sentenze emesse ieri dal tribunale di Lanciano a carico degli imputati nel processo Anxanum che vedeva alla sbarra sette persone accusate a vario titolo di traffico internazionale di droga. L’operazione Anxanum ebbe inizio nel gennaio del 2005 quando portò all’arresto di ben 31 persone, tra Italia e Spagna, paesi attraverso i quali transitavano grossi quantitativi di cocaina. La droga, attraverso rotte ben collaudate che solcavano anche l’Africa, arrivava nella penisola Iberica da dove, poi, ripartiva per l’Italia da Alicante, sulla costa mediterranea e grazie “contenitori” umani arrivava alle destinazioni previste; tra queste anche Lanciano. I corrieri, infatti, ingerivano ovuli di cocaina e viaggiavano indisturbati fino a quando le forze dell’ordine non fecero luce sul quel traffico che toccava, oltre la città frentana, anche Roma, Milano, Varese, Torino, Piacenza, Napoli e Foggia. In questa maniera si muovevano grosse quantità di cocaina, pare addirittura un chilo a viaggio. Dei 31 arresti cautelari, sette erano di competenza del tribunale di Lanciano che, al termine dell’indagine, divennero imputati nel processo che ieri ha condannato quattro di loro. Sette anni e sei mesi di carcere oltre al pagamento di una multa da 60 mila euro è stata la condanna per Antonio Cardillo; sei anni di reclusione e multa da 30 mila euro per Antonello Crognale mentre Matteo Di Carlo è stato condannato dal tribunale collegiale a 5 anni di carcere e 20 mila euro di multa. L’ultimo dei condannati è Tommaso Cardillo che ha “rimediato” una condanna a 2,4 anni di carcere e una ammenda di 6 mila euro. Assolti Giuseppe Pancella e gli spagnoli Daniel Josè Indriago e William Garcia.

29 settembre 2011 0

“La Mozzarella della legalità”, a Castel Volturno sul bene confiscato alla camorra

Di admin

L’evento di chiusura del progetto “La Mozzarella della Legalità” finanziato dalla Fondazione con il Sud con il Bando storico-artistico e culturale 2008 e realizzato da Libera in collaborazione con il Comitato don Peppe Diana, Legacoop Campania, Erfes Campania, l’agenzia Cooperare con Libera Terra, Legambiente, la Confederazione italiana agricoltori e i due comuni di Castelvolturno e Cancello ed Arnone si svolgerà il 1 ottobre presso il bene confiscato al boss Michele Zaza a Castelvolturno alla presenza di Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, Carlo Borgomeo, presidente di Fondazione con il Sud e rappresentanti delle Istituzioni, delle scuole, delle associazioni di categorie, di volontariato, sindacati. Un percorso durato due anni e che vede la sua conclusione con il completamento dei lavori del caseificio sui beni confiscati alla camorra dove si produrra’, a partire da novembre, la Mozzarella della Legalità da parte della Cooperativa “Le Terre di Don Peppe Diana – Libera terra. E’ la prima cooperativa Libera Terra nata in Campania nel nome del parroco di Casal di Principe uc­ciso dalla camorra il 19 marzo 1994. Dopo la firma dell’atto, il  “nucleo costituente la cooperativa” ha incontrato i genitori di Don Peppe Diana e consegnato loro simbolicamente la copia dell’atto costitutivo della cooperativa. La cooperati­va Libera Terra “Le terre di don Peppe Diana-Libera Terra”, che opera sui  terreni confiscati alla camorra, circa 90 ettari, nei co­muni di Castel Volturno, Carinola, Cancello e Arnone, Pignataro e Tea­no, si è costituita ufficialmente, il 20 settembre ’10, con la firma davanti al  notai. I membri della cooperativa sono stati selezionati attraverso bando pubblico e da un apposita Commissione, costituita da un componente designato dalla Prefettura di Caserta, dalla Provincia di Caserta, dall’Agenzia Cooperare con Libera Terra, dall’Associazione Libera e Obiettivo Lavoro. La formazione sul campo si è svolta presso Azienda agricola regionale sperimentale Improsta, sita in Eboli (Sa). Per la produzione della mozzarella, nel caseificio di Castel Volturno, saranno utilizzate tecnologie produttive innovative e fonti di energia rinnovabili, con la collaborazione dell’Assessorato all’agricoltura della regione Campania, della Provincia di Caserta, della Camera di Commercio di Caserta e delle organizzazioni agricole, partendo dai comuni di Castel Volturno, Cancello ed Arnone, Carinola, Teano e Pignataro maggiore.

