Giorno: 20 ottobre 2011

20 ottobre 2011 0

Maltempo, Cassino una città sott’acqua. Danni ingenti e zone isolate

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un nubifragio che ha riversato su Cassino 216 millimetri di acqua ha mandato in tilt l’intera viabilità allagando scantinati, sottopassi e soprattutto strade. Un pomeriggio nero che ha visto decine di automobili finire sotto una muraglia d’acqua, e automobilisti rimanere in balia di strade diventate torrenmti. In difficoltà gli stessi soccorritori che a loro volta hanno dovuto chiedere soccorso. Disagi dovunque e in particolare nella zona di Sant’Angelo in Theodice dove la strada provinciale è rimasta a lungo sommersa da acqua e fango. Un’emergenza che tarda a rientrare perché è la stessa acqua a tradare nel tornare nell’alveo dei fiumi e dei corsi d’acqua minori. Domani, con il tempo che tende al meglio, inizierà la conta dei danni. Ermanno Amedei

20 ottobre 2011 0

Maltempo, Mele (Protezione Civile Lazio): “Fenomeno eccezionale che non si verificava da 60 anni”

Di redazione

MALTEMPO: MELE (PROTEZIONE CIVILE LAZIO), FENOMENO ECCEZIONALE CHE NON SI VERIFICAVA DA 60 ANNI “Oggi abbiamo assistito a un evento di assoluta eccezionalità. L’ultima pioggia di questo ordine di grandezza, di questa intensità su Roma si è verificata nel 1953, quando si è avuta alla stazione pluviometrica del centro della città una cumulata di 127 mm d’acqua in 3 ore. Oggi, nello stesso arco di tempo, ne sono stati registrati 123 mm. Un fenomeno quindi di tale portata non si verificava da circa 60 anni, imprevisto ed imprevedibile. Le previsioni effettuate non potevano definire nella sua straordinarietà l’evento meteorologico così come si è manifestato”. E’ quanto dichiara il responsabile del Centro funzionale regionale della Protezione civile del Lazio, Francesco Mele.

“Il Centro funzionale regionale della Protezione civile del Lazio – prosegue Mele – da subito ha operato attivamente, nell’ambito delle proprie competenze, fornendo tutte le informazioni e indicazioni operative agli enti preposti per poter coordinare, ad esempio, gli interventi dei volontari sul territorio. Nel fare questo il Centro si è avvalso, inoltre, in via sperimentale, di un radar meteorologico per monitorare il fenomeno, che può arrivare a ‘sorvegliare’ un raggio di 72 km dal centro di Roma”.

20 ottobre 2011 0

Allagamenti e disagi in tutto il Lazio forti piogge previste ancora fino a domani

Di redazionecassino1

Auto sommerse, allagamenti e traffico in tilt. Questa la situazione a Roma, ma anche in tutta la regione, dove da questa mattina piove ininterrottamente. Alcune scuole sono state chiuse, mentre le sale operative di polizia, carabinieri e vigili del fuoco sono state tempestate di telefonate. Ritardi nei voli a Fiumicino e trasporti a singhiozzo. Il maltempo tuttavia non sembra dover dar tregua anche nelle prossime ore e per tutta la notte, queste le indicazioni della Protezione Civile. L’ allerta su tutto il Lazio fino a domani è stato dato fino alle primo pomeriggio di domani. Sono, infatti, previste  nuove precipitazioni attese nelle prossime ore su tutta la regione. Nel frusinate molti gli allagamenti, già da questa mattina. Molte le strade allagate, la S.S. 6, la Casilina questa mattina era un fiume d’acqua e il traffico in tilt.  Dopo il nubifragio che si è abbattuto stamattina su Roma, è ancora allerta meteo nella Capitale. Le previsioni della Protezione civile non sono incoraggianti: temporali sono attesi fino a domani in tutta la regione. «Abbiamo emesso un avviso di criticità su tutto il Lazio fino a domani a ora di pranzo», spiega Paola Pagliara, responsabile del Centro funzionale centrale del Dipartimento della Protezione civile. «Così come avevamo previsto già nel bollettino meteo diramato ieri a tutte le autorità, i fenomeni di natura temporalesca dureranno per 36 ore – spiega – Se si considera che sono iniziati questa mattina, possiamo dire che dureranno fino a domani all’ora di pranzo». Pagliara precisa che «le precipitazioni di questa mattina sulla Capitale erano state previste nel nostro avviso meteo di ieri alle 15 ma non è possibile prevedere l’intensità dei temporali – precisa Pagliara – In alcuni casi i temporali si manifestano con precipitazioni minori, in altri casi peggiori». Centinaia le chiamate ai centralini di Protezione Civile e Vigili del Fuoco, molti i disagi e gli scantinati allagati e le situazioni di emergenza.  Gran  parte della giornata è stata condizionata da una forte instabilità, con piogge spesso in forma di rovescio. Nel corso del mattino non mancheranno condizioni di maltempo, col rischio che le piogge assumano carattere di forte temporali. Verso sera si avrà un parziale miglioramento e le precipitazioni si attarderanno principalmente lungo la dorsale appenninica e sul Golfo di Gaeta. Queste le previsioni previste per le prossime ore da parte del servizio meteo dell’Aereonautica.

