Giorno: 23 ottobre 2011

23 ottobre 2011 0

Fini su alleanze future con Berlusconi: “No, sono una persona seria”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Sono una persona seria”, così Gianfranco Fini ha spiegato il perché non si alleerebbe più con Berlusconi rispondendo ad una domanda di Fabio Fazio al programma Che Tempo che fa. La politica è una cosa seria. Io gli ho contestato alcuni errori madornali, lui mi ha detto che non era vero, quindi ognuno resta sulle proprie posizioni” A proposito del Pdl lo stesso presidente della Camera ha detto, dopo Berlusconi il Pdl continuerà ad esistere, anche se lui continua a pensare di no. A proposito della crisi, Fini sostiene che il baratro di cui tanto si parla, possa essere “la recessione, che significa perdita di posti di lavoro e scontri sociali, maq non credo al catastrofismo della fallimento degli Stati e della fine dell’Euro. Piuttosto mi chiedo il terzo grande paese come l’Italia sia fuori dalla porta ad aspettare che Sarkozy e Merkel si mettano d’accordo. La credibilità dell’Italia è sotto zero”. A proposito della durata del Governo non esclude che possa arrivare al 2013 “E’ fermo, quindi non rischia di inciampare”. Quando si parla di accordi con il Terzo Polo si dice di accordi con Casini e non con Fini o Rutelli. “E’ una semplificazione, non sono geloso”. Er. Amedei

23 ottobre 2011 0

Polemiche sulla Tarsu ad Aquino, il sindaco replica

Di redazione

Il sindaco di Aquino interviene sulla questione Tarsu e in un comunicato stampa che riceviamo e pubblchiamo scrive: “Qualora sarà accertato che l’entrata tarsu(tariffa sui rifiuti) sarà superiore a quanto previsto dalla legge, il comune di Aquino non avrà difficoltà a provvedere ad un aventuale rimborso”. Queste parole sono state da me pronunciate nel corso della discussione per l’approvazione del bilancio l’8 agosto scorso, e naturalmente il concetto non è cambiato adesso, anche se si va sempre soffiando sul fuoco come viene continuamente fatto su questo delicato argomento, come su altri, per far credere ai cittadini chissà cosa. E’ evidente che sarà così, perchè la legge non prevede da parte dei cittadini un’entrata superiore alla spesa. Ma quando si urla “…restituite i soldi della tarsu”, non si può che rispondere….” ma quale rimborso se ancora non è entrato niente del ruolo 2.011 dato che le cartelle per il pagamento stanno arrivando in questi giorni, e quindi come si fa a restituire qualcosa che non è ancora entrato, e si cerca di confondere in tutti i modi la testa della gente?” Come si fa eventualmente a restituire qualcosa dei ruoli suppletivi, cioè quelli degli ultimi cinque anni che si sono fatti secondo i dettami della legge che obbliga non il Sindaco, ma gli uffici preposti a recapitarli, come si fa appunto a restituire qualcosa se i primi pagamenti di questo ruolo suppletivo stanno appena cominciando a pervenire? E’ assolutamente normale che se dovesse entrare qualcosa in più rispetto a quanto si è speso, il Comune provvederà, perchè queste entrate non possono essere usate per una spesa diversa da quella prevista per i rifiuti Ma questo potrà essere stabilito soltanto a consuntivo, cioè quando sarà stato accertato quanto speso per questo servizio, perchè non sempre, anzi poche volte la spesa è identica a quanto previsto all’atto della formazione del bilancio, perchè la spesa non è mai uguale a quella dell’anno precedente. Lo stesso dicasi per il ruolo aggiuntivo degli anni scorsi; solo quando questi soldi saranno entrati effettivamente si potrà stabilire se risultano di più o di meno rispetto a quanto si è speso, e questo non potrà che avvenire successivamente, non certo ora che non è ancora entrata che una parte della somma prevista rispetto alle bollette recapitate. Perciò la dovremmo smettere di far sempre e comunque ficcare nella testa della gente queste convinzioni che non corrispondono alla realtà, operazione che si fa solo perchè si è all’opposizione, e certo questo si può facilmente ritorcere anche contro chi queste cose non solo le diffonde, ma le usa per aizzare i cittadini. In ogni caso ci tengo a ribadire quello che ho detto all’inizio e che non sarebbe il caso nemmeno di ripetere, tanto è ovvia la cosa: nemmeno un centesimo incassato per la tarsu sarà speso per qualcosa di diverso da questo servizio; se risulterà incassata qualcosa in più di quanto speso, questo qualcosa in più sarà restituito, ma prima si dovrà verificare, perchè potrebbe risultare pure che l’incasso sia inferiore, e in questo caso questo costituirebbe un ulteriore problema per il comune, e di certo il comune non se la starà a inventare una entrata più bassa, o una spesa più alta”. Antonino Grincia Sindaco di Aquino

23 ottobre 2011 0

Terremoto in Turchia, centinaia di morti, crollati almeno 40 edifici tra cui un ospedale

