Giorno: 30 ottobre 2011

30 ottobre 2011 0

Vuol donare il sangue ma è lesbica e il medico le dice di no

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un rapporto sentimentale a rischio e una omosessuale di Roma non ha potuto donare il sangue. E’ accaduto all’Umberto Primo di Roma nel reparto trasfusionale dove una 39enne, ieri, si è presentata per donare il sangue. Lo stop è arrivato quando il personale ha capito che la donna è omosessuale e che da quattro mesi vive con una compagna. Secondo una giustificazione che le sarebbe stata data, i rapporti omosessuali sono a rischio di malattie veneree. Lei non c’è stata e ha minacciato di rivolgersi ad un legale menmtre dall’ospedale fanno sapere che spetta al medico e alla sua coscienza stabilire se il donatore o la donatrice nella situazione di poter donare il sangue.

30 ottobre 2011 0

Aquino festeggia anche al cimitero i 150 anni di Unità d’Italia

Di redazione

Un primo novembre diverso ad Aquino rispetto agli altri anni. Quest’anno infatti, la ricorrenza del ricordo dei defunti, sarà all’insegna della patria, per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia. “Vogliamo ricordare questo evento fondamentale per la storia italiana, insieme a quelli che non ci sono più, e che hanno contribuito così tanto anche loro, alla costruzione della Patria grande che è l’Italia, e di quella più piccola ma anche più sentita, che è la patria locale, che è la nostra città. Per questo inaugureremo all’interno del cimitero, due pennoni, e ci sarà l’alzabandiera, sia con la bandiera italiana, sia con quella di Aquino. Io credo che anche i cimiteri civili, in cui riposano i cittadini che non ci sono più, debbano avare il simbolo delle due patrie, e non solo i cimiteri militari”. Questa è la motivazione che il sindaco di Aquino Antonino Grincia, ha dato per spiegare l’iniziativa del primo novembre. Nel pomeriggio di quel giorno infatti, saranno inaugurati due pennoni di fianco alla chiesa del cimitero, uno appunto con la bandiera dell’Italia, uno con quella con lo stemma di Aquino. La cerimonia sarà accompagnata anche dalla fanfara dei bersaglieri “Enrico Toti” di Cassino, che terrà un concerto di musiche patriottiche proprio all’interno del cimitero aquinate, e sarà questa la prima volta che si ascolterà della musica in questo luogo consacrato dalla presenza di migliaia di aquinati scomparsi. La cerimonia inizierà con una processione che si avvierà alle 15 dalla chiesa cattedrale verso il cimitero; lì dopo l’omaggio ai defunti con la deposizione di una corona di fiori da parte dell’amministrazione comunale, sarà celebrata la messa dal parroco don Mario Milanese. Dopo la messa ci sarà l’alzabandiera e il concerto della fanfara dei bersaglieri.

30 ottobre 2011 0

Tarsu e dati catastali, caos a Ferentino. Interviene “Unità e Solidarietà per la Città”

Di redazione

Cittadini nel pallone a causa degli avvisi di pagamento, talvolta di accertamento, più stampati vari da compilare. In questi giorni la cittadinanza è alle prese con la Tarsu (nettezza urbana) e con la connessa dichiarazione relativa ai dati catastali degli immobili. Che caos! A tutela dei cittadini smarriti, è scesa in campo la locale associazione “Unità e Solidarietà per la Città”, nella persona del presidente Gianni Bernardini che pone all’attenzione delle autorità e dell’opinione pubblica quanto segue. “In questi giorni – ha spiegato in una nota Bernardini – i cittadini di Ferentino proprietari o affittuari di immobili, stanno ricevendo gli avvisi di pagamento della Tarsu da parte della società “Tre Esse Italia”, concessionaria della riscossione. Nel retro della cartella di pagamento si invitano i destinatari a compilare e a consegnare una dichiarazione dei dati catastali da scaricare dal sito internet della stessa concessionaria, entro il 15/12/2011, sotto pena di applicazione della sanzione amministrativa che va da 258,23 a 2.065,82 euro”. Per il presidente Bernardini però c’è qualcosa che non quadra, per cui sta analizzando a fondo la questione. Ha annunciato il responsabile di “Unità e Solidarietà per la Città”: “l’avviso con il quale si richiedono i dati catastali degli immobili oggetto dell’applicazione della tariffa di igiene ambientale, contengono plurime forme di illegalità che suscitano forte indignazione, per la sconcertante disinvoltura con la quale viene trattata una materia sottoposta per dettato costituzionale a riserva assoluta di legge, tanto da far sorgere il sospetto che non si tratti semplicemente di una fortuita serie di errori. Per risolvere l’incresciosa situazione, prima che si creino ulteriori danni ai cittadini, appare quanto mai opportuno l’immediato ripensamento da parte del Comune e del concessionario, riguardo a un’iniziativa che, per la sua grossolana esplicitazione a danno dei cittadini, suscita forti perplessità anche in ordine alla buona fede di chi ne è stato l’artefice. Inoltre — continua la nota — è da considerarsi arbitrario il termine perentorio del 15 dicembre 2011, entro cui i contribuenti sarebbero tenuti ad inviare i dati richiesti”. Il monito di “Unità e Solidarietà per la Città” rivolto al Comune e al concessionario, è perentorio. Intanto si dicono tormentati i ferentinati in confusione tra censimento e Tarsu. Aldo Affinati