20 ottobre 2011 0

Il satellite Rosat resisterà all’impatto con l’atmosfera. Il 70% toccherà il suolo

Di redazione

L’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), nell’aggiornamento del 20 ottobre sulle previsioni del rientro in atmosfera del satellite dell’Agenzia Spaziale Tedesca (DLR) Roentgen (X-ray) SATellite (ROSAT), ha comunicato al Dipartimento della Protezione civile che la finestra di incertezza all’interno della quale allo stato attuale si prevede il rientro del satellite in atmosfera si è ridotta rispetto alle indicazioni fornite ieri: si aprirebbe alle ore 15.00 di sabato 22 ottobre e si chiuderebbe alle ore 6.00 di lunedì 24 ottobre. Il satellite ROSAT, lanciato da Cape Canaveral il 1 giugno 1990 su un’orbita circolare a 575 km di altezza, non è più operativo dal 12 febbraio 1999. Ha una massa di 2.426 kg e a causa dei materiali resistenti al calore usati per la sua costruzione non si distruggerà completamente nell’impatto con l’atmosfera: si prevede che circa il 70% (diviso in una trentina di frammenti) raggiungerà il suolo. In base ai dati disponibili, la probabilità di impatto di frammenti del satellite sul territorio italiano è dell’1%. L’Agenzia Spaziale Tedesca informerà costantemente il MIC-Monitoring Information Centre, il Centro del Meccanismo Comunitario di Protezione civile attivo 24 ore su 24 che, a sua volta, fornirà ai Paesi europei comunicazioni e aggiornamenti ufficiali e tempestivi.

20 ottobre 2011 0

Tragica morte del pilota Dan Wheldon sul circuito di Las Vegas, in una gara di formula Indy

Di redazionecassino1

Ancora un incidente mortale sul circuito di Las Vegas, a perdere la vita il pilota Dan Wheldon, durante una gara di Indy Car. Ancor più tragica la storia e la fatalità che hanno fatto da sfondo a questo terribile incidente. Wheldon, che aveva vinto la gara di Indianapolis con una fortuna sfacciata riuscendo a vincere la corsa  all’ultimissima curva dei 200 giri di gara grazie all’errore di Hildebrand che era andato incredibilmente a muro all’ultima curva, si è trovato a partecipare alla gara di Las Vegas per scommessa e non è un modo di dire. Il pilota inglese infatti non doveva esserci al via. Aveva corso ad Indianapolis, poi basta, una stagione da semi disoccupato ed era stato ripescato in quest’ultima gara per una specie di lotteria.  Il suo nome era stato abbinato a quello di uno spettatore estratto a sorte. Wheldon sarebbe partito in ultima fila e se avesse vinto la corsa, si sarebbe aggiudicato un premio di 5 milioni di dollari, metà dei quali sarebbero toccati allo spettatore baciato dalla sorte. Sul casco (quasi da non crederci) era disegnata la ruota di una roulette, simbolo della lotteria che aveva permesso a Wheldon di correre. Un destino crudele e beffardo lo ha strappato alla moglie e ai due figli al giro numero 12 di quella maledetta gara.

20 ottobre 2011 4

L’ultimo atto di Gheddafi ucciso a Sirte, adesso la Libia cosa “sarà”?