Di redazione

Sono ancora imprecisati i dati del disastro causato dal terremoto che ha colpito oggi alle 13.41 locali (le 12:41 italiane), la Turchia. Si parla di centinai di korti in un numero compreso tra i 500 e i mille nella città di Ercis nella provincia orientale di Van. Centinaia sarebbero ancora intrappolati sotto le macerie dei palazzi crollati. Circa dieci strutture sarebbero crollate a Van mentre a Ercis sono almeno trenta i palazzi venuti giù. A Van, tra i palazzi crollati ci sarebbe anche la Casa dello studente. Inevitabile i ricordi con le tristi e drammatiche vicende aquilane. Cinquanta sarebbero i morti nell’ospedale di Van. Intanto si continua a scavare con le mani alla ricerca di sopravvissuti. Er. Amedei

23 ottobre 2011 0

Minaccia la convivente con una pistola, denunciato noto medico di Giulianova

Di redazione

Aveva subito pressanti ed insistenti minacce dal suo convivente fino a quando ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri della compagnia di Giulianova. Vittima delle pressioni dell’uomo, noto medico, era una donna del posto la quale ha riferito ai militari che le minacce avvenivano spesso presa di mira da una pistola. Immediato l’intervento dei carabinieri presso la loro abitazione ma del medico nessuna traccia, si procedeva ad accurata perquisizione proprio alla ricerca di eventuali armi e, ben occultata in un vano caldaia, i carabinieri hanno trovato una pistola calibro 7,65 di fabbricazione ex-yugoslavia completa di caricatore e perfettamente funzionante, immediatamente sequestrata. Completate la perquisizione si dava corso alle ricerche del dottore, questi si presentava qualche ora dopo presso la Caserma di Giulianova, venendo denunciato a piede libero sia per le minacce che per il possesso illegale dell’arma da fuoco. L’arma sarà inviata ai laboratori del R.I.S di Roma per verificare se sia stata utilizzata per azioni di fuoco. La vicenda è inquietante perché solleva non poche preoccupazioni ed interrogativi: da dove proviene l’arma realmente? Quali i canali di approvvigionamento? Perché detenere un’arma in casa illegalmente? Tutti interrogativi a cui i carabinieri nei prossimi giorni dovranno risolvere.

23 ottobre 2011 0

Ladri di motorini in centro a Termoli, 2 arresti e una denuncia

Di redazione

Erano da poco trascorse le 5.00 di oggi quando una pattuglia del Nucleo operativo e radimobile del Comando Compagnia Carabinieri di Termoli, mentre era intenta ad effettuare un controllo alla circolazione stradale lungo la S.S. 16, lato sud, ha visto sfrecciare ad elevata velocità un’autovettura Smart “forfour” con il portellone posteriore aperto e con all’interno del bagagliaio un ciclomotore. Gli operanti, alla luce di quanto notato, salivano prontamente sull’autoradio e partivano all’inseguimento del mezzo sospetto al fine di verificare quel singolare modo di marciare e raggiunto il veicolo, riuscivano dopo varie intimazioni effettuate con i dispositivi di emergenza ad arrestarne la marcia. A bordo venivano identificati P.M.G. 27enne da Lucera (FG), D.G. 44enne da Lucera (FG) e A.P. 26 enne da Torremaggiore (FG), le cui dichiarazioni fornite in ordine al possesso del ciclomotore apparivano da subito contraddittorie e, pertanto, poco veritiere. A seguito degli accertamenti svolti si appurava che il ciclomotore, che peraltro presentava il sistema del bloccasterzo forzato, era stato poco prima asportato in Termoli lungo via Maratona. Al termine degli accertamenti di rito il P.M.G. e D.G., operai, censurati, venivano tratti in arresto per il furto aggravato in concorso, mentre l’A.P., operaio, incensurato, veniva denunciato in stato di libertà per il medesimo reato. Inoltre a carico degli stessi é stata redatta proposta per l’emissione di F.V.O. mentre il ciclomotore è stato restituito al legittimo proprietario.

23 ottobre 2011 6

Morto Marco Simoncelli, il ricordo del suo amico Valentino Rossi

Di redazionecassino1

Profondo sgomento ha destato in tutti gli sportivi e negli italiani la morte di Marco Simoncelli, in tutti coloro che correvano con lui dietro al teleschermo, ma più di tutti fra coloro che dividevano con lui le emozioni delle gare, delle vittorie, le amarezze delle sconfitte. I suoi compagni di avventura sulle piste di tutto il mondo, compresa quella tragica di Sepang il ricordo di un grande campione che ci ha lasciato oggi è affidato al suo amico di sempre al campione, a “The Doctor”, Valentino Rossi.

“Ho deciso che ti ricorderò con un sorriso, con quel sorriso che avevi sempre. Ti ricorderò con quell’esclamazione che ho avuto oggi quando ti ho visto prima di partire con quel coso giallo in testa e gli occhiali da sole, ho detto “minchia sic, fortuna che sei simpatico, perchè sei proprio brutto”.

