Giorno: 14 ottobre 2011

14 ottobre 2011 0

Estrae breccia al di fuori del perimetro autorizzato, multa da 70 mila euro per cavatore

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ha estratto il brecciolino dalla montagna fuori dall’area autorizzata dalla Regione Lazio nel comune di Coreno Ausonio. Per questo, ad un imprenditore originario del napoletano oltre alla segnalazione alle autorità competenti è stata elevata una sanzione amministrativa pari a settantamila euro. Anche se non ci sono notizie certe su quale forza di polizia abbia operato, pare però che l’imprenditore sia finito nel mirino del Corpo Forestale e non è ben chiaro se la cava che ha acquistato diversi anni fa sia stata posta sotto sequestro. Quel che è certo è che non si tratta di una cava di marmo ma di una cava di brecciame dato nella parte superiore c’è un grosso frantoio di quelli usati per la frantumazione delle pietre.

14 ottobre 2011 0

Terremoto di magnitudo 3.7 in Calabria tra le province di Catanzaro e Vibo Valentia

Di admin

Un terremoto di magnitudo 3.7 è stato registrato dai sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e vulcanologia questa sera alle 19.30 in Calabria nel distretto sismico Le Serre,tra le province di Catanzaro e Vibo Valentia. I comuni compresi nel raggio di 10 chilometri sono Amaroni (Cz), Cortale (Cz), Curinga (Cz), Girifalco (Cz), Jacurso (Cz), Maida (Cz), San Pietro A Maida (Cz), Filadelfia (Vv), Polia (Vv). I comuni compresi tra i 10 ed i 20 chilometri sono Amato (Cz), Argusto (Cz), Borgia (Cz), Caraffa Di Catanzaro (Cz), Cardinale (Cz), Cenadi (Cz), Centrache (Cz), Chiaravalle Centrale (Cz), Feroleto Antico (Cz), Gagliato (Cz), Gasperina (Cz), Marcellinara (Cz), Miglierina (Cz), Montauro (Cz), Montepaone (Cz), Olivadi (Cz), Palermiti (Cz), Petrizzi (Cz), Pianopoli (Cz), Platania (Cz), San Floro (Cz), San Vito Sullo Ionio (Cz), Satriano (Cz), Serrastretta (Cz), Settingiano (Cz), Squillace (Cz), Staletti’ (Cz), Tiriolo (Cz), Torre Di Ruggiero (Cz), Vallefiorita (Cz), Lamezia Terme (Cz), Capistrano (Vv), Filogaso (Vv), Francavilla Angitola (Vv), Monterosso Calabro (Vv), San Nicola Da Crissa (Vv), Vallelonga (Vv). Non si hanno notizie di danni a cose o persone.

14 ottobre 2011 1

Violentata dal padre, ragazza minorenne trova la forza di denunciare

Di redazione

Narcotizzava e stuprava la figlia minorenne. Questa la brutta storia scoperta dai carabinieri di Alatri al termine di una scrupolosa attività info-investigativa, avviata a seguito di una denuncia per violenza sessuale sporta da una minorenne di origine romena lo scorso martedì. Dopo aver acquisito riscontri e gravissimi indizi di colpevolezza, i militari hanno tratto in arresto il padre della giovane. L’uomo, da oltre un mese e in più occasioni, usando violenza e minacce, costringeva la propria figlia ad avere con lui rapporti sessuali. In alcune occasioni, per raggiungere il suo scopo, la induceva al sonno avvalendosi di sostanze alcoliche o sonniferi. La giovane, incoraggiata da un’amica, alla quale si era confidata in lacrime, trovava la forza di rivolgersi ai Carabinieri, ai quali ha denunciato quanto stava subendo. L’attività posta in essere, coordinata dal dottor Vittorio Misiti della Procura della Repubblica di Frosinone si concludeva in data odierna con la convalida del fermo di P.G. disposta dal G.I.P. dott. Francesco Mancini con l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

14 ottobre 2011 0

Aeroporto Ferentino-Frosinone: è completo caos

Di admin

Dall’Ufficio stampa Legambiente Lazio riceviamo e pubblichiamo:

Il progetto dell’Aeroporto di Ferentino-Frosinone sembra fortunatamente destinato a non decollare mai: tra dimissioni, società silenti, indagini della Corte dei Conti e criticità di natura ambientale, quello che ne viene fuori è l’immagine di un gigante dai piedi d’argilla, incapace di tenersi in piedi, come da tempo i cittadini affermano.

