Mercato degli ambulanti di Ortona, la Confcommercio: “Operazione scellerata”

22 ottobre 2011 0 Di redazione

“Non piace la nuova predisposizione delle bancarelle del mercato settimanale riproposta dal comune di Ortona”. E’ quanto si legge in una nota redatta dall’ufficio stampa della Confcommercio di Chieti. “La Confcommercio critica aspramente la scelta di ridefinire gli spazi per gli ambulanti i cui stalli su corso Vittorio Emanuele passano da 8 metri per 5 a 6 metri per 4. Un’operazione di riordino che Confcommercio definisce “scellerata” dal momento “che non prende in minima considerazione le sorti degli ambulanti e che riduce del 50% la capacità espositiva e di vendita di questi importanti operatori del commercio proprio nel momento più delicato per l’economia del settore”. Sono 34 gli ambulanti di corso Vittorio Emanuele penalizzati dal provvedimento comunale che ha visto la sua prima applicazione ufficiale giovedì scorso. La giornata di mercato si è trasformata in una serie di multe da parte della Polizia Municipale e contestazioni da parte dei commercianti coinvolti.
“L’amministrazione Fratino ha dimostrato ancora una volta arroganza e prepotenza nel prendere delle decisioni che dovrebbero essere invece condivise da tutti gli operatori del settore e dalle associazioni di categoria – critica il presidente del sodalizio Angelo Allegrino – in un periodo di crisi economica molto delicato come quello che sta vivendo il settore del commercio, il comune di Ortona decide di penalizzare fortemente una parte di commercianti sulla base di decisioni non ben definite e di favorirne invece un’altra”.
La ridefinizione delle misure degli stalli di corso Vittorio Emanuele comporta per Confcommercio un grave danno agli ambulanti che vi sono dislocati. I commercianti sono inferociti tanto da aver annunciato nelle prossime settimane proteste anche eclatanti. La superficie espositiva passa infatti da 40 metri quadri a venti, esattamente la metà. “Se il Comune doveva risolvere il problema della viabilità e della circolazione dei mezzi di soccorso – sottolinea ancora Allegrino – allora sarebbe bastato ridurre solo la profondità della parte espositiva, così come era stato da noi proposto. In questo modo si sarebbe data una efficace risposta alle legittime esigenze di circolazione senza penalizzare inutilmente i commercianti”.
Confcommercio, che ricorda all’amministrazione Fratino di aver già fornito una propria documentazione sulla valutazione del progetto di dimensionamento del mercato rionale senza che questa sia mai stata presa in considerazione, propone che gli stalli vengano ridotti da 8 metri per 5 ad 8 metri per 4, in modo da salvaguardare le esigenze di tutti senza incidere in maniera troppo drastica e penalizzante per gli operatori che svolgono la propria attività su aree pubbliche.
L’associazione torna a chiedere inoltre le dimissioni dell’assessore al commercio di Ortona Rocco Ranalli già reclamate a gran voce dai commercianti e dalla stessa Confcommercio nei mesi scorsi. “L’operato dell’assessore Ranalli – conclude il presidente Allegrino – si è rivelato nefasto per il commercio che non solo non è stato minimamente rivitalizzato, ma che anzi ha subito un grave danno, sia di immagine che di ritorno economico”.