Ti ricorderò come quello che a Monza, quando ti ho visto è sceso dalla macchina ha tolto il casco e incazzato come una iena se n’è andato a piedi dopo aver perso.  Ti ricorderò come “quel bastardo di Sic” che stava diventando un mostro.

Ti ricorderò come l’amico pazzo di Vale, quello del primo mondiale 125 cc, quello che a inizio stagione lo volevano mettere nei casini perchè “era violento”.

 TI RICORDERO’ COME IL CAMPIONE CHE SEI SEMPRE STATO.

SEI UN GRANDE E TI PORTERO’ PER SEMPRE NEL MIO CUORE.

 RIP♥

 Vale.

23 ottobre 2011 0

Malviventi inseguiti e arrestati dalle… “auto blu”

Di redazione

Inseguiti dalle auto di scorta della Camera dei Deputati. Si tratta di un gruppo di 5 stranieri che, a bordo di una Mercedes Classe C, in transito sull’A1 in direzione nord nei pressi del casello di San Vittore del Lazio, hanno sorpassato a destra ad altissima velocità le due vetture di scorta che in quel momento non avevano autorità a bordo. I militari a bordo hanno inseguito il mezzo invitandolo a fermare ma invano. La Mercedes ha tentato di seminare le auto blu fino al casello di Pontecorvo dove è uscita forzando anche il posto di controllo dei carabinieri. E’ nato quindi un inseguimento terminato nel centro abitato di Pontecorvo, in Piazza Santa Maria di Porta dove i cinque hanno abbandonato il mezzo tentando di sottrarsi al controllo dei militari che riuscivano, comunque, a bloccarli ad eccezione di uno che riusciva ad allontanarsi a piedi. Le immediate ricerche consentivano a personale della predetta Stazione di sorprendere quest’ultimo dopo circa un’ora in quella Via Porta Leone, mentre tentava di nascondersi dietro le autovetture ivi parcheggiate. I successivi accertamenti permettevano al personale operante di verificare che l’autovettura utilizzata dai malviventi riportava il numero di telaio contraffatto ed appartenente ad altro veicolo risultato provento di furto avvenuto in Cassino nel luglio 2011. Per questo, M.A. 25 anni; M.S. 19 anni; J.F. 18 anni e J.Z., classe 27 anni di origine serba e R.A.D., 22 anni rumena, tutti domiciliati presso il Campo Nomadi di Napoli Secondigliano sono stati arrestati nella flagranza di reato per “riciclaggio e resistenza a pubblico ufficiale”. Sul posto, al fine di accertarsi personalmente della situazione, si recavano il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Col. Antonio Menga e il Questore di Frosinone, Dott. De Matteis.

23 ottobre 2011 0

Forte scossa di terremoto in Turchia

Di admin

Un forte terremoto di magnitudo 7.3 è stato registrato alle ore 12.41 italiane in Turchia vicino il confine con l’Iran nella provincia di Van. L’agenzia di stampa turca Anatolia riferisce di molti molte case crollate. Non è chiaro se la magnitudo sia pari a 6.6 della scala Richter, ma l’intensità della scossa registrata dall’Istituto geologico americano è pari a 7.3. Al momento sono in corso verifiche per stabilire l’entità dei danni e eventuali vittime.

23 ottobre 2011 0

Omicidio suicidio a Vasto, finaziere uccide la moglie e poi si toglie la vita con pistola d’ordinanza

Di redazione

Secondo omicidio in una settimana a Vasto. Ieri un finanziere che prestava servizio in provincia di Foggia che abitava in una villetta a schiera in un condominio alla Marina. L’uomo ha sparato alla moglie per poi rivolgere la stessa arma contro se stesso uccidendosi. Entrambi i corpi sono stati scoperti ieri pomeriggio ma la tragedia si sarebbe consumata il giorno prima. Quando i parenti hanno bussato alla porta senza avere risposte, hanno chiamato i vigili del fuoco che hanno aperto la porta trovando i corpi esanimi di Nicola Desiati e Mirella La Palombara, rispettivamente di 47 e 43 anni. La moglie è stata raggiunta da 12 colpi mentre il finanziere si è suicidato con un solo colpo al cuore. L’arma utilizzata è stata la pistola d’ordinanza.

23 ottobre 2011 0

Fiamme nel garage a Ferentino, distrutti utensili per falegnameria

Di redazione

Incendio, questa mattina, in via Consolare a Ferentino. Erano le sette quando un incendio in un garage è stato segnalato ai vigili del fuoco di Frosinone. Le fiamme, probabilmente sprigionate da un corto circuito, hanno distrutto tutto il contenuto del locale. Si tratta di utensili per piccoli lavori di falegnameria. Altro materiale legnoso ha contribuito ad alimentare il rogo. Er. Amedei