“Su questo progetto regna una nebbia fitta, il panorama è di caos completo, tra lettere ufficiali che affermano l’irrealizzabilità del progetto, dimissioni di figure di spicco, mancate risposte, accertamenti della Corte dei Conti sui bilanci di esercizio che rivelano la totale inattività delle società incaricate della realizzazione dell’aeroporto, siamo davanti alla prova inconfutabile dell’irrealizzabilità e della follia di questa opera. – ha detto Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio. – Noi di Legambiente ci siamo già pronunciati con decisione contro questo assurdo porgetto, che va ad inserirsi nella già fortemente provata area del fiume Sacco. A questo punto chiediamo che si decida per lo stop immediato: non ha senso mantenere in vita strutture così inutili e costose, in tempi di crisi come quella che stiamo vivendo sarebbe un vero atto di forte responsabilità politica.”

Legambiente Lazio insieme alle associazioni locali da tempo afferma l’inutilità e l’insostenibilità dell’area aeroportuale intermodale di Ferentino-Frosinone. A tal proposito, l’associazione ha inviato al Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Frosinone le proprie osservazioni in merito alla variante urbanistica al Piano Territoriale Regolatore del Consorzio Asi contro l’attuazione dell’area aeroportuale. L’associazione ha inoltre presentato esposto alla Magistratura contabile per presunto danno erariale alle casse del Comune di Ferentino e del Comune e della Provincia di Frosinone, in seguito all’accertamento della stessa Corte dei Conti della totale inattività della società Aeroporto Frosinone S.p.a.

14 ottobre 2011 0

San Donato Val Comino dai Borboni al sindaco Coletti in un libro della prof. Tempesta

Di redazione

Domenica pomeriggio, 16 ottobre, alle ore 16,30, presso il Teatro Comunale di San Donato, verrà presentato il libro della professoressa Rosanna Tempesta dal titolo “San Donato Val di Comino dal Regno borbonico allo Stato unitario e l’ opera del sindaco Carlo Coletti dal 1870 al 1893”. Il volume è il risultato di studi approfonditi, condotti soprattutto sui registri comunali di quegli anni, integrati da ricerche effettuate nei diversi archivi di Stato. Nel volume sono ripercorse le vicende storiche del comune di San Donato Val di Comino, uno dei centri abitati più importanti della Valle, di cui dal 1807 al 1948 fece parte anche Gallinaro, e le complesse dinamiche politiche, economiche e sociali che favorirono anche nella zona i profondi cambiamenti e rivolgimenti politici caratterizzanti l’Ottocento italiano. Una parte di rilievo è stata dedicata al cavalier Carlo Coletti, che nel periodo postunitario svolse il ruolo di sindaco per ben 23 anni (1870-1893), intervenendo con tempestività, lungimiranza e dedizione nei più svariati settori (urbanistica, strade di collegamento con i comuni vicini, costruzione dell’acquedotto, del cimitero e via di seguito), allo scopo di modernizzare il paese e creare le premesse per il suo sviluppo. La manifestazione culturale è patrocinata dal Comune di San Donato Val di Comino, da quello di Gallinaro e dall’Archeoclub Val di Comino. Ai saluti dei rispettivi sindaci, dott. Antonello Antonellis e dott. Piero Volante, farà seguito l’intervento di Mons. Dionigi Antonelli, presidente del Comitato Scientifico dell’Archivio Diocesano di Sora, Aquino e Pontecorvo, valente storico della Val Comino. Il libro sarà presentato dal Prof. Guido Pescosolido, ordinario di Storia Moderna presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. L’introduzione sarà a cura del dott. Vittorio Buongiorno, caposervizio della Redazione di Frosinone del quotidiano “Il Messaggero”. La conclusione sarà curata dall’autrice del libro, prof. Rosanna Tempesta, presidente dell’Archeoclub Val di Comino.

14 ottobre 2011 0

Al via la 22esima “Pescara Sposi”, la kermesse del wedding, al Polo Fieristico il 15 e 16 ottobre

