Giorno: 4 ottobre 2011

4 ottobre 2011 0

La transumanza moderna con camion e computer portatili

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Fino al 1950 i greggi di pecore che dall’Abruzzo si spostavano a fine settembre in Puglia, alla ricerca di erba fresca, lo facevano a piedi percorrendo quasi 250 chilometri. E’ la transumanza, una vera e propria migrazione degli ovini che, attraverso 5 tratturi che solcavano Abruzzo e Molise, arrivavano in terra foggiana. Oggi il fenomeno ancora esiste ma in larga parte avviene a bordo di camion con pastori muniti di computer portatili e palmari. A dire il vero, le pecore in viaggio sono molto meno: un tempo anche tre milioni, oggi appena 250 mila tutte iscritte all’anagrafe.

Le tradizioni, però, in particolare quelle più radicate vanno conservate o, almeno in parte, salvaguardate. Ecco perché, un gruppo di amici che rispondono al nome di Tratturo3000 guidati da Pierluigi Imperiali, tra l’altro direttore dei servizi Veterinari Asl de L’Aquila, sta ripercorrendo, fin quanto possibile, il percorso del Tracturo Magno, quello più battuto che parte da L’Aquila e arriva fino a foggia passando per Castelnuovo, Forca di Penne, tutti i comuni dei colli pescaresi fino a Chieti Scalo, Giuliano Teatino, Arielli, Poggio Fiorito, per arrivare ieri a Lanciano pernottando con circa 320 pecore, nei pressi della chiesa di Santa Liberata. E’ lì che questa mattina li abbiamo incontrati. Il gruppo è composto da bolognesi, padovani, milanesi, torinesi, pisani, romani e Baresi per un’età compresa tra i 22 e i 75 anni. Tra loro, anche pastori veri che chattano su internet e una punk. Poi, alle nove circa, il gruppo, al seguito del gregge, ha raggiunto il centro di Lanciano per incontrare un gruppo di alunni di una scuola elementare. Alcuni di loro, probabilmente, non hanno mai visto una pecora dal vivo quando, appena 50 anni fa, scene come quelle di stamattina, si ripetevano abitualmente ogni anno. Poi, sono stati caricati su un camion per trasportarle in un altro luogo in cui il traffico automobilistico permette di riprendere il viaggio verso il foggiano.

Foto e servizio Ermanno Amedei

4 ottobre 2011 0

Caldo, precipitazioni dimezzate. Coldiretti lancia l’allarme

Di redazione

Dopo il caldo ora arriva l’allarme siccità con il livello idrometrico dei fiumi che preoccupa. La Coldiretti segnala che, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sono piu’ che dimezzate le precipitazioni rispetto al periodo di riferimento, sulla base di elaborazioni su dati Ucea relativi alle prime due decadi di settembre, mese che si classifica al nord come il piu’ caldo degli ultimi 150 anni. La situazione di sofferenza interessa anche le campagne pontine. Per salvare le piante da frutta dallo stress provocato dal caldo torrido e dall’assenza di pioggia, ed anche per garantire la fioritura nel prossimo anno, è stato necessario ricorrere straordinariamente all’irrigazione di soccorso per kiwi, mele e pere in un periodo in cui normalmente l’acqua è garantita dal cielo. In molte aree – precisa il direttore della Coldiretti di Latina Saverio Viola – è stato necessario allungare il periodo di irrigazione per non perdere le colture in un autunno del tutto anomalo dal punto di vista meteorologico che sta mettendo a rischio le produzioni abituali di stagione. Per lo squilibrio idrico i finocchi vanno a fiore fuori stagione e non possono essere piu’ commercializzati mentre il raccolto di tradizionali verdure autunnali come radicchio, verze e cavoli sarà anticipato e gli agricoltori stanno pensando ad una nuova semina per garantire le forniture invernali. Gli effetti cominciano a farsi sentire anche sugli olivi che – spiega Viola – senz`acqua, sopravvivono sfruttando i loro stessi frutti, ma se la siccità permane cadranno molte olive: si farà meno olio, comunque ottimo. La vendemmia – continua il presidente della Coldiretti Carlo Crocetti – è partita con grande anticipo per le uve bianche e la produzione complessiva di vino si prevede al minimo storico pure se di qualità molto buona per la presenza di uve sane anche se con resa contenuta. Complessivamente l’effetto combinato di caldo e assenza di pioggia sta determinando un drastico taglio dei raccolti che varia dal calo del 20 per cento del pomodoro destinato a polpe e passate al 15 per cento del riso che sta raggiungendo la maturazione anzitempo con una riduzione di resa anche se l’Italia manterrà la leadership produttiva a livello europeo. Effetti si hanno a macchia di leopardo sul territorio pontino con produzione in calo di alcuni ortaggi pari al 15 per cento, ma non mancano riscontri positivi. La produzione di nocciole, ad esempio, è ottima e in aumento del 10 per cento e positivo è stato anche il raccolto di mais.