30 ottobre 2011 0

Terremoto, una scossa di magnitudo 3.6 in provincia de L’Aquila

Di redazione

Una scossa sismica è stata avvertita nel pomeriggio dalla popolazione in provincia de L’Aquila. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Tornimparte, Lucoli e Scoppito. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 15,40 con magnitudo 3.6. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

30 ottobre 2011 0

Violenza sui bambini, in India 5 mila casi di stupro e oltre 10 mila quelli rapiti

Di redazione

Dati raccapriccianti quelli che arrivano dall’India e che disegnano uno spaccato sulla situazione infantile che fa spavento. Dati che, è vero, si diluiscono in una popolazione immensa, 5.480 bambine violentate nel corso del 2010 è un dato comunque da enorme allarme sociale. E’ quanto emerge da un rapporto sulla criminalità del “continente” indiano che concentra buon parte di quel numero in uno stato centro settentrionale del Madhya Pradesh che da solo fa contare circa 1200 casi. Ma c’è anche un altro caso che allarma, quello dei bambini scomparsi che, nello scorso anno sono stati ben 10.670.

30 ottobre 2011 0

A Lanciano si sviluppa il turismo giudiziario grazie ai truffatori on line

Di redazione

Un “turismo” giudiziario si sta sviluppando a Lanciano grazie ad una serie di truffe messe a segno da alcuni noti “furbi” frentani. Sono decine e decine le truffe, in larga parte su e-bay, oggetto del processo nel palazzo di giustizia lancianese. Un folto gruppo di truffatori locali, si sono specializzati nel mercato on line e devono essere particolarmente bravi se a finire nella loro rete sono persone di Roma, Pordenone, Potenza, Palermo. Ogni regione italiana è rappresentata da vittime che devono comparire come parti lese nei processi che la magistratura di via Fiume sta trattando da diverso tempo. I nomi dei truffatori sono quasi sempre gli stessi, tre o quattro che però hanno collezionato una lunga lista di vittime. Il sistema è sempre lo stesso, mettere in vendita qualcosa, spesso macchine fotografiche o computer, ottenere il pagamento con un bonifico ma non spedire nulla a chi lo ha effettuato. A giovedì risale l’ultimo caso trattato dai giudici frentani, quello che vedeva alla sbarra Luciano Bisbano, 50 anni, che aveva venduto su e-bay una macchina fotografica Reflex ad un uomo di Pordenone, incassando 711 euro. L’acquirente, lo stesso che giovedì era in tribunale, quella macchina non l’aveva mai vista. Il processo è terminato con una estinzione del reato perché l’imputato, nel frattempo era deceduto. Ma è l’8 novembre che si ammasserà sulla scrivania del giudice una pila di fascicoli altissima composta da 13 procedimenti accorpati e tutti a carico di Marco Altobelli, 58 anni di Santa Maria Imbaro. Un computer Acer venduto a più persone a un prezzo di circa 564 euro. La formula giuridica che ne definisce l’attività, e quindi l’accusa, è “Con raggiri e artifizi metteva in vendita merce su e-bay”. Anche in questo caso, le vittime, di tutta Italia, dovranno comparire per raccontare i termini della truffa. Ci si chiede, per quelli che hanno denunciato, quanti, invece, si sono presi la “fregatura” e hanno lasciato passare per evitare di dover fare chilometri per raggiungere Lanciano?