Di redazionecassino1

Il 15 e 16 ottobre porte aperte a “Pescara sposi 2a edizione”, la fiera che avvia il calendario delle manifestazioni settoriale per la stagione 2011/2012. La kermesse promossa dalla CNA, con il management progettuale della Dintorni srl di Silvia Di Silvio e del Girasole di Nora Liberi, intende riconfermare il successo dell’edizione 2010 siglato dalla presenza di 6.000 visitatori in soli due giorni. Lo spazio del polo fieristico della Marina di Pescara, allestito all’insegna della raffinatezza e dell’efficienza pianificata, anche quest’anno è messo a disposizione degli imprenditori abruzzesi del settore wedding in modo innovativo e singolare con nuove proposte dirette a un target mirato.  Il settore wedding nel nostro Paese continua a mantenersi in espansione e si muove in modo sempre diverso e nuovo: il giro d’affari connesso all’organizzazione dell’evento matrimonio è quanto mai florido e costantemente in crescita e, a livello nazionale, supera i 5 miliardi di euro. Chi si sposa è ancora ben disposto a spendere somme consistenti per organizzare una cerimonia purché la somma investita assolva pienamente il suo scopo: rendere memorabile questo giorno non solo agli sposi, ma anche ai loro ospiti. Prioritario dunque per le imprese restare al passo con quella che è la domanda di mercato più attuale per offrire a un target esigente e informato qualità, diversificazione e soprattutto novità, pur nei confini di un cerimoniale che mantiene le sue regole di bon ton nella tradizione. Fiore all’occhiello tra le novità a dimostrazione concreta della nuove tendenze, la presenza in fiera dell’albergo diffuso “Sextantio” di Santo Stefano di Sessanio, un nuovo modello di ospitalità alberghiera che si approccia anche al mondo wedding. “Sono convinto che anche quest’anno verrà riconfermato il successo dell’edizione 2010 di ‘Pescara Sposi’ – ha dichiarato Guerino Testa, presidente della provincia di Pescara – Con questa fiera la città di Pescara ribadirà il suo ruolo centrale nella regione Abruzzo. La scelta dello spazio d’allestimento al polo fieristico del Porto Turistico di Pescara, contribuisce ad aggiungere valore all’area espositiva della Confcommercio attribuendole l’importanza di ruolo che le è dovuta”. Affermazioni di plauso condivise con Barbara Cazzaniga, l’assessore al turismo e grandi eventi del Comune di Pescara: “La fiera sarà un’occasione di apertura della città di Pescara non solo ai propri cittadini ma anche a tutti gli abruzzesi alla ricerca del meglio per l’evento più importante nella loro vita”.

 Il programma della due giorni è ricco di iniziative dedicate al wedding time che intratterranno i visitatori oltre il percorso  espositivo creato per offrire sensazioni e atmosfere luxury oriented. Un momento speciale sarà dedicato alla coppia che prima tra le regioni del centro sud è riuscita attraverso il suo blog a reperire sponsor per sostenere le spese del proprio matrimonio. Media partner dell’evento è il magazine White, che anche per questa edizione propone la sfilata “Modella per un giorno”, la possibilità offerta a tutte le ragazze di poter salire in passerella e saggiare l’emozione del mettersi in mostra in un contesto in cui il glamour è di casa.

Al taglio del nastro, sabato 15 ottobre alle 16, interverranno Alfredo Castiglione, vicepresidente della Regione Abruzzo, Guerino Testa, Presidente della Provincia di Pescara, Barbara Cazzaniga, assessore al turismo del Comune di Pescara, Daniele Becci, presidente della Camera di Commercio di Pescara, Graziano di Costanzo, direttore regionale Cna, e Carmine Salce, direttore Cna Pescara.

14 ottobre 2011 0

Aquino, il sindaco Grincia chiude le polemiche: “Le cose stanno così”