4 ottobre 2011 0

A Rocchetta al Volturno il secondo Workshop sulle risorse ambientali, culturali e storiche della Valle del Volturno e del PNALM Molisano

Di redazione

L’incontro si svolgerà giovedì 6 ottobre prossimo, dalle ore 15.00 a Rocchetta al Volturno (IS), nella sede del CEA Bactaria. Lo scopo è di stimolare un confronto con i portatori di interesse sulle attività svolte e in corso di avvio nel progetto finanziato dal Cipe. Il responsabile scientifico, Tommaso Pagliani, capo del Centro di scienze ambientali del Consorzio Mario Negri Sud, illustrerà le finalità, i risultati attesi e lo stato di avanzamento del progetto, presenterà alcune proposte di sviluppo futuro e modererà il tavolo di discussione con i portatori di interesse. Prenderanno parte all’iniziativa i Comuni coinvolti nel progetto, Amministrazioni provinciale e regionale, ARPA Molise, Ente Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, Università degli Studi del Molise, Sopraintendenza, Ente Provinciale al Turismo, ENEL, Corpo Forestale dello Stato, Polizia Provinciale, Osservatorio ambientale permanente della biodiversità di Colli A Volturno e Associazioni ambientaliste e culturali locali. In concomitanza con il workshop sarà possibile visitare presso il CEA Bactaria anche una mostra itinerante di educazione-formazione ambientale: la risorsa acqua e gli ecosistemi acquatici interni; la vegetazione ripariale; i licheni, la flora e la fauna locale, realizzata anch’essa nell’ambito del progetto CIPE. Obiettivo generale dell’iniziativa è la valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale locale, consolidando e qualificando i servizi territoriali, in una logica di riequilibrio e di crescita delle opportunità di fruizione da parte dei cittadini e dei turisti, che conservi ampie caratteristiche di sostenibilità. Tra le finalità principali del progetto vi è lo studio, la catalogazione, l’archiviazione e la restituzione di dati sul patrimonio storico-culturale e naturalistico locale.

4 ottobre 2011 0

Spacciava droga in sella al suo motorino, giovane di Cassino in manette

Di redazione

Un mirato servizio antidroga predisposto sul territorio cassinate ieri sera ha dato i suoi frutti. Gli agenti del Commissariato di polizia di Cassino hanno colto sul fatto un ventiduenne residente nella città martire. Ai poliziotti non è sfuggito l’arrivo del ragazzo che, in sella al suo motorino, si è avvicinato ad un gruppo di giovani in quel momento riuniti sul marciapiede di una via centrale della città. Ad insospettirli la consegna di denaro in cambio di un involucro avvenuta tra il centauro ed un ragazzo del gruppo. L’immediato intervento dei poliziotti ha consentito di accertare che il contenuto dell’involucro fosse sostanza stupefacente, risultata poi essere hashish. Nell’abitazione dello spacciatore gli agenti hanno trovato, ben nascosto, tutto il materiale occorrente per il taglio ed il confezionamento della droga, dal bilancino di precisione, alla carta di alluminio, a due taglieri e tre coltelli nonché altra sostanza stupefacente. Complessivamente sono stati sequestrati 50 grammi di droga consistente in hashish e canapa indiana. Per il ventiduenne sono scattate le manette ai polsi mentre per l’acquirente è stata attivata la procedura amministrativa prevista per gli assuntori di sostanza stupefacente.