30 ottobre 2011 0

Inchiasta Nas sull’ospedale di Pontecorvo, la procura chiude le indagini e chiede processo per 15 indagati

Di redazione

Chiusura delle indagini e richiesta di rinvio a giudizio della procura di Cassino per i 15 indagati coinvolti nella vicenda dell’ospedale di Pontecorvo dove, alcuni mesi fa, i Nas di Latina, avrebbero scoperto elementi per i quali 14medici sono stati indagati per concussione e peculato. Un altro indagato, sarebbe un militare accusato, invece, di favoreggiamento coinvolto perché, a quanto pare, i medici intercettati, nel corso delle telefonate, si vantavano tra loro di poter eludere i controlli grazie alla sua conoscenza. Una vicenda complessa per la quale, i legali degli indagati hanno 20 giorni di tempo per presentare un memoriale difensivo.

30 ottobre 2011 0

Vittima di auto pirata, donna di 48 anni muore dopo tre giorni di agonia

Di redazione

Da lesioni personali gravissime a omicidio colposo aggravato dalla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e dall’omissione di soccorso. Così cambiano le cose per il 24enne di Fiuggi arrestato mercoledì dopo aver investito due donne rumene ad Alatri sulla strada Regionale per Fiuggi, riducendone in fin di vita una di 48 anni. Trasferita d’urgenza a Roma, la donna è deceduta venerdì sera dopo alcuni giorni di agonia. I carabinieri di Altri, ritrovarono la vettura, una Alfa Coupé parcheggiata in centro a Alatri, mentre il giovane è stato rintracciato in un cantiere edile a Boville Ernica.

30 ottobre 2011 0

Genitori a tutti i costi, moglie e marito di Cervaro condannati a 10 anni ciancuno in Romania

Di redazione

Dieci anni di reclusione per Garnero Sandra Candelaria 45 anni e altrettanti per il marito Giovanni Sparagna 57 anni di Cervaro. I coniugi vennero arrestati in Romania perché tentarono con uno stratagemma di adottare illegalmente un bambino rumeno figlio della loro domestica. I due con l’accordo della ragazza madre falsificarono il documento di riconoscimento della giovane in modo da far risultare che il bimbo fosse figlio di Garnero Sandra Candelaria. Un medico però si insospettì e avvisò le forze dell’ordine rumene e scoprirono il trucco e arrestarono la coppia italiana poco prima che lasciasse il paese con il piccolo. I due, tra l’altro, erano anche sospettati dalla magistratura rumena di essere componenti di una organizzazione internazionale dedita alla compravendita di bambini. Il loro avvocato, però, è riuscito ad evitare una condanna a 20 anni, tanto prevedeva il traffico internazionale di minori, ma nulla ha potuto per i reati di alterazione di identità falsificazione di documenti, sottrazione di minore e espatrio clandestino di minore. In tutto, dieci anni di carcere ciascuno. Stessa pena anche per la loro domestica, madre naturale della bimba. Adesso, i due sono in Italia e il loro lkegale sta preparando l’appello alla sentenza di primo grado ma non è escluso che la Romania possa chiedere l’estradizione. Er. Amedei

30 ottobre 2011 0

Fiamme nella fabbrica di combustibile per cementifici. Cinque squadre di pompieri a Elice

Di redazione

E’ andata completamente distrutta, questa notte, una fabbrica che produceva olio combustibile per cementifici a Elice (Pe). Dalle due di questa notte le fiamme si sono alzate e ancora adesso continuano a bruciare il combustibile. Ben cinque squadre di vigili del fuoco sono impegnate nelle operazioni di spegnimento. I pompieri sono arrivati anche da Teramo e da Chieti. Al momento la situazione è sotto controllo, nessuno è rimasto ferito anche perché il sito produttivo era chiuso e avrebbe dovuto riprendere la produzione. Er. Amedei