Di redazione

Sembrava immortale, introvabile e alcuni temevano, speravano, ipotizzavano che potesse riprendere il controllo del suo Paese. Muammar Gheddafi, però, oggi è morto ucciso nel corso di un attacco a Sirte da parte del Cnt. L’ennesimo attacco di forze Nato e dei ribelli all’ultimo “torrione” della dittatura verde ha permesso di arrivare a lui, catturarlo, ferirlo e, probabilmente, giustiziarlo sconfessando le voci che lo davano fuggito all’estero. Inutili le trattative per la sua resa per evitare un inutile bagno di sangue e permettere alla Libia di riprendere un percorso di democrazia. Il suo cadavere, adesso, è in un luogo segreto. Lui, dipinto come un mostro, anche perché mostro per tanti aspetti lo è stato, adesso non può nuocere più ma i timori restano. Sapranno i libici mantenere arginata l’onda islamista che sicuramente tenterà di trovare spazi nelle larghe maglie del paese? Ermanno Amedei

20 ottobre 2011 0

Sciame sismico a Genova, scosse fino a 4 di magnitudo

Di redazione

Due scosse sismiche sono state avvertite stamane dalla popolazione in provincia di Genova. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Rezzoaglio, Santo Stefano D’Aveto e Fontanigorda. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia gli eventi sismici si sono verificati alle ore 8.09 con magnitudo 3.0 e alle ore 8.10 con magnitudo 4.0. Gli eventi sismici sono stati seguiti da cinque repliche alle ore 8.11 con magnitudo 4.0; alle ore 8.14 con magnitudo 2.6; alle ore 8.16 con magnitudo 3.3; alle ore 8.18 con magnitudo 3.0 e alle ore 8.39 con magnitudo 3.2. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

20 ottobre 2011 0

Spaccio di eroina, coppia di fidanzati in manette ad Atessa

Di redazione

Risale soltanto a martedì la notizia della tragica morte di un giovane di Atessa avvenuta per un’overdose di eroina ed ecco giungere una nuova risposta dei Carabinieri alla richiesta di prevenzione che perviene dall’opinione pubblica. Infatti, i meticolosi accertamenti, ai quali sono seguiti specifici controlli nell’ambiente della tossicodipendenza locale, immediatamente disposti dal Comandante della Compagnia di Atessa Capitano Vincenzo ORLANDO, hanno dati subito buoni frutti. Nelle prime ore della notte infatti, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, notando uno strano movimento nei pressi di un’abitazione alle porte di Montazzoli, facendo ricorso ad opportuni appostamenti, intervenivano sottoponendo a controllo una coppia del luogo. Dopo un primo momento di smarrimento, i fidanzati consegnavano ai Carabinieri alcune dosi di sostanza stupefacente del tipo eroina che i due riconducevano esclusivamente al loro fabbisogno personale. Ma la loro versione , forse troppo spontanea ed accompagnata da eccessivo nervosismo, non convinceva i militari i quali procedevano ad una perquisizione presso il loro domicilio. E difatti, facendo bene a non fidarsi, i Carabinieri rinvenivano ulteriori 20 involucri in cellophan contenenti complessivi 40 grammi di eroina, un bilancino di precisione ed altro materiale utilizzato dai due per il confezionamento delle dosi. Pertanto, per Martina Sisto di 23 anni e Fabio Del Negro di 27 anni, scattavano le manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, e l’accompagnamento presso le Case circondariali di Chieti e Lanciano a disposizione dell’A.G. L’attenzione al problema droghe resta alta. Il fenomeno del consumo di droghe è diventato veramente critico, in quanto anonimo, diffuso, pericolosissimo. In tale contesto appare necessaria e fondamentale la continua prevenzione.

20 ottobre 2011 0

Aiutami che t’aiuto, i progetti di Anpana a Fiuggi per il randagismo

Di redazione

La neonata delegazione di Fiuggi, attivissima, ha già ottenuto ottimi risultati, instaurando relazioni con vari Enti coinvolti nella protezione animali. Numerosa e fattiva la squadra di Carmen, Silvia e Cristian che con “AIUTAMI CHE T’AIUTO”, intendono finanziare le attività di recupero, cura ed adozione dei cani randagi. Il titolo della campagna mette l’accento sui risvolti positivi dell’ adozione di un randagio che aiuta in primis chi lo adotta, dando amore ed allegria, ed in ultimo ma non per ultimo, il Comune dove è stato trovato. Dai proventi delle offerte per le magliette creata per la promozione, i volontari di Fiuggi troveranno nuova spinta per le loro attività. La delegazione ha anche un gruppo FB già esistente: http://www.facebook.com/groups/amici.delcane/ Già pronti per l’adozione ci sono due cuccioli, vaccinati e con la sterilizzazione pagata.