4 ottobre 2011 0

Regione, Tedeschi (IdV): “Approvato provvedimento solo grazie a senso responsabilità opposizione”

Di admin

“Nella seduta odierna della IX Commissione è stato approvato grazie al mio voto di astensione il Programma Triennale dell’Area delle Politiche Giovanili. Il fatto che come Italia dei Valori faccia parte dell’opposizione di questa Amministrazione Regionale non mi ha impedito di consentire l’approvazione di un provvedimento grazie al quale potranno arrivare alla Regione Lazio ingenti finanziamenti governativi necessari per offrire opportunità di lavoro ai nostri giovani. E’ invece politicamente inaccettabile l’assenza di numerosi membri della maggioranza della IX Commissione: è evidente ormai che solo grazie all’alto senso di responsabilità dell’opposizione si riesce a far funzionare le Commissioni del Consiglio Regionale del Lazio.” Lo dichiara in una nota il consigliere regional dell’italia dei valori, Anna Maria Tedeschi.

4 ottobre 2011 0

Campobasso, il neo questore Pozzo visita il Comando Provinciale dei Carabinieri

Di admin

Si è svolta questa mattina presso la caserma “Testa”, sede del Comando Provinciale dei Carabinieri di Campobasso, la visita che il neo insediato Questore della Provincia, dott. Gian Carlo POZZO, ha voluto effettuare nell’ambito del giro di incontri istituzionali con le autorità provinciali. Il Questore, accompagnato dal capo di gabinetto dott. TEOLIS, è stato accolto al suo arrivo dal comandante provinciale Colonnello Ferdinando LOMBARDI il quale, dopo un breve saluto durante il quale ha presentato i suoi più stretti collaboratori, il Tenente Colonnello GIAMPAOLO ed il Tenente Colonnello TAMBORRINO, ha poi tenuto un briefing sulla struttura ordinativa del Comando Provinciale al quale hanno presenziato tutti gli Ufficiali effettivi ai reparti dell’Arma territoriale. Durante la visita il Questore POZZO ha rinnovato i sensi della sua vicinanza all’Arma, nell’ottica di un rapporto improntato alla massima collaborazione e reciproco rispetto, sicuro che le relazioni istituzionali si manterranno sugli ottimi livelli consolidatisi in questi anni.

4 ottobre 2011 1

Federcontribuenti: Equitalia trasformerà i forconi virtuali in forconi reali. Attento governo

Di admin

Dall’Ufficio Stampa Federcontribuenti riceviamo e pubblichiamo: Ci domandiamo di chi sarà la responsabilità politica dello scoppio della sommossa civile. Chi incolperemo quando i forconi da virtuali diventeranno reali, quale sorridente politico potrà dirsi innocente e non complice? Non abbiamo più tempo e spazio per le polemiche, per le discussioni, per gli slittamenti sempre all’ordine del giorno: il governo e ancor prima il Parlamento hanno il dovere e la responsabilità di intervenire tempestivamente a bloccare l’inizio di quello che si preannuncia come un – Apocalyipse Equitalia -. Non è un falso allarmismo, non è una minaccia, è una situazione che rischia di precipitare quando si gioca con il fuoco del disagio e delle difficoltà economiche degli italiani. Se la politica continuerà ad essere sorda su questa questione il conflitto sociale scoppiera’ e la rabbia crescente sfuggirà al controllo di quanti ne saranno diretti responsabili. Una catastrofe civile, un mattatoio a cui non è più possibile non dare voce, ascolto, considerazione. Non più evasori beccati dallo Stato ma, contribuenti in grave difficoltà che invece di ricevere un aiuto subiscono atti ripugnati, anticostituzionali e disumani. Sono milioni gli italiani che non riescono a pagare piu’ le imposte scritte a ruolo con questo metodo di calcolo che gonfiato da tassi usurai triplica il debito dei cittadini. Milioni di ipoteche, fermi amministrativi, pignoramenti di stipendio e di crediti verso terzi e la nuova normativa che concede ulteriore mano libera agli esattori di Equitalia farà il detonatore. Allora il tempo e’ davvero breve, bisogna immediatamente varare una legge in cui il piano di rientro sia sostenibile dai contribuenti onesti e abbattere quel sistema sanzionatorio verso coloro che possono dimostrare di non aver potuto pagare le tasse alle scadenze dovute per – Giusta Causa -. Abbattere i tassi applicati da Equitalia sulle cartelle e facilitare, in questo modo, il recupero dei contribuenti in difficoltà e permettere un rientro di miliardi di arretrati nelle casse dello Stato e mettere fine ad un sistema di deportazione di massa e di controllo patrimoniale dell’intero paese. Questa è la risposta verso coloro che chiedono un condono tombale che serve agli evasori e che la maggioranza dei contribuenti onesti non vuole. Ai Parlamentari diciamo di ascoltare il Paese Civile, non solo gli interessi dei grandi gruppi di potere economico, e di salvarlo perchè soltanto salvando famiglie e piccole imprese dal tracollo finanziario si salverà lo Stato da un temibile default, o è a questo che puntate? Abbiate il coraggio di mandare in galera gli evasori veri, fate un – mea culpa – e ripristinate una giustizia civile che avete manomesso e annichilito! Il 29 ottobre prossimo a Roma, noi di Federcontribuenti, accoglieremo in una assemblea pubblica i tantissimi cittadini che ci stanno contattando per una richiesta di aiuto. Da questa assemblea a cui parteciperanno anche tante altre associazioni di categoria, nascerà un Comitato Nazionale contro Equitalia. Al parlamento, in mano a tanti deputati, la nostra risoluzione, la nostra Legge salva Stato, piccole e medie imprese, famiglie, i nostri dati, le nostre sentenze: per cosa li usate, per fare propaganda pre elettorale? Il Presidente Federcontribuenti Carmelo Finocchiaro