Il progetto ha promosso tante iniziative di animazione sociale, tra cui il Festival dell’impegno civile e i campi di volontariato Estate Liberi , pacchetti di turismo responsabile ed eventi didattici mirati, tra cui una mostra sui mestieri legati alla produzione della mozzarella di bufala. Trasformare le terre di camorra, confiscate a spietati criminali, nelle Terre di don Peppe Diana, per continuare, nel suo segno, a costruire comunità alternative alle mafie,questo l’obiettivo che si sta portando avanti anche grazie al sostegno di Fondazione Vodafone Italia, Gruppo Unipol e Fondazione BNL e che il 1 ottobre vedrà il raggiungimento di un primo traguardo concreto. La conclusione dei lavori del caseificio e la successiva apertura al pubblico prevista per novembre è quel sogno che diventa concretezza per tutti coloro che in questi anni, hanno tenuto accesa la fiaccola della memoria di don Diana ucciso dalla camorra nella sua chiesa.

29 settembre 2011 0

Scompare da sabato, soccorsi sulle tracce di un 80enne

Di redazione

Da sabato non si hanno notizie di un 80enne di Gissi e per questo, squadre di ricerche dei vigili del fuoco e della protezione civile sono al lavoro e oggi sono intervenute anche unità cinofile. A rendere difficile le operazioni sono le asperità della zona che si sta battendo palmo a palmo. Al momento, però, dell’anziano non si hanno notizie e con il passare del tempo si affievoliscono le speranze.

29 settembre 2011 0

Sanità, Cuozzo (Ugl): “Gruppo Idi convochi tavolo urgente”

Di admin

Dall’Ugl Sanità Roma e Lazio riceviamo e pubblichiamo:

“Appoggiamo la decisione dei lavoratori del Gruppo IDI Sanità di proseguire l’attività di presidio davanti alle strutture fino a quando l’Amministrazione si mostrerà disponibile al confronto convocando le organizzazioni sindacali”.

Lo rende noto il segretario regionale dell’Ugl Sanità Roma e Lazio, Antonio Cuozzo, aggiungendo che “dalle assemblee che il personale ha tenuto davanti all’Ospedale Classificato IDI, al San Carlo IDI di Roma e dell’IDI Villa Paola di Viterbo, per protestare contro il mancato pagamento dello stipendio, è emersa la volontà comune di mettere in atto iniziative di protesta finché non sarà convocato un tavolo per discutere della intollerabilità della situazione che si è venuta a determinare con l’ennesimo mancato pagamento dello stipendio ai lavoratori”.

“Pur consapevoli delle difficoltà in cui versa la Sanità per la mancata destinazione di fondi a favore degli Enti, riteniamo inaccettabile – conclude il sindacalista – che siano i lavoratori e le loro famiglie a pagarne le conseguenze”.

29 settembre 2011 0

Rifiuti, Bonelli (Verdi): “Ue certifica fallimento del governo”

Di admin

Dall’Ufficio stampa federazione nazionale Verdi riceviamo e pubblichiamo:

“La bocciatura dell’Unione europea sulla questione dei rifiuti in Campania certifica il fallimento del governo Berlusconi che ha sostituito alle azioni concrete annunci ad uso e consumo dei media. Adesso oltre al danno che i cittadini hanno vissuto sulla propria pelle si profila la beffa di una multa di cui dovranno farsi carico i contribuenti italiani”. Lo dichiara il presidente nazionale dei Veri Angelo Bonelli che aggiunge: “La drammatica emergenza in Campania è solo la punta dell’Iceberg di una situazione che rischia di estendersi presto al Lazio e alla Capitale, se non si attueranno immediate politiche di riduzione dei rifiuti e di raccolta differenziata spinta”.