Di redazione

Dal sindaco di Aquino Antonino Grincia riceviamo e pubblichiamo 741.637,61 euro. A tanto ammonta l’avanzo di amministrazione presente nel conto consuntivo 2.010 portato all’approvazione del consiglio comunale di Aquino. Questo è il risultato contabile finale dello scorso anno; quel bilancio che secondo responsabili contabili e controllori finanziari del Comune, era invece un bilancio da dissesto, perché lo stesso bilancio, al 20 di ottobre dell’anno scorso,non assicurava secondo loro, gli equilibri, cioè il pareggio finale, e che per soli 250 mila euro di disavanzo, tra l’altro inesistente alla luce dei fatti di oggi, ha spinto l’amministrazione a dichiarare il dissesto. Oggi le cose stanno così: che lo scorso anno finanziario si chiude, con conti almeno questa volta assolutamente attendibili, con l’avanzo appena citato e che le proiezioni al 31 dicembre prossimo, prevedono anche superiore. Da non credere come per tre anni io e l’Amministrazione siamo stati additati come i distruttori delle finanze del Comune di Aquino, e invece oggiAggiungi un appuntamento per oggi risulta tutto il contrario; che le mie Amministrazioni, questa e le precedenti, sono state più che virtuose alla luce dei dati di oggiAggiungi un appuntamento per oggi, cosa che da tre anni io andavo ripetendo, ma che non potevo dimostrare per i conti inattendibili che ci venivano portati e che hanno fatto sì che l’opposizione si scatenasse nei confronti della maggioranza nella maniera che tutti sappiamo e che forse non ignorava del tutto che sin dall’inizio di quest’ultimo mandato, che le cose stessero così, come si è intuito al che dal ricorso al tar dello scorso anno contro il dissesto. Un giorno faremo la storia di questi ultimi tre anni, come ho rilevato in una breve relazione inviata al prefetto di Frosinone e alla corte dei conti, ma adesso voglio fare solo la cronistoria dell’ultimo anno. Dopo il dissesto del 20 ottobre dell’anno scorso, e dopo il ricorso dell’opposizione, e dopo che la maggioranza ha proceduto all’annullamento di quella delibera, abbiamo proceduto ad una nuova approvazione delle delibere annullate. Dal nuovo consuntivo che ad ottobre dicevano che avesse un disavanzo di 250 mila euro (e causa della delibera di dissesto), risultava invece adesso che il disavanzo era di molto meno, e cioè di 86 mila euro, ma che da ulteriori accertamenti del revisore dei conti che avrebbe dovuto fare già al tempo della prima stesura del consuntivo, risultava che non era nemmeno di 86 mila euro, ma addirittura c’ era un avanzo di circa 50mila euro. Perciò in sei mesi, come ho fatto notare anche a prefetto e corte dei conti, era stato presentato in tre modi diversi lo stesso documento, cioè il conto consuntivo 2.009: prima meno 250 mila euro, poi meno 86, poi più 50 mila! E meno male che li abbiamo votati questi strumenti contabili, perché dopo averceli scritti, nemmeno hanno dato parere favorevole, questo è il bello… e con questo criterio,nemmeno noi avremmo dovuti approvarli, così si sarebbe sciolto il consiglio comunale e saltata l’Amministrazione. E che le cose stessero in forte positivo per il Comune, è venuto clamorosamente alla luce adesso, con il conto consuntivo 2.010, con un avanzo di 741.000 euro come si è detto. Quindi, come ho rimarcato in più sedi, nel giro di sei mesi il consuntivo 2.009, strumento prettamente contabile che non viene redatto di certo dalla parte politica, è stato indicato in tre modi diversi, da un forte negativo, ad un attivo, e in dieci mesi, i conti del Comune sono passati da un disavanzo di 250 mila euro, ad un avanzo di 741 mila euro, al momento, perché a fine anno potrebbe essere anche superiore. Questa è la realtà finanziaria del comune di Aquino, che più di qualcuno ha cercato di nascondere e che per tre anni è stata presa a pretesto peri tanti tentativi di fiaccarci e di far sciogliere il consiglio comunale eletto poco più di tre anni fa. Solo la forza mia e della maggioranza sottoposta a continue docce fredde, e la consapevolezza che quello che stava avvenendo era ingiusto e non corrispondeva assolutamentealla realtà, ci hanno indotto a resistere e a non gettare la spugna, cosa che sarebbe stata solo di danno alla nostra Città. Oggi questo comportamento ci ha dato pienamente ragione, e ciò ci conforta e ci ripaga delle calunnie e delle ingiurie di cui siamo stati fatti oggetto per tre lunghi anni e che ha intralciato, e anche molto, la nostra attività amministrativa, bloccando di fatto, anche tante cose che si sarebbero potute fare in più. Antonino Grincia Sindaco di Aquino

14 ottobre 2011 0

Evade dalla detenzione domiciliare. Al rientro trova le Volanti della Polizia che lo arrestano

Di redazionecassino1

Il forte impulso dato dal Questore Giuseppe De Matteis ai servizi di controllo del territorio per reprimere e prevenire ogni forma di illecito continua a fornire un costante riscontro quotidiano. Particolare attenzione è stata posta nei confronti di coloro che sono oggetto di misure alternative alla detenzione in carcere  e/o a prescrizioni dell’autorità giudiziaria a seguito della commissione di reati. Infatti, nella scorsa serata sono stati eseguiti numerosi controlli nel corso dei quali un trentottenne frusinate, che sta’espiando la pena della detenzione domiciliare per i reati di furto, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, è stato denunciato per evasione.  L’uomo, al rientro a casa,  in sella al suo motorino, ha trovato ad attenderli i poliziotti ai quali non ha saputo fornire motivazioni valide circa il suo allontanamento. Un trentaseienne di Alatri è stato invece denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica poiché trovato alla guida ubriaco nel corso di un posto di controllo.

14 ottobre 2011 0

Droga e soldi in casa, 25enne in manette

Di redazione

Da qualche tempo nei pressi dell’abitazione di HAXHILLARI Ermal, albanese di 25 anni, residente a Roseto degli Abruzzi, già noto per fatti di giustizia, c’erano dei movimenti sospetti. I militari della Stazione di Roseto hanno pertanto deciso di approfondire gli accertamenti effettuando una perquisizione domiciliare d’iniziativa. Nel corso dell’operazione scattata nella serata di ieri 13 ottobre, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto 15 grammi di eroina, 18 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento dello stupefacente e la somma contante di 360 euro verosimile provento dell’attività di spaccio. Nella circostanza i militari hanno trovato anche un pugnale ed un tirapugni, il tutto sottoposto a sequestro. Per l’albanese sono pertanto scattate le manette e dopo le formalità di rito è stato associato alla Casa Circondariale di Teramo in attesa dell’udienza di convalida davanti al Giudice dove si dovrà difendere dall’accusa di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti nonché detenzione illegale di armi atte ad offendere.