4 ottobre 2011 0

Investito dallo scuolabus mentre aspettava la sorellina, grave un bimbo di tre anni di Roccasecca

Di redazione

Sono gravi le ondizioni di un bambino di tre anni investito nella tarda mattinata di oggi da uno scuolabus a Roccasecca. L’incidente è avvenuto poco prima delle 14 quando lui e la madre stavano aspettando lo scuolabus che riportava a casa la sorellina dalla scuola elementare. L’incidente è avvenuto quando il mezzo stava ripartendo. Il bambino, per cause ancora al vaglio dei vigili urbani di Roccasecca, è rimasto ferito al torace e trasportato d’urgenza al Bambino Gesù di Roma. Le sue condizioni sono gravi.

4 ottobre 2011 0

Riprende il torneo, nella 1a giornata molte le sorprese nei gironi, tra conferme e… ‘new entry’

Di redazionecassino1

Partito il campionato CSI edizione 2011-2012, le prime gare si sono disputate sabato 1° ottobre e già si annuncia un torneo ricco di emozioni e di forte agonismo. In ‘Eccellenza’ troviamo cinque squadre a punteggio pieno. Conquistano, infatti, i tre punti:  Polisportiva Galluccio,  Soccer School Longobarda Pontecorvo, Pol. Insieme Ausonia e  Amatori Rocca D´Evandro. Fra tutte solo Soccer School vince, 1 a 3, sul terreno di Amatori Colfelice, mentre per  le altre quattro si tratta di vittorie casalinghe. Rocca D’Evandro batte, 2 a 1, TopWay La Ferrara, Longobarda Pontecorvo vince, 2 a 0, contro Amatori Castelnuovo, Polisp. Insieme Ausonia batte, 3 a 2, Atletic Mignano, mentre Galluccio ha la meglio, 3 a 1, su Cenceglie Sora. Non vanno oltre il pareggio, invece, Cerreto e San Giorgio 1996, 1 a 1  e con lo stesso punteggio Acquafondata e Shascia Boys. In ‘Promozione’, girone ‘A’, da segnalare due i risultati con una valanga di marcature. La sonante vittoria, 1 a 7, conquistata da Amatori Lenola sul terreno del Niemoslive e quella casalinga ottenuta da Amatori Aquino, 5 a 2, su  The Food’s Brothers, di Cassino. Sotto un insolito sole cocente di “inizio autunno”, Aquino ha affrontato la squadra cassinese, con determinazione fin dal primo minuto.  Per i locali è stato un autentico trionfo, del resto il punteggio di 5 a 2 non lascia dubbi in proposito! La formazione aquinate scesa in campo con Landi, Ciccone G., Blasi, Cerrone, Gasbarro, Patriarca, Cincirrè, De Santis, Cerchione, Ciccone M., D’Aguanno. Subentrano Ranalli, Di Nardo, Giorgio, Caprio, Turchetta, Capuano. Apre le marcature De Santis poi la doppietta di Cerchione dà subito ad intendere che i ragazzi di Aquino vogliono fare sul serio. Gli ospiti accorciano le distanze con un rigore. Nel secondo tempo Cincirrè porta a quattro le marcature,  mentre gli ospiti vanno nuovamente in rete.  Ci  pensa Caprio con un’azione personale a fissare il risultato sul 5 a 2. I ragazzi di mister Tiziano Rinaldi  messe alle spalle le vicissitudini dello scorso campionato hanno dato prova di un buon collettivo, divertendo i propri sostenitori nonostante la temperatura torrida. “Quella di oggi è stata una bella e importante vittoria – dichiara  mister Rinaldi, ma io e il mio collega Antonio Maiello puntiamo maggiormente a ricostruire un gruppo unito ed affiatato che dagli inizi di agosto sta lavorando per ottenere quanti più risultati favorevoli possibili per disputare un campionato degno di considerazione”. Vedremo durante il torneo, intanto Aquino prepara per il 9 ottobre la sfida casalinga contro Amatori di Castro dei Volsci. Vittoria esterna di misura, 0 a1, per Arce contro Rinascita Monticelli.  Pareggio a reti inviolate fra Colle San Magno e Vallemaio e fra Freedom Coreno e Roccasecca, mentre Real Valle e Amatori Piedimonte non vanno oltre il risultato di 1 a 1. Nel girone ‘B’ sono, invece, tre le squadre a punteggio pieno. Conquistano, infatti, i tre punti S. Andrea che batte 3 a 1 la pro Loco Terelle; Pietramelare vince di misura, 1 a 0, su Beghelli Point, ma il colpaccio è messo a segno da Cassino Doc vittorioso, 0 a 3, sul terreno, del Football Bellaria Int.mna. pareggi con identico risultato, 2 a 2, fra  La Leggenda di Nai e Real Sordella; Villa Latina e Amatori Pignataro e Rist. BiancoNoir e Amatori Casale.