“La discarica di Malagrotta è ormai una bomba ambientale dove non si può nemmeno pensare di conferire rifiuti ma che va immediatamente bonificata – prosegue il leader ecologista -. I dati che noi Verdi abbiamo portato alla luce con rendendo pubblico un dossier dell’Ispra sono drammatici ed impongono scelte radicali ed innovativi per evitare una nuova emergenza”.

“Bisogna spingere molto di più sulla differenziata con il ‘porta a porta’. Per fare questo lanciamo una proposta alle istituzioni e alle amministrazioni dei comuni delle città in emergenze – conclude Bonelli -. Si liberalizzi la raccolta differenziata agevolando la nascita di cooperative di giovani a cui verrebbero pagate le quantità di materia differenziata raccolta, così come si fa in molte città della Germania. In questo modo potremmo trovare una risposta a due diverse emergenze: quella dei rifiuti e quella dell’occupazione”.

29 settembre 2011 1

Settembre, tornano ad aumentare le segnalazioni di cani vaganti su strade e autostrade

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Sono aumentate del 35% le segnalazioni di cani vaganti su strade ed autostrade italiane arrivate nel mese di settembre rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel periodo compreso tra il 28 agosto ed il 28 settembre sono state 840 rispetto alle 560 dello stesso periodo dello scorso anno. Anche in questo mese la maggior parte delle segnalazioni arrivano dal centro-sud Italia e ed in particolare dalla Puglia, dalla Sicilia, dalla Sardegna e dalla Calabria. Sono arrivate inoltre 54 segnalazioni su cani uccisi in incidenti stradali.

29 settembre 2011 0

Olio, la Cooperativa Palianense punta all’imbottigliamento

Di admin

Approvazione del bilancio per la Cooperativa Palianense, associata Unci Coldiretti, che gestisce l’imponente frantoio e che ha attuato nei mesi scorsi una serie di interventi tesi a migliorare la struttura rendendola ancor più al passo con i tempi ed accogliente. Dopo i lavori del consiglio, che ha esaminato il programma delle attività svolte e quelle da realizzare, domenica scorsa, alla presenza di più di 300 degli oltre 1500 soci, è stata approvato il bilancio. Particolarmente soddisfatto il presidente della cooperativa Pietro Celletti che, dopo aver ringraziato tutti i soci, ha voluto sottolineare l’impegno, la passione e l’abnegazione dei consiglieri: il vice presidente, Adriano Fantauzzi, Americo e Franca Cicerchia, Luigi Neccia, Luigino Loffredi, Luciano Graziani, Antonio Durante e Roberto Vrasi. Il socio Ettore Moroni ha compiuto 101 anni e non è voluto mancare all’assemblea ricevendo applausi ed attestati di stima da tutti i presenti. “Oggi il frantoio si presenta come un vero e proprio fiore all’occhiello della produzione ciociara – ha commentato il direttore della Coldiretti di Frosinone Paolo De Cesare intervenuto ai lavori del consiglio per illustrare l’attività dell’organizzazione. Un’attività volta alla qualità e alla rintracciabilità, tema ancor più sentito, quando si tratta di olio di oliva. Nel frantoio durante la scorsa campagna sono state molite oltre 15.000 quintali di olive. “Siamo proiettati verso una maggiore è più concreta azione tesa a valorizzare il prodotto – ha detto Pietro Celletti – che è, e resta, originale per le particolarità del tipo di coltivazione, la “rosciola”, unica nel suo genere per proprietà e qualità. Dobbiamo puntare alla vendita del nostro prodotto che è di qualità e per tale deve essere considerato. Tra le novità del frantoio, dopo l’istallazione  di un impianto per la lavorazione dell’olio a freddo, anche la macchina che permette di dividere rami, olive e foglie. Prossimo obiettivo dichiarato l’imbottigliamento e la creazione di un proprio marchio commerciale.