Un convegno su Umberto Mastroianni nel centenario della nascita

19 settembre 2011 0 Di redazionecassino1

Cento e uno anni fa, in una piccola abitazione di Fontana Liri, uno dei centri più fertili per l’arte e la cultura del nostro territorio, nasceva Umberto Mastroianni, lo scultore per eccellenza della provincia di Frosinone, l’artista che ha saputo eternare nelle sue opere la capacità dell’uomo di battersi per un principio assoluto: quello della libertà e della pace. Proprio per ricordare questa importante ricorrenza e nel contempo accendere i riflettori su uno dei vanti dell’arte e della cultura locale, la Provincia di Frosinone, attraverso l’assessore Antonio Abbate, ha deciso di organizzare un convegno-evento nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Iacobucci.  Un convegno affidato alla sapiente e precisa relazione di uno dei maggiori studiosi dell’artista di Fontana Liri, il professor Floriano De Santi, che mercoledì prossimo, 21 settembre, a partire dalle ore 16, terrà una interessantissima lezione dal titolo accattivante:  “Umberto Mastroianni o la materia incandescente come lava di un vulcano”.

Il convegno di mercoledì prossimo ha il patrocinio anche della città natale dell’artista, Fontana Liri, così come del Centro Studi Marcello Mastroianni. Ma soprattutto, l’evento rientra in quella strategia portata avanti dalla Provincia di Frosinone, in particolare dall’Assessorato alla Cultura e da Antonio Abbate, tutta tesa ad investire nella promozione e valorizzazione delle cultura e dei talenti di un territorio come il nostro che può vantare, in ogni settore delle arti umane, esponenti di altissimo livello.

Tra le eccellenze, naturalmente spicca Umberto Mastroianni. Proprio pochi giorni fa, a testimonianza dell’attenzione della Provincia nei confronti dello scultore, l’assessore Abbate ha partecipato alla mostra internazionale ospitata nei padiglioni del Centro Ceramiche Pagliero di Castellamonte in provincia di Torino proprio dedicata all’artista di Fontana Liri. Una partecipazione che ha significato l’avvio di un percorso tutto incentrato sulla valorizzazione della figura di Umberto Mastroianni da parte dell’amministrazione provinciale, le cui opere, tra l’altro, abbelliscono gli spazi interni di palazzo Iacobucci. Il convegno di mercoledì dà l’avvio ufficiale, infatti, ad un progetto che nei prossimi mesi vedrà la Provincia di Frosinone indirizzare le sue migliori energie alla promozione della figura di Umberto Mastroianni, anche e soprattutto attraverso una rinnovata azione di intervento da parte della Fondazione Mastroianni ospitata nella città di Arpino e nata appunto per valorizzare l’opera dello scultore di Fontana Liri. 

Iannarilli: “Tributo ad un figlio illustre della Ciociaria”. “Un tributo e un omaggio doveroso ad uno dei figli più illustri della Ciociaria. Uno scultore conosciuto e apprezzato a livello internazionale. Umberto Mastroianni ha rappresentato un genio della scultura contemporanea. Le sue opere, ospitate nel palazzo della Provincia, quotidianamente ci ricordano la grandezza della sua arte. Per cui era doveroso rendere omaggio, a cento e uno anni dalla nascita, alla nostra gloria con un convegno dedicato. La Provincia di Frosinone, quale ente di coordinamento del territorio, ha sempre considerato di primaria importanza investire in Cultura, promuovere le nostre migliori espressioni. Mastroianni è un mostro sacro di questa tradizione che noi vogliamo utilizzare come leva di progresso per un intero territorio”.

Abbate: “Valorizzare Mastroianni e la Fondazione a lui dedicata”. “Celebrare la figura e l’arte di Umberto Mastroianni è un dovere e un compito per un’istituzione come la Provincia di Frosinone. Infatti, Mastroianni è un figlio di questa terra, della città di Fontana Liri, ma è patrimonio e vanto dell’intero territorio provinciale, a cui ha saputo dare lustro con la sua arte e le sue opere.

Il convegno che ne celebra l’anniversario della nascita è il punto di partenza di un progetto di valorizzazione della figura dello scultore che la Provincia di Frosinone ha in animo di realizzare. Fulcro di questa azione sarà la rinnovata attività della Fondazione Mastroianni di Arpino che può diventare il centro per antonomasia  per veicolare e realizzare tutta una serie di attività: partiremo proprio  da Umberto Mastroianni, onde intercettare tutte le eccellenze culturali che questa nostra fertile provincia può vantare. Cultura che veramente può fare da traino positivo per la crescita sociale, morale ed economica del nostro territorio”