F. Pensabene

4 ottobre 2011 0

Ad Assisi le anfore della cooperativa Lai – Lavoro Anch’io

Di admin

Dalla cooperativa Lai – Lavoro Anch’io riceviamo e pubblichiamo: Due giornate memorabili per tutta la regione Molise e per la stessa città di Isernia, protagoniste ad Assisi, con i propri doni, in occasione della Festa di San Francesco. Erano migliaia i molisani giunti nella città umbra per celebrare il 4 ottobre, riconosciuto dalla Camera dei Deputati (legge n 24/05 del 10 febbraio 2005) giorno della pace, della fraternità e del dialogo tra appartenenti a culture e religioni diverse.  Quest’anno, a distanza di vent’anni, il Molise è tornato ad offrire alle locali autorità religiose l’olio che alimenta la lampada, posta nella cripta dove riposano le spoglie mortali di San Francesco. È stato il sindaco di Campobasso, Luigi Di Bartolomeo, ad accendere la “lampada votiva” del Santo. Gremita la Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli dove oggi sono stati consegnati i doni giunti dal Molise. L’olio d’oliva, prodotto nella nostra Regione, è stato trasportato nelle quattro anfore in ceramica realizzate a mano dai giovani soci disabili della Cooperativa “Lai – Lavoro Anch’io”, commissionate dalla Curia arcivescovile di Isernia nello scorso mese di giugno. Alte 70 centimetri, 60 centimetri di diametro e 6 litri di capienza le anfore, interamente cristallinate, hanno richiesto ai giovani soci della cooperativa circa due mesi di lavoro. Smaltati, bianchi, decorati con gli stemmi delle 4 diocesi regionali e con quello della Regione Molise, i manufatti della Lai sono stati consegnati ufficialmente ai rappresentanti della delegazione molisana in partenza per l’Umbria, il 17 settembre scorso, durante una solenne cerimonia presso il Santuario di Castelpetroso. “Abbiamo ricevuto attestati di stima e apprezzamento per questo nostro lavoro – ha affermato con soddisfazione il vice presidente della cooperativa Nino Santoro – i nostri ragazzi non chiedono beneficenza, ma solidarietà a fronte di lavoro. Grazie a questa opportunità i nostri soci hanno dimostrato, ancora una volta, di essere in grado di soddisfare le esigenze di qualsiasi evento, non sfigurando neanche davanti ad una cerimonia a livello nazionale. È per questo che invitiamo la cittadinanza a rivolgersi a noi per qualsiasi occasione: matrimoni, battesimi, cerimonie o per un regalo, un pensiero eco-solidale, unico e di alto valore artistico